Crea sito
Daniwella Felicità e passione in cucina

RICETTE DELLE FESTE

Torta Fragole e Panna Montata – Preparatevi a Ricevere gli Applausi

Torta Fragole e Panna Montata – Preparatevi a Ricevere gli Applausi

La torta fragole e panna è un dolce buonissimo, semplice e delicato. Fatto con una base di Pan di Spagna, una bagna a base di succo ricavato dalle fragole e limone, riempita con una crema molto delicata fatta con uova intere e decorata con panna montata e fragole fresche. La torta fragole e panna è il dolce ideale da preparare per la domenica, per festeggiare il compleanno, per tutte le occasioni di festa. La torta fragole e panna è la mia proposta per festeggiare la festa della mamma in questo 2020, anno che tutti noi ricorderemo per sempre. Preparate il Pan di spagna qualche giorno prima in modo che si asciughi e risulti perfetto al taglio e riempite la torta il giorno prima. Completate la decorazione il mattino seguente.Decorazione semplice ma d’effetto a prova di applausi. Se vi è piaciuta la ricetta usate il bottoncino dell’icona di Facebook e di Twitter che si trovano sopra ⇑ sotto al titolo della ricetta e condividetela sul vostro profilo. Un grazie a chi lo farà. Leggete l’articolo fino alla fine dove troverete i miei consigli e i trucchetti per realizzare questa e tutte le mie altre ricette a regola d’arte. Se ti è piaciuto questo articolo condividilo sui social, grazie !!!

DIARIO DI BORDO

Lasciatemi esprimere questo mio particolare pensiero su questi 2 mesi di quarantena forzata. Mi sono capitati davanti molti post di persone che compivano gli anni, ma il denominatore comune è stata la frase “compleanno anomalo” o “mai avrei pensato di festeggiare in quarantena, rinchiuso in casa”. Io invece penso che il fatto di essere vivi e riuscire comunque a festeggiare il proprio compleanno ricevendo comunque gli auguri da amici, parenti, vicini di casa … sia stato ed è ancora un’occasione speciale. Coronavirus a parte, le cose non cambiano, gli auguri si ricevono, la presenza delle persone che ci amano si è fatta sentire lo stesso, ed aver aperto gli occhi quella mattina e dire a se stessi “sono vivo, oggi è il mio compleanno” è un evento ancora più prezioso da non sottovalutare ma da tenere in grande considerazione, questo è anche un bel regalo dalla vita e da Dio. Tante riflessioni personali, tanti bei pensieri positivi e andiamo avanti. La vita continua e più che mai questo 2020 ci ha fatto capire sulla nostra pelle quanto la vita di ognuno si preziosa. Miliardi di persone, ognuna con i suoi problemi pochi o tanti che siano, tanti con la paura di morire per colpa di questo virus ma tutti con la voglia e il desiderio di vivere. Il mio pensiero va a tutti coloro che non ci sono più e ai loro familiari e a tutti quelli che lavorano nel servizio sanitario per il bene comune, i grandi eroi di questo 2020. Buona festa della mamma a tutti voi. Festeggiate felici la donna che vi ha messo al mondo e ringraziatela con questa torta meravigliosa.

CHE LA VITA TRIONFI SEMPRE.

 

 

Dose: 15/20 porzioni
Tempo di preparazione:  1 ora

Ingredienti

1 dose di base di Pan di Spagna –>> clicca qui

1 dose di crema con le uova intere –>> clicca qui

1 kg g di fragole fresche
1 litro di panna fresca da montare
3 cucchiai di zucchero semolato
50 g di zucchero a velo
succo di mezzo limone
1 bicchiere d’acqua per allungare la bagna
1 bicchierino di liquore limoncello (facoltativo)

 

La ricetta passo passo

Preparate il Pan di Spagna come da ricetta e fatelo raffreddare completamente.

Preparate la crema con le uova intere come da ricetta e fatela raffreddare.

Lavate le fragole e togliete il picciolo, tenetene da parte 7/8 intere per la decorazione finale e tagliate a pezzetti 500 g di fragole,  mettetele a cuocere per 5 minuti (non di più) con il succo del limone e 3 cucchiai di zucchero. Scolate le fragole e raccogliete il liquido in una ciotola. Allungate con un bicchiere d’acqua fate raffreddare la bagna. Aggiungete il bicchierino di limoncello se volete ottenere la bagna alcolica. Altrimenti omettetelo.

Montate 200 g di panna presa dal totale con 1 cucchiaino di zucchero a velo. Aggiungetene 4 cucchiai alla crema. Mescolate e avrete ottenuto una crema diplomatica. Chiudete la panna che avanza in un contenitore e mettete in frigorifero.

Tagliate in tre dischi orizzontali il Pan di Spagna e mettete il primo su un piatto da portata.

Bagnate il primo disco con la bagna e versate sopra qualche cucchiaio di crema.

 

Con l’aiuto di una spatola distribuite la crema. Versate sopra un pochino di fragole. Sia quelle che avete cotto sia le restanti fragole fresche che avete fatto a tocchetti.

Coprite con il secondo disco e ripetete l’operazione.

Coprite con il terzo  e ultimo disco, inumiditelo con la bagna rimasta, glassate i lati e la superficie con la crema avanzata. Mettete in frigorifero a riposare per una notte intera.

Il giorno dopo completate la torta con la decorazione finale. Montate la panna con lo zucchero a velo e aggiungete anche la panna rimasta dalla sera prima. Livellate la panna con una spatola. Decorate con le fragole intere e alcune a metà e completate con i ciuffetti di panna. Ponete la torta in frigorifero fino al momento di servire.

 

I miei consigli

La torta va sempre preparata in anticipo. Suddividete così i vari passaggi. Se dovete mangiare la torta la domenica per dessert di fine pasto, preparate il Pan di Spagna il giovedì. Fatelo raffreddare completamente e conservatelo chiuso sigillato nella carta tipo quella del pane o pellicola per alimenti. Preparate la crema il venerdì. Fatela raffreddare completamente e ponetela in frigorifero chiusa in un contenitore ermetico. Il tardo pomeriggio di sabato sera procedete con tutti gli step appena sopra elencati. Se la torta devono mangiarla anche i bambini o non gradite il liquore non mettetelo. Se invece vi piace potete usare oltre al limoncello, la vodka, il cognac, il rum bianco o il whishy.
Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

nfd

Frittelle di mais : tenere, dorate e golosissime – Ricetta veloce

FRITTELLE DI MAIS : TENERE, DORATE E GOLOSISSIME – RICETTA VELOCE

Diario di bordo
Un’idea davvero grandiosa per collocare il classico barattolino di mais in una pietanza diversa dalla classica insalata, farete un figurone se le offrite in occasione di feste, buffet e aperitivo perché sono sfiziose. Io le ho preparate lo scorso anno 2019 per festeggiare la festa della donna in famiglia, avevamo appreso da poco che mia cognata era incinta e abbiamo deciso che era meglio festeggiare rimanendo a casa. La cenetta è stata una meraviglia è la compagnia della famiglia altrettanto.

Le frittelle di mais sono un’antipasto goloso e super sfizioso ! Si tratta di frittelle a base di chicchi di mais già cotto del tipo che si trova in scatola che trovate in qualsiasi negozio di alimentari, realizzate con una pastella fatta di ingredienti semplici a base di uova, farina e latte che si prepara in 2 minuti e fatte riposare 10 minuti. Le frittelle di mais si formano con 1 cucchiaio prelevando un pochino di impasto e facendolo scivolare nell’olio caldo. Vi assicuro che queste frittelle sono irresistibili. Se realizzate questa ricetta ovviamente fatemi sapere com’é andata lasciandomi un commento sul blog. Leggete l’articolo fino alla fine dove troverete i miei consigli e i trucchetti per realizzare TUTTE LE MIE RICETTE a regola d’arte. Se ti è piaciuto questo articolo condividilo sui social, grazie !!! 

Prima di lasciarvi al passo passo vorrei chiedervi una facile collaborazione, aiutatemi a capire se questa ricetta vi è piaciuta, potete farlo mettendo un “mi piace” e lasciandomi un commento proprio qui sotto nel blog – dove trovate scritto “lascia un commento”, io vi risponderò nel più breve tempo possibile. Questo è il modo più veloce in cui io e voi entriamo in contatto ed è il modo principale di farmi capire se queste ricette vi stanno piacendo e se le trovate di facile esecuzione, quindi commentate, commentate e commentate qui sotto. Grazieeee Enjoy #daniwella   

la ricetta passo passo

consigli e varianti

 Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

Frittelle di mais : tenere, dorate e golosissime – Ricetta veloce

  Le frittelle di mais sono un’antipasto goloso e super sfizioso ! Si tratta di frittelle a base di chicchi di mais già cotto del tipo che si trova in scatola che trovate in qualsiasi negozio di alimentari, realizzate con una pastella fatta di ingredienti semplici a base di uova, farina e latte che si prepara in 2 minuti e fatte riposare 10 minuti. Le frittelle di mais si formano con 1 cucchiaio prelevando un pochino di impasto e facendolo scivolare nell’olio caldo. Vi assicuro che queste frittelle sono irresistibili. Se realizzate questa ricetta ovviamente fatemi sapere com’é andata lasciandomi un commento sul blog. Leggete l’articolo fino alla fine dove troverete i miei consigli e i trucchetti per realizzare TUTTE LE MIE RICETTE a regola d’arte. Se ti è piaciuto questo articolo condividilo sui social, grazie !!! DIARIO DI BORDO Un’idea davvero grandiosa per collocare il classico barattolino di mais in una pietanza diversa dalla classica insalata, farete un figurone se le offrite in occasione di feste, buffet e aperitivo perché sono sfiziose. Io le ho preparate lo scorso anno 2019 per festeggiare la festa della donna in famiglia, avevamo appreso da poco che mia cognata era incinta e abbiamo deciso che era meglio festeggiare rimanendo a casa. La cenetta è stata una meraviglia è la compagnia della famiglia altrettanto. Dose : per 12 frittelle Preparazione : 15 minuti Cottura : 15 minuti Tempo totale : 30 minuti

Ingredienti :

150 g di mais in scatola 50 g di farina 70 ml di latte 1 uovo di grandezza medio-grande 25 g di formaggio grattugiato sale q.b. pepe nero in polvere q.b. qualche foglia di basilico olio di semi per friggere q.b.

 

LA RICETTA PASSO PASSO

Sbattete l’uovo in una ciotola, aggiungete la farina, il latte, il formaggio grattugiato e amalgamate fino a formare una pastella liscia. Scolate il mais e aggiungerlo alla pastella insieme al prezzemolo tritato al coltello, il sale e il pepe. Lasciate riposare un quarto d’ora in frigo.   Fate scaldare l’olio in padella e versate il composto a cucchiaiate.   Friggete un paio di minuti per lato poche frittelle alla volta.   Poggiatele su un foglio di carta assorbente per scolare l’olio in eccesso. Ecco come risulta l’interno dopo l’assaggio. Ecco le frittelle pronte per essere servite.   I MIEI CONSIGLI Usate poco olio per friggere ( io ne ho usato troppo e non serve) Potete accompagnare le frittelle con dell’insalata verde. Potete servirle con dello yogurt greco condito con un pochino di olio, prezzemolo, aceto di mele, aglio schiacciato e paprika dolce. Offrite queste frittelle anche per i vostri aperitivi o buffet delle feste, che siano compleanno, anniversari, cene importanti servite insieme ad un calice di spumante ghiacciato faranno un figurone. Raddoppiate le dosi se dovete offrirle a più persone. La ricetta è tratta dal libro I menù di Misya.  

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.

Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui.  Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

     

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui.  Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

 

Cupcake mimosa – Ricetta Facilissima

Cupcake mimosa

Diario di bordo
Avevo sempre sottovalutato i cupcake, ma con l’apertura del mio blog di ricette ho affrontato tante sfide culinarie e il risultato finale è una soddisfazione profonda, superare i miei limiti e riuscire a realizzare un dolce o una pietanza che sembra difficile, mi rende felice perché è così che mi sento quando cucino. E la riuscita di questi magnifici dolcetti mi rende soddisfatta pienamente. I cupcakes mimosa sono un miscuglio di 3 dolci che sono i cupcake, i muffin, e la torta mimosa. Qui a Pescara, nei negozi di pasticceria potete trovare sia la torta Mimosa classica, sia le Mimosette, dolcetti più piccoli a forma di cupola completamente ricoperti di panna e di briciole di Pan di Spagna. Ma vi assicuro, che questi cupcake li sostituiscono degnamente. La ricetta di base è tratta da un piccolo libricino che comprai anni fa che riportava ricette diverse di cupcake e muffin, ma il ripieno e la copertura è un’idea mia. Io ho solo portato a 2 cucchiai la dose di latte, perché nel libro era scritto solo 1 cucchiaio. Ora vi lascio alla ricetta. Come sempre, il colore giallo, la fa da padrona.

Un cupcake è una mini tortina dolce cotta in un pitottino di carta forno all’interno dello stampo dei muffin. La ricetta originale prevede una glassatura detta frosting, una farcitura e una decorazione. I cupcakes vengono solitamente utilizzati per accompagnare il rito del tè pomeridiano o come golosa merenda del pomeriggio. I cupcakes mimosa sono un dolcetto buonissimo che non impegnano tanto nella loro realizzazione perchè si preparano facilmente. Se cercavate un dolce semplice e goloso da presentare stasera per festeggiare la festa della donna questa ricetta fa al caso vostro. Pochi semplici ingredienti che sono presenti in tutte le dispense casalinghe. Leggete la ricetta fino alla fine perchè è sempre in ultimo che trovate i miei trucchetti e consigli per realizzarli al meglio. Auguro a tutte voi una piacevole serata all’insegna dell’allegria e dell’amicizia. Buona festa della donna a tutte voi.

Prima di lasciarvi al passo passo vorrei chiedervi una facile collaborazione, aiutatemi a capire se questa ricetta vi è piaciuta, potete farlo mettendo un “mi piace” e lasciandomi un commento proprio qui sotto nel blog – dove trovate scritto “lascia un commento”, io vi risponderò nel più breve tempo possibile. Questo è il modo più veloce in cui io e voi entriamo in contatto ed è il modo principale di farmi capire se queste ricette vi stanno piacendo e se le trovate di facile esecuzione, quindi commentate, commentate e commentate qui sotto. Grazieeee Enjoy #daniwella   

la ricetta passo passo

consigli e varianti

 Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

Cupcake mimosa

Un cupcake è una mini tortina dolce cotta in un pitottino di carta forno all’interno dello stampo dei muffin. La ricetta originale prevede una glassatura detta frosting, una farcitura e una decorazione. I cupcakes vengono solitamente utilizzati per accompagnare il rito del tè pomeridiano o come golosa merenda del pomeriggio. I cupcakes mimosa sono un dolcetto buonissimo che non impegnano tanto nella loro realizzazione perchè si preparano facilmente. Se cercavate un dolce semplice e goloso da presentare stasera per festeggiare la festa della donna questa ricetta fa al caso vostro. Pochi semplici ingredienti che sono presenti in tutte le dispense casalinghe. Leggete la ricetta fino alla fine perchè è sempre in ultimo che trovate i miei trucchetti e consigli per realizzarli al meglio. Auguro a tutte voi una piacevole serata all’insegna dell’allegria e dell’amicizia. Buona festa della donna a tutte voi.

DIARIO DI BORDO

Avevo sempre sottovalutato i cupcake, ma con l’apertura del mio blog di ricette ho affrontato tante sfide culinarie e il risultato finale è una soddisfazione profonda, superare i miei limiti e riuscire a realizzare un dolce o una pietanza che sembra difficile, mi rende felice perché è così che mi sento quando cucino. E la riuscita di questi magnifici dolcetti mi rende soddisfatta pienamente. I cupcakes mimosa sono un miscuglio di 3 dolci che sono i cupcake, i muffin, e la torta mimosa. Qui a Pescara, nei negozi di pasticceria potete trovare sia la torta Mimosa classica, sia le Mimosette, dolcetti più piccoli a forma di cupola completamente ricoperti di panna e di briciole di Pan di Spagna. Ma vi assicuro, che questi cupcake li sostituiscono degnamente. La ricetta di base è tratta da un piccolo libricino che comprai anni fa che riportava ricette diverse di cupcake e muffin, ma il ripieno e la copertura è un’idea mia. Io ho solo portato a 2 cucchiai la dose di latte, perché nel libro era scritto solo 1 cucchiaio. Ora vi lascio alla ricetta. Come sempre, il colore giallo, la fa da padrona.

 

Dose: per 10 cupcake Tempo di preparazione: 20 minuti Tempo di cottura: 15/20 minuti Tempo totale di preparazione: 35 minuti  

Ingredienti:

115 g di burro ammorbidito o margarina morbida 115 g di zucchero semolato 2 uova leggermente sbattute la scorza di 1 limone grattugiato 100 di farina 00 1 cucchiaino di lievito 2 cucchiai di latte.

Per decorare:

250 ml di panna fresca montata zuccherata con pochissimo zucchero a velo 3 fette di ananas sciroppato limoncello q.b. o sciroppo di ananas q.b.

   

LA RICETTA PASSO PASSO

Preriscaldate il forno a 180°. Disponete i pirottini  sullo stampo da muffin. Lavorate il burro ammorbidito e lo zucchero in una ciotola capiente fino a che diventa un composto chiaro e spumoso.

Incorporate le uova sbattute un cucchiaio alla volta, e mescolate con cura dopo ogni aggiunta.

Aggiungete la scorza del limone grattugiata, le polveri con un setaccio e procedete con una spatola o con una  frusta a mano fino al completo assorbimento.

Unite lentamente il latte.

 Dovrete ottenere un composto dalla consistenza omogenea, che cade facilmente dal cucchiaio.

Versate 1 cucchiaio abbondante (non di più) di composto nei pirottini.

Fate cuocere in forno preriscaldato per 15/20 minuti, finché i cupcake risultano gonfi, dorati e sodi. Lasciateli raffreddare nella teglia per 10 minuti, poi trasferiteli su una gratella e raffreddateli completamente.

Tagliate la calotta.

Con un coltello svuotate delicatamente al centro il cupcake e mettete da parte il ripieno.

Bagnate l’interno dei cupcake e la calotta con  2 cucchiaini di limoncello se li volete con la bagna alcolica o con lo sciroppo di ananas se li volete con la bagna alla frutta.

Dividete la panna a metà, in una metteteci le fette di ananas scolate dal succo e fatte a pezzettini.  con questo ripieno riempiteci il dentro dei cupcake.

Con questo ripieno riempiteci l’interno dei cupcake.

Fate a quadretti piccoli la mollica dei capcake.

 Rimettete sopra la calotta e con un cucchiaio decorate con la panna rimasta. Versate sopra la panna i pezzettini di mollica dei capcake per dargli l’effetto della mimosa. I cupcake sono pronti.

       

Manteneteli in frigorifero a rassodare la panna fino al momento di mangiarli.

I miei consigli
Potete riempire i cupcakes con della crema diplomatica se questo ripieno vi piace di più.
Potete variare e scegliere n’altro liquore se non vi piace il limoncello.
Se non trovate limoni bio, optate per della vanillina o i semini di una bacca di vaniglia per aromatizzare l’impasto.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui.  Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

 

Baci perugina fatti in casa

Baci perugina fatti in casa

Diario di bordo
Andando in giro per internet ho trovato mille e una versione di baci perugina. Dopo averne provate 3, ho decretato che la vincitrice non poteva che essere questa che vi descrivo di seguito. Nella descrizione degli ingredienti noterete un buon quantitativo di cioccolato fondente, io ho deciso di usarne tanto perché nel provare le varie ricette mi sono resa conto che il quantitativo di 200 g non mi bastava per ricoprire tutti i cioccolatini.

 I baci perugina sono i famosi cioccolatini dal ripieno di gianduia, farciti con una nocciola intera e rivestiti di cioccolato fondente. Questi cioccolatini sono diventati il simbolo di San Valentino e vi assicuro che prepararli a casa con una ricetta uguale a quello originale da una soddisfazione senza pari. 

Veloci e facilissimi si preparano senza temperare il cioccolato e senza l’uso di nessuno stampo. Con questa dose mi sono usciti 15 baci perugina. Vi lascio alla ricetta e vi auguro un felice Buon San Valentino 2020.

Prima di lasciarvi al passo passo vorrei chiedervi una facile collaborazione, aiutatemi a capire se questa ricetta vi è piaciuta, potete farlo mettendo un “mi piace” e lasciandomi un commento proprio qui sotto nel blog – dove trovate scritto “lascia un commento”, io vi risponderò nel più breve tempo possibile. Questo è il modo più veloce in cui io e voi entriamo in contatto ed è il modo principale di farmi capire se queste ricette vi stanno piacendo e se le trovate di facile esecuzione, quindi commentate, commentate e commentate qui sotto. Grazieeee Enjoy #daniwella   

la ricetta passo passo

consigli

La ricetta è tratta dal blog di Simona Mirto Tavolartegusto.it , Simona è davvero straordinaria, il suo blog è bellissimo, con descrizioni precise, dettagliate che invogliano a preparare le pietanze che lei propone. Io come faccio sempre ho cambiato qualche cosa qua e la.

 Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

Baci perugina fatti in casa

I baci perugina sono i famosi cioccolatini dal ripieno di gianduia, farciti con una nocciola intera e rivestiti di cioccolato fondente. Questi cioccolatini sono diventati il simbolo di San Valentino e vi assicuro che prepararli a casa con una ricetta uguale a quello originale da una soddisfazione senza pari. Andando in giro per internet ho trovato mille e una versione di baci perugina. Dopo averne provate 3, ho decretato che la vincitrice non poteva che essere questa che vi descrivo di seguito. Nella descrizione degli ingredienti noterete un buon quantitativo di cioccolato fondente, io ho deciso di usarne tanto perché nel provare le varie ricette mi sono resa conto che il quantitativo di 200 g non mi bastava per ricoprire tutti i cioccolatini. Veloci e facilissimi si preparano senza temperare il cioccolato e senza l’uso di nessuno stampo. Con questa dose mi sono usciti 15 baci perugina. Vi lascio alla ricetta e vi auguro un felice Buon San Valentino 2020.

Dose : per 15 baci
Tempo di preparazione : 1 ora + il riposo

INGREDIENTI :

200 g di cioccolato al latte
60 g di panna da cucina uht (quella che si usa per i tortellini)
80 g di granella di granella di nocciole
20 nocciole intere
400 g di cioccolato fondente
30 g di burro sciolto

LA RICETTA PASSO PASSO

Mettete la panna in un pentolino, appena arriva al bollore togliete dal fuoco. Aggiungete il cioccolato al latte spezzettato eppoi la granella di nocciole.

Mescolate e mettete in frigorifero per circa 1 ora a riposare.

Con il cucchiaino prendete un pochino di composto e formate delle palline tutte delle stesse dimensioni. Mettete sulla superficie di ogni pallina 1 nocciola. Non affondate troppo. La nocciola deve essere visibile. Mettete in frigorifero a riposare per circa 1 ora.

Sciogliete il cioccolato fondente e il burro a bagno Maria,. Mettete in una ciotolina alta e stretta il cioccolato. Poggiate ogni pallina su una forchetta e immergetela nel cioccolato fluido e privo di grumi. Tirate su la forchetta in modo che il cioccolato in eccesso coli, eppoi riponete ogni cioccolatino sulla carta forno.

Ripetete per ogni cioccolatino e fate asciugare il cioccolato all’aria.

I baci perugina sono pronti.

I MIEI CONSIGLI

Potete incartarli nella carta di alluminio proprio come gli originali e divertirvi a scrivere su dei piccoli biglietti di carta forno delle frasi d’amore. Sorprenderete e lascerete senza parole il vostro amato.

La ricetta è tratta dal blog di Simona Mirto Tavolartegusto.it , Simona è davvero straordinaria, il suo blog è bellissimo, con descrizioni precise, dettagliate che invogliano a preparare le pietanze che lei propone. Io come faccio sempre ho cambiato qualche cosa qua e la.

 BUON APPETITO!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

Felice San Valentino 2020 e datevi tanti tanti baci

Tiramisù alle fragole : Coreografico Senza Uova e Senza Colla di Pesce

Tiramisù alle fragole

Diario di bordo
Il tiramisù alle fragole è ottimo da preparare per tutte le occasioni e feste speciali come compleanni, anniversari e festa della mamma. Quindi oggi o domani mattina avete tutto il tempo per preparare questo tiramisù alle fragole fresco e velocissimo per festeggiare così la vostra mamma, visto che la festa della mamma è proprio domani. Leggete l’articolo fino in fondo dove trovate come sempre tutti i miei consigli e trucchetti per realizzare al meglio il tiramisù alle fragole.

Il tiramisù alle fragole è la variante primaverile del famoso e rinomato dolce. Oggi vi propongo una versione che mi ha conquistato per la veste coreografica in primis e per la totale naturalezza degli ingredienti poi. Il tiramisù alle fragole che ho fatto è fresco, buono, veloce, facile, senza uova, senza colla di pesce, senza cottura, profumato, non stucchevole, di bell’aspetto e vi farà fare un figurone perché dalla sua ha questa finitura brillante di fragole che gli regala un’aspetto curato simile alle torte di pasticceria.

Prima di lasciarvi al passo passo vorrei chiedervi una facile collaborazione, aiutatemi a capire se questa ricetta vi è piaciuta, potete farlo mettendo un “mi piace” e lasciandomi un commento proprio qui sotto nel blog – dove trovate scritto “lascia un commento”, io vi risponderò nel più breve tempo possibile. Questo è il modo più veloce in cui io e voi entriamo in contatto ed è il modo principale di farmi capire se queste ricette vi stanno piacendo e se le trovate di facile esecuzione, quindi commentate, commentate e commentate qui sotto. Grazieeee Enjoy #daniwella   

la ricetta passo passo

consigli e varianti

La ricetta è tratta dal canale Youtube Carodiario , la sua creatrice si chiama Stefania, lei è simpaticissima e comicissima. Bella, solare, ironica e spumeggiante. Seguitela sul suo canale Youtube perché le sue ricette sono interessantissime. Cliccate qui per vedere il suo video del Tiramisù con le fragole. Un saluto e un grazie a Stefania per questa torta briosa e brillante.

 Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

Tiramisù alle fragole
ozedf_vivid
Il tiramisù alle fragole è la variante primaverile del famoso e rinomato dolce. Oggi vi propongo una versione che mi ha conquistato per la veste coreografica in primis e per la totale naturalezza degli ingredienti poi. Il tiramisù alle fragole che ho fatto è fresco, buono, veloce, facile, senza uova, senza colla di pesce, senza cottura, profumato, non stucchevole, di bell’aspetto e vi farà fare un figurone perché dalla sua ha questa finitura brillante di fragole che gli regala un’aspetto curato simile alle torte di pasticceria. Il tiramisù alle fragole è ottimo da preparare per tutte le occasioni e feste speciali come compleanni, anniversari e festa della mamma. Quindi oggi o domani mattina avete tutto il tempo per preparare questo tiramisù alle fragole fresco e velocissimo  per festeggiare così la vostra mamma, visto che la festa della mamma è proprio domani. Leggete l’articolo fino in fondo dove trovate come sempre tutti i miei consigli e trucchetti per realizzare al meglio il tiramisù alle fragole. Prima di lasciarvi al passo passo vorrei chiedervi una facile collaborazione, aiutatemi a capire se questa ricetta vi è piaciuta, potete farlo mettendo un “mi piace” e lasciandomi un commento proprio qui sotto nel blog – dove trovate scritto “lascia un commento”, io vi risponderò nel più breve tempo possibile. Questo è il modo più veloce in cui io e voi entriamo in contatto ed è il modo principale di farmi capire se queste ricette vi stanno piacendo e se le trovate di facile esecuzione, quindi commentate, commentate e commentate qui sotto. Grazieeee Enjoy #daniwella       Dose : 9 porzioni Preparazione : 1 ora Riposo : 4/5 ore in frigorifero   Ingredienti :
dav_soft
650 g di fragole fresche, mature e profumate 200 g di savoiardi 250 g di mascarpone freddo di frigorifero 220 g di formaggio fresco del tipo spalmabile freddo di frigorifero 250 ml di panna fresca da montare fredda di frigorifero 50 g di zucchero 150 g di zucchero a velo vanigliato 50 g di succo di limone 50 g di acqua   Ingredienti per la gelatina : 200 g di succo delle fragole 70 g di zucchero semolato 25 g di amido di mais   Preparazione : Per prima cosa lavate le fragole, togliete il picciolo e tagliate a pezzetti piccoli, circa 1 cm e mezzo e mettetele all’interno di una ciotola.
ozedf_vivid
Aggiungete il succo del limone, lo zucchero semolato e i 50 g di acqua. Mescolate e lasciate riposare mentre preparate la crema.
ozedf_soft
In una ciotola versate il mascarpone e il formaggio fresco spalmabile. Lavorate con le fruste per 20 secondi.
dav_soft
Aggiungete la panna e lo zucchero a velo. Lavorate per massimo 2 minuti.
ozedf_soft
Riponete in frigorifero mentre preparate la base della torta.
ozedf_soft
Prendete uno stampo a cerniera di cm 22 di diametro e sostituite il fondo con un piatto da portata. Chiudete la cerniera e poggiatelo sul piatto e cominciate a formare gli stati alternati. La torta avrà 2 stati e ogni strato conterrà 100 g di savoiardi. Prendete i biscotti e con le mani rompeteli in tre parti, partendo dall’esterno ricoprite tutta la superficie. Se vedete che ci sono dei buchini sbriciolateci sopra qualche pezzettino fino a riempirli a tappo.
ozedf_soft
Distribuite le fragole in modo uniforme sopra i biscotti.
dav_soft
Distribuite 350 g di crema sulla superficie e con il dorso di un cucchiaio livellatela per bene.
dav_soft
Ripete la stessa cosa con il secondo strato, quindi 100 g di biscotti spezzettati lasciando libero mezzo cm dal bordo, 200 g di fragole e 350 di crema che poggerete a cucchiaiate sopra le fragole.
ozedf_soft
Livellate per bene la superficie.
ozedf_soft
Con la crema e le fragole avanzate prepariamo la decorazione finale che renderà la torta bella e superlativa anche alla vista. Con l’aiuto di un sac a poche e una bocchetta a stella fate dei ciuffetti tutto intorno, staccandovi leggermente dalla parete dello stampo. Mettete la torta in frigorifero.
ozedf_soft
Preparate ora la gelatina di fragole. Prendete un pentolino e poggiatelo sulla bilancia. Azzerate la bilancia e con l’aiuto di un colino scolate le fragole. Il liquido per realizzare la gelatina deve essere 200 g, quindi aggiungete acqua naturale nel caso il liquido delle fragole non raggiunga quel quantitativo. Il mio liquido scolato era 100 g, quindi ho aggiunto 100 g di acqua.
dav_soft
Aggiungete ora i 70 g di zucchero semolato e l’amido di mais. Mischiate con una frusta per rompere tutti i grumi, Trasferite sul fornello e a fiamma dolce continuando a mescolare la gelatina si addenserà (circa 3 minuti). La gelatina è pronta quando diventerà trasparente, lucida e brillante. Spegnete il fornello.
ozedf_soft
  Aggiungete la gelatina alle fragole avanzate e amalgamate con delicatezza per mischiare i due composti e per intiepidire tutto prima di versarlo sulla torta.
ozedf_soft
Prendete di nuovo la torta e stendete il composto fragoloso partendo dal centro e allargandolo sempre con l’aiuto del cucchiaio su tutta la superficie. La torta è pronta, fatela riposare per 5/6 ore in frigorifero.
ozedf_soft
Usate una spatola sottile per staccare la torta dalle pareti dello stampo.
dav_vivid
Eccola qui dopo essere stata tagliata. La torta tiene perfettamente il taglio.
ozedf
E adesso l’assaggio.
ozedf_soft
  I miei consigli : Il formaggio spalmabile è un degno sostituto del mascarpone, così invece di mettere 500 g di mascarpone ne usiamo la metà, in questo modo alleggeriamo il sapore e la consistenza della crema, rendendola fresca, piacevole al palato e altrettanto pannosa. Quando aggiungete lo zucchero a velo nella crema lavorate il composto a fruste spente per evitare la nuvola di polvere zuccherina e una volta assorbito tutto lo zucchero, azionate le fruste alla massima velocità. Mano a mano la crema prenderà corpo e diventerà soffice e soda. Sopratutto se fate la torta d’estate, ponete la crema in frigorifero, finirà di riposarsi e rassodarsi. Per fare la torta potete usare uno da stampo da 22 cm di diametro o uno da 24. Più lo stampo è grande, più la torta verrà bassa. L’idea furba è di sostituire la base dello stampo con un bel piatto da portata e di usare solo l’anello, in questo modo quando sarà pronta dovrete solo togliere l’anello e servirla. Per fare questa torta sconsiglio i pavesini perché sono troppo bassi. Piccolo trucchetto : Solitamente quando si aggiungono le fragole si va a occhio, ma per evitare sviste pesatele senza sporcare altre ciotole. Usare questo metodo è più comodo e più preciso, Poggiate la ciotola sopra la bilancia, azzeratela e sgocciolandole leggermente toglietene 200 g, quantità perfetta per coprire tutti i savoiardi che a contatto con le fragole assorbiranno il succo aromatizzandosi senza inzupparsi. Fate la stessa cosa per la crema, poggiate la ciotola sulla bilancia, azzeratela e toglietene 350 g. Se avete una spatola angolare, usatela per livellare la crema, è comoda per fare questi lavori. Per chi non l’avesse posso dirvi che costa pochissimo, non ingombra e agevola tantissimo questi tipi di lavori. Infine niente colla di pesce ma solo gelatina naturale fatta con amido di mais. Questo tipo di gelatina la faceva anche mia nonna quando ero piccola. Questa gelatina rende le fragole brillanti. La torta deve riposare per rapprendersi e stabilizzarsi, quindi tenetela in frigorifero dalle 4 alle 6 ore. La ricetta è tratta dal canale Youtube Carodiario , la sua creatrice si chiama Stefania, lei è simpaticissima e comicissima. Bella, solare, ironica e spumeggiante. Seguitela sul suo canale Youtube perché le sue ricette sono interessantissime. Cliccate qui per vedere il suo video del Tiramisù con le fragole. Un saluto e un grazie a Stefania per questa torta briosa e brillante.  
ozedf_soft
 

Pizza di Formaggi Pasquale : Ricetta Abruzzese

Pizza di formaggi abruzzese

Diario di bordo
Questa è la pizza di formaggi abruzzese che faceva mia nonna Anna nel periodo di Pasqua, come vi ho detto nella ricetta predente dei fiadoni. Sfornava da sola in un’intera giornata pizze di formaggi e fiadoni a volontà. Ricordo che il tavolo del salotto era pieno, non rimaneva neanche un’angoletto libero, ricordo il profumo inconfondibile dei formaggi che usava, il colore giallo di queste torte che in cottura grazie al tuorlo d’uovo spennellato sopra regalava un dorato giallo inconfondibile.

Ho ricreato le dosi andando ad occhio e all’assaggio posso dire di essere riuscita ad ottenere lo stesso sapore della pizza che faceva la nonna. Vi ricordo che potete farla come me o variare anche in questo caso i formaggi e le proporzioni degli ingredienti a seconda del vostro gusto personale.

la ricetta passo passo

consigli

 Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

Pizza di formaggio abruzzese

Questa è la pizza di formaggi abruzzese che faceva mia nonna Anna nel periodo di Pasqua, come vi ho detto nella ricetta predente dei fiadoni . Sfornava da sola in un’intera giornata pizze di formaggi e fiadoni a volontà. Ricordo che il tavolo del salotto era pieno, non rimaneva neanche un’angoletto libero, ricordo il profumo inconfondibile dei formaggi che usava, il colore giallo di queste torte che in cottura grazie al tuorlo d’uovo spennellato sopra regalava un dorato giallo inconfondibile. Ho ricreato le dosi andando ad occhio e all’assaggio posso dire di essere riuscita ad ottenere lo stesso sapore della pizza che faceva la nonna. Vi ricordo che potete farla come me o variare anche in questo caso i formaggi e le proporzioni degli ingredienti a seconda del vostro gusto personale.
 
Dose: 15/20 porzioni
Preparazione: 30 minuti
Cottura: 50 minuti
 

Ingredienti per la sfoglia:

ozedf_vivid
500 g di farina 00
100 g di vino bianco
100 g di olio e.v.o.
2 uova
1 pizzico di sale
1 rosso d’uovo per spennellare

Ingredienti per il ripieno:

ozedf_soft
5 uova medie
150 g di formaggio grana grattugiato
100 g di rigatino grattugiato
100 g di pecorino saporito grattugiato
200 g di ricotta di mucca
sale e pepe in polvere q.b.
150 g di mortadella fatta a cubetti.
 

PROCEDIMENTO:

In una ciotola mettete la farina a fontana e al centro mettete l’olio, il vino, le uova, il sale.
ozedf_vivid
Mescolate con una forchetta.
ozedf_vivid

Quando tutti i liquidi si saranno assorbiti trasferite il composto su una spianatoia. Impastate fino a che l’impasto diventerà liscio, dategli la forma di un panetto.

ozedf_soft

Stendete con il mattarello il panetto dandogli la forma rettangolare e foderate lo stampo facendo uscire fuori i bordi dell’impasto. La teglia che ho usato io misura 26 x 23 cm, nel frattempo preparate il ripieno.

ozsht_soft
 
In una ciotola mescolate la ricotta, le uova, i formaggi e il pepe. Assaggiate e nel caso aggiungete il sale.
ozedf_soft
Aggiungete la mortadella a cubetti.
ozedf_soft
Date un’ultima mescolata e il ripieno è pronto.
ozedf_soft

Versate il ripieno all’interno della pasta e rifilate i bordi eccedenti con una rondella.

ozedf_soft

Dall’impasto avanzato ricavate delle strisce, decorate facendo dei rombi.

ozedf_soft

Spennellate la superficie con l’uovo sbattuto. Infornate in forno preriscaldato a 180° per 40/50 minuti o fino a quando tutta la superficie è bella dorata (la mia si è dorata un po’ troppo).

ozedf_soft
Sfornate e fate raffreddare completamente prima di mangiare.
ozedf_soft
Fatela a quadretti e portatela in tavola.
ozedf_soft

Ecco un particolare visto da vicino.

ozedf_soft
Consigli : Potete varie  le dosi e la qualità dei formaggi. Ma anche la scelta del salume da usare al posto della mortadella, come prosciutto cotto o salame, o un tris di tutti e tre. Scolate la ricotta per 1 ora dentro ad un colino in modo che sia bella asciutta quando la metterete all’interno dell’impasto di formaggi.
ozedf_soft
Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.

Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui.  Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

ozedf_soft
Nessuno resiste ai rustici di Pasqua, nemmeno il mio amore Corrado.

Fiadoni abruzzesi : Ricetta della Tradizione Pasquale

fiadoni abbruzzesi

Diario di bordo
I fiadoni abruzzesi sono il mio confort food per eccellenza in quanto mi ricordano tanto mia nonna Anna; quando li cucinava era in grado di sfornare per ore fiadoni e pizze di formaggio, la casa e il salotto si riempivano di giallo e di un profumo meraviglioso di formaggi. Ogni famiglia ha la sua ricetta con dosi e formaggi diversi. Questa è la mia, alla quale sono molto affezionata e della quale sono orgogliosa. Chiunque abbia assaggiato i miei fiadoni abruzzesi mi ha riempito sempre di grande soddisfazione, con una marea di complimenti, per questo motivo ne vado molto fiera. Se vorrete provare la mia ricetta non ve ne pentirete.

I fiadoni abruzzesi sono dei rustici tipici pasquali che si fanno in tutto l’Abruzzo. Ogni contrada, città e frazione ha la propria variante. Qui da noi a Pescara il fiadone abruzzese tipico è fatto come un raviolo, e all’interno il guscio di pasta racchiude un’impasto di formaggi  grattugiati : Rigatino, Pecorino stagionato, Grana padano, uova sale e pepe. 

la ricetta passo passo

consigli e curiosità

 Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

Fiadoni abruzzesi

ozedf_soft
I fiadoni abruzzesi sono dei rustici tipici pasquali che si fanno in tutto l’Abruzzo. Ogni contrada, città e frazione ha la propria variante. Qui da noi a Pescara il fiadone abruzzese tipico è fatto come un raviolo, e all’interno il guscio di pasta racchiude un’impasto di formaggi  grattugiati : Rigatino, Pecorino stagionato, Grana padano, uova sale e pepe. I fiadoni abruzzesi sono il mio confort food per eccellenza in quanto mi ricordano tanto mia nonna Anna; quando li cucinava era in grado di sfornare per ore fiadoni e pizze di formaggio, la casa e il salotto si riempivano di giallo e di un profumo meraviglioso di formaggi. Ogni famiglia ha la sua ricetta con dosi e formaggi diversi. Questa è la mia, alla quale sono molto affezionata e della quale sono orgogliosa. Chiunque abbia assaggiato i miei fiadoni abruzzesi mi ha riempito sempre di grande soddisfazione, con una marea di complimenti, per questo motivo ne vado molto fiera. Se vorrete provare la mia ricetta non ve ne pentirete.
Dose: per 30/40 fiadoni Preparazione: 1 ora e 30 circa Cottura: 20 minuti  

Ingredienti per l’impasto:

ozedf_vivid

500 g di farina 00 100 g di olio e.v.o. 100 g di vino bianco 2 uova medie 1 pizzico di sale rosso d’uovo per spennellare q.b.

Ingredienti per il ripieno:

ozedf_vivid

100 g di pecorino stagionato (semi-salato) 100 g di parmigiano grattugiato 100 g di formaggio rigatino grattugiato 50 g di ricotta di mucca (ben scolata) 5 uova medie pepe e sale sé sono necessari q.b.

 

PREPARAZIONE:

In una ciotola  mettete la farina e al centro versate l’olio, il vino, le uova, il sale.
ozedf_vivid
Mescolate.
ozedf_vivid
Quando i liquidi saranno assorbiti trasferite sulla spianatoia.
ozedf_vivid
Impastate fino ad ottenere un panetto. Copritelo con una canovaccio o la pellicola mentre preparate il ripieno.
ozedf_vivid
 

In una ciotola sbattetele per bene i formaggi, le uova, la ricotta, il pepe e mescolate.

ozedf_vivid

Assaggiate  e aggiustate di sale solo se necessario.

ozedf_vivid

Mettete il ripieno nel sac a poche.

ozedf_vivid

Con il mattarello o con una macchinetta stendete l’impasto a sfoglia sottile e procedete come per i ravioli, cliccate qui per vedere il procedimento per stendere la pasta alla macchinetta.

Con il sac a poche disponete mucchietti di ripieno di formaggio.

ozedf_vivid
  Distanziateli l’uno dall’altro e poi ripiegateli su se stessi, schiacciando bene i bordi.
ozedf_vivid

Tagliateli con una rondella e con i rebbi di una forchetti sigillateli tutto intorno come se fossero dei ravioli.

ozedf_vivid

Metteteli distanziati l’uno dall’altro su una leccarda da forno ricoperta di carta forno. Spennellate ogni fiadone con il rosso d’uovo e con le forbici fate un piccolo taglietto al centro, eviterà al fiadone di scoppiare e permetterà al fiadone di gonfiarsi. Infornate in forno preriscaldato a 180° per 15/20 minuti.

ozedf_soft

Sfornate appena sono dorati.

ozedf_soft

Ed ecco i fiadoni abruzzesi chi ne volete uno ?????

ozedf_soft
    Curiosità : questi che vedete in foto, li ho preparati insieme a mia suocera sabato pomeriggio, e vi assicuro che non ne ho mai preparati così tanti, abbiamo fatto 250 fiadoni, dei quali una parte li abbiamo messi nel congelatore e l’altra li abbiamo regalati. Il Rigatino è un formaggio prodotto con latte di vacca intero pastorizzato a pasta dura semicotta e caglio capretto; aggiungete al ripieno dei fiadoni il pepe solo se assaggiandolo vi accorgete che l’insieme dei formaggi manca di salinità, vi aiuterà a far risaltare l’aroma dei formaggi. I miei consigli : Potete variare le dose dei formaggi a vostro piacimento. Cosa importantissima, nel fiadone non va’ messo il lievito. Usate un sac a poche per mettere il ripieno sulla pasta, farete più velocemente il lavoro.
  Buon appetito! Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui. ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui.  Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected] CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA
ozedf_soft
 

Pastiera con crema pasticcera senza canditi

PASTIERA CON CREMA PASTICCERA SENZA CANDITI

Diario di bordo
Se c’è una cosa che ho imparato visionando i vari blog su internet è questa: la nascita di una ricetta parte con una ricetta originale, questa poi con il passare del tempo subisce variazioni di ogni sorta, in base alla creatività e alla fantasia vengono infine rielaborate e plasmate in base ai gusti di ogni famiglia. Alcuni ingredienti si tolgono del tutto se non piacciono, o vengono sostituiti con altri di preferenza. Anche la pastiera napoletana ha subito questa trasformazione. Secondo alcuni non esiste una ricetta codificata; ogni famiglia fa la sua ricetta tramandata dalle generazioni precedenti e mangia solo quella. Secondo altri la pastiera è un dolce che si regala, e ne prepara tante per tale scopo, quello di regalarla. Comunque la pensiate, io vi propongo la mia versione basata sulla variazione della ricetta classica, che ho adattato ai gusti della mia famiglia. L’ho preparata per la prima volta in occasione della pasqua 2013. Erano anni che mi ripetevo: “quest’anno provo a farla”. Tutto è coinciso con la decisione di aprire il mio blog, perché da allora ho cominciato a fotografare tutto quello che cucinavo. Dopo aver visto innumerevoli ricette, ho elaborato la mia personale interpretazione della pastiera. Pastiera con crema pasticcera senza canditi.

La pastiera napoletana è un caposaldo della cucina campana tipica delle festività pasquali. E’ una torta di pasta frolla che viene riempita con una crema di grano bollito nel latte, alla quale si aggiunge una sostanziosa crema di ricotta, uova e zucchero. Il sapore e il profumo cambiano a seconda degli aromi e delle spezie usate. Le variazioni della ricetta classica sono numerose e anche se la si prepara solitamente secondo la tradizione il giovedì santo, le migliori pasticcerie napoletane la vendono tutto l’anno. Ogni festa e ogni evento è buono per preparare la pastiera. Io sono particolarmente affezionata a questa ricetta che ho elaborato dopo essermi documentata su tanti siti diversi. La prima volta che decisi di cimentarmi nel preparare questa torta fu nel lontano 2013. Al termine di un’estenuante giornata lavorativa mi rimboccai le maniche e preparai ben 3 pastiere. Ricordo che finii di cucinare a notte inoltrata, quando guardai l’orologio mi accorsi che erano le 02:00 del mattino. Non potete immaginare la gioia nello sfornare questo dolce. Era così bello a vedersi, che il mio viso aveva un sorriso da parte a parte. Se non vi siete ancora cimentati nella realizzazione di questo dolce fantastico correte subito a prepararla e preparatevi ad applaudire.

la ricetta passo passo

consigli e varianti

 Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

Pastiera con crema pasticcera senza canditi 

nfd

La pastiera napoletana è un caposaldo della cucina campana tipica delle festività pasquali. E’ una torta di pasta frolla che viene riempita con una crema di grano bollito nel latte, alla quale si aggiunge una sostanziosa crema di ricotta, uova e zucchero. Il sapore e il profumo cambiano a seconda degli aromi e delle spezie usate. Le variazioni della ricetta classica sono numerose e anche se la si prepara solitamente secondo la tradizione il giovedì santo, le migliori pasticcerie napoletane la vendono tutto l’anno. Ogni festa e ogni evento è buono per preparare la pastiera. Io sono particolarmente affezionata a questa ricetta che ho elaborato dopo essermi documentata su tanti siti diversi. La prima volta che decisi di cimentarmi nel preparare questa torta fu nel lontano 2013. Al termine di un’estenuante giornata lavorativa mi rimboccai le maniche e preparai ben 3 pastiere. Ricordo che finii di cucinare a notte inoltrata, quando guardai l’orologio mi accorsi che erano le 02:00 del mattino. Non potete immaginare la gioia nello sfornare questo dolce. Era così bello a vedersi, che il mio viso aveva un sorriso da parte a parte. Se non vi siete ancora cimentati nella realizzazione di questo dolce fantastico correte subito a prepararla e preparatevi ad applaudire.

Diario di bordo

Se c’è una cosa che ho imparato visionando i vari blog su internet è questa: la nascita di una ricetta parte con una ricetta originale, questa poi con il passare del tempo subisce variazioni di ogni sorta, in base alla creatività e alla fantasia vengono infine rielaborate e plasmate in base ai gusti di ogni famiglia. Alcuni ingredienti si tolgono del tutto se non piacciono, o vengono sostituiti con altri di preferenza. Anche la pastiera napoletana ha subito questa trasformazione. Secondo alcuni non esiste una ricetta codificata; ogni famiglia fa la sua ricetta tramandata dalle generazioni precedenti e mangia solo quella. Secondo altri la pastiera è un dolce che si regala, e ne prepara tante per tale scopo, quello di regalarla. Comunque la pensiate, io vi propongo la mia versione basata sulla variazione della ricetta classica, che ho adattato ai gusti della mia famiglia. L’ho preparata per la prima volta in occasione della pasqua 2013. Erano anni che mi ripetevo: “quest’anno provo a farla”. Tutto è coinciso con la decisione di aprire il mio blog, perché da allora ho cominciato a fotografare tutto quello che cucinavo. Dopo aver visto innumerevoli ricette, ho elaborato la mia personale interpretazione della pastiera. Pastiera con crema pasticcera senza canditi.

Dose: per uno stampo di cm 27 di dm
Tempo di preparazione: 60 minuti
Tempo di cottura: 60 minuti

Ingredienti per la pasta frolla:

ozedf_vivid

500 g di farina 00
200 g di zucchero semolato
250 di burro ammorbidito
100 g di rossi d’uovo
la scorza grattugiata di 1 limone biologico

Ingredienti per la crema pasticcera:

ozedf_vivid

250 ml di latte fresco intero
2 rossi d’uovo
80 g di zucchero
45 g di farina o fecola
1 bustina di vanillina
scorza grattugiata di 1 limone biologico

Ingredienti per la crema di grano:

ozedf_vivid

290 g di grano cotto
200 g di latte fresco intero
50 g di strutto
1 cucchiaio di zucchero

Ingredienti per la crema di ricotta:

oznor_soft

350 g di ricotta di mucca passata al setaccio
100 g di zucchero
mezza fialetta di acqua di fiori d’arancio o 1 intera di millefiori
2 uova medie
mezzo cucchiaino raso di cannella in polvere

PREPARAZIONE:

Preparate la pasta frolla con le dosi scritte sopra, cliccate qui per vedere il procedimento. Mettete in frigorifero a riposare.

ozedf_soft
 

In un pentolino mettete il grano, lo zucchero, il latte, lo strutto e portate a bollore. Cuocete fino a che il latte non si è ritirato formando una crema. Fate raffreddare.

ozedf_vivid
 
 
 

Preparate la crema pasticcera con le dosi scritte sopra, per vedere il procedimento cliccate qui, copritela con una pellicola trasparente e lasciate raffreddare.

ozedf_vivid
 

In una ciotola mescolate la ricotta, le uova, lo zucchero, la cannella e la mezza fialetta di acqua di fiori d’arancio o la fialetta millefiori.

ozedf_vivid
 

Tirate fuori la pasta frolla, stendetela con il mattarello sulla carta forno.

dav
 

Mettete la pasta in uno stampo dai bordi medio-alti, rivestite sia il fondo che le pareti. Con l’impasto in esubero e con la rondella preparate delle strisce.

nfd

In una ciotola mettete la crema di ricotta, la crema pasticcera e la crema di grano cotto.

 
ozedf_vivid

Mescolate.

ptr

Versatele all’interno della pasta frolla, dopo di che pareggiate la superficie con una rondella. Con le strisce formate dei rombi.

 
nfd
 

Infornate in forno preriscaldato per 1 ora a 180°o fino a quando la superficie non si presenta ben dorata e colorata.

ptr
 
 
 

Tirate fuori dal forno e lasciate raffreddare la pastiera nello stampo, lasciatela riposare in frigorifero per 1 giorno.

ptr
 

Servite a temperatura ambiente cosparsa di zucchero a velo prima di mangiarla.

ptr

Ed ecco una fetta vista in primo piano.

oznor
 
 

Buon appetito!

Consigli :

nfd

La ricetta comprende 5 step fondamentali e 4 di essi possono essere preparati il giorno prima. Preparate la pasta frolla, la crema pasticcera, la crema di grano cotto e la crema di ricotta. Fate raffreddare la crema pasticcera e la crema di grano cotto, dopo di che conservate tutte le preparazioni in frigorifero. Il giorno dopo tirate fuori dal frigorifero la pasta frolla, fatela riprendere a temperatura ambiente 30 minuti. Poi accendete il forno e portatelo a temperatura. Riprendete le altre preparazioni e assemblate il tutto come da ricetta sopra descritta.

Il giorno in cui mi sono messa all’opera, ne ho fatte ben 3. La prima per il giorno di pasqua, la seconda per la pasquetta e la terza è stata una versione senza glutine per mia sorella che è celiaca. Se come me dovete fare 2 pastiere, comprate il barattolo grande di grano cotto ( il mio era di 580 g ) e moltiplicate per due tutti gli ingredienti, visto che realizzerete 2 pastiere. Seguite poi tutti gli step della ricetta. Se non vi piace sentire il grano cotto sotto i denti potete potete passare al mixer la crema di grano dopo la cottura in pentola. Se per fare la crema di grano cotto non volete usare lo strutto, sostituitelo con il burro, anche se io vi consiglio di non farlo perché anche questo ingrediente contribuirà a rendere speciale il sapor finale della pastiera. Se volete preparare una sola pastiera, in commercio esistono barattoli di latta di grano cotto da 420 g circa per preparare 1 sola pastiera, in tal caso quando preparate la crema di grano cotto aggiungete alla dose scritta sopra 1 cucchiaio di zucchero in più e 50 ml di latte in più.

La dose di pasta frolla vi avanzerà. Cogliete l’occasione per preparare con le formine dei biscotti che cuocerete in forno a 180° per 20/25 minuti circa.

ozedf_soft

La pastiera deve essere preparata qualche giorno prima, se volete rispettare la tradizione preparatela il giovedì prima di Pasqua. Io ho tolto del tutto i canditi perché in famiglia non piacciono a nessuno. Però se volete usarli potete ugualmente metterli e se non vi piace sentire i pezzetti di frutta candita sotto i denti potete frullarli nel mixer o tagliarli a coltello in pezzetti più piccoli. Potete usare 1 confezione di quelli misti, o solo arancia o solo cedro, o metà arancia e metà cedro.

Rispetto alla ricetta classica ho diminuito la dose di ricotta e aggiunto la crema pasticcera, ho usato mezza fialetta di aroma acqua di fiori d’arancio, perché per me l’odore era troppo forte, le successive altre volte ho usato l’aroma millefiori e ho usato la fialetta intera perché per me l’odore è più delicato. La mia pastiera è piaciuta a tutti. Tre giorni dopo, c’era ancora chi andava in giro a elemosinare una fetta di pastiera rimasta.

ptr

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.

Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

fbt

TORTA MIMOSA

4.0 stars based on 35 reviews Prep time: 30 min Cook time: 1 hour Total time: 1 hour 30 min Yield: 1 9" pie (8 servings) Ingredients: Thinly-sliced apples: 6 cups White sugar: 3/4 cup ... Directions: 1. Cut and peel apples 2. Mix sugar and cinnamon. Use additional sugar for tart apples. ...

torta mimosa

Ingredienti per il Pan di Spagna 

5 uova medie a temperatura ambiente

150 g di zucchero semolato

200 g di farina 00

1 bustina di vanillina

1 bustina di lievito per dolci

1 pizzico di sale

Ingredienti per la crema

 500 ml di latte

100 g di zucchero semolato

50 g di farina 00

2 uova medie

1 bustina di vanillina

la scorza di 1 limone grattugiato

Ingredienti per decorare

 500 ml di panna fresca da montare

3/4 cucchiai di rum da pasticceria

3 fettine di ananas sciroppato

400 ml circa di sciroppo d’ananas (quello che ricavate dal barattolo)

3 fiori e 3 foglie di ostia

zucchero a velo q.b.

12 porzioni

Diario di bordo
Io festeggerò l’8 marzo 2019 con le mie cognate a casa e per l’occasione prepareremo alcune delle ricette che sono sul mio blog a tema festa della donna. Evviva noi donne sempre in tutti i 365 giorni dell’anno. Un forte abbraccio da Daniwella.

1 H e 50 min

La torta mimosa è il dolce che si prepara per l’otto marzo, il giorno della festa della donna. Il nome è legato al suo all’aspetto, tanti pezzetti di Pan di Spagna disposti sulla superficie a ricordare appunto la forma del fiore della mimosa. Questa che leggerete è la mia versione fatta con un Pan di Spagna di veloce esecuzione e riempito con una crema diplomatica, bagnato con sciroppo d’ananas e pezzetti di ananas all’interno della crema. Se volete provare la mia versione avete a disposizione tutti gli step fotografici.

la ricetta passo passo

consigli

 Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

 
TORTA MIMOSA
ptr
 
La torta mimosa è il dolce che si prepara per l’otto marzo, il giorno della festa della donna. Il nome è legato al suo all’aspetto, tanti pezzetti di Pan di Spagna disposti sulla superficie a ricordare appunto la forma del fiore della mimosa. Questa che leggerete è la mia versione fatta con un Pan di Spagna di veloce esecuzione e riempito con una crema diplomatica, bagnato con sciroppo d’ananas e pezzetti di ananas all’interno della crema. Se volete provare la mia versione avete a disposizione tutti gli step fotografici. Io festeggerò l’8 marzo 2019 con le mie cognate a casa e per l’occasione prepareremo alcune delle ricette che sono sul mio blog a tema festa della donna. Evviva noi donne sempre in tutti i 365 giorni dell’anno. Un forte abbraccio da Daniwella.
 
 

Dose : per 12 porzioni
Preparazione : 1 ora circa
Cottura : 50 minuti
Stampo : cm 24 di dm

Ingredienti per il Pan di Spagna : 5 uova medie a temperatura ambiente, 150 g di zucchero semolato, 200 g di farina 00, 1 bustina di vanillina, 1 bustina di lievito per dolci, 1 pizzico di sale.

Ingredienti per la crema : 500 ml di latte, 100 g di zucchero semolato, 50 g di farina 00, 2 uova medie, 1 bustina di vanillina, la scorza di 1 limone grattugiato,

Ingredienti per decorare : 500 ml di panna fresca da montare, 3/4 cucchiai di rum da pasticceria, 3 fettine di ananas sciroppato, 400 ml circa di sciroppo d’ananas (quello che ricavate dal barattolo) , 3 fiori e 3 foglie di ostia, zucchero a velo q.b.

PREPARAZIONE :

Preparate il Pan di Spagna. Setacciate farina e lievito. In una ciotola sbattete i tuorli con lo zucchero e la vanillina per circa 5 minuti. A parte montate a neve gli albumi con un pizzico di sale.

ptr

Incorporate gli albumi montati al composto di uova e zucchero, alternando con la farina.

ptr

Versate il tutto in una tortiera imburrata di cm 24 di diametro e cuocete a 175° per 45/50 minuti.

mde

Mentre la torta cuoce preparate la crema. Cliccate qui per vedere il procedimento, ma usate le dosi e gli ingredienti scritti sopra. Fate raffreddare completamente il Pan di Spagna e la crema.

ptr

Tagliate in 3 dischi il Pan di Spagna ormai freddo.

ptr

Fate a cubetti il disco centrale. Scavate leggermente l’interno degli altri due dischi e mettetelo da parte insieme ai cubetti. Scolate con le mani il succo eccedente dalle fettine di ananas sciroppato, dopo di che tagliatelo a cubetti. Montate la panna fresca.

ptr
ptr

Riprendete la crema ormai fredda e toglietene circa 100 g, e usate il resto. Mescolatela con le fruste per qualche secondo. Aggiungete 4/5 cucchiai di panna montata e il rum.

nfd

Bagnate la base della torta con il succo d’ananas.

nfd

Riempite con la crema e sistemate sopra la crema i pezzetti di ananas sciroppato.

ptr

Coprite con la superficie della torta e bagnate nuovamente con il succo d’ananas.

ptr

Ricoprite con la panna montata rimasta e i cubetti di Pan di Spagna tagliati in precedenza.

Spolverate con abbondante zucchero a velo e decorate con i fiorellini. Fate riposare in frigorifero per almeno 1 ora o fino al momento di servire.

nfd

I MIEI CONSIGLI :

Per decorare la superficie potete usare frutta fresca come le fragole, o frutta candita come delle belle ciliege rosse. O ancora fiorellini e foglie di ostia come ho fatto io e degli ulteriori ciuffi di panna montata, spaziate con la fantasia.

In corso d’opera mi sono resa conto che la crema era tanta, quindi non l’ho usata tutta. Quella che mi è avanzata equivaleva a circa 100 g, ecco il motivo per cui sopra trovate scritto di toglierne quel quantitativo.

Questo modo di fare il Pan di Spagna lo trovo ottimo, è una perfetta scorciatoia perché permette di dimezzare di molto i tempi della montatura delle uova ottenendo allo stesso tempo ottimi risultati.

ptr

Potete variare anche la frutta che usate per il ripieno della torta, fragole al posto dell’ananas o addirittura le pesche sciroppate. E volendo osare di più, con l’ananas potete mettere delle gocce di cioccolato, sempre se vi piace l’accostamento.

dav
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

CHIACCHERE SALATE

CHIACCHERE SALATE

INGREDIENTI

125 g di farina di tipo 1

1 uovo maxi

1 cucchiaio di olio di semi di girasole

2 cucchiai di vino bianco

2 pizzichi di sale, pepe nero macinato

rosmarino fresco q.b.

1 litro di olio di semi di girasole per friggere.

Per accompagnare : salame, formaggio, olive

Diario di bordo
Appena addenterete queste fantastiche chiacchere salate calde calde, vi sembrerà di mangiare le patatine fritte, di quelle che si comprano in busta, io ho avuto questa sensazione. Che buffo vero ? Le chiacchiere salate si prestano ad essere presentati come perfetti finger food, accompagnateli a salumi, formaggi, olive e cocktail freddi, saranno spettacolari.

2o minuti

30 chiacchiere

facilissima

Le chiacchere salate sono  delle sfoglie croccanti profumate al rosmarino sfiziose e stuzzicanti. Quest’anno ho deciso di sperimentare una serie di ricette delle festività che solitamente sono dolci in versione salata. Le chiacchere salate riempiono la tavola del buffet di carnevale insieme ai dolci caratteristici. Sono velocissime da fare, si impasta tutto in una ciotola, si stende l’impasto e si friggono le strisce ricavate. Il gioco è fatto.

la ricetta passo passo

i miei consigli

Le chiacchere sono pronte, accompagnatele con salumi, formaggi e un buon aperitivo.

La ricetta è tratta dal blog di Tavolarteegusto.

 Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

nfd
Le chiacchere salate sono  delle sfoglie croccanti profumate al rosmarino sfiziose e stuzzicanti. Quest’anno ho deciso di sperimentare una serie di ricette delle festività che solitamente sono dolci in versione salata. Le chiacchere salate riempiono la tavola del buffet di carnevale insieme ai dolci caratteristici. Sono velocissime da fare, si impasta tutto in una ciotola, si stende l’impasto e si friggono le strisce ricavate. Il gioco è fatto. Appena addenterete queste fantastiche chiacchere salate calde calde, vi sembrerà di mangiare le patatine fritte, di quelle che si comprano in busta, io ho avuto questa sensazione. Che buffo vero ? Le chiacchere salate si prestono ad essere presentati come perfetti finger food, accompagnateli a salumi, formaggi, olive e cocktail freddi, saranno spettacolari. Dose : per 30 chiacchere Preparazione : 10 minuti Cottura : 10 minuti  

Ingredienti :

nfd

125 g di farina di tipo 1, 1 uovo maxi, 1 cucchiaio di olio di semi di girasole, 2 cucchiai di vino bianco, 2 pizzichi di sale, pepe nero macinato, rosmarino fresco q.b., 1 litro di olio di semi di girasole per friggere.

Per accompagnare : salame, formaggio, olive

  Procedimento : In una ciotola mescolate la farina con il sale, il pepe e il rosmarino tritato a coltello.
nfd
Aggiungete l’uovo, l’olio, il vino bianco e mescolate.
nfd
Quando i liquidi si sono assorbiti trasferite su una spianatoia e impastate il tutto con le mani.
nfd
Aggiungete un’altro poco di farina o di vino se serve. L’impasto deve risultare compatto. Formate un panetto, copritelo con la pellicola alimentare per 30 minuti.
dav
Spolverate di farina la spianatoia e stendete l’impasto il più sottile possibile. Tagliate con la rotella delle strisce.
nfd
Scaldate l’olio in una padella dai bordi alti e appena arriva ad una temperatura di 175° friggete poche chiacchere alla volta. Saranno cotte in pochissimi secondi. Contate 4 secondi, girate e fate cuocere altri 4 secondi. Scolate e poggiate su carta assorbente per pochi minuti.
nfd
Trasferite su un piatto da portate e spolverate con pepe nero e sale.
nfd
Le chiacchere sono pronte, accompagnatele con salumi, formaggi e un buon aperitivo.
nfd
I miei consigli : La ricetta può essere fatta tranquillamente con la farina 00. Io da qualche tempo sono arrivata ad un giusto compromesso usando la farina di tipo 1 e  di tipo 2. Potete stendere l’impasto anche con la macchinetta per la pasta. Se volete cuocerle in forno potete farlo aggiungendo questa piccola modifica : aggiungete 1 cucchiaio di olio in più nell’impasto. Date uno spessore più consistente alle chiacchere. Dopo averle disposte sulla carta forno, pennellatele con olio e spolveratele di rosmarino. Cuocetele a 180° per 15 minuti fino a doratura. La ricetta è tratta dal blog di Tavolarteegusto.
nfd