Crea sito
Daniwella Felicità e passione in cucina

CONTORNI

I contorni sono quelle portate che vengono servite per accompagnare i secondi piatti e di solito sono a base di verdure o legumi e possono essere fritti, al forno, bolliti e ancora arrostiti.
Gli ingredienti più utilizzati nelle ricette per preparare i contorni sono senza dubbio melanzane, peperoni, patate, piselli, carciofi, zucchine, insalata, funghi.

Burger di lenticchie vegetariani – eppure vegan

Burger di lenticchie vegetariani - eppure vegan

Diario di bordo
Non ho utilizzato nessun ingrediente animale, per questo motivo sono vegetariani e possono essere mangiati anche dai vegani. Potete renderli senza glutine sostituendo il pan grattato con del pan grattato senza glutine adatto ai celiaci. Leggete la ricetta fino alla fine dove trovate altri consigli e suggerimenti per accompagnare al meglio questi gustosi burger di lenticchie.

 I burger di lenticchie sono un piatto nutriente, sano e ricco di proteine e sopratutto si preparano velocemente con pochi semplici ingredienti rendendo questo piatto molto economico. Massima resa, minima spesa. Nel formare questi burger di lenticchie ho cercato di conferirgli un buon gusto utilizzando le verdure stesse e utilizzando l’olio solo nel passaggio secondario in padella nella fase della doratura.

Prima di lasciarvi al passo passo vorrei chiedervi una facile collaborazione, aiutatemi a capire se questa ricetta vi è piaciuta, potete farlo mettendo un “mi piace” e lasciandomi un commento proprio qui sotto nel blog – dove trovate scritto “lascia un commento”, io vi risponderò nel più breve tempo possibile. Questo è il modo più veloce in cui io e voi entriamo in contatto ed è il modo principale di farmi capire se queste ricette vi stanno piacendo e se le trovate di facile esecuzione, quindi commentate, commentate e commentate qui sotto. Grazieeee Enjoy #daniwella   

la ricetta passo passo

consigli e varianti

 Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

Burger di lenticchie vegetariani – eppure vegan I burger di lenticchie sono un piatto nutriente, sano e ricco di proteine e sopratutto si preparano velocemente con pochi semplici ingredienti rendendo questo piatto molto economico. Massima resa, minima spesa. Nel formare questi burger di lenticchie ho cercato di conferirgli un buon gusto utilizzando le verdure stesse e utilizzando l’olio solo nel passaggio secondario in padella nella fase della doratura. Non ho utilizzato nessun ingrediente animale, per questo motivo sono vegetariani e possono essere mangiati anche dai vegani. Potete renderli senza glutine sostituendo il pan grattato con del pan grattato senza glutine adatto ai celiaci. Leggete la ricetta fino alla fine dove trovate altri consigli e suggerimenti per accompagnare al meglio questi gustosi burger di lenticchie.   Dose : per 4/5 burger Tempo di preparazione : 10 minuti Tempo di cottura: 50 minuti

Ingredienti :

sdr_soft

250 g di lenticchie secche 1 carota grande 1 costa di sedano 1 cipolla piccola 1 spicchio d’aglio 1 foglia di alloro 2/3 cucchiai di pane grattugiato sale fino q.b.

  Sciacquate le lenticchie e lasciatele a bagno per 1 ora. Scolatele per bene. Mondate e lavate tutte le verdure e fatele a pezzetti. Mettete lenticchie e verdure in una padella e coprite di acqua fino a sfiorare la superficie. Fatele cuocere per 30 minuti.
nfd
  Se dopo 30 minuti non fossero ancora cotte aggiungete una tazzina di acqua calda e cuocete ancora per 5/10 minuti.
ozedf_soft
Quando le lenticchie saranno cotte e tutta l’acqua si sarà ritirata trasferite in una ciotola, salate e frullate con un mixer.
oznor_vivid
Lasciate intiepidire leggermente eppoi aggiungete 2 cucchiai di pan grattato.
oznor_vivid
Mescolate con un cucchiaio. Dovete ottenere un composto non appiccicoso lavorabile con le mani, se così non fosse aggiungete una’altro cucchiaio di pan grattato. A questo punto formate i burger.
ozedf_vivid
Scaldate una padella, ungete con pochissimo olio e cuocete i burger fino ad ottenere una crosticina croccante o la doratura che desiderate.
ozedf_vivid
I burger sono pronti. Aspettate che si intiepidiscano prima di mangiarli.
ozedf_vivid
   

I miei consigli

I burger di lenticchie sono una gustosa alternativa ai classici hamburger di carne. Se siete golosi quanto lo sono io mettete il burger di lenticchie all’interno di un gustoso panino burger buns e arricchitelo con gli ingredienti che vi piacciono. Servite i burger accompagnati da una gustosa insalata, o con delle verdure grigliate o con un semplice insalata di pomodori. Potete saltare il passaggio dell’ ammollo delle lenticchie se avete poco tempo a disposizione. In caso contrario fatelo perché il risultato è migliore sotto l’aspetto del gusto finale del burger. Mettete 1 cucchiaio di pane grattugiato alla volta e mescolate, controllate la consistenza dopo 2/3 minuti, il tempo necessario di far assorbire il pane all’impasto ed eventualmente aggiungete i successivi se il composto risulta ancora appiccicoso. Potete dar forma ai burger con le mani o con l’apposito attrezzo o con un coppa pasta di circa 8 /10 cm di diametro. Maneggiateli con cura quando li andrete a rigirare per evitare che si rompano. In alternativa potete cuocerli in forno preriscaldato a 180° per 20 minuti circa rigirandoli a metà cottura. Per limitare al minimo l’uso di olio potete usare un pennello per spennellarli in superficie da entrambi i lati. Potete prepararli in anticipo e congelarli. Scongelateli direttamente mettendoli in padella calda o forno preriscaldato per 10/15 minuti a fuoco medio. I burger di lenticchie si mantengono benissimo anche per il giorno dopo. Specialmente se li preparate in estate, conservateli in frigorifero. Sono un’ottima alternativa al panino con i salumi da portare in spiaggia o nei vostri pic nic o scampagnate.
dav_soft
 

Frittata con le tolle dell’aglio

Frittata con le tolle dell'aglio

Diario di bordo
Devo ringraziare il mio compagno che me li ha fatto conoscere, consigliandomi di farci la frittata. E così ho fatto. Credetemi, sono di un buono che più buono non si può. Per quanto mi è piaciuta l ho cucinata diverse volte. Vi propongo la frittata con le tolle dell’aglio in due versioni, al forno e in padella. Vedrete che bontà, buona sia calda che fredda, anche tagliata a quadrotti come ho fatto io ha il suo perché. Vedrete come saprà conquistarvi. Potete accompagnarla con verdure grigliate o un’insalata di pomodori come ho fatto io o diversamente mettetela dentro ad un panino e vedrete che doppia bontà.

La frittata con le tolle dell’aglio, è una delle frittate più buone che abbia mai mangiato. Non conoscevo questi steli floreali che crescono al centro della pianta dell’aglio quando è in piena maturazione. 

Prima di lasciarvi al passo passo vorrei chiedervi una facile collaborazione, aiutatemi a capire se questa ricetta vi è piaciuta, potete farlo mettendo un “mi piace” e lasciandomi un commento proprio qui sotto nel blog – dove trovate scritto “lascia un commento”, io vi risponderò nel più breve tempo possibile. Questo è il modo più veloce in cui io e voi entriamo in contatto ed è il modo principale di farmi capire se queste ricette vi stanno piacendo e se le trovate di facile esecuzione, quindi commentate, commentate e commentate qui sotto. Grazieeee Enjoy #daniwella   

la ricetta passo passo

consigli e varianti

 Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

Frittata con le tolle dell’aglio
ozedf_soft
La frittata con le tolle dell’aglio, è una delle frittate più buone che abbia mai mangiato. Non conoscevo questi steli floreali che crescono al centro della pianta dell’aglio quando è in piena maturazione. Devo ringraziare il mio compagno che me li ha fatto conoscere, consigliandomi di farci la frittata. E così ho fatto. Credetemi, sono di un buono che più buono non si può. Per quanto mi è piaciuta l ho cucinata diverse volte. Vi propongo la frittata con le tolle dell’aglio in due versioni, al forno e in padella. Vedrete che bontà, buona sia calda che fredda, anche tagliata a quadrotti come ho fatto io ha il suo perché. Vedrete come saprà conquistarvi. Potete accompagnarla con verdure grigliate o un’insalata di pomodori come ho fatto io o diversamente mettetela dentro ad un panino e vedrete che doppia bontà. Preparazione : 5 minuti Cottura : 30 minuti

Ingredienti :

ozedf_vivid

1 mazzetto di tolle d’aglio fresche 4 uova medie 4 cucchiai di grana padano grattugiato 2 cucchiai di latte 2 pizzichi di sale fino 2 cucchiai di olio e.v.o. 3 tazzine di acqua tiepida.

Preparazione : Mondate e lavate sotto acqua corrente le tolle dell’aglio. Eliminate la punta e la base. Utilizzate solo la parte centrale più morbida.
dav_vivid
Fatela a tocchetti di circa 2/3 cm. Versate in una padella con l’olio e 1 tazzina d’acqua. Fate stufare a fuoco medio/basso con il coperchio, aggiungendo una alla volta le restanti tazzine di acqua quando la precedente è stata assorbita dalle tolle.
oznor_vivid
Nel frattempo in una ciotola sbattete le uova, aggiungete il formaggio, il latte, un pizzico di sale e di pepe e mescolate.
dav_vivid
  Quando le tolle saranno tenere, aggiungete un pizzico di sale e mescolate. Abbassate il fuoco al minimo e con un mestolo forato scolateli dall’eventuale olio e versateli nella ciotola delle uova, mescolate velocemente per amalgamare il tutto.
dav_vivid
COTTURA DELLA FRITTATA IN PADELLA Controllate la padella ed eventualmente aggiungete un’altro goccino di olio, alzate nuovamente il fuoco e versate il composto di uova e tolle cotte nella padella tutto in una volta. Cuocete per 15 minuti a fuoco basso e mettendo un coperchio. Dopo di che con l’aiuto di un coperchio più grande e piano, capovolgete la frittata, versatela nuovamente in padella e cuocete per altri 5 minuti circa, questa volta senza coperchio e alzando leggermente il fuoco sotto la padella.
dav_soft
Una volta cotta potete usare della carta assorbente per togliere l’unto in eccesso da entrambi i lati della frittata.
dav_vivid
Servite la frittata con le tolle dell’aglio a spicchi o a cubotti calda, tiepida o a temperatura ambiente.
dav_vivid
COTTURA DELLA FRITTATA AL FORNO Quando le tolle saranno tenere, aggiungete un pizzico di sale e mescolate. Abbassate il fuoco al minimo e con un mestolo forato scolateli dall’eventuale olio e versateli nella ciotola delle uova, mescolate velocemente per amalgamare il tutto.
dav_vivid
Preriscaldate il forno a 180°. Foderate uno stampo con un foglio di carta forno bagnato e strizzato. versate il composto di uova e tolle dell’aglio cotte e infornate in forno caldo per 20/25 minuti o fino a che non risulta ben dorata, controllate sempre la cottura dal vetro dello sportello.
edf_vivid
Passato il tempo sfornate la frittata, lasciatela intiepidire dopo di che staccate la carta forno dalla parte inferiore della frittata.
edf_soft
Fate a quadrotti e portate in tavola.
dav_soft
  I miei consigli La frittata con le tolle dell’aglio è molto buona anche il giorno dopo. Conservatela in frigorifero. Le tolle dell’aglio, chiamate anche zolle dell’glio in dialetto, si possono consumare sia fresche o  lavorate come squisite conserve. Le tolle ridotte in bastoncini si scottano acqua, aceto e sale per alcuni minuti. Una volta scolati si trasformano in preziosi vasetti sott’olio, ma sono ottime per impreziosire le insalate verdi le insalate di pasta e riso freddi.  Le tolle ridotte in crema sono squisite con crostini, bruschette o per accompagnare carne, pesce o formaggi.  
dav_soft

FALAFEL DI CECI

FALAFEL DI CECI – RICETTA N° 255

INGREDIENTI

300 g di ceci secchi
2 spicchi d’aglio
1 cipolla piccola
2 ciuffi di prezzemolo
2 cucchiaini rasi di cumino in polvere
1 cucchiaino di coriandolo in polvere
1 pizzico di paprika dolce
1 pizzico di bicarbonato
2/3 cucchiai di olio e.v.o.
sale e pepe in polvere q.b.
olio di semi di arachidi per friggere q.b.

INGREDIENTI PER LA SALSA ALLO YOGURT :
250 g di yogurt greco
qualche goccia si succo di limone
1 spicchio d’aglio tritato 2 gambi di prezzemolo fresco, 4/5 fili di erba cipollina (facoltativo)
poca paprika
sale e pepe q.b.

 

Diario di bordo
Vi dirò una cosa : ho sempre visto queste polpettine ogni volta che sono andata a comprarmi il panino kebab qui a Pescara, ma non sono mai stata invogliata a comprarne qualcuna per assaggiarla. Con l’apertura del mio blog però sto scoprendo cucine e culture diverse, così ho deciso di cimentarmi e prepararle a casa , amici non ci crederete … udite udite… le ho trovate assolutamente spettacolari … davvero non me l’aspettavo, il mix di spezie le rendono appetitose tanto dal non riuscire a trattenermi dal mangiarmele tutte. Mentre le friggevo, ero inebriata dal profumo del coriandolo misto a paprika e cumino. Spezie che mescolate assieme hanno dato un profumo mai sentito prima d’ora. Tanto che mi sono riproposta di cucinarle ancora e inserirle nel mio menù mensile.

45 minuti

4/6 porzioni

I Falafel sono polpette di legumi, tipici antipastini mediorientali che vivacizzano le tavole libanesi, turche, siriane, ma anche quelle greche o israeliane.

Ho deciso di accompagnarle con la salsa allo yogurt, e devo dire che la scelta è stata azzeccatissima, squisita anche questa. La ricetta è vegetariana e vegana, non si adatta però solo a chi a scelto questo stile di vita, ma anche a chi apprezza scoprire sapori nuovi e cibi che si mangiano in altre parti del  mondo e a chi non sa mai cosa cucinare di alternativo il venerdì al posto della carne. Numerose sono le versioni dei falafel. Io adoro quelle dei falafel di ceci. La mia versione parte dai ceci crudi, lasciati in ammollo per una notte, dopo di che si tritano e si aggiungono le spezie. Esistono anche versioni di falafel con i legumi cotti spesso fave con aggiunta di soia edamame. Ma per me la migliore e a cui non rinuncio è proprio questa qui. E per finire adoro la versione in questione che è fritta, farà male ma è troppo buona. Buona giornata a tutti.

 

curiosità

Il grande successo dei falafel è dovuto alla loro economicità e praticità. In Medio Oriente sono reperibili ovunque, anche come cibo di strada, dalle bancarelle delle grandi città a quelle dei villaggi, o nelle stazioni di rifornimento nel deserto; in Europa sono stati introdotti dalle rosticcerie turche come alternativa vegetariana al kebab.

 

la ricetta passo passo

consigli e varianti

Oltre ad essere belle sono squisite. Questa che vedete in foto e la mano della mia amica Grazia che come vedete non ha resistito all’assaggio perché sa che sono troppo buone.

 Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

VERDURE GRATINATE AL FORNO

VERDURE GRATINATE AL FORNO – RICETTA N° 252

INGREDIENTI 

2 melanzane

2 zucchine

2 peperoni rossi

2 carote

2 cipolle di tropea

2 cucchiai rasi di pan grattato

2 cucchiaini di semi di sesamo tostato

2 cucchiai di olio extra vergine di oliva

 

 

 

 

Diario di bordo
Se le feste ci regalano davvero tanta allegria dall’altro lato ci regalano enormi abbuffate, gonfiore addominale, stomaco e pancia grandi come un pallone. E vogliamo parlare della sonnolenza e stanchezza che si protraggono per giorni ? Alzi la mano chi ripete questa frase ogni anno : finite le feste mi metto a dieta. Vi avverto che la mano l’ho alzata anche io. E allora tutta per voi...e per me...una ricetta leggera che non vi farà di sicuro rimpiangere il gusto delle feste!

75 minuti

2 persone

facilissima

Le verdure gratinate al forno sono un piatto che nella loro semplicità sono gustose ma sopratutto leggere senza farci rimpiangere i sapori spiccati delle feste. Io le preparo spesso il lunedì. Inizio così la settimana con lo slancio di cui ho bisogno per continuare a cucinarmi piatti leggeri anche nei giorni successivi. Grazie ai semi di sesamo posso evitare di mettere il sale, voi se volete potete aggiungerlo. Questa volta me le sono preparate ieri, ho deciso di mangiarmele anche oggi visto che ne ho cucinato un pochino di più. Buona giornata a tutti. Enjoy #daniwella   

la ricetta passo passo

i miei consigli

 Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

FRITTATA DI RISO

FRITTATA DI RISO – RICETTA N° 229

 

 

INGREDIENTI

300 g di risotto avanzato

4 uova medio-grandi

50 g di Grana Padano grattugiato

sale e pepe q.b.

olio e.v.o. per friggere la frittata 

 

 

 

 

Diario di bordo
La frittata di riso è un mio confort food. La mangiavo quando ero bambina, quando vivevo a Roma. Mia madre era in grado di preparare piatti spettacolari con ingredienti avanzati.

2o minuti

4/6 Porzioni

facilissimma

Oggi vi propongo, una ricetta del riciclo quindi, con del risotto avanzato. Io ho utilizzato il risotto agli asparagi che mi è avanzato quando ho fatto questa ricetta, che potete trovare qui. Se volete partire dal riso crudo, pesatene 150 g e fatelo bollire per il tempo indicato sulla confezione. Scolatelo, fatelo raffreddare eppoi procedete come da ricetta. Avete letto il mio ultimo post dove io mi racconto intitolato Pillole di Daniwella ? Potete trovare il link alla fine della ricetta. Per oggi è tutto, vi auguro una piacevole serata.  

la ricetta passo passo

Consigli

Se partite dal riso bollito insaporitelo con prosciutto cotto a pezzetti, o pancetta o qualsiasi formaggio che fonda a cubetti. Per renderlo vegetariano invece potete mettere zucchine grattugiate o spinaci novelli tagliati a pezzetti a crudo nell’impasto. O ancora dei funghi saltati molto velocemente in padella. Usate la vostra fantasia che sono sicura non ha confini.

Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

TORTA DI VERDURE SENZA SFOGLIA SENZA OLIO E SENZA BURRO – RICETTA N° 218

TORTA DI VERDURE SENZA SFOGLIA SENZA OLIO E SENZA BURRO – RICETTA N° 218

Vi innamorerete di questa torta, già lo so. Escluso il tempo di pulizia delle verdure e relativa cottura, si fa in men che non si dica. Non dovete preparare o comprare gusci di pasta sfoglia o brisé, perché in questa torta non ci sono. La fetta starà su grazie alla pastella fatta con le uova il latte e il parmigiano che compatteranno la torta, e vi permetteranno di avere la vostra porzione tutta intera. Se non vi piacciono i piselli o uno degli ortaggi qui descritti o se non li avete tutti a disposizione, potete sostituirli con dei fagiolini bolliti, funghi trifolati o asparagi tutti e tre cotti a parte e poi mescolati alla fine alle altre verdure cotte. Ultima cosa importante : una volta versate le verdure cotte nello stampo, dovete con la spatola fare dei piccoli solchi per permettere alla crema di uova di penetrare all’interno quel tanto che serve per farle fungere da collante e far stare insieme tutta la torta. La ricetta è tratta dalla rivista che ho comprato tempo fa  “Le ricette di Chiara”, con opportune modifiche da parte mia. Al posto del latte vaccino ho usato il latte di soia, e come formagella indicata nella ricetta originale, ho usato una caciotta di mucca senza lattosio, e ho portato la sua dose da 80 g a 150 g. Il timo fresco non lo avevo e l’ho sostituito con pochissimo timo secco. Per la presenza della zucca, troverete la ricetta nella categoria “Ricette di Halloween”.
 

Dose : per uno stampo da 10-12 porzioni di cm 26 di dm
Preparazione : 50 minuti
Cottura : più di 1 ora

 

Ingredienti :

3 zucchine
3 carote
300 g di zucca
200 g di piselli surgelati
3 uova
70 g di farina
200 ml di latte (io uso latte di soia)
50 g di Parmigiano grattugiato
150 g di caciotta di mucca o formaggio misto
sale e pepe q.b.
qualche rametto di timo fresco
2/4 cucchiai di olio extra vergine di oliva

PREPARAZIONE :

Mondate, lavate e fate a dadini più o meno della stessa lunghezza le zucchine, la zucca e le carote.

In una pentola capiente mettete 2 cucchiai di olio e versatevi gli ortaggi preparati e i piselli; aggiungete mezzo bicchiere d’acqua e fate cuocere tutto a fiamma media, coperto per circa 20-30 minuti, fino a quando saranno morbidi. Fate raffreddare.

Preparate la pastella. In una ciotola sbattete le uova, aggiungete mescolando la farina, successivamente il latte, sale pepe e Parmigiano.

Foderate una tortiera con carta forno e versatevi le verdure cotte. Profumate con il timo esfoliato fresco se lo avete. Tagliate a cubetti il formaggio che avete deciso di usare e mettete sopra le verdure in modo omogeneo.

Versate la pastella ottenuta sopra il tutto e aiutandovi con il cucchiaio fate dei piccoli solchi per far scendere la crema in mezzo alle verdure. Cuocete in forno preriscaldato a 180° per 25 minuti circa.

Fate intiepidire eppoi servite.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

POLPETTE DI ZUCCA – RICETTA N° 213

POLPETTE DI ZUCCA – RICETTA N° 213 

 Questa è una mia ricetta, una versione personale che ho realizzato la settimana scorsa. Avevo già provato quelle viste su un paio di siti molto seguiti, molto tempo fa, ma non mi avevano soddisfatta. Per fare le polpette, cerco sempre di riutilizzare il pane che è raffermo, mettendolo a bagno nell’acqua, dopo di che lo strizzo. Aggiungo un pochino di pangrattato solo se l’impasto risulta troppo morbido, eppoi lo metto in frigo a rassodare il tempo necessario, 20/30 minuti se vado di fretta, anche 1 ora se vado con calma. Se presenterete queste polpette alla vostra festa di Halloween, i vostri amici e commensali, ne saranno piacevolmente entusiasti. Io ho provato sia la versione fritta che al forno. Ma voi vedrete solo la foto delle polpette fritte, perchè quelle cotte al forno, sono finite prima che io facessi la foto, non sono riuscita a salvarne nemmeno una. Aspetto i vostri commenti. Sarei molto felice di leggere sul blog cosa ne pensate. Per scrivere un vostro commento arrivate fino alla fine della ricetta, scorrete con il mouse oltre la mia presentazione, quella in cui vi parlo di me, e subito dopo troverete la scritta “Posta un commento”. Scrivetemi, commentatemi, o salutatemi, io sarò felicissima di rispondervi.
Buona giornata.



Dose : per 20 polpette circa
Preparazione : 30 minuti
Cottura : 30 minuti la zucca + 20 minuti per cuocere le polpette

 

Ingredienti :

300 g di zucca già cotta
200 g di pane raffermo già ammollato e sbriciolato
90 g di parmigiano reggiano grattugiato
40 g di provola affumicata a pezzetti
2 cucchiai di pecorino romano
un pizzico di curcuma
un pizzico di pepe
2 pizzichi di sale
2 rossi d’uovo
un ciuffetto di prezzemolo
una grattugiata di noce moscata
1 ciuffo di prezzemolo
da 2 a 3 cucchiai di pangrattato se servisse + q.b. per impanare
olio di semi per friggere q.b. (io uso olio di oliva o olio di arachide)


PREPARAZIONE :

In una ciotola mettete la zucca, il pane, il parmigiano, la provola affumicata, il pecorino, la curcuma, la noce moscata, il pepe, il sale, il prezzemolo tagliato al coltello finemente, i rossi d’uovo  e impastate il tutto.

Dopo aver visto la consistenza dell’impasto potrete aggiungere 1 cucchiaio di pangrattato alla volta, aspettando qualche minuto per vedere se è sufficiente o bisogna aggiungere l’altro. Il pangrattato assorbirà i liquidi in eccesso, ma ci mette qualche minuto. Mettete a rassodare il composto in frigorifero almeno 30 minuti.

Formate le polpette e rotolatele nel pangrattato.

Friggete le polpette in olio ben caldo, rigiratele con una forchetta per dorarle su entrambi i lati.

Fatele scolare su carta assorbente. Eventualmente fatele cuocere in forno a 180° per circa 20/30 minuti.

Ecco le polpette di zucca per la vostra cena di Halloween. Avete visto che bel colore arancione ?

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

SFORMATO DI PATATE E RICOTTA – RICETTA N° 208

SFORMATO DI PATATE E RICOTTA – RICETTA N° 208

Qualche tempo fa degli amici di Corrado gli anno regalato della ricotta fresca riportata dalla montagna. E dal momento che ne era un bel po’, l’ho suddivisa, e lo utilizzata per fare questo sformato ed altre 3 ricette. Se volete provare il sapore gradevole di questo sformato diverso dal solito, provate la mia ricetta, ne sarete entusiasti e le vostre papille gustative ve ne renderanno grazie. Infatti questo è uno dei 3-4 modi in cui faccio lo sformato di patate. Entro la fine del mese di ottobre, pubblicherò anche gli altri. Allora, mano ai fornelli e preparate questo sformato di patate e ricotta per la cena di questa sera, e sarà amore al primo assaggio.

 

Dose : per 4 porzioni
Preparazione : 50/60 minuti
Cottura : 25/30 minuti

 

Ingredienti :

4 patate di grandezza media
300 g di ricotta di mucca
4-5 cucchiai di parmigiano grattugiato
sale e pepe q.b.
mezzo cucchiaino di curcuma facoltativo

 

PREPARAZIONE :

Lavate le patate sotto l’acqua corrente, e mettetele a cuocere con tutta la buccia in abbondante acqua salata. Cuocete per 20-25 minuti circa a partire dal bollore, fino a che saranno morbide bucandole con una forchetta.

Schiacciate le patate in una ciotola, con uno schiacciapatate.

Aggiungete la ricotta il pepe la curcuma e mescolate per bene.

Incorporate 3 cucchiai di parmigiano. Assaggiate e aggiustate di sale e altro parmigiano se serve.

A questo punto versate le patate nella pirofila e livellate per bene.

Infornate in forno preriscaldato a 180° per 25 minuti, o fino a che la superficie non sarà dorata.

Aspettate 10/15 minuti prima di tagliarlo in porzioni.

E godetevi il vostro amore a prima vista.

CONSIGLI PIU’:

Potete preparare questo sformato anche con la ricotta senza lattosio.
Potete prepararlo senza cuocerlo anche il giorno prima. Riponetelo coperto da pellicola trasparente in frigorifero. Tiratelo fuori al momento di cuocerlo anche una 40 minuti prima di mangiare, così rientrerete nei tempi di cottura e riposo.
In un prossimo post vi esporrò i benefici di questa spezia preziosa, la curcuma. IO da quando l’ho conosciuta la metto dappertutto.
Se volete comprare la curcuma, ormai la trovate in qualsiasi supermercato, negli scaffali o carrellini dedicati alle spezie.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

LASAGNA DI ZUCCA E PATATE LIGHT – RICETTA N° 207

LASAGNA DI ZUCCA E PATATE LIGHT – RICETTA N° 207

Cominciamo oggi con le ricette di Halloween. E’ tradizione ormai che tutte le blogger propongano sui loro siti e blog tante ricettine a base di zucca e non, e dolcetti a tema MOSTRUOSO E A SUON DI STREGHE E ZOMBI, per festeggiare al meglio questa festività che è entrata da diversi anni di diritto anche in Italia. Questa è una ricetta di mia madre, che io ho leggermente modificato.  Le dosi sono indicative perché è un piatto che faccio sempre a occhio, senza pesare i vari ingredienti, in base a quanta zucca e quante patate ho in quel momento. Potrebbe occorrervi più o meno zucca, o patate, a seconda dello stampo e di quanti strati volete ottenere. Io ne ho fatti 3 di zucca e 3 di patate.

Questa lasagna ho deciso di chiamarla così “DI” e non “CON “, perché sostituisco la PASTA con delle VERDURE, senza rinunciare all’effetto a strati delle lasagne. Le verdure vengono tagliate abbastanza sottili e messe a crudo, e l’unico condimento usato per cuocerle è il latte e pochissimo olio, in questa maniera, si alleggerisce il carico dei grassi, rendendolo un piatto piuttosto light. Se non volete usare il latte vaccino anche senza lattosio, potete usare un latte vegetale come quello di soia, riso o avena, e per una versione completamente Vegan, usate il grana vegano al posto del Parmigiano reggiano. Ricordatevi sempre di far riposare almeno 15 minuti la vostra lasagna una volta uscita dal forno, per avere una porzione tutta intera nel vostro piatto. Ora vi saluto vado a preparare le altre ricette da mettere nel blog. Tante sorprese in serbo per voi, e quest’anno ho deciso di mettere anche qualche ricetta di halloween per i bambini.

Continuate a seguirmi, e ne vedrete delle belle, ve lo assicuro.

 

Dose : per un contenitore rettangolare da 4 porzioni
Preparazione : 15 minuti
Cottura : + di 1 ora

 

Ingredienti :

200/300 g di zucca già pulita
2/3 patate di media grandezza
6 cucchiaio di olio e.v.o. (1 per ogni strato)
100/150 ml di latte (all’incirca)
80/100 g di Parmigiano o Grana grattugiato
sale e pepe q.b.
qualche ago di rosmarino spezzettato facoltativo

 

PREPARAZIONE :

Mondate le patate e lavatele. Fate a fettine sottili di 5 mm la zucca e le patate . In una teglia fate un primo strato di fettine di zucca, versateci sopra qualche cucchiaio di latte, un cucchiaio di olio, spolverate con del sale q.b. pepe e formaggio grattugiato.

Fate la stessa cosa con le patate.

Continuate ad alternare gli strati con le 2 verdure e gli ingredienti. Terminate con l’ultimo strato di patate, latte, olio, sale e abbondante formaggio grattugiato.

Coprite con l’alluminio la superficie della teglia. Infornate in forno preriscaldato a 180° per circa 1 ora o fino a che le verdure non risulteranno cotte. Controllate le verdure a metà cottura, infilando una forchetta per vedere se le verdure sono già morbide. Nel caso contrario continuate la cottura.

Passata l’altra mezz’ora fate il secondo controllo. Se le verdure sono morbide, togliete l’alluminio e fate colorire la superficie come in foto.

Aspettate 15 minuti e impiattate.

Ecco un primo piano della lasagna di zucca e patate.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

PURE’ DI PATATE SENZA LATTE VACCINO SENZA BURRO SENZA FORMAGGIO GRATTUGIATO – RICETTA N° 199

PURE’ DI PATATE SENZA LATTE VACCINO SENZA BURRO SENZA FORMAGGIO GRATTUGIATO – RICETTA N° 199

Finalmente posso mangiarmi il mio piatto preferito e confort food per eccellenza, senza mal di pancia e senza quel fastidioso gonfiore addominale. In pratica l’ho veganizzato riuscendo ad ottenere un risultato più che soddisfacente. Ci sono volute ben 4 prove e tentativi, ma alla fine ci sono riuscita. L’ho fatto assaggiare alla mia amica Eleonora, e lei me ne ha confermato la bontà e la completa somiglianza ad un purè fatto con ingredienti di origine animale. Provate il mio purè sia che siate intolleranti, vegani o onnivori. Le vostre papille gustative ve ne renderanno grazie. I miei auguri per la seconda parte di questa giornata all’insegna del divertmento e del rilassamento ovunque voi siate.

BUONA SERATA DI FERRAGOSTO A TUTTI VOI.

 

Dose : per 3 porzioni
Preparazione : 15/20 minuti
Cottura : 20/30 minuti

 

Ingredienti :

4 patate di grandezza media
150/200 ml di latte di soia non zuccherato
100 g circa di panna vegetale di soia (io ho usato quella autoprodotta da me)
4 cucchiai di lievito granulare in povere
una grattugiata di noce moscata
sale e pepe q.b.
2 pizzichi (la punta di un cucchiaino) di curry

 

PREPARAZIONE :

Per prima cosa mettete a bollire le patate in abbondante acqua con tutta la buccia, calcolando dal momento del bollore 20/30 minuti. Le patate dovranno essere cotte ma non devono spappolarsi.

Mentre le patate cuociono preparate la panna vegetale di soia (voi potete usare quella già pronta se volete fare prima). Usate questa dose per prepararla da voi : 40 ml di latte di soia, 70 ml di olio e.v.o. (io ho usato quello comprato dal contadino, per me la panna così, è venuta ancora più buona). Mettete in un beker il latte di soia e l’olio e.v.o. Usando il frullatore ad immersione, frullate il tutto fino ad avere un’emulsione cremosa. Mettete in frigorifero fino al momento di utilizzarla.

In una pentola mettete a scaldare il latte di soia, e versate all’interno le patate che avrete precedentemente pelate e schiacciate con lo schiacciapatate.

Amalgamate per incorporare tutti gli ingredienti che aggiungete ogni volta in questa sequenza : panna vegetale, il sale, il pepe,noce moscata, il curry e il lievito alimentare in fiocchi.

Assaggiate infine per aggiustare di sale. La presenza del curry pur non sentendosi ha conferito alla pietanza quel perchè in più. Per quanto riguarda il latte di soia, cominciate con 100 ml, poi man mano che serve aggiungete il resto. A seconda delle patate che userete è probabile che non dovete usare la dose che vi ho scritto. Potete usarne forse 150 ml o forse tutti i 200 ml.

Ecco il mio gustosissimo e cremoso purè di patate vegan.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA