Crea sito
Daniwella Felicità e passione in cucina

Vegetariani

Agretti in Padella con Aglio Olio e Peperoncino – Ricetta Facile e Gustosissima

Agretti in Padella con Aglio Olio e Peperoncino – Ricetta Veloce e Gustosissima

Gli agretti in padella sono un contorno facile e gustosissimo. Si preparano bollendo gli agretti, si scolano e si ripassano in padella e il gioco è fatto. Gli agretti o barba di frate sono un delizioso ortaggio primaverile, somigliante all’erba cipollina per aspetto e agli spinaci come gusto, hanno una consistenza morbida e un gusto saporito. La cottura richiederà pochissimi minuti e il passaggio degli agretti in padella altrettanto, in qualche secondo si insaporiranno dell’olio che avrà assorbito il sapore dell’aglio e del peperoncino. Vi assicuro che al primo assaggio degli agretti in padella sarete rapiti dal loro sapore squisito e piccantino. Avrete così un contorno incredibilmente leggero e saporito allo stesso tempo. Sono perfetti per la cena quando il tempo a disposizione è poco e non volete rinunciare ad un piatto saporito, veloce e light. Gli agretti in padella sono squisiti anche il giorno dopo mangiati a temperatura ambiente o riscaldati nuovamente in padella per qualche minuto. Quindi ideali anche da preparare prima ed avere così un piatto già pronto, vi basterà solamente riscaldarlo. Vi invito a cliccare qui sopra, per scoprire l’articolo che ho pubblicato qualche settimana fa per sapere come pulire e cuocere gli agretti. E’ interessante sapere che questi ortaggi così verdi sono ricchi di sostanze nutritive e che durano per un periodo che va da metà marzo a fine maggio. In alcune annate a volte gli agretti sono disponibili fino a luglio. Ma queste ed altre informazioni le trovate proprio aprendo l’articolo che vi ho suggerito. Se vi è piaciuta la ricetta usate il bottoncino dell’icona di Facebook e di Twitter che si trovano sopra ⇑ sotto al titolo della ricetta e condividetela sul vostro profilo. Un grazie a chi lo farà. Leggete l’articolo fino alla fine dove troverete i miei consigli e i trucchetti per realizzare questa e tutte le mie altre ricette a regola d’arte. Se ti è piaciuto questo articolo condividilo sui social, grazie !!!

 

Dosi : per 3 porzioni
Preparazione : 15 minuti
Cottura : 10 minuti

 

Ingredienti

1 mazzetto di agretti
3 cucchiai di olio e.v.o.
1 spicchio d’aglio
peperoncino
sale

 

LA RICETTA PASSO PASSO

Per pulire e cuocere gli agretti seguite le indicazioni dell’articolo che ho citato sopra.

Scolateli una volta cotti.

In una padella versate l’olio, l’aglio in camicia schiacciato, il peperoncino franto e un pochino di sale. Scaldate il tutto a fuoco basso per 2 minuti circa.

Aggiungete gli agretti e fateli insaporire per 5 minuti. Assaggiate ed eventualmente aggiustate di sale. Impiattate.

 

I MIEI CONSIGLI

Potete togliere l’aglio anche dopo 30 secondi. Questo è il tempo necessario per aromatizzare l’olio.

Lascio a voi la scelta di decidere quanto peperoncino mettere in base ai vostri gusti personali, proprio per questo motivo non ne ho indicato la quantità nella descrizione degli ingredienti.

Io ho usato il peperoncino franto a pezzetti che preferisco e che uso sempre essendo disponibile tutto l’anno. In alternativa si può usare quello rimacinato o in polvere secco. Per chi lo preferisce è perfetto anche il peperoncino fresco.

 

Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

Quante cose si possono fare con gli agretti. Hai visto questa ricetta ? Clicca qui per leggerla.

Agretti al limone – Ricetta Primaverile Facilissima e Gustosa

Agretti al limone – Ricetta Primaverile Facilissima e Gustosa

Gli agretti al limone sono un contorno primaverile fresco e leggero. Si preparano velocemente e facilmente. In pochissimo tempo avrete in tavola un contorno di agretti al limone davvero gustoso, grazie alla citronette di olio e limone e perfetti da mangiare da soli o come accompagnamento a piatti di carne o pesce. Gli agretti si trovano solo per un breve periodo in primavera e sono pieni di sostanze nutritive, approfittatene ora perché questa verdura dura fino alla fine di maggio. Per avere gli agretti al limone gustosi e saporiti dovete per prima cosa cuocerli in abbondante acqua. Per le informazioni di pulizia e cottura cliccate sull’articolo   Come pulire e cucinare gli agretti : info e curiosità. Se vi è piaciuta la ricetta usate il bottoncino dell’icona di Facebook e di Twitter che si trovano sopra ⇑ sotto al titolo della ricetta e condividetela sul vostro profilo. Un grazie a chi lo farà. Leggete l’articolo fino alla fine dove troverete i miei consigli e i trucchetti per realizzare questa e tutte le mie altre ricette a regola d’arte. Se ti è piaciuto questo articolo condividilo sui social, grazie !!!

 

DIARIO DI BORDO

Gli agretti sono molto versatili, sono piene di sostanze nutritive, quindi vi consiglio di farne sempre il pieno e di approfittare a cucinarli e approfittarne durante tutta la loro presenza sul mercato. Quest’anno mi sono sbizzarrita pubblicando diverse ricette con gli agretti come gli spaghetti con agretti, la frittata con gli agretti e la quiche con gli agretti ricotta e guanciale. Con questa ricetta siamo a 4, ne manca un’altra che ho preparato  e chissa… forse se c’è ne sarà un’altra ancora. Rimanete sintonizzati mi raccomando.

 

Dose : per 3 porzioni
Preparazione : 15 minuti
Cottura: 4 minuti

 

Ingredienti

1 mazzetto di agretti
mezzo limone
3 cucchiai di olio
sale e pepe q.b.

 

LA RICETTA PASSO PASSO

Per pulire e cuocere gli agretti seguite le indicazioni dell’articolo che vi ho citato sopra.

Scolateli una volta cotti.

In una ciotola versate l’olio il limone, il sale e il pepe q.b.

Sbattete con una forchetta per emulsionare i due liquidi.

Versate la salsina sugli agretti bolliti e conditeli per bene.

Aspettate 10 minuti prima di servirli e mangiarli.

Gli agretti sono pronti per essere consumati in tutta la loro semplicità e bontà.

 

I MIEI CONSIGLI

Gli agretti al limone si conservano 2 giorni chiusi in un contenitore in frigorifero per 2 giorni.

Aspettate sempre 10 minuti dopo che li avete conditi prima di mangiarli, in questa maniera tutti gli ingredienti e i loro sapori si amalgamano perfettamente, regalando ad un piatto così semplice un’infinità freschezza e bontà.

 

Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

Spaghetti con agretti aglio olio e pomodorini – Ricetta Facilissima

Spaghetti con agretti aglio olio e pomodorini – Ricetta Facilissima

 

Gli spaghetti con gli agretti sono un primo piatto veloce da preparare e molto molto gustoso. Questa verdura è tipicamente primaverile, ed è presente nei mercati verso la fine del mese di marzo a tutto maggio. In questi giorni di quarantena a causa del corona virus ho provato molte ricette, le ho fotografate, mangiate eppoi come mia consuetudine ho cominciato a scrivere sul blog molte di queste ricette provate. Gli spaghetti con gli agretti sono tra loro. Li cucino così da molto tempo, ma questa era una di quelle ricette che rimandavo ano dopo anno, sul mio blog, quest’anno mi sono decisa ed eccola qui presente. Nei prossimi giorni vi proporrò altre ricette a base di agretti semplici, veloci e sopratutto salutari. Leggete l’articolo fino alla fine dove troverete i miei consigli e i trucchetti per realizzare gli spaghetti aglio olio e pomodorini più buoni che ci siano. Se ti è piaciuto questo articolo condividilo sui social, grazie !!!

 

DIARIO DI BORDO

Da che ne ho memoria, la mia famiglia ha sempre consumato gli agretti fin da quando ero bambina e vivevo a Roma. Con piccoli accorgimenti questa verdura diventa davvero saporita e invitante sopratutto quando la si usa all’interno di altre ricette come torte salate. Io personalmente ultimamente li cuocio anche in pentola in pentola a pressione. Pochissima acqua portata ad ebollizione, ci butto dentro gli agretti lavati per bene, chiudo il coperto e calcolo 4 minuti di cottura a partire dal fischio del coperchio e quando li mangio sono davvero una bontà.

 

Dose : per 2 persone
Preparazione : 20 minuti
Cottura : 15 minuti

Ingredienti

1 mazzetto di agretti
5 pomodorini ciliegino
100 g di passata di pomodoro
1 spicchio d’aglio piccolino
1 cipolla piccola
4 cucchiai di olio e.v.o.
1 pizzico di origano
1 cucchiaio di prezzemolo tritato
1 pizzico di pepe
1 pizzico di peperoncino
160 g di spaghetti

 

La ricetta passo passo

Pulite gli agretti privandoli delle radici.

Lavateli accuratamente in abbondante acqua fino a che non uscirà più traccia di terra.

Cuoceteli per 4 minuti in acqua bollente, chiudete il fuoco e lasciateli all’interno della pentola per altri 4 minuti a fuoco spento.

Mentre cuociono gli agretti in una padella mettete lo spicchio d’aglio, la cipollina, i pomodorini fatti a cubetti e la passata di pomodoro.

Scolate gli agretti e finite la cottura nel sughetto.

Cuocete gli spaghetti al dente in abbondane acqua salata, scolateli e ripassateli in padella con gli agretti e il sughetto.

Aggiungete infine pepe e peperoncino. Spolverate con il grana padano.

 

I MIEI CONSIGLI

Se volete potete cuocere gli agretti direttamente insieme alla pasta.

Se volete un sapore più deciso potete condire gli spaghetti con una salsa al formaggio sciogliendo 100 g di gorgonzola dolce a cubetti in 250 ml di panna liquida fresca a fuoco dolce. Completate con 40 g di nocciole tostate tritate al posto del grana. Con questa dose dovete però aumentare la dose degli spaghetti fino a 300 g.

 

Buon Appetito

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

Scopri la ricetta successiva, quella del Pane Veloce Senza Impasto

COME PULIRE E CUCINARE GLI AGRETTI – info e curiosità

COME PULIRE E CUCINARE GLI AGRETTI – info e curiosità

 

Agretti o barba di frate : sono conosciuti anche con altri nomi nel resto dell’Italia. Qui da me a Pescara  in dialetto si chiamano MINISCURD . Sono ortaggi tipici della primavera da marzo inoltrato a tutto maggio.

Hanno parecchie proprietà benefiche in quanto sono ricchi di potassio, calcio, vitamina C e B 3. Sono molto diuretici, depurativi, rimineralizzanti, depurano il sangue dai trigliceridi e dal colesterolo e facilitano l’eliminazione delle scorie.

Sapevate che per sfruttare al meglio le loro proprietà depurative l’ideale sarebbe fare la cura di agretti ?  Consumarli cioè ogni giorno per un mese.

In primavera potete trovarli in tutti i negozi che vendono frutta e verdura.

 

Come pulire gli agretti step by step

 

La parte commestibile degli agretti è solo quella verde. Tagliate la parte rosa della radice e buttatela.

Mettete gli agretti a bagno in una ciotola e se volete aggiungete 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio. Scolate  e sciacquate per 3/4 volte fino a che l’acqua sarà limpida senza alcun rimasuglio di terra.

Consiglio di cucinare gli agretti sempre in poca acqua calda già in ebollizione per non perdere i preziosi minerali in essi contenuti. Bollite per 3/4 minuti coperti dopo di che fateli rimanere nella pentola a fuoco spento ancora 4 minuti sempre coperta.

 

Non buttate mai l’acqua della cottura degli agretti perché contiene le preziose sostanze perse nell’acqua con la bollitura, una parte rimane comunque nell’acqua quindi riutilizzatela al più presto in uno di questi modi suggeriti o eventualmente congelatela come si fa con il brodo in esubero.

Aggiungetela :

al brodo per cuocere un risotto
all’acqua per cuocere un minestrone
all’acqua per cuocere una minestrina
per preparare delle zuppe
per preparare il pane
per preparare il brodo
per la cottura a vapore dei cibi
per ammollare i legumi
aggiunta agli estratti di frutta e verdura o dei frullati
e per i più temerari da bere come bevanda.

 

Curiosità

In passato gli agretti avevano un’impiego diverso da quello alimentare. La pianta degli agretti, il cui nome botanico è salsola soda, veniva usata nelle fabbriche. Essendo ricca di sodio, veniva seccata e bruciata per estrarne la soda, utile nella produzione del vetro ed altri prodotti. Con il tempo la ricerca è andata avanti e ha permesso di estrarre il sodio in altre maniere. Gli agretti oggi si usano esclusivamente per cucinare tante pietanze salutari ma anche molto golose.

Continuate a seguirmi, il prossimo articolo a seguire sarà una ricetta con gli agretti.

Io vi ho elencato solo alcune delle proprietà nutrizionali degli agretti. Se siete curiosi di sapere quali sono le altre proprietà vi reindirizzo nella ricerca di Google scrivendo – PROPRIETA’ DEGLI AGRETTI. SCEGLIETE VOI POI QUALE SITO ANDARE A LEGGERE.

 

 BUON APPETITO!

 

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

 

Frittelle di mais : tenere, dorate e golosissime – Ricetta veloce

FRITTELLE DI MAIS : TENERE, DORATE E GOLOSISSIME – RICETTA VELOCE

Diario di bordo
Un’idea davvero grandiosa per collocare il classico barattolino di mais in una pietanza diversa dalla classica insalata, farete un figurone se le offrite in occasione di feste, buffet e aperitivo perché sono sfiziose. Io le ho preparate lo scorso anno 2019 per festeggiare la festa della donna in famiglia, avevamo appreso da poco che mia cognata era incinta e abbiamo deciso che era meglio festeggiare rimanendo a casa. La cenetta è stata una meraviglia è la compagnia della famiglia altrettanto.

Le frittelle di mais sono un’antipasto goloso e super sfizioso ! Si tratta di frittelle a base di chicchi di mais già cotto del tipo che si trova in scatola che trovate in qualsiasi negozio di alimentari, realizzate con una pastella fatta di ingredienti semplici a base di uova, farina e latte che si prepara in 2 minuti e fatte riposare 10 minuti. Le frittelle di mais si formano con 1 cucchiaio prelevando un pochino di impasto e facendolo scivolare nell’olio caldo. Vi assicuro che queste frittelle sono irresistibili. Se realizzate questa ricetta ovviamente fatemi sapere com’é andata lasciandomi un commento sul blog. Leggete l’articolo fino alla fine dove troverete i miei consigli e i trucchetti per realizzare TUTTE LE MIE RICETTE a regola d’arte. Se ti è piaciuto questo articolo condividilo sui social, grazie !!! 

Prima di lasciarvi al passo passo vorrei chiedervi una facile collaborazione, aiutatemi a capire se questa ricetta vi è piaciuta, potete farlo mettendo un “mi piace” e lasciandomi un commento proprio qui sotto nel blog – dove trovate scritto “lascia un commento”, io vi risponderò nel più breve tempo possibile. Questo è il modo più veloce in cui io e voi entriamo in contatto ed è il modo principale di farmi capire se queste ricette vi stanno piacendo e se le trovate di facile esecuzione, quindi commentate, commentate e commentate qui sotto. Grazieeee Enjoy #daniwella   

la ricetta passo passo

consigli e varianti

 Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

Frittelle di mais : tenere, dorate e golosissime – Ricetta veloce

  Le frittelle di mais sono un’antipasto goloso e super sfizioso ! Si tratta di frittelle a base di chicchi di mais già cotto del tipo che si trova in scatola che trovate in qualsiasi negozio di alimentari, realizzate con una pastella fatta di ingredienti semplici a base di uova, farina e latte che si prepara in 2 minuti e fatte riposare 10 minuti. Le frittelle di mais si formano con 1 cucchiaio prelevando un pochino di impasto e facendolo scivolare nell’olio caldo. Vi assicuro che queste frittelle sono irresistibili. Se realizzate questa ricetta ovviamente fatemi sapere com’é andata lasciandomi un commento sul blog. Leggete l’articolo fino alla fine dove troverete i miei consigli e i trucchetti per realizzare TUTTE LE MIE RICETTE a regola d’arte. Se ti è piaciuto questo articolo condividilo sui social, grazie !!! DIARIO DI BORDO Un’idea davvero grandiosa per collocare il classico barattolino di mais in una pietanza diversa dalla classica insalata, farete un figurone se le offrite in occasione di feste, buffet e aperitivo perché sono sfiziose. Io le ho preparate lo scorso anno 2019 per festeggiare la festa della donna in famiglia, avevamo appreso da poco che mia cognata era incinta e abbiamo deciso che era meglio festeggiare rimanendo a casa. La cenetta è stata una meraviglia è la compagnia della famiglia altrettanto. Dose : per 12 frittelle Preparazione : 15 minuti Cottura : 15 minuti Tempo totale : 30 minuti

Ingredienti :

150 g di mais in scatola 50 g di farina 70 ml di latte 1 uovo di grandezza medio-grande 25 g di formaggio grattugiato sale q.b. pepe nero in polvere q.b. qualche foglia di basilico olio di semi per friggere q.b.

 

LA RICETTA PASSO PASSO

Sbattete l’uovo in una ciotola, aggiungete la farina, il latte, il formaggio grattugiato e amalgamate fino a formare una pastella liscia. Scolate il mais e aggiungerlo alla pastella insieme al prezzemolo tritato al coltello, il sale e il pepe. Lasciate riposare un quarto d’ora in frigo.   Fate scaldare l’olio in padella e versate il composto a cucchiaiate.   Friggete un paio di minuti per lato poche frittelle alla volta.   Poggiatele su un foglio di carta assorbente per scolare l’olio in eccesso. Ecco come risulta l’interno dopo l’assaggio. Ecco le frittelle pronte per essere servite.   I MIEI CONSIGLI Usate poco olio per friggere ( io ne ho usato troppo e non serve) Potete accompagnare le frittelle con dell’insalata verde. Potete servirle con dello yogurt greco condito con un pochino di olio, prezzemolo, aceto di mele, aglio schiacciato e paprika dolce. Offrite queste frittelle anche per i vostri aperitivi o buffet delle feste, che siano compleanno, anniversari, cene importanti servite insieme ad un calice di spumante ghiacciato faranno un figurone. Raddoppiate le dosi se dovete offrirle a più persone. La ricetta è tratta dal libro I menù di Misya.  

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.

Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui.  Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

     

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui.  Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

 

Fette biscottate fatte in casa

fette biscottate fatte in casa

Le fette biscottate fatte in casa sono delle fette di pane tostate friabili e fragranti. La loro consistenza, il loro profumo delicato e il loro sapore neutro le rendono apprezzate non solo dagli adulti ma anche dai bambini. Sono ideali per la prima colazione, tanto è vero che le varie pubblicità la vedono come ingrediente principale del primo pasto, la colazione italiana. Le fette biscottate fatte in casa possono essere destinate anche allo spuntino mattutino o la merenda pomeridiana.

Diario di bordo
Le fette biscottate sono un’alimento che io mangio spesso fin da quando ero piccola, le adoro particolarmente con burro e marmellata. E’ uno dei miei confort food preferiti per la colazione così mi sono decisa a farle in casa e vi assicuro che è molto semplice ma il sapore e la soddisfazione ricevuta è tutta un’altra storia. Non rinunciate a provare questa ricetta pensando che sia difficile perché invece è semplicissima. Impasterete tutti gli ingredienti come se fosse un’impasto per pizza o pane (per intenderci), solo che realizzerete un pan brioche o pan bauletto, che una volta cotto farete raffreddare completamente e riposare, dopo di che lo taglierete a fette e tosterete in forno, e il gioco è fatto. Coraggio che aspettate, prendete il vostro grembiule, accorciatevi le maniche e preparatele. Vi posso assicurare che una volta fatte provare le vostre fette biscottate alcuni di loro potrebbero chiedervi addirittura di che marca sono e dove le avete comprate, preparatevi a vedere le facce sbigottite e increduli dei vostri amici e familiari quando gli direte che le avete fatte voi con le vostre manine … preparatevi a ricevere gli applausi !!! La preparazione è semplicissima e so già che lo replicherete spesso anche solo per averne una fetta da mangiare come spezza fame. Trovate tutti i consigli e trucchetti sempre qui sotto, dopo la descrizione step step by step della ricetta, quindi m raccomando leggete tutto fino in fondo. Non mi rimane che augurarvi una splendida giornata.

Prima di lasciarvi al passo passo vorrei chiedervi una facile collaborazione, aiutatemi a capire se questa ricetta vi è piaciuta, potete farlo mettendo un “mi piace” e lasciandomi un commento proprio qui sotto nel blog – dove trovate scritto “lascia un commento”, io vi risponderò nel più breve tempo possibile. Questo è il modo più veloce in cui io e voi entriamo in contatto ed è il modo principale di farmi capire se queste ricette vi stanno piacendo e se le trovate di facile esecuzione, quindi commentate, commentate e commentate qui sotto. Grazieeee Enjoy #daniwella   

la ricetta passo passo

i miei consigli

 La ricetta è tratta dal sito My personal trainer realizzata dalla carissima Alice, fantastica come sempre. A lei vanno i miei ringraziamenti nel proporre tantissime ricette buone ma sempre con un’attenzione particolare alla linea e a tutte le persone intolleranti.

 Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

Fette biscottate fatte in casa

Le fette biscottate fatte in casa sono delle fette di pane tostate friabili e fragranti. La loro consistenza, il loro profumo delicato e il loro sapore neutro le rendono apprezzate non solo dagli adulti ma anche dai bambini. Sono ideali per la prima colazione, tanto è vero che le varie pubblicità la vedono come ingrediente principale del primo pasto, la colazione italiana. Le fette biscottate fatte in casa possono essere destinate anche allo spuntino mattutino o la merenda pomeridiana. Le fette biscottate sono un’alimento che io mangio spesso fin da quando ero piccola, le adoro particolarmente con burro e marmellata. E’ uno dei miei confort food preferiti per la colazione così mi sono decisa a farle in casa e vi assicuro che è molto semplice ma il sapore e la soddisfazione ricevuta è tutta un’altra storia. Non rinunciate a provare questa ricetta pensando che sia difficile perché invece è semplicissima. Impasterete tutti gli ingredienti come se fosse un’impasto per pizza o pane (per intenderci), solo che realizzerete un pan brioche o pan bauletto, che una volta cotto farete raffreddare completamente e riposare, dopo di che lo taglierete a fette e tosterete in forno, e il gioco è fatto. Coraggio che aspettate, prendete il vostro grembiule, accorciatevi le maniche e preparatele. Vi posso assicurare che una volta fatte provare le vostre fette biscottate alcuni di loro potrebbero chiedervi addirittura di che marca sono e dove le avete comprate, preparatevi a vedere le facce sbigottite e increduli dei vostri amici e familiari quando gli direte che le avete fatte voi con le vostre manine …  preparatevi a ricevere gli applausi !!! La preparazione è semplicissima e so già che lo replicherete spesso anche solo per averne una fetta da mangiare come spezza fame. Trovate tutti i consigli e trucchetti sempre qui sotto, dopo la descrizione step step by step della ricetta, quindi m raccomando leggete tutto fino in fondo. Non mi rimane che augurarvi una splendida giornata.  

*Prima di lasciarvi al passo passo vorrei chiedervi una facile collaborazione, aiutatemi a capire se questa ricetta vi è piaciuta, potete farlo mettendo un “mi piace” e lasciandomi un commento proprio qui sotto nel blog – dove trovate scritto “lascia un commento”, io vi risponderò nel più breve tempo possibile. Questo è il modo più veloce in cui io e voi entriamo in contatto ed è il modo principale di farmi capire se queste ricette vi stanno piacendo e se le trovate di facile esecuzione, quindi commentate, commentate e commentate qui sotto. Grazieeee Enjoy #daniwella

Dosi : per 8 perone Preparazione : 20 minuti Lievitazione : 7 ore Cottura : 30 minuti Tostatura : 30 minuti  

INGREDIENTI :

200 g di farina 0 200 g di farina 00 100 ml di acqua 100 ml di latte 40 g di burro 15 g di malto d’orzo o miele liquido 10 g di lievito di birra fresco 6 g di sale 50 g di zucchero semolato

Per pennellare 1 uovo 20 ml di latte

   

LA RICETTA PASSO PASSO

Setacciate le due farine all’interno di una ciotola. Poi aggiungete lo zucchero e mescolate.

Intiepidite l’acqua e sciogliete al suo interno il malto d’orzo, poi sciogliete anche il lievito.

Sciogliete il burro nel latte tiepido.

Nella ciotola della farina unite il composto di acqua e lievito e cominciate a mescolare, poi versate anche il latte e burro sciolto.

Aggiungete il sale per ultimo, quando vedrete i liquidi assorbiti completamente dalla farina.

Impastate su un piano di lavoro fino ad ottenere un impasto morbido e non appiccicoso. Mettete l’impasto a lievitare in una ciotola coperta con pellicola per 3 ore o fino a quando non avrà raddoppiato il suo volume.

Ecco l’impasto lievitato.

Rivestite di carta forno uno stampo da plumcake delle dimensioni di cm 30 x 10 x 8. Rovesciate l’impasto lievitato su una spianatoia, apritelo con le mani e realizzate un rettangolo. Una dimensione del rettangolo deve essere pari del lato lungo dello stampo.

Arrotolate la pasta su se stessa e formate un salsiciotto.

Posizionate il salsiciotto con il taglio verso il basso all’interno dello stampo.

 

Fate lievitare di nuovo per 2 ore  o fino a quando fuoriesce dallo stampo.

oznorHB_vivi

A questo punto preriscaldate il forno a 180°. In una ciotolina sbattete l’uovo con il latte e spennellate con attenzione la superficie. Infornate e cuocete per 30 minuti. Spegnete il forno e fatelo raffreddare all’interno.

Poi per altre 24 ore su una gratella.

Tagliate il pan briosche a fettine di 7/8 mm, mettetele su una leccarda ricoperta di carta forno.

Tostate le fette in forno preriscaldato a 140° per 30 minuti rigirandole spesso. Lasciatele raffreddare fuori dal forno.

Le fette biscottate sono pronte.

   

I miei consigli :

Potete conservare le fette biscottate fatte in casa dentro un contenitore a chiusura ermetica o una di quelle buste di plastica fatte apposta per conservare gli alimenti. In questo modo si conservano anche per 2 settimane. In questa ricetta non ho usato l’uovo all’interno. Se devono mangiarla anche delle persone intolleranti alle uova, sostituite l’uovo usato per pennellare con della curcuma in polvere, ne basterà pochissima sciolta nel latte. Non prolungate il tempo della tostatura indicata negli step altrimenti vi ritroverete delle fette biscottate dure da mangiare. Potete mangiare queste fette biscottate anche per sostituire il pane quando non lo avete o del pangrattato per panare tutte le ricette che richiedono l’impanatura, vi basterà polverizzare le fette biscottate all’interno di un mixer. Potete reperire il malto d’orzo nei negozi che vendono prodotti biologici. Se non lo avete come già scritto sopra, potete sostituirlo con il miele liquido, tipo acacia o millefiori. Se siete intolleranti potete sostituire il latte di mucca anche con del vegetale come ho fatto io, perché nel momento della realizzazione non lo avevo in casa. La ricetta è tratta dal sito  My personal trainer realizzata dalla carissima Alice, fantastica come sempre. A lei vanno i miei ringraziamenti nel proporre tantissime ricette buone ma sempre con un’attenzione particolare alla linea e a tutte le persone intolleranti.  

 BUON APPETITO!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella
   

Burger di lenticchie vegetariani – eppure vegan

Burger di lenticchie vegetariani - eppure vegan

Diario di bordo
Non ho utilizzato nessun ingrediente animale, per questo motivo sono vegetariani e possono essere mangiati anche dai vegani. Potete renderli senza glutine sostituendo il pan grattato con del pan grattato senza glutine adatto ai celiaci. Leggete la ricetta fino alla fine dove trovate altri consigli e suggerimenti per accompagnare al meglio questi gustosi burger di lenticchie.

 I burger di lenticchie sono un piatto nutriente, sano e ricco di proteine e sopratutto si preparano velocemente con pochi semplici ingredienti rendendo questo piatto molto economico. Massima resa, minima spesa. Nel formare questi burger di lenticchie ho cercato di conferirgli un buon gusto utilizzando le verdure stesse e utilizzando l’olio solo nel passaggio secondario in padella nella fase della doratura.

Prima di lasciarvi al passo passo vorrei chiedervi una facile collaborazione, aiutatemi a capire se questa ricetta vi è piaciuta, potete farlo mettendo un “mi piace” e lasciandomi un commento proprio qui sotto nel blog – dove trovate scritto “lascia un commento”, io vi risponderò nel più breve tempo possibile. Questo è il modo più veloce in cui io e voi entriamo in contatto ed è il modo principale di farmi capire se queste ricette vi stanno piacendo e se le trovate di facile esecuzione, quindi commentate, commentate e commentate qui sotto. Grazieeee Enjoy #daniwella   

la ricetta passo passo

consigli e varianti

 Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

Burger di lenticchie vegetariani – eppure vegan I burger di lenticchie sono un piatto nutriente, sano e ricco di proteine e sopratutto si preparano velocemente con pochi semplici ingredienti rendendo questo piatto molto economico. Massima resa, minima spesa. Nel formare questi burger di lenticchie ho cercato di conferirgli un buon gusto utilizzando le verdure stesse e utilizzando l’olio solo nel passaggio secondario in padella nella fase della doratura. Non ho utilizzato nessun ingrediente animale, per questo motivo sono vegetariani e possono essere mangiati anche dai vegani. Potete renderli senza glutine sostituendo il pan grattato con del pan grattato senza glutine adatto ai celiaci. Leggete la ricetta fino alla fine dove trovate altri consigli e suggerimenti per accompagnare al meglio questi gustosi burger di lenticchie.   Dose : per 4/5 burger Tempo di preparazione : 10 minuti Tempo di cottura: 50 minuti

Ingredienti :

sdr_soft

250 g di lenticchie secche 1 carota grande 1 costa di sedano 1 cipolla piccola 1 spicchio d’aglio 1 foglia di alloro 2/3 cucchiai di pane grattugiato sale fino q.b.

  Sciacquate le lenticchie e lasciatele a bagno per 1 ora. Scolatele per bene. Mondate e lavate tutte le verdure e fatele a pezzetti. Mettete lenticchie e verdure in una padella e coprite di acqua fino a sfiorare la superficie. Fatele cuocere per 30 minuti.
nfd
  Se dopo 30 minuti non fossero ancora cotte aggiungete una tazzina di acqua calda e cuocete ancora per 5/10 minuti.
ozedf_soft
Quando le lenticchie saranno cotte e tutta l’acqua si sarà ritirata trasferite in una ciotola, salate e frullate con un mixer.
oznor_vivid
Lasciate intiepidire leggermente eppoi aggiungete 2 cucchiai di pan grattato.
oznor_vivid
Mescolate con un cucchiaio. Dovete ottenere un composto non appiccicoso lavorabile con le mani, se così non fosse aggiungete una’altro cucchiaio di pan grattato. A questo punto formate i burger.
ozedf_vivid
Scaldate una padella, ungete con pochissimo olio e cuocete i burger fino ad ottenere una crosticina croccante o la doratura che desiderate.
ozedf_vivid
I burger sono pronti. Aspettate che si intiepidiscano prima di mangiarli.
ozedf_vivid
   

I miei consigli

I burger di lenticchie sono una gustosa alternativa ai classici hamburger di carne. Se siete golosi quanto lo sono io mettete il burger di lenticchie all’interno di un gustoso panino burger buns e arricchitelo con gli ingredienti che vi piacciono. Servite i burger accompagnati da una gustosa insalata, o con delle verdure grigliate o con un semplice insalata di pomodori. Potete saltare il passaggio dell’ ammollo delle lenticchie se avete poco tempo a disposizione. In caso contrario fatelo perché il risultato è migliore sotto l’aspetto del gusto finale del burger. Mettete 1 cucchiaio di pane grattugiato alla volta e mescolate, controllate la consistenza dopo 2/3 minuti, il tempo necessario di far assorbire il pane all’impasto ed eventualmente aggiungete i successivi se il composto risulta ancora appiccicoso. Potete dar forma ai burger con le mani o con l’apposito attrezzo o con un coppa pasta di circa 8 /10 cm di diametro. Maneggiateli con cura quando li andrete a rigirare per evitare che si rompano. In alternativa potete cuocerli in forno preriscaldato a 180° per 20 minuti circa rigirandoli a metà cottura. Per limitare al minimo l’uso di olio potete usare un pennello per spennellarli in superficie da entrambi i lati. Potete prepararli in anticipo e congelarli. Scongelateli direttamente mettendoli in padella calda o forno preriscaldato per 10/15 minuti a fuoco medio. I burger di lenticchie si mantengono benissimo anche per il giorno dopo. Specialmente se li preparate in estate, conservateli in frigorifero. Sono un’ottima alternativa al panino con i salumi da portare in spiaggia o nei vostri pic nic o scampagnate.
dav_soft
 

Frittata con le tolle dell’aglio : Ricetta per Farla in Padella e al Forno

Frittata con le tolle dell'aglio

Diario di bordo
Devo ringraziare il mio compagno che me li ha fatto conoscere, consigliandomi di farci la frittata. E così ho fatto. Credetemi, sono di un buono che più buono non si può. Per quanto mi è piaciuta l ho cucinata diverse volte. Vi propongo la frittata con le tolle dell’aglio in due versioni, al forno e in padella. Vedrete che bontà, buona sia calda che fredda, anche tagliata a quadrotti come ho fatto io ha il suo perché. Vedrete come saprà conquistarvi. Potete accompagnarla con verdure grigliate o un’insalata di pomodori come ho fatto io o diversamente mettetela dentro ad un panino e vedrete che doppia bontà.

La frittata con le tolle dell’aglio, è una delle frittate più buone che abbia mai mangiato. Non conoscevo questi steli floreali che crescono al centro della pianta dell’aglio quando è in piena maturazione. 

Prima di lasciarvi al passo passo vorrei chiedervi una facile collaborazione, aiutatemi a capire se questa ricetta vi è piaciuta, potete farlo mettendo un “mi piace” e lasciandomi un commento proprio qui sotto nel blog – dove trovate scritto “lascia un commento”, io vi risponderò nel più breve tempo possibile. Questo è il modo più veloce in cui io e voi entriamo in contatto ed è il modo principale di farmi capire se queste ricette vi stanno piacendo e se le trovate di facile esecuzione, quindi commentate, commentate e commentate qui sotto. Grazieeee Enjoy #daniwella   

la ricetta passo passo

consigli e varianti

 Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

Frittata con le tolle dell’aglio
ozedf_soft
La frittata con le tolle dell’aglio, è una delle frittate più buone che abbia mai mangiato. Non conoscevo questi steli floreali che crescono al centro della pianta dell’aglio quando è in piena maturazione. Devo ringraziare il mio compagno che me li ha fatto conoscere, consigliandomi di farci la frittata. E così ho fatto. Credetemi, sono di un buono che più buono non si può. Per quanto mi è piaciuta l ho cucinata diverse volte. Vi propongo la frittata con le tolle dell’aglio in due versioni, al forno e in padella. Vedrete che bontà, buona sia calda che fredda, anche tagliata a quadrotti come ho fatto io ha il suo perché. Vedrete come saprà conquistarvi. Potete accompagnarla con verdure grigliate o un’insalata di pomodori come ho fatto io o diversamente mettetela dentro ad un panino e vedrete che doppia bontà. Preparazione : 5 minuti Cottura : 30 minuti

Ingredienti :

ozedf_vivid

1 mazzetto di tolle d’aglio fresche 4 uova medie 4 cucchiai di grana padano grattugiato 2 cucchiai di latte 2 pizzichi di sale fino 2 cucchiai di olio e.v.o. 3 tazzine di acqua tiepida.

Preparazione : Mondate e lavate sotto acqua corrente le tolle dell’aglio. Eliminate la punta e la base. Utilizzate solo la parte centrale più morbida.
dav_vivid
Fatela a tocchetti di circa 2/3 cm. Versate in una padella con l’olio e 1 tazzina d’acqua. Fate stufare a fuoco medio/basso con il coperchio, aggiungendo una alla volta le restanti tazzine di acqua quando la precedente è stata assorbita dalle tolle.
oznor_vivid
Nel frattempo in una ciotola sbattete le uova, aggiungete il formaggio, il latte, un pizzico di sale e di pepe e mescolate.
dav_vivid
  Quando le tolle saranno tenere, aggiungete un pizzico di sale e mescolate. Abbassate il fuoco al minimo e con un mestolo forato scolateli dall’eventuale olio e versateli nella ciotola delle uova, mescolate velocemente per amalgamare il tutto.
dav_vivid
COTTURA DELLA FRITTATA IN PADELLA Controllate la padella ed eventualmente aggiungete un’altro goccino di olio, alzate nuovamente il fuoco e versate il composto di uova e tolle cotte nella padella tutto in una volta. Cuocete per 15 minuti a fuoco basso e mettendo un coperchio. Dopo di che con l’aiuto di un coperchio più grande e piano, capovolgete la frittata, versatela nuovamente in padella e cuocete per altri 5 minuti circa, questa volta senza coperchio e alzando leggermente il fuoco sotto la padella.
dav_soft
Una volta cotta potete usare della carta assorbente per togliere l’unto in eccesso da entrambi i lati della frittata.
dav_vivid
Servite la frittata con le tolle dell’aglio a spicchi o a cubotti calda, tiepida o a temperatura ambiente.
dav_vivid
COTTURA DELLA FRITTATA AL FORNO Quando le tolle saranno tenere, aggiungete un pizzico di sale e mescolate. Abbassate il fuoco al minimo e con un mestolo forato scolateli dall’eventuale olio e versateli nella ciotola delle uova, mescolate velocemente per amalgamare il tutto.
dav_vivid
Preriscaldate il forno a 180°. Foderate uno stampo con un foglio di carta forno bagnato e strizzato. versate il composto di uova e tolle dell’aglio cotte e infornate in forno caldo per 20/25 minuti o fino a che non risulta ben dorata, controllate sempre la cottura dal vetro dello sportello.
edf_vivid
Passato il tempo sfornate la frittata, lasciatela intiepidire dopo di che staccate la carta forno dalla parte inferiore della frittata.
edf_soft
Fate a quadrotti e portate in tavola.
dav_soft
  I miei consigli La frittata con le tolle dell’aglio è molto buona anche il giorno dopo. Conservatela in frigorifero. Le tolle dell’aglio, chiamate anche zolle dell’glio in dialetto, si possono consumare sia fresche o  lavorate come squisite conserve. Le tolle ridotte in bastoncini si scottano acqua, aceto e sale per alcuni minuti. Una volta scolati si trasformano in preziosi vasetti sott’olio, ma sono ottime per impreziosire le insalate verdi le insalate di pasta e riso freddi.  Le tolle ridotte in crema sono squisite con crostini, bruschette o per accompagnare carne, pesce o formaggi.  
dav_soft

HUMMUS DI CECI

HUMMUS DI CECI

INGREDIENTI

400 g di ceci già cotti

2 cucchiai e mezzo colmi di tahina

succo di mezzo limone 1

spicchio d’aglio schiacciato

1 cucchiaino di cumino in polvere

mezzo bicchiere di olio e.v.o.

100 ml di acqua naturale ghiacciata

sale 2/3 pizzichi

paprika dolce q.b.

1 rametto di prezzemolo  

Diario di bordo
Ho mangiato l’hummus per la prima volta il 20 settembre del 2014 a Roma, in quell’occasione ero andata all’inaugurazione del circolo culturale fondato da mia sorella e dal suo socio, qui potete trovare il sito, dategli un’occhiata perchè è molto carino. Come ogni inaugurazione che si rispetti c’era un buffet infinito di cose da mangiare. Tra le tante cose offerte e tutte etichettate con il nome della pietanza mi sono ritrovata di fronte all’hummus , ne ho assaggiati 2 cucchiai e da quel momento non ho pensato altro che a quello : hummus hummus hummus. Non vi nascondo che era irresistibile, sembrava non finisse mai. Una volta tornata a Pescara mi sono rivolta alla mia amica Maurita per avere la ricetta. Da qui ho poi elaborato una mia personale versione che parte rigorosamente dai ceci secchi lasciati in ammollo tutta la notte eppoi bolliti, Credetemi da allora la storia si ripete; ogni volta che preparo l’hummus mi abbuffo letteralmente, non sono in grado di trattenermi dal mangiarmelo tutto , per me è un vero e proprio peccato di gola.

4o minuti

6 porzioni

L’hummus è una salsa a base di ceci e tahina tipica del medio oriente. Questa salsa viene generalmente servita come antipasto insieme al pane arabo, ma è più di un semplice antipasto, è altamente proteica, molto nutriente e versatile, viene spesso utilizzata nella cucina naturale essendo 100% vegetale. Usata come antipasto o come snack si abbina perfettamente con crakers, cruditè di verdure e crostini. E’ ottima da spalmare sulla base di piadine, pane pita o panini come sostituto più sano della maionese. Si accompagna benissimo a burger vegetali e falafel. L’hummus di ceci accompagna oltre alle verdure crude anche quelle cotte. La crema può essere preparata anche con i ceci cotti che si trovano in vendita nei barattoli di vetro o in scatole di latta. Ma per apprezzarlo veramente vi consiglio di usare i ceci ammollati e cotti da voi. Vi consiglio vivamente di togliere la buccia dei ceci,  perché la crema ne acquisterà in sapore e sarà più digeribile, ci vorrà un pochino di pazienza (magari fatevi aiutare da altre due mani) ma vi assicuro che il risultato finale vi ripagherà dello sforzo. Leggete tutto l’articolo fino in fondo, io come al solito vi aspetto giù dopo il passo passo della ricetta dove troverete i miei consigli sempre più dettagliati per essere sicuri di realizzare il vostro hummus a regola d’arte. In una prossima ricetta sperimenterò la versione di hummus con la barbabietola.

la ricetta passo passo

i miei consigli

 

 Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

HUMMUS DI CECI 

Diario di bordo

Ho mangiato l’hummus per la prima volta il 20 settembre del 2014 a Roma, in quell’occasione ero  andata all’inaugurazione del circolo culturale fondato da mia sorella e dal suo socio, qui potete trovare il sito, dategli un’occhiata perchè è molto carino. Come ogni inaugurazione che si rispetti c’era un buffet infinito di cose da mangiare. Tra le tante cose offerte e tutte etichettate con il nome della pietanza mi sono ritrovata di fronte all’hummus , ne ho assaggiati  2 cucchiai e da quel momento non ho pensato altro che a quello : hummus hummus hummus. Non vi nascondo che era irresistibile, sembrava non finisse mai. Una volta tornata a Pescara mi sono rivolta alla mia amica Maurita per avere la ricetta. Da qui ho poi elaborato una mia personale versione che parte rigorosamente dai ceci secchi lasciati in ammollo tutta la notte eppoi bolliti, Credetemi da allora la storia si ripete; ogni volta che preparo l’hummus mi abbuffo letteralmente, non sono in grado di trattenermi dal mangiarmelo tutto , per me è un vero e proprio peccato di gola.(fine diario di bordo)

L’hummus è una salsa a base di ceci e tahina tipica del medio oriente. Questa salsa viene generalmente servita come antipasto insieme al pane arabo, ma è più di un semplice antipasto, è altamente proteica, molto nutriente e versatile, viene spesso utilizzata nella cucina naturale essendo 100% vegetale. Usata come antipasto o come snack si abbina perfettamente con crakers, cruditè di verdure e crostini. E’ ottima da spalmare sulla base di piadine, pane pita o panini come sostituto più sano della maionese. Si accompagna benissimo a burger vegetali e falafel. L’hummus di ceci accompagna oltre alle verdure crude anche quelle cotte. La crema può essere preparata anche con i ceci cotti che si trovano in vendita nei barattoli di vetro o in scatole di latta. Ma per apprezzarlo veramente vi consiglio di usare i ceci ammollati e cotti da voi. Vi consiglio vivamente di togliere la buccia dei ceci,  perché la crema ne acquisterà in sapore e sarà più digeribile, ci vorrà un pochino di pazienza (magari fatevi aiutare da altre due mani) ma vi assicuro che il risultato finale vi ripagherà dello sforzo. Leggete tutto l’articolo fino in fondo, io come al solito vi aspetto giù dopo il passo passo della ricetta dove troverete i miei consigli sempre più dettagliati per essere sicuri di realizzare il vostro hummus a regola d’arte. In una prossima ricetta sperimenterò la versione di hummus con la barbabietola.

Dose : per 6 porzioni
Preparazione : 30 /40 minuti
Tempo totale : 40 minuti + l’ammollo e la cottura dei ceci

Ingredienti :

nfd

400 g di ceci già cotti
2 cucchiai e mezzo colmi di tahina
succo di mezzo limone
1 spicchio d’aglio schiacciato
1 cucchiaino di cumino in polvere
mezzo bicchiere di olio e.v.o.
100 ml di acqua naturale ghiacciata
sale 2/3 pizzichi
paprika dolce q.b.
1 rametto di prezzemolo

PREPARAZIONE :

Pesate 300 g di ceci secchi, sciacquateli sotto acqua corrente e metteteli a bagno in una ciotola ricolma d’acqua tutta la notte.

dav

Scolate l’acqua dell’ammollo e cuocete i ceci in una pentola piena d’acqua. Portate a bollore schiumando con l’apposito attrezzo, abbassate la fiamma e fate sobollire con il coperchio lasciando uno sfiato per 3 ore. Se usate la pentola a pressione il tempo di cottura sarà inferiore.

ptr

Scolate i ceci e mettete da parte l’acqua di cottura, lasciate intiepidire i ceci eppoi sgranateli tra le mani togliendo tutte le bucce.

nfd
 

Cominciate con il frullare per primo i ceci in una ciotola fino ad ottenere una crema densa che frullerete ancora con 4/5 cucchiai di acqua di cottura dei ceci stessi.

nfd

Ora aggiungete la tahina, il succo del limone, l’aglio schiacciato con lo spremi-aglio, il cumino, il prezzemolo tagliato a coltello, il sale e 2 cucchiai d’olio e.v.o. presi dalla dose totale.  Frullate il tutto.

 
nfd
 

Con il frullatore ad immersione in azione versate l’acqua ghiacciata frullando il composto fino a che l’hummus raggiungerà una consistenza fluida omogenea e diventerà di un bel colore chiaro grazie alla temperatura dell’acqua.

btr
 

 Assaggiate e aggiustate di sale se serve. Mettete a riposare la salsa in frigorifero almeno 1 ora prima di consumare.

nfd

Se fatta riposare tutta la notte sarà ancora più buona.

nfd

Condite la superficie spolverando di paprika dolce e il rimanente olio e.v.o. come vedete in foto e  ancora un poco di prezzemolo tritato.

nfd
 
 
 
 
I MIEI CONSIGLI :
Non a tutti piacciono le spezie presenti nell’hummus. Quindi se non amate l’aglio e il cumino potete ometterli. Se invece amate il cumino ma non sopportate sentire sotto i denti i semini potete provare a cercare i semi già ridotti in polvere o polverizzarli voi. Vi consiglio in questo caso di tostare l’intera confezione una volta comprata, su una padella calda, farli raffreddare eppoi polverizzarli con un mixer potente.
nfd
 
La tahina è una salsa a base di semi di sesamo tipica della tradizione culinaria asiatica. La salsa fatta in casa è sicuramente molto più economica e genuina rispetto a quelle che trovate nei supermercati. L’importante è essere muniti di un frullatore abbastanza potente. Troverete la mia ricetta a prossimamente in un post dedicato a questa ricetta.
Se comprate la tahina leggete con attenzione l’etichetta. State comprando un prodotto di qualità solo se sull’etichetta trovate scritto che è fatta con un solo ingrediente : 100% semi di sesamo.
Sappiate che se volete realizzare l’hummus senza tahina, ossia la pasta di semi di sesamo, perché non riuscite a trovarla da nessuna parte, non otterrete la stessa cosa, ma mangerete un purè di ceci.
nfd
Io uso la paprika spolverata solo sopra, non all’interno. In alternativa potete usare la paprika affumicata se vi piace.
Io ho usato il frullatore ad immersione, ma voi potete utilizzare qualsiasi robot da cucina, il bimby o un frullatore potente.
nfd
Al posto del prezzemolo potete usare dell’erba cipollina tagliata a pezzetti sulla superficie.
Diffuso in tutti i paesi arabi, l’hummus è diventato anche un classico della cucina israeliana, può  diventare un’ottima base per finger food; preparate una cena stile orientale e i vostri ospiti rimarranno incantati da questi buonissimi sapori.
Per informazioni dettagliate sulla preparazione, l’ammollo e la cottura cliccate qui, troverete tutto ciò che dovete sapere sui ceci secchi.
nfd
CURIOSITA ‘ :
Con il restailyng della ricetta ho aggiunto un particolare che ho trovato molto significativo che ha dato all’ hummus corposità e sapore unici. Quello dell’aggiunta dell’acqua ghiacciata messa in congelatore 15 minuti prima di usarla nell’ultimo passaggio. Particolare interessante che ho trovato sul blog di Un’americana in cucina di Laurel Evans. Sul suo blog trovate un’altro racconto su come togliere facilmente le bucce dei ceci, che io ho trovato interessante ma che non ho avuto modo di sperimentare personalmente.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.

Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

MUFFIN SALATI ZUCCHINE E PARMIGIANO

MUFFIN SALATI ZUCCHINE E PARMIGIANO

INGREDIENTI

200 g di farina del tipo 1
100 g di parmigiano grattugiato
1 cucchiaino di zucchero canna
1 cucchiaino e mezzo di lievito per torte salate
1 pizzico  di pepe nero macinato
2 pizzichi di sale di sicilia
150 ml di latte vegetale
2 zucchine grattugiate 300 g circa
2 cucchiai di olio extra vergine d’oliva
2 uova del tipo grande

Diario di bordo
Non avete idea di quante volte ho fotografato i vari passaggi ma senza riuscire ad ottenere una foto finale decente perché i muffin finivano nelle nostre bocche prima che potessi immortalarli. Ma questa volta armata di pazienza e coraggio, li ho preparati di mattina presto e finalmente l’opera si è compiuta. Sono affezionata a questa ricetta, è troppo buona e non l’ho mai cambiata. La faccio da sempre da quando ho fatto il mio primo muffin salato. Nel blog c’è già una ricetta dei muffin dolci e la potete trovare qui sotto. Volete vedere una ricetta particolare sul mio blog ? Mandatemi un commento e farò di tutto per accontentarvi, come ho fatto con questi muffin che mi hanno richiesto su facebook.

35 minuti

12 Muffin

I muffin salati zucchine e parmigiano sono mini tortine monoporzione. Sono bocconcini morbidi e talmente golosi che quando le preparo io e Corrado, raramente riusciamo ad aspettare che si freddino prima di mangiarli. Riusciamo praticamente a mangiarceli 10 minuti dopo averli sfornati, ancora bollenti di forno. Ovviamente in questo modo non riusciamo mai ad avere un muffin salato zucchine e parmigiano intero nella sua forma, perché essendo bollente una buona parte di muffin rimane attaccato al pirottino. Voi non fate come noi, aspettate che si freddino eppoi mangiateli.

la ricetta passo passo

curiosità, consigli e varianti

 Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

MUFFIN SALATI  ZUCCHINE E PARMIGIANO 

nfd
I muffin salati zucchine e parmigiano sono mini tortine monoporzione. Sono bocconcini morbidi e talmente golosi che quando le preparo io e Corrado, raramente riusciamo ad aspettare che si freddino prima di mangiarli. Riusciamo praticamente a mangiarceli 10 minuti dopo averli sfornati, ancora bollenti di forno. Ovviamente in questo modo non riusciamo mai ad avere un muffin salato zucchine e parmigiano intero nella sua forma, perché essendo bollente una buona parte di muffin rimane attaccato al pirottino. Voi non fate come noi, aspettate che si freddino eppoi mangiateli. Non avete idea di quante volte ho fotografato i vari passaggi ma senza riuscire ad ottenere una foto finale decente perché i muffin finivano nelle nostre bocche prima che potessi immortalarli. Ma questa volta armata di pazienza e coraggio, li ho preparati di mattina presto e finalmente l’opera si è compiuta. Sono affezionata a questa ricetta, è troppo buona e non l’ho mai cambiata. La faccio da sempre da quando ho fatto il mio primo muffin salato. Nel blog c’è già una ricetta dei muffin dolci e la potete trovare qui . Volete vedere una ricetta particolare sul mio blog ? Mandatemi un commento e farò di tutto per accontentarvi, come ho fatto con questi muffin che mi hanno richiesto su facebook.   Dosi :  per 12 muffin Preparazione : 10 minuti Cottura : 20/25 minuti  

Ingredienti :

nfd
 

200 g di farina del tipo 1 100 g di parmigiano grattugiato 1 cucchiaino di zucchero canna 1 cucchiaino e mezzo di lievito per torte salate 1 pizzico  di pepe nero macinato 2 pizzichi di sale di sicilia 150 ml di latte vegetale 2 zucchine grattugiate 300 g circa 2 cucchiai di olio extra vergine d’oliva 2 uova del tipo grande

 

PREPARAZIONE :

Fate scaldare il forno a 180°. Rivestite 12 stampini da muffin con i pirottini di carta. In una ciotola mescolate la farina, il parmigiano grattugiato, lo zucchero, il lievito, il pepe e il sale. Nell’altra ciotola mescolate le uova, l’olio, il latte.
nfd
Unite i liquidi nella ciotola delle polveri.
dav
E mescolate.
nfd

Grattugiate la zucchina usando una grattugia a fori grossi e amalgamatela al composto, senza lavorarlo troppo.

dav

Con l’impasto riempite ogni stampino lasciando quasi 2/3 millimetri di bordo.

nfd

Cuocete per 20/25 minuti finché non saranno dorati.

nfd

Sfornate, trasferite su una gratella e fate raffreddare prima di mangiarli.

nfd
CURIOSITA’ : Per realizzare muffin perfetti è essenziale rispettare una regola fondamentale : gli ingredienti liquidi si lavorano separatamente dalle polveri in due ciotole differenti. Sono gli ingredienti liquidi ad essere versati nella ciotola delle polveri, non il contrario. CONSIGLI : Per mettere l’impasto nei pirottini potete usare oltre che ai soliti 2 cucchiai, l’attrezzo per mettere le palline di gelato sui coni se lo avete. Per insaporire il muffin salato potete scegliere invece del parmigiano un formaggio a pasta filata come una provola, Asiago, Fontina e così via. I muffin sono perfetti per cene all’impiedi, cene improvvisate, per gite fuori porta, al mare o in montagna , come pranzo da portare in ufficio o quando vi accorgete che vi manca il pane.
nfd
Sono versatili : potete usare zucca o carote grattugiate a fori larghi anch’essi al posto delle zucchine. Oppure piselli, fagiolini o spinaci ripassati in padella e tagliuzzati. In futuro articolo descriverò la ricetta base da cui partire per realizzare tutte le diverse farciture che possiamo usare per fare muffin salati diversi e parlerò in maniera più dettagliata delle regole per fare il muffin perfetto.
dav
 
Buon appetito!
dav
Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette. Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui. ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui.  Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected] CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA