Polpette al Sugo : i Trucchetti della Nonna per Farle Morbide e Buonissime

 

Le polpette al sugo sono un secondo piatto a base di carne macinata, pane, uova, spezie ed aromi. Magicamente gli ingredienti vengono impastati dando vita a dei bocconcini sfiziosi dal sapore spaziale. Polpette al sugo super golose che sono in grado di risolvere il pranzo, la cena e molte volte anche le merenda. Le polpette al sugo rappresentano la tradizione non solo italiana, ma quella di famiglia, un vero confort food, in grado di raggruppare al tavolo dei pranzi domenicali figli, nipoti, amici e parenti tutti. Diventano così un rito, che spesso compiono le mani più esperte; sto parlando delle nonne che cercano di tramandare, quelle che io chiamo vere e proprie magie culinarie, alle generazioni successive, figlie e nipoti al seguito. Il solo pensare alle polpette che cuociono lentamente nel sugo, non solo mi mette l’acquolina in bocca, ma mi è di grande conforto. Ebbene la ricetta di cui vi parlo oggi è quella di una nonna, una grande donna, che ancora oggi, alla veneranda età di 84 anni, è ancora attiva, pulisce, cucina, va a fare la spesa e tante altre cose. Quelle sapienti mani (che hanno insegnato tante cose anche a me), sono le mani di Lina, amica di famiglia e vicina di casa che conosco da 12 anni e che affettuosamente chiamo alcune volte NONNA LINA. Se vi ho incuriositi leggete l’articolo fino alla fine dove troverete tanti consigli e trucchetti per realizzare questa ricetta alla perfezione. Se ti è piaciuto questo articolo condividilo sui social, grazie !!!

DIARIO DI BORDO

Non c’è niente di più buono delle polpette al sugo gustose, saporite, morbide all’interno avvolte da una salsa di pomodoro paradisiaca, che ci invita a fare la scarpetta ogni volta, come se fosse la prima volta. Fare le polpette al sugo è un ‘arte in quanto ogni ingrediente usato dev’essere di qualità, e mai nessuno di loro deve sovrastare il sapore dell’altro. Ne troppa carne, ne troppo pane, ne troppo formaggio. Il tutto deve essere un perfetto equilibrio di ingredienti e di sapori. Questo modo che vi propongo è una ricetta di nonna Lina, la stessa della ricetta degli gnocchi di patate. Il suo modo di fare le polpette al sugo è favoloso, e il bello è che fa tutto ad occhio. In base a quanta carne macinata compriamo o per quante persone le facciamo, lei capisce ad occhio quanto pane raffermo mettere. Inoltre lei comincia proprio dalle uova, sbattendole per bene, ma bene, bene, bene.

Calcolate che per un minuto circa o più sbatte le uova facendo inglobare aria e permettendo così agli albumi e ai tuorli di mescolarsi in maniera tale che è proprio questo lavoro che darà sapore e morbidezza alle polpette. E credetemi non so descrivervelo se non con queste parole ; sbattete per bene e a lungo le uova poi aggiungete tutto il resto. Ho scattato queste foto qualche settimana prima che in Italia imponessero la quarantena causa corona virus. Ho chiesto a nonna Lina di poterla fotografare durante il passo passo della ricetta. Per le foto dell’assaggio del piatto finale invece ho approfittato della presenza della mia amica Maria a pranzo e così ho fotografato anche lei. Nella dose degli ingredienti  ho cercato di essere più precisa possibile. State attenti amici, OGGI PIOVONO POLPETTE.

Dose : per 20 porzioni
Preparazione : 20 minuti
Cottura : 40 minuti

 

Ingredienti

500 g di carne macinata mista
200/300 g di pane casareccio raffermo di 4/5 giorni
4 uova
120 g di Grana Padano grattugiato
1 spicchio d’aglio
6 steli di prezzemolo fresco
sale q.b.

Ingredienti per il sugo

2 bottiglie da 700 g di passata di pomodoro
4 cucchiai di olio e.v.o.
100 g di misto per soffritto (carota-sedano- cipolla)
q.b. di sale fino
q.b. di acqua

LA RICETTA PASSO PASSO

Mettete il pane a bagno nell’acqua. Una volta ammollato strizzatelo facendo uscire tutta l’acqua. Eliminate eventuali pezzettini di crosta dura che non si sono ammollati. In una ciotola sgranate tra le mani tutto il pane che avete strizzato.

In una ciotola capiente sbattete per bene le uova per qualche minuto.

Fino a che vedrete delle belle bolle grandi.

 

A questo punto aggiungete la carne macinata, il prezzemolo, il sale e l’aglio schiacciato (possibilmente con lo schiaccia-aglio).

Amalgamate per bene,

Aggiungete il formaggio grattugiato.

 

Poi aggiungete il pane.

Mescolate fino a che tutto il composto è perfettamente amalgamato.

Prendete tra le mani un poco di impasto alla volta ….

Date forma alle polpette roteandole tra i palmi delle mani.

Grandi quanto una noce.

 

Man mano che le fate poggiatele sopra un piatto capiente.

 

In una padella capiente mettete l’olio e il misto per soffritto, abbassate il fuoco al minimo e fate appassire per 10 minuti.

Aggiungete la passata di pomodoro. Sciacquate per bene la bottiglia mettendo due dita di acqua, agitate per raccogliere per bene tutta la passata di pomodoro rimasta attaccata alla bottiglia. Portate a bollore dopo di che abbassate la fiamma del fuoco al minimo e coprite con un coperchio, lasciando un po’ di sfiato.

A questo punto friggete le polpette in abbondante olio caldo.

Cuocetele da entrambi i lati.

 

Man mano che si colorano scolatele su carta assorbente e mettetele in un piatto.

Una volta cotte tutte le polpette, mettetele nel sugo di pomodoro in ebollizione.

Fate cuocere per 30 minuti.

Eccole pronte per essere mangiate.

 

I MIEI CONSIGLI

Io scelgo sempre il macinato misto per fare le polpette al sugo che mi faccio preparare seduta stante dal mio macellaio di fiducia. Ma se voi lo preferite, potete scegliere solo carne di maiale o solo carne di vitello invece che mista.

Cerco sempre di togliere la crosta al pane che uso per le polpette, spesso succede che la crosta stessa anche se rimane a bagno non si ammorbidisce ed usarla significherebbe ritrovarsi poi in bocca pezzetti duri invece che una polpetta tutta morbida.

Regolatevi e fate molta attenzione al pane. Io vi consiglio di metterlo in due step. Mettetene una parte prima e mescolate. Osservate come risulta l’impasto e se è troppo lento aggiungete il resto.

Le uova che uso io sono sempre uova grandi del peso di 63/73 g.

Non cuocete le polpette tutte insieme, fatelo sempre in due, tre tempi. La temperatura dell’olio per la frittura deve essere sempre 175°. Non cuocete troppo le polpette altrimenti prenderanno un odore troppo forte di frittura che andrebbe a pregiudicare il sapore e l’odore stesso del sugo di pomodoro.

Se non avete lo schiaccia- aglio vi basterà farlo a pezzettini piccoli con un coltello. Se invece non vi piace omettetelo completamente. Eventualmente potete sostituirlo con due/tre grattatine di noce moscata. Se vi piace e non lo avete fresco potete sostituirlo anche con quello secco in polvere o granulare.

Le polpette sono buone anche il giorno dopo. Si conservano massimo 3 giorni in frigorifero all’interno di un contenitore per alimenti a chiusura ermetica. Le polpette si possono anche congelare. Io vi consiglio di congelarle dopo averle fritte. Fatele asciugare sempre su carta assorbente e raffreddare completamente. Mettetele in un vassoio coperto con un foglio di carta forno e distanziate le polpette una dall’altra. In questo modo si congeleranno singolarmente. Solo allora potete metterle in una busta gelo tutte insieme, segnando con un pennarello data, mese e anno. Quando volete mangiarle vi basterà passarle dal congelatore a direttamente in padella nel sugo in ebollizione e far stare per 30 minuti, il tempo di cottura del sugo.

Le polpette sono ideali anche per una super merenda/cena che i bambini amano : Il Panino con polpette, mentre i grandi apprezzeranno tantissimo e spaghetti con polpette.

 

 

BUON APPETITO

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *