Crea sito
Daniwella Felicità e passione in cucina

Senza Lattosio

BISCOTTI TAGLIATI

BISCOTTI TAGLIATI

INGREDIENTI

500 g di farina 00

5 uova medio-grandi

12 cucchiai di zucchero semolato

1 bustina di lievito

mezzo bicchiere abbondante di olio e.v.o. o di arachide

1 limone solo la buccia grattugiata

1 cucchiaino di aroma vaniglia

1 cucchiaino di cannella in polvere zucchero a velo a piacere facoltativo

 

 

Diario di bordo
La ricetta me l’ha data tanto tempo fa la mia cara amica Marisa, la mamma di Claudia, la ragazza che mi ha aiutato ad aprire il blog 3 mesi prima che lo mettessi online. Marisa è una donna, mamma e moglie straordinaria, ex professoressa in pensione, di una classe e dolcezza unica. Con lei il tempo passa senza accorgertene, parlando di cucina, salute, lavoro, passioni in comune, come l’amore per i nostri amici animali, il suo cane Holly, e le mie gattine Betty e Greys, e tanto e tanto altro, ma la cosa che ci contraddistingue è il rispetto reciproco e affetto profondo che abbiamo l’una per l’altra. E se si potesse tornare indietro, mi piacerebbe avere una professoressa come lei, capace di rendere davvero piacevole le lezioni fatte in classe, con la sua passione e il suo carisma. E’ a lei che esprimo la mia stima e un grazie per avermi regalato la ricetta eccellente dei biscotti tagliati, entrata di diritto tra le mie colazioni preferite. Io li chiamo i biscotti del ricordo … il ricordo della tradizione, il ricordo delle nostre nonne, che preparavano dei biscotti come questi da inzuppare nel caffè-latte.

4o minuti

Quella dei biscotti tagliati sono a mio dire una ricetta straordinaria, incredibilmente versatile e sorprendentemente veloce da realizzare. Farli in casa è una grandissima soddisfazione. Vedrete che al mattino la cosa cosa più bella sarà quella di alzarsi velocemente dal letto e mettersi a fare colazione con questi biscotti semplici, leggeri e buonissimi.

la ricetta passo passo

consigli e varianti

 Questo il biscotto che accompagna le mie colazioni …

oltre al ciambellone di Nonna Tina ( clicca qui per vedere la ricetta ).

Volete assaggiare ??? 

 Buon appetito!

 

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

BISCOTTI TAGLIATI 

Quella dei biscotti tagliati sono a mio dire una ricetta straordinaria, incredibilmente versatile e sorprendentemente veloce da realizzare. La ricetta me l’ha data tanto tempo fa la mia cara amica Marisa, la mamma di Claudia, la ragazza che mi ha aiutato ad aprire il blog 3 mesi prima che lo mettessi online. Marisa è una donna, mamma e moglie straordinaria, ex professoressa in pensione, di una classe e dolcezza unica. Con lei il tempo passa senza accorgertene, parlando di cucina, salute, lavoro, passioni in comune, come l’amore per i nostri amici animali, il suo cane Holly, e le mie gattine Betty e Greys, e tanto e tanto altro, ma la cosa che ci contraddistingue è il rispetto reciproco e affetto profondo che abbiamo l’una per l’altra. E se si potesse tornare indietro, mi piacerebbe avere una professoressa come lei, capace di rendere davvero piacevole le lezioni fatte in classe, con la sua passione e il suo carisma. E’ a lei che esprimo la mia stima e un grazie per avermi regalato la ricetta eccellente dei biscotti tagliati, entrata di diritto tra le mie colazioni preferite. Io li chiamo i biscotti del ricordo … il ricordo della tradizione, il ricordo delle nostre nonne, che preparavano dei biscotti come questi da inzuppare nel caffè-latte. Farli in casa è una grandissima soddisfazione. Vedrete che al mattino la cosa cosa più bella sarà quella di alzarsi velocemente dal letto e mettersi a fare colazione con questi biscotti semplici, leggeri e buonissimi.   I MIEI CONSIGLI E VARIANTI: Per realizzare questi biscotti, non avete bisogno di nessuno stampino, ma solo di 2 cucchiai per formarli e del coltello del pane per tagliarli. Hanno inoltre numerose varianti, per ingredienti e dosi, questi descritti sono adatti a chi è intollerante al lattosio perché non viene usato il burro ma solo olio extra vergine di oliva. Vi mostrerò in seguito, le varianti che la mia fantasia mi ha suggerito nel corso del tempo ogni volta che li preparavo. Inoltre avete 2 opzioni di cottura : 1°) Dopo aver cotto i 2 o 3 filoncini di pasta, a seconda di quanto volete grandi i biscotti, potete tagliarli orizzontalmente o in diagonale e lasciarli raffreddare senza rimetterli in forno, otterrete così dei biscotti morbidi. 2°) Dopo aver estratto i 2 filoncini di pasta dal forno, e aspettato qualche minuto prima di tagliarli, potete rimetterli in forno a faccia in su per altri 10/15 minuti per ottenere invece dei biscotti asciutti e croccanti. La ricetta base di Marisa comprende la vanillina io molte volte li preparo utilizzando il mix di aromi che vi descrivo in questa ricetta.     Dose : per 1 kg di biscotti Preparazione : 8/10 minuti Cottura : 15 minuti + altri 15 minuti per la seconda cottura  

Ingredienti :

ptr

500 g di farina 00 5 uova medio-grandi 12 cucchiai di zucchero semolato 1 bustina di lievito mezzo bicchiere abbondante di olio e.v.o. o di arachide 1 limone solo la buccia grattugiata, 1 cucchiaino di aroma vaniglia 1 cucchiaino di cannella in polvere zucchero a velo a piacere facoltativo

PREPARAZIONE :

Preriscaldate il forno a 180°. Rivestite con la carta forno una leccarda o una teglia. In una ciotola capiente mescolate prima le polveri. La farina e lievito setacciati insieme e lo zucchero. In un piatto sbattete le uova. Fate un buco al centro della farina, versateci le uova, l’olio e gli aromi cannella, scorza di limone grattugiato e aroma di vaniglia.
nfd
Mescolate fino ad ottenere un composto colloso, piuttosto appiccicoso.
nfd

Con l’aiuto di 2 cucchiai prelevate un pochino di impasto, e disponetelo a cucchiaiate fino ad ottenere la forma di un filoncino.

nfd

Distanziate i filoncini tra di loro. Fate 2 o 3 filoncini.

Infornate in forno caldo a 180°, per circa 15/20 minuti, fino a quando saranno ben dorati e lievitati. Estraete dal forno e lasciateli così per 5 minuti. Tagliate i filoncini in senso orizzontale o longitudinale.

 

Lasciateli raffreddare completamente se volete i biscotti morbidi. Se invece volete i biscotti asciutti e croccanti, riposizionateli sulla leccarda a faccia in su, e rimetteteli in forno per la seconda volta, per altri 15 minuti circa, o fino a quando risulteranno di un bel color marroncino alla temperatura di 150°.

Potete conservarli per diversi giorni in una scatola di latta o in contenitori a chiusura ermetica appositamente per conservare i biscotti. Se vi piace potete spolverizzare i biscotti con dello zucchero a velo in superficie.

 Questo il biscotto che accompagna le mie colazioni …

,,, oltre al ciambellone di Nonna Tina ( clicca qui per vedere la ricetta ).

Volete assaggiare ??? 

 
   

Buon appetito!

 

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui.  Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

FALAFEL DI CECI

FALAFEL DI CECI – RICETTA N° 255

INGREDIENTI

300 g di ceci secchi
2 spicchi d’aglio
1 cipolla piccola
2 ciuffi di prezzemolo
2 cucchiaini rasi di cumino in polvere
1 cucchiaino di coriandolo in polvere
1 pizzico di paprika dolce
1 pizzico di bicarbonato
2/3 cucchiai di olio e.v.o.
sale e pepe in polvere q.b.
olio di semi di arachidi per friggere q.b.

INGREDIENTI PER LA SALSA ALLO YOGURT :
250 g di yogurt greco
qualche goccia si succo di limone
1 spicchio d’aglio tritato 2 gambi di prezzemolo fresco, 4/5 fili di erba cipollina (facoltativo)
poca paprika
sale e pepe q.b.

 

Diario di bordo
Vi dirò una cosa : ho sempre visto queste polpettine ogni volta che sono andata a comprarmi il panino kebab qui a Pescara, ma non sono mai stata invogliata a comprarne qualcuna per assaggiarla. Con l’apertura del mio blog però sto scoprendo cucine e culture diverse, così ho deciso di cimentarmi e prepararle a casa , amici non ci crederete … udite udite… le ho trovate assolutamente spettacolari … davvero non me l’aspettavo, il mix di spezie le rendono appetitose tanto dal non riuscire a trattenermi dal mangiarmele tutte. Mentre le friggevo, ero inebriata dal profumo del coriandolo misto a paprika e cumino. Spezie che mescolate assieme hanno dato un profumo mai sentito prima d’ora. Tanto che mi sono riproposta di cucinarle ancora e inserirle nel mio menù mensile.

45 minuti

4/6 porzioni

I Falafel sono polpette di legumi, tipici antipastini mediorientali che vivacizzano le tavole libanesi, turche, siriane, ma anche quelle greche o israeliane.

Ho deciso di accompagnarle con la salsa allo yogurt, e devo dire che la scelta è stata azzeccatissima, squisita anche questa. La ricetta è vegetariana e vegana, non si adatta però solo a chi a scelto questo stile di vita, ma anche a chi apprezza scoprire sapori nuovi e cibi che si mangiano in altre parti del  mondo e a chi non sa mai cosa cucinare di alternativo il venerdì al posto della carne. Numerose sono le versioni dei falafel. Io adoro quelle dei falafel di ceci. La mia versione parte dai ceci crudi, lasciati in ammollo per una notte, dopo di che si tritano e si aggiungono le spezie. Esistono anche versioni di falafel con i legumi cotti spesso fave con aggiunta di soia edamame. Ma per me la migliore e a cui non rinuncio è proprio questa qui. E per finire adoro la versione in questione che è fritta, farà male ma è troppo buona. Buona giornata a tutti.

 

curiosità

Il grande successo dei falafel è dovuto alla loro economicità e praticità. In Medio Oriente sono reperibili ovunque, anche come cibo di strada, dalle bancarelle delle grandi città a quelle dei villaggi, o nelle stazioni di rifornimento nel deserto; in Europa sono stati introdotti dalle rosticcerie turche come alternativa vegetariana al kebab.

 

la ricetta passo passo

consigli e varianti

Oltre ad essere belle sono squisite. Questa che vedete in foto e la mano della mia amica Grazia che come vedete non ha resistito all’assaggio perché sa che sono troppo buone.

 Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

VERDURE GRATINATE AL FORNO

VERDURE GRATINATE AL FORNO – RICETTA N° 252

INGREDIENTI 

2 melanzane

2 zucchine

2 peperoni rossi

2 carote

2 cipolle di tropea

2 cucchiai rasi di pan grattato

2 cucchiaini di semi di sesamo tostato

2 cucchiai di olio extra vergine di oliva

 

 

 

 

Diario di bordo
Se le feste ci regalano davvero tanta allegria dall’altro lato ci regalano enormi abbuffate, gonfiore addominale, stomaco e pancia grandi come un pallone. E vogliamo parlare della sonnolenza e stanchezza che si protraggono per giorni ? Alzi la mano chi ripete questa frase ogni anno : finite le feste mi metto a dieta. Vi avverto che la mano l’ho alzata anche io. E allora tutta per voi...e per me...una ricetta leggera che non vi farà di sicuro rimpiangere il gusto delle feste!

75 minuti

2 persone

facilissima

Le verdure gratinate al forno sono un piatto che nella loro semplicità sono gustose ma sopratutto leggere senza farci rimpiangere i sapori spiccati delle feste. Io le preparo spesso il lunedì. Inizio così la settimana con lo slancio di cui ho bisogno per continuare a cucinarmi piatti leggeri anche nei giorni successivi. Grazie ai semi di sesamo posso evitare di mettere il sale, voi se volete potete aggiungerlo. Questa volta me le sono preparate ieri, ho deciso di mangiarmele anche oggi visto che ne ho cucinato un pochino di più. Buona giornata a tutti. Enjoy #daniwella   

la ricetta passo passo

i miei consigli

 Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

RISOTTO AGLI ASPARAGI

RISOTTO AGLI ASPARAGI - RICETTA N° 228

 

INGREDIENTI 

un mazzetto di asparagi (circa 400 g)

240 g di riso arborio o carnaroli

sale e pepe q.b.

acqua q.b.

1 cipolla fresca

olio e.v.o. q.b.

100 ml di vino bianco

 

 

 

 

Diario di bordo
In questa ricetta ho cercato di dar risalto al gusto e alla cremosità, non aggiungendo ingredienti di origine animale e neanche il dado. Ma nulla toglie che se voi volete, potete sempre usarli o aggiungerli. Nella dose noterete che ho scritto che è una quantità per 3 porzioni, volevo che mi avanzasse del risotto in più da riutilizzare il giorno dopo in un’altra ricetta del riciclo. La vedrete domani sul blog.

1 ora

16 muffin

SENZA LATTOSIO, SENZA GLUTINE, VEGETARIANA, VEGAN
Gli ortaggi di stagione hanno sempre ragione …. fate la vostra spesa al passo con la natura.
Cosa c’è di più bello al mondo, che cucinarsi un risotto agli asparagi di stagione ? Ascoltare e accogliere quello che la natura ci regala mese per mese è sempre vantaggioso per noi. E potersi permettere in primavera, uno dei risotti più squisiti e delicati che io abbia mai assaggiato, è un regalo immenso. Se volete saperne di più sul calendario biologico con i periodi di maturazione naturali di frutta e verdura, cliccate sui link che troverete qua sotto. Il risotto agli asparagi che vi faccio vedere oggi è uno dei modi in cui preparo questo piatto.

la ricetta passo passo

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

VELLUTATA DI ASPARAGI E PISELLI

VELLUTATA DI ASPARAGI E PISELLI

INGREDIENTI

2 mazzetti di asparagi (800 g circa)
300 g di piselli freschi
sale q.b.
1 cucchiaio di olio e.v.o.
1 cipolla
pepe nero q.b.
menta fresca q.b.
prezzemolo fresco q.b.
pane senza glutine 2 fettine a testa

 

Diario di bordo
Rispetto alla ricetta di origine io ho aumentato la dose degli ortaggi. E visto che ci troviamo in primavera non mi sono fatta scappare l’occasione di cucinare la vellutata di asparagi e piselli usando ortaggi presenti in questa stagione. Meno di 1 ora per prepararlo, e perfetto per chi spesso, a causa di lavoro e altri impegni, è costretto a mangiare fuori casa scegliendo spesso pietanze e alimenti poco salutari e privi di contenuto. Ottima crema di verdure DISINTOSSICANTE.

6o minuti

3 porzioni

facilissima

Ho preparato questa vellutata di asparagi e piselli in uno dei miei lunedì sera scorsi, insieme alla mia amica Martina. Il lunedì sera è uno dei 2 giorni che dedichiamo alla pratica dello OKI do Yoga. Quindi il pasto serale che facciamo dopo questa pratica dev’essere leggero e sopratutto molto salutare. La ricetta è tratta dal blog La Frittata è fatta che potete visitare cliccando qui , ricco di ricette vegetariane ma anche vegane, un blog che saprà catturare l’attenzione di tutte quelle persone che hanno deciso di intraprendere un’alimentazione priva di alimenti di derivazione animale. 

Gli asparagi non sono da meno, in quanto a proprietà salutistiche, che sono cominciando dalle prime : DIURETICHE seguite da quelle ANTIOSSIDANTI. Le sostanze in esso contenute e a noi utili sono l’ACIDO FOLICO, le fibre e un’aminoacido chiamato ASPARAGINA. Inoltre è ricco d’acua, POVERO DI GRASSI, PRIVO DI COLESTEROLO, RICCO DI VITAMINE E SALI MINERALI, e nella fattispecie è il più ricco di POTASSIO.

curiosità

le proprietà salutistiche nutrizionali dei piselli sono tantissime; tra le tante sono IPOCALORICI e ricchi di ACIDO FOLICO e di ACQUA, per l’estrema scarsità di grassi risultano utili per chi è a dieta e anche se non contengono un’elevata quantità di fibre, quella che hanno è sufficiente ad aiutare l’intestino, è quindi utile in caso di stitichezza.

Sotto trovate tutti i link dove ho tratto queste info, e troverete molto altro ancora. Alla fine di tutti gli step troverete altre ricette di zuppe, con gli asparagi e i piselli.
Buona giornata !!!

Link di riferimento sulle proprietà salutistiche dei PISELLI

LE PROPRIETA’ BENEFICHE DEI PISELLI

 PISELLI PROPRIETA’ E BENEFICI

 I PISELLI: PICCOLI E SANI DAL COLORE VIVACE

Link di riferimento sulle proprietà salutistiche degli ASPARAGI 

LE PROPRIETA’ BENEFICHE DEGLI ASPARAGI

ASPARAGI: PROPIETA’ NUTRIZIONALI E BENEFICHE

ASPARAGI: PROPRIETA’ E BEBEFICI – MISTER LOTO

la ricetta passo passo

 Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

VELLUTATA DI ASPARAGI E PISELLI – RICETTA N° 226

Ho preparato questa vellutata di asparagi e piselli in uno dei miei lunedì sera scorsi, insieme alla mia amica Martina. Il lunedì sera è uno dei 2 giorni che dedichiamo alla pratica dello OKI do Yoga. Quindi il pasto serale che facciamo dopo questa pratica dev’essere leggero e sopratutto molto salutare. La ricetta è tratta dal blog La Frittata è fatta che potete visitare cliccando qui , ricco di ricette vegetariane ma anche vegane, un blog che saprà catturare l’attenzione di tutte quelle persone che hanno deciso di intraprendere un’alimentazione priva di alimenti di derivazione animale. Rispetto alla ricetta di origine io ho aumentato la dose degli ortaggi. E visto che ci troviamo in primavera non mi sono fatta scappare l’occasione di cucinare la vellutata di asparagi e piselli usando ortaggi presenti in questa stagione. Meno di 1 ora per prepararlo, e perfetto per chi spesso, a causa di lavoro e altri impegni, è costretto a mangiare fuori casa scegliendo spesso pietanze e alimenti poco salutari e privi di contenuto. Ottima crema di verdure DISINTOSSICANTE. CURIOSITA’ : le proprietà salutistiche nutrizionali dei piselli sono tantissime; tra le tante sono IPOCALORICI e ricchi di ACIDO FOLICO e di ACQUA, per l’estrema scarsità di grassi risultano utili per chi è a dieta e anche se non contengono un’elevata quantità di fibre, quella che hanno è sufficiente ad aiutare l’intestino, è quindi utile in caso di stitichezza. Gli asparagi non sono da meno, in quanto a proprietà salutistiche, che sono cominciando dalle prime : DIURETICHE seguite da quelle ANTIOSSIDANTI. Le sostanze in esso contenute e a noi utili sono l’ACIDO FOLICO, le fibre e un’aminoacido chiamato ASPARAGINA. Inoltre è ricco d’acua, POVERO DI GRASSI, PRIVO DI COLESTEROLO, RICCO DI VITAMINE E SALI MINERALI, e nella fattispecie è il più ricco di POTASSIO. Sotto trovate tutti i link dove ho tratto queste info, e troverete molto altro ancora. Alla fine di tutti gli step troverete altre ricette di zuppe, con gli asparagi e i piselli. Buona giornata !!! Link di riferimento sulle proprietà salutistiche dei PISELLI LE PROPRIETA’ BENEFICHE DEI PISELLI  PISELLI PROPRIETA’ E BENEFICI  I PISELLI: PICCOLI E SANI DAL COLORE VIVACE   Link di riferimento sulle proprietà salutistiche degli ASPARAGI  LE PROPRIETA’ BENEFICHE DEGLI ASPARAGI ASPARAGI: PROPIETA’ NUTRIZIONALI E BENEFICHE ASPARAGI: PROPRIETA’ E BEBEFICI – MISTER LOTO   Dose : per 3 porzioni Preparazione : 30 minuti Cottura : 30 minuti  

Ingredienti :

2 mazzetti di asparagi (800 g circa) 300 g di piselli freschi sale q.b. 1 cucchiaio di olio e.v.o. 1 cipolla pepe nero q.b. menta fresca q.b. prezzemolo fresco q.b. pane senza glutine 2 fettine a testa  

PREPARAZIONE :

Per prima cosa sbucciate i piselli freschi. Poi pulite gli asparagi eliminando le parti bianche e lasciando solo la parte verde dei gambi. Sciacquateli per bene sotto l’acqua corrente.

Tagliateli in 4/5 parti lasciando intere le punte.

Portate a ebollizione una pentola colma di acqua, dopo di che tuffateci i gambi. Cuocete all’incirca 8/9 minuti, dopo di che unite le punte, e cuocete ancora per 5 minuti. Scolate tenendo da parte l’acqua di cottura degli asparagi.

Mentre gli asparagi cuociono, in un’altra pentola, mettete a soffriggere la cipolla a pezzetti con l’olio per circa 3 minuti, giusto il tempo per farle dorare.

A questo punto calate i piselli, mescolate e aggiungete l’acqua degli asparagi e cuocete per 20 minuti. Se l’acqua si dovesse ritirare e i piselli non fossero ancora teneri, aggiungerne altra uno o 2 mestoli alla volta.

Una volta cotti i piselli aggiungete gli asparagi.

Bollite ancora 2 minuti, dopo di che aggiungete il sale q.b. Togliete dal fuoco ed unite pepe, prezzemolo, menta fresca e passate tutto con un frullatore ad immersione. Dovrebbe esservi rimasto ancora del brodo di asparagi, aggiungetelo pian piano fino a raggiungere la consistenza ideale della vellutata.

Servite con dell’olio a crudo e del pane tostato in padella. Buon appetito.

Buon appetito! Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette. Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui. ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui.  Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected] CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

LASAGNA DI ZUCCA E PATATE LIGHT – RICETTA N° 207

LASAGNA DI ZUCCA E PATATE LIGHT – RICETTA N° 207

Cominciamo oggi con le ricette di Halloween. E’ tradizione ormai che tutte le blogger propongano sui loro siti e blog tante ricettine a base di zucca e non, e dolcetti a tema MOSTRUOSO E A SUON DI STREGHE E ZOMBI, per festeggiare al meglio questa festività che è entrata da diversi anni di diritto anche in Italia. Questa è una ricetta di mia madre, che io ho leggermente modificato.  Le dosi sono indicative perché è un piatto che faccio sempre a occhio, senza pesare i vari ingredienti, in base a quanta zucca e quante patate ho in quel momento. Potrebbe occorrervi più o meno zucca, o patate, a seconda dello stampo e di quanti strati volete ottenere. Io ne ho fatti 3 di zucca e 3 di patate.

Questa lasagna ho deciso di chiamarla così “DI” e non “CON “, perché sostituisco la PASTA con delle VERDURE, senza rinunciare all’effetto a strati delle lasagne. Le verdure vengono tagliate abbastanza sottili e messe a crudo, e l’unico condimento usato per cuocerle è il latte e pochissimo olio, in questa maniera, si alleggerisce il carico dei grassi, rendendolo un piatto piuttosto light. Se non volete usare il latte vaccino anche senza lattosio, potete usare un latte vegetale come quello di soia, riso o avena, e per una versione completamente Vegan, usate il grana vegano al posto del Parmigiano reggiano. Ricordatevi sempre di far riposare almeno 15 minuti la vostra lasagna una volta uscita dal forno, per avere una porzione tutta intera nel vostro piatto. Ora vi saluto vado a preparare le altre ricette da mettere nel blog. Tante sorprese in serbo per voi, e quest’anno ho deciso di mettere anche qualche ricetta di halloween per i bambini.

Continuate a seguirmi, e ne vedrete delle belle, ve lo assicuro.

 

Dose : per un contenitore rettangolare da 4 porzioni
Preparazione : 15 minuti
Cottura : + di 1 ora

 

Ingredienti :

200/300 g di zucca già pulita
2/3 patate di media grandezza
6 cucchiaio di olio e.v.o. (1 per ogni strato)
100/150 ml di latte (all’incirca)
80/100 g di Parmigiano o Grana grattugiato
sale e pepe q.b.
qualche ago di rosmarino spezzettato facoltativo

 

PREPARAZIONE :

Mondate le patate e lavatele. Fate a fettine sottili di 5 mm la zucca e le patate . In una teglia fate un primo strato di fettine di zucca, versateci sopra qualche cucchiaio di latte, un cucchiaio di olio, spolverate con del sale q.b. pepe e formaggio grattugiato.

Fate la stessa cosa con le patate.

Continuate ad alternare gli strati con le 2 verdure e gli ingredienti. Terminate con l’ultimo strato di patate, latte, olio, sale e abbondante formaggio grattugiato.

Coprite con l’alluminio la superficie della teglia. Infornate in forno preriscaldato a 180° per circa 1 ora o fino a che le verdure non risulteranno cotte. Controllate le verdure a metà cottura, infilando una forchetta per vedere se le verdure sono già morbide. Nel caso contrario continuate la cottura.

Passata l’altra mezz’ora fate il secondo controllo. Se le verdure sono morbide, togliete l’alluminio e fate colorire la superficie come in foto.

Aspettate 15 minuti e impiattate.

Ecco un primo piano della lasagna di zucca e patate.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

POLPETTE AL BASILICO E RICOTTA – RICETTA N° 206

POLPETTE AL BASILICO E RICOTTA – RICETTA N° 206

Da quando ho visto questa ricetta in televisione, non me la sono più tolta dalla mente. Indovinate dove l’ho vista ? Ma sul programma di Benedetta Parodi  ” Molto Bene “. Ieri le ho fatte per la prima volta e oggi non vedevo l’ora di proporvela. Ho scoperto da qualche tempo, l’esistenza di una salumeria vicino alla pineta di Pescara, con prodotti di qualità, e chicche davvero irresistibili. Una bottega non tanto piccola e non tanto grande, con tantissimi prodotti locali, alcuni anche biologici. E proprio qui, ho avuto modo di comprare questa ricotta vaccina senza lattosio, consigliatami proprio da uno dei titolari della salumeria, quando gli ho detto che ero intollerante al lattosio. Ho colto la palla al balzo, e sono tornata a casa sapendo che mi sarei messa ai fornelli per provare questa ricetta che mi gironzolava in testa già da un po’. Che siate intolleranti come me o no al lattosio, provate queste polpette, e vedrete che ne rimarrete entusiasti proprio come lo sono stata io mentre le mangiavo. Entreranno di diritto nella vostra lista di cose da cucinare per stupire tutti i vostri commensali che si siederanno alla vostra tavola. Alla ricetta originale io ho quindi fatto questa variazione della ricotta senza lattosio. Se voi non avete problemi usate pure la ricotta normale. Inoltre ho aggiunto un pizzico di pepe in polvere e di aglio granulare secco. Vi consiglio di aggiungere 1 cucchiaio di pane grattugiato alla volta, aspettando qualche minuto prima di aggiungere l’altro, perchè a seconda del potere di assorbimento della farina e del pangrattato usato, potreste avere un impasto troppo sodo. A me è successo questo e ho rimediato aggiungendo un pochino di latte di soia per riportare l’impasto ad una consistenza giusta. Quindi tenetene conto.

Vi auguro buona giornata, e aspetto i vostri commenti numerosi.

Dose : per 12/14 polpette
Preparazione : 10 minuti
Cottura : meno di 10 minuti

 

Ingredienti :

125 g di ricotta vaccina (io senza lattosio)
125 g di farina (io ho usato quella 0)
50 g di grana grattugiato (io ho usato il parmigiano)
2-3 cucchiai di pangrattato + extra per ripassare le polpette
1 uovo (io ho usato 1 uovo grandezza medio-grande)
mezzo mazzo di basilico fresco
sale q.b.
olio di oliva q.b. per friggere

 

PREPARAZIONE :

In un mixer mettete la ricotta, la farina, l’uovo, il pangrattato, il grana, il basilico e le spezie se vi piacciono. Frullate il tutto. Controllate per vedere se avete raggiunto la giusta consistenza dell’impasto.

A questo punto formate le polpette e ripassatele nel pangrattato.

La ricetta originale dice di ripassarle in padella con l’olio. Io ho preferito friggerle. Cuocetele per 4/5 minuti, rigirandole a circa metà cottura per averle dorate da entrambe le parti.

Scolatele su carta assorbente.

Aspettate almeno 10-15 minuti prima di servirle e mangiarle.

Ed ecco le polpette di basilico e ricotta senza lattosio.

Ecco come appaiono all’interno.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

CIAMBELLONE CON FARINA DI FARRO ALLE CAROTE E AGRUMI – RICETTA N° 205

CIAMBELLONE CON FARINA DI FARRO  ALLE CAROTE E AGRUMI – RICETTA N° 205

Eccomi di nuovo tra voi amici. Davvero una gioia poter scrivere di nuovo le mie ricette con questo mio intramontabile PC. Il ciambellone che vi propongo è buono, alto, soffice, morbidoso, dolce, salutare, genuino e incredibilmente CONFORT FOOD. Riporta indietro nel tempo, si perchè appena ne mangerete una fetta, vi sembrerà di mangiare le famose merendine Camille, ve le ricordate ? Io ne andavo pazza, ero letteralmente in grado di farmene fuori 3/4 alla volta. Quindi se anche voi come me amavate quelle merendine, vi metterete ai fornelli per assaggiarne tutta la bontà, con la consapevolezza di aver fatto in casa questo dolce buonissimo. Un’ulteriore modo per far mangiare questo ortaggio a tutti quei bambini e adulti che non amano mangiare le verdure, le carote non si vedono e non si sentono. Tutti gli ingredienti si amalgamano alla perfezione donando a questo dolce un gradevolissimo sapore zuccherato e agrumato. E sarà ottimo per la vostra colazione. Ogni mattina non vedrete l’ora di alzarvi, per gustarvi questo gustosissimo dolce per colazione. Anche di domenica ve lo assicuro io. Mi raccomando per fare questo dolce usate solo agrumi senza trattamento, in modo da avere una buccia senza contaminazione di pesticidi. Io vi scrivo la versione completamente vegetariana e vegetale di questo dolce che ho fatto io, a voi la scelta di sostituire un’ingrediente con un’altro se non avete problemi di intolleranza come me.

GOODBYE AMICI !

 

Dosi : per uno stampo di cm 24 di dm
Preparazione : 15/20 minuti
Cottura : 170/180° per 35/40 minuti

 

Ingredienti :

100 g di farina manitoba
150 g di farina di farro integrale biologica
50 g di fecola di patate
3 uova medio-grandi
200 g di zucchero di canna biologico
200 g di carote tritate finemente
80 ml di latte di avena (voi potete usare il latte che vi piace di più)
80 ml di olio di semi di arachide
50 g di mandorle tritate finemente o farina di mandorle
1 bustina di lievito bio-vegan senza fosfati
1 limone solo la scorza
1 arancia di cui userete scorza e succo
zucchero a velo q.b. facoltativo
olio di semi ( o burro ) per ungere lo stampo q.b.

 

PREPARAZIONE :

In una ciotola montate per circa 5 minuti le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso e denso.

Aggiungete  le farine, la fecola e il lievito setacciandoli con un colino, intervallandoli con il latte e l’olio.

A questo punto incorporate le carote tritate e le mandorle ridotte in polvere.

Mescolate la scorza degli agrumi grattugiati e il succo dell’arancia.

Versate il composto in uno stampo a ciambella unto di olio a 170°/180° per 35/40 minuti.

Una volta cotta aspettate qualche minuto prima di sformarla dallo stampo (non fate come me che ho aspettato il mattino dopo).

Spolverizzate con zucchero a velo una volta che sarà fredda.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

FORMAGGIO SPALMABILE E YOGURT GRECO VEGETALE SENZA LATTOSIO FATTO IN CASA – RICETTA N° 201

FORMAGGIO SPALMABILE  E YOGURT GRECO VEGETALE SENZA LATTOSIO FATTO IN CASA – RICETTA N° 201

Vi piace il formaggio spalmabile ? A me tanto, ma che dico tanto, tantissimo. Ed essere riuscita a riprodurlo in casa, con soli 2 ingredienti, riproducendo lo stesso identico sapore … non ha prezzo. Visto la mia intolleranza ai latticini, sono contentissima del risultato. L’idea di fare il formaggio spalmabile autoprodotto mi è venuta, quando ho saputo che la carragenina contenuta in questo formaggio, che è un’addensante meglio conosciuto in etichetta con la sigla E407, è stata messa in discussione come prodotto non sicuro. Per saperne di più, vi lascio tutti i link qui sotto, alla fine del mio testo, in questi siti se ne parla in maniera dettagliata. Solo 2 ingredienti per fare questo formaggio, meno di 5 minuti per prepararlo, il resto lo farà il riposo in frigorifero. Vi lascio alla ricetta. Finalmente un pochino di fresco e di respiro dopo settimane di caldo intenso che ci ha messo a dura prova. Vediamo cosa ci riservano le previsioni del tempo per le prossime settimane.

Buona giornata a chi passa di qua.

Cliccate qui per leggere il link  Additivi alimentari : quanto è sicuro la carragenina (E407) ?

Cliccate qui per leggere il link Carragenina : meglio evitare i prodotti che contengono E407 ? Ecco la lista

Cliccate qui per leggere il link Carragenine : una parte del mondo scientifico solleva dubbio sull’impiego di questi addensanti. Inviata petizione alla FDA

Cliccate qui per leggere il link E407 Carragenine o Carragenani

 

Dose : per 200 gr circa di prodotto finale -formaggio spalmabile autoprodotto
Preparazione : 5 minuti (anche meno)
Riposo : 6/8 ore  in frigorifero

 

Ingredienti :

500 gr di yogurt di soia bianco al naturale ( leggete bene l’etichetta che non ci sia zucchero all’interno )
1 cucchiaino di sale ( Io uso il sale marino integrale )

 

PROCEDIMENTO :

Prendete una ciotolina o un pentolino piuttosto alto e capiente, un colino, e un canovaccio pulito che non adori di detersivo.

Versate all’interno del canovaccio tutto lo yogurt.

Aggiungete il cucchiaino di sale e mescolate.

Sotto finirà il siero, sopra invece rimarrà la parte più compatta. Fate ora sgocciolare in frigorifero per 6/8 ore. Più lungo sarà il tempo di sgocciolamento, più compatto sarà il formaggio spalmabile.

Chiudete gli angoli del canovaccio per coprire lo yogurt prima di metterlo in frigorifero.

Dopo una notte o 6/8 ore ecco pronto il formaggio spalmabile. Non buttate il siero acido. Della soia non si butta via niente. Potete riutilizzarla per fare il pane o delle polpette vegetali.

Non aggiungete altro sale, bensì potremo aggiungere olive a pezzetti, pepe e noci, erbette fresche per arricchire il vostro formaggio spalmabile. Date spazio alla vostra fantasia.

Nello stesso modo potete fare lo Yogurt Greco Vegan , facendo scolare lo yogurt di soia solo 2 o 3 ore, in questo modo avrete uno yogurt compatto, buonissimo, che potrete mangiare così o usarlo per salse o creme come il famoso tzatzichi greco. Vi metterò la ricetta di questo in settimana.

Qui trovate il link dello tzatzichi se non avete problemi di intolleranza e se non siete vegani.

Vi auguro una buona giornata e alla prossima ricetta.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

PURE’ DI PATATE SENZA LATTE VACCINO SENZA BURRO SENZA FORMAGGIO GRATTUGIATO – RICETTA N° 199

PURE’ DI PATATE SENZA LATTE VACCINO SENZA BURRO SENZA FORMAGGIO GRATTUGIATO – RICETTA N° 199

Finalmente posso mangiarmi il mio piatto preferito e confort food per eccellenza, senza mal di pancia e senza quel fastidioso gonfiore addominale. In pratica l’ho veganizzato riuscendo ad ottenere un risultato più che soddisfacente. Ci sono volute ben 4 prove e tentativi, ma alla fine ci sono riuscita. L’ho fatto assaggiare alla mia amica Eleonora, e lei me ne ha confermato la bontà e la completa somiglianza ad un purè fatto con ingredienti di origine animale. Provate il mio purè sia che siate intolleranti, vegani o onnivori. Le vostre papille gustative ve ne renderanno grazie. I miei auguri per la seconda parte di questa giornata all’insegna del divertmento e del rilassamento ovunque voi siate.

BUONA SERATA DI FERRAGOSTO A TUTTI VOI.

 

Dose : per 3 porzioni
Preparazione : 15/20 minuti
Cottura : 20/30 minuti

 

Ingredienti :

4 patate di grandezza media
150/200 ml di latte di soia non zuccherato
100 g circa di panna vegetale di soia (io ho usato quella autoprodotta da me)
4 cucchiai di lievito granulare in povere
una grattugiata di noce moscata
sale e pepe q.b.
2 pizzichi (la punta di un cucchiaino) di curry

 

PREPARAZIONE :

Per prima cosa mettete a bollire le patate in abbondante acqua con tutta la buccia, calcolando dal momento del bollore 20/30 minuti. Le patate dovranno essere cotte ma non devono spappolarsi.

Mentre le patate cuociono preparate la panna vegetale di soia (voi potete usare quella già pronta se volete fare prima). Usate questa dose per prepararla da voi : 40 ml di latte di soia, 70 ml di olio e.v.o. (io ho usato quello comprato dal contadino, per me la panna così, è venuta ancora più buona). Mettete in un beker il latte di soia e l’olio e.v.o. Usando il frullatore ad immersione, frullate il tutto fino ad avere un’emulsione cremosa. Mettete in frigorifero fino al momento di utilizzarla.

In una pentola mettete a scaldare il latte di soia, e versate all’interno le patate che avrete precedentemente pelate e schiacciate con lo schiacciapatate.

Amalgamate per incorporare tutti gli ingredienti che aggiungete ogni volta in questa sequenza : panna vegetale, il sale, il pepe,noce moscata, il curry e il lievito alimentare in fiocchi.

Assaggiate infine per aggiustare di sale. La presenza del curry pur non sentendosi ha conferito alla pietanza quel perchè in più. Per quanto riguarda il latte di soia, cominciate con 100 ml, poi man mano che serve aggiungete il resto. A seconda delle patate che userete è probabile che non dovete usare la dose che vi ho scritto. Potete usarne forse 150 ml o forse tutti i 200 ml.

Ecco il mio gustosissimo e cremoso purè di patate vegan.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA