Crea sito
Daniwella Felicità e passione in cucina

SECONDI PIATTI

Un secondo piatto è un piatto, in genere a base di carne, pesce o uova, consumato dopo che, nel corso di un pasto, è stato servito un primo. Alcuni piatti possono fungere a seconda della quantità servita o delle diverse usanze locali da secondo oppure da antipasto

SFORMATO DI PATATE ZUCCA E WURSTEL – RICETTA N° 160

SFORMATO DI PATATE ZUCCA E WURSTEL – RICETTA N° 160

Questa ricetta è l’esperimento ben riuscito di uno svuota frigo. Amo particolarmente lo sformato, perché è il derivante del purè di patate, ma questo lo ho amato ancora di più. Quando mi sono accorta che c’erano alcune cose che stavano per scadere, e che mi imploravano di essere usate in qualche pasticcio che la fantasia mi avrebbe fatto realizzare, mi sono messa all’opera. Ho guardato in giro nel frigo, ho riunito qualche altro ingrediente avanzato che stava li da solo soletto evvaaiiii. Ecco cosa ne è uscito furoi. Patate, zucca e wurstel li ho trovati un’accostamento superbo. Per la presenza della zucca, anche questa è una di quelle ricette che faccio rientrare nella categoria per la festa di Halloween. Provatela e poi fatemi sapere.

Buona domenica a chi passa di qui.

 

Dose : per 4/6 porzioni
Preparazione : 1 ora
Cottura : 20/25 minuti circa

 

Ingredienti :

620 g di patate
160 g di zucca
150 g di wurstel
1 uovo
40 g di Parmigiano grattugiato + 1 cucchiaio
30 g di mozzarella
1 sottiletta
20 g di burro
pepe e sale q.b.
1 cucchiaino di pangrattato

 

PREPARAZIONE :

Mondate, lavate e fate a tocchi grandi le patate e la zucca. Metteteli in una pentola, con tanta acqua già salata fino a coprirli, e cuocete per 10 minuti a partire dal bollore, giusto il tempo di farli ammorbidire.

Una volta che si sono ammorbiditi, in una ciotola capiente, frullate per primo la zucca con il frullatore ad immersione.

Con uno schiacciapatate aggiungete le patate schiacciate, e il burro morbido.

Con l’aiuto di un mixer tritate insieme i wurstel, la mozzarella, la sottiletta e il Parmigiano e aggiungetele alle patate insieme all’uovo e mescolate per creare il vostro sformato.

Trasferite il tutto in un contenitore da forno da 4/6 porzioni circa (grandezza media).

Spolverate con il cucchiaio di parmigiano rimasto e il cucchiaino di pangrattato.

Infornate in forno già caldo a 180° per 20/25 minuti o fino a quando i bordi si saranno belli colorati. Attendete 10/15 minuti prima di tagliarlo in porzioni e mangiarlo.

Ecco un particolare dello sformato di patate zucca e wurstel.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

INVOLTINI DI VERZA CON PUREA DI PATATE E PROSCIUTTO COTTO – RICETTA N° 155

INVOLTINI DI VERZA  CON PUREA DI PATATE  E PROSCIUTTO COTTO – RICETTA N° 155

Preparare questi involtini mi ha proprio entusiasmato. Sono stati il mio secondo esperimento con questo ortaggio dopo aver cucinato la ricetta della verza stufata con patate il 6 novembre scorso. Mentre li riempivo  e trasformavo una semplice foglia di verza in un involtino, mi sono emozionata come una bambina che ha in mano un nuovo regalo. Ritengo che oltre ad essere un piatto adatto alla stagione fredda, da servire come antipasto o secondo, è anche piuttosto light. Infatti nonostante non ci siano condimenti come burro e quant’altro, ma solo olio e.v.o. di oliva, gli involtini sono risultati gustosi. Come ripieno ho usato quello che avevo in frigorifero e nella dispensa in quel momento, e che dovevo assolutamente consumare (prosciutto cotto). Bene dopo le mangiate degli scorsi giorni, vi farà piacere di mangiare qualcosa di buono e leggero nello stesso tempo. Chi li ha assaggiati mi ha fatto i complimenti, e nonostante questo, io non ero completamente soddisfatta. Li ho preparati una seconda volta e ho aggiustato il tiro. Quindi se a voi piace l’involtino di verza croccante seguite il procedimento della ricetta indicato, se invece preferite che la foglia risulti più morbida all’assaggio fatele bollire non 3, ma 5 minuti in tutto e allora sarà perfetta. Continuate a seguirmi e vedrete come ho preparato gli involtini di verza successivi.

Per oggi è tutto, vi auguro buona domenica cuochine e chuochini.

 

Dose :  per 6 involtini
Preparazione : 30 minuti
Cottura : 20 minuti circa

 

Ingredienti :

6 foglie di verza
4 patate di media grandezza già bollite
2 fettine di prosciutto cotto (60/70 g circa)
50 g di parmigiano grattugiato
50 ml di latte caldo (io ho usato quello senza lattosio)
olio e.v.o. q.b.
sale -pepe nero-noce moscata in polvere q.b.
Parmigiano grattugiato in più per spolverare gli involtini (facoltativo)

 

PREPARAZIONE :

Mettete sul fuoco una pentola capiente con dell’acqua salata e portatela a bollore.
Staccate dalla verza 6 foglie esterne, piuttosto grosse, e senza romperle eliminate con il coltello la venatura centrale piuttosto fibrosa.

Sbollentate le foglie di verza per 3 minuti, mettendole nella pentola una sopra all’altra.

Quindi  prendendole una alla volta fatele scolare in un colapasta. Fatele asciugare e intiepidire.

In una ciotola schiacciate le patate bollite ancora calde, aggiungete il prosciutto cotto a pezzetti, il latte caldo un pizzico sale, pepe e noce moscata, 2/3 cucchiai di olio e.v.o. e mescolate il tutto fino ad ottenere un composto omogeneo.

Andate ora a realizzare l’involtino. Prendete una foglia di verza bene aperta, poggiatela su carta assorbente (per asciugare ulteriore acqua di bollitura rimasta) e mettete al centro un cucchiaio abbondante di purea di patate (dovete dividerla in 6 cucchiaiate).

Chiudete a pacchetto prima la parte esterna.

Dopo di che arrotolare il pacchetto partendo dalla venatura centrale, fate capitare la parte ripiegata verso il basso.

Poggiate gli involtini in una pirofila, unta con un filo di olio e mezzo mestolo di brodo di cottura delle foglie di verza. Ricoprite gli involtini con un filo di olio e un pizzico di pepe e sale (se volete spolverate ancora con un pochino di Parmigiano), infornate in forno già caldo a 200° per 15/20 minuti.

Sfornate quando sono colorati così come in foto e fate riposare 8/10 minuti prima di mangiarli.

Ed ecco come si presentano all’interno.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

FRITTATA DI PATATE – RICETTA N° 144

FRITTATA DI PATATE – RICETTA N° 144

Buona sera a tutti, eccomi qua, in tarda serata, per consigliare tutti quelli che ancora non sanno cosa cucinare questa sera per cena. Una gustosissima frittata di patate, una delle migliori che faccio in sapore. A me piace così, con le patate fatte a cubetti piccole e fritte, e con le uova sbattute con Parmigiano o  Grana grattugiati e un pizzico di pepe. Se avete problemi, come li avevo io, nel rigirare e mantenere intatta la frittata, vi rimando ai consigli, che si trovano nella frittata di asparagi, cliccate qui per leggerli. Questa in particolare ve la consiglio anche, quando avete amici a cena, per vedere la partita o un film, tagliata a spicchietti o a quadratini, infilzati da uno stuzzicadenti, per un’originale mini-buffet, dal momento che comprende una cosa che piace a tutti, le patatine fritte appunto.

Noi ci vediamo domani, con la ricetta di un’altra pizza che ho sperimentato. Dolce serata a tutti.

 

Dose : per 4/6 porzioni utilizzando una padella di cm 26 di dm
Preparazione : 10 minuti
Cottura patatine : tra i 10 e i 15 minuti circa
Cottura frittata : 15 minuti circa

 

Ingredienti :

4 uova
3 patate di media grandezza (circa 350 g)
olio di oliva q.b.
50 g di formaggio grattugiato Parmigiano o Grana
1 cucchiaino raso di sale
un pizzico di pepe in polvere

 

PREPARAZIONE :

Sbucciate e lavate le patate. Fatele a cubetti piccoli, e metteteli a friggere in una padella con l’olio di oliva ben caldo.

Nel frattempo in una ciotola capiente, sbattete le uova con il formaggio, il pepe e il sale.

Appena le patatine si saranno dorate, versate sopra il composto di uova.
Abbassate il fuoco al minimo e coprite.

Dopo circa 10 minuti controllate la frittata, quando i bordi cominciano a raggrinzirsi sollevateli con una forchetta, e inclinando la padella, fate scorrere le uova ancora liquide.

Coprite di nuovo con il coperchio fino a quando andandola a ricontrollare noterete che la parte a contatto col fondo è cotta. Per essere sicuri che non si sia attaccata sul fondo, muovete la padella avanti e dietro, dovete vedere la frittata che scivola e si muove all’interno. A questo punto, ungete con un pochino di olio il coperchio, alzate la padella e poggiatecelo sopra con forza.
Capovolgete velocemente la padella sul coperchio. Fate scivolare velocemente la frittata nella padella, e cuocete a fuoco medio-alto, questa volta senza coperchio.

Controllate dopo 5/10 minuti che si sia dorata anche sull’altro lato.
Controllate che sia asciutta e non imbevuta di olio, in tal caso scolate l’eccesso con cautela e passate la frittata su due fogli di carta assorbente.
Impiattatela  e mangiatela come piace a voi … calda o fredda !!!

Ecco un particolare visto da vicino.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

PEPERONI AL FORNO RIPIENI DI TONNO – RICETTA N° 141

PEPERONI AL FORNO RIPIENI DI TONNO – RICETTA N° 141

Comincio col dirvi che questa ricetta noi la facciamo primariamente con i peperoni friggitelli. Non so da voi, ma qui a Pescara, i friggitelli sono piccoli. Quando a suo tempo avevo fotografato la ricetta, mi sono accorta che le foto non erano uscite un gran che. Qualche settimana fa li ho cucinati per una mia amica a casa sua (io avevo portato la macchinetta fotografica con me), lei aveva comprato dei bellissimi peperoni  del tipo cornetto (grandezza medio-grande). Tenetelo presente, nel caso che, quando sarà il periodo, volete provare questa ricetta con i friggitelli. Quando ho cominciato a convivere con il mio compagno, lui mi raccontava di quanto amasse la buona cucina, e di come era estremamente goloso dei friggitelli con il tonno che cucinava sua sorella. Mi disse che per quanto erano buoni, era capace di mangiarsi una teglia intera di questa golosità, tutto da solo. Quindi, ho chiesto a Linda la ricetta e questo è il risultato. Un’esplosione di sapore e gusto, affiancato dall’aroma del tonno che completa magistralmente questo binomio. Sono così buoni, che quando li ho assaggiati la prima volta, in due, c’è li siamo spazzolati di più, perché la teglia era molto più grande del solito, dal momento che avevo cucinato più friggitelli. Quindi grazie a Linda, per questa pura goduria di gusto. Un’ultima cosa : se vi dovesse avanzare il ripieno, arrotondateli a forma di polpette, impanateli con del pane grattugiato e cuocetele  per 20 minuti, con un filo d’olio, in fondo troverete le foto anche di queste.

Buona domenica a tutti.

 

Dose : per 7/8 peperoni cornetto
Preparazione : 15 minuti
Cottura : 1 ora e 30 minuti circa

 

Ingredienti :

2 scatole di tonno sott’olio da 160 g (calcolate che sgocciolato il peso sarà 200 g)
100 g di pane secco ( se avete pane raffermo di qualche giorno probabilmente c’è ne vorrà di meno )
50 g di Parmigiano Reggiano o Grana Padano grattugiati
1 uovo
1 mozzarella
1 pomodoro maturo
sale e pepe in polvere q.b.
un ciuffetto di prezzemolo facoltativo

 

PREPARAZIONE :

Ammollate il pane nell’acqua, dopo di che strizzatelo per bene e sgranatelo con le mani.

Tagliate la calotta dei peperoni, levate i filamenti bianchi all’interno con un coltellino o con le mani, e lavatelo sotto l’acqua corrente per far uscire i semini, dopo di che salateli leggermente all’interno (altrimenti nel mangiarlo il peperone risulterà insipido). Fate attenzione a non romperli, i peperoni devono rimanere intatti.

Preriscaldare il forno a 180°. In una ciotola mescolate, il tonno sgocciolato, il pane ammollato sgranato, il formaggio grattugiato, l’uovo, il pomodoro maturo spellato e tagliato a pezzettini piccoli, la mozzarella fatta a pezzetti piccoli, il sale e il pepe. Se volete potete far nel mixer o robot, questa operazione.

Inserite il composto di tonno nei peperoni con un cucchiaio o meglio con le mani, (o con un sac a poche usa e getta)  per fare arrivare l’impasto fino in fondo al peperone. Spianate il composto sul bordo per non farlo uscire di fuori.

Distribuiteli in un tegame rettangolare ricoperto di carta forno e infornateli  in forno ormai caldo per 30 minuti scoperti. Passato il tempo, abbassate la temperatura a 170/160, estraete dal forno e coprite la superficie con un foglio di alluminio, e proseguite la cottura per un’ora ; questo perché sentirete il profumo e il peperone risulterà colorito, ma in realtà non è ancora cotto.

Passato il tempo di cottura, tirate via dal forno e fate riposare 15/20 minuti prima di consumare.

Ecco i peperoni ripieni di tonno caldi caldi.

P.S. – Se volete potete preparali il giorno prima, e riscaldarli in forno per mangiarli  il giorno dopo.
Non necessitano di olio, perché il tonno, lo rilascerà in cottura.

 

Queste sono le foto dei friggitelli che mi sono uscite bene, quindi ve le posto ugualmente.

Friggitelli puliti dai semi e dalla calotta.

Friggitelli riempiti prima di essere infornati.

Nota Bene

Se vi dovesse avanzare il ripieno, procedete in questo modo per fare qualche polpetta di pesce:

 fate con il ripieno delle polpette della grandezza di una noce.

passatele nel pangrattato q.b.

ungete di olio una leccarda con carta forno e poggiatele sopra, cuocete 20 minuti a 180/170°.

servitele dopo 10 minuti dalla cottura.

Ecco le vostre polpette di tonno

AAAAAAHHHHHHHH dimenticavo …. ecco mia cognata Linda, l’autrice di questa ricetta

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

POLLO ALLA CACCIATORA – RICETTA N° 124

POLLO ALLA CACCIATORA – RICETTA N° 124

Questo è uno dei miei cavalli di battaglia. Se avete invitati a pranzo o a cena, se volete cucinare qualcosa di economico, se volete un pollo che sappia di buono, se siete tra quelli che cucinano e congelano piatti squisiti per averli già pronti, allora questa ricetta fa al caso vostro. Nella sua infinita semplicità di preparazione, è un piatto che vi farà fare un figurone. Tipico piatto Toscano e apprezzato nel nord’Italia, la sua origine è da rifarsi alle ricette dei contadini, che utilizzavano gli ingredienti a disposizione per potersi nutrire; il pollo che allevavano, diventava un lauto pranzo nei giorni di festa, in quanto arricchito con i sapori dell’orto e del buon vino rosso appena aperto. Nelle mie ricerche, ho trovato che la definizione di  “Cacciatora”, derivi dall’utilizzo di aglio e rosmarino come aromatizzanti della pietanza, in quanto venivano usati dai cacciatori per cucinare le prede di immediato consumo e che ritroviamo per l’appunto in questa ricetta. Solitamente è usato come piatto della domenica, ma io per quanto è buono, l’inverno lo preparo spesso per la cena, accompagnato da un contorno di purè o di polenta fumante, sul quale mi piace farci scendere il sughetto di pomodoro, anzi se avanza il sugo, il giorno dopo ci condisco un bel piatto di pasta. Ognuno ha il suo modo di cucinarlo, e questa che vi propongo è la mia versione. Io uso il vino rosso per sfumare la carne, e non metto i pelati ma bensì, la passata di pomodoro; aggiungo fatta da me durante l’estate, il che acquista un sapore tutto suo ( nelle foto seguenti vedrete che ho usato i pomodorini freschi, perché dovevo consumarli per non farli rovinare ). Non aggiungo olio, perché cuocio il pollo con la pelle, che lo sprigiona di suo ( anche se poi non la mangio ). La presenza del peperone è dovuta al fatto che si stava rovinando, è così lo usato; tendo a precisarlo perché solitamente io non lo metto. Bene, detto questo vi lascio alla ricetta, vi auguro un felice weekend, il mio sarà pieno di cose da fare, ma non preoccupatevi tra le tante cose non mancherò di decidere quale saranno le ricetta che posterò per la prossima settimana. Ora vi saluto, e se si va di provare il pollo alla cacciatora per la giornata di domani, fatemi sapere come è andata.

Buona giornata a tutti.

Dose : per 2 porzioni
Preparazione : 15 minuti
Cottura : 1 ora

 

Ingredienti :

4 pezzi di pollo
1 carota
1 gambo di sedano
1 cipolla piccola
1 spicchio d’aglio
qualche ago di rosmarino
70 ml circa di vino rosso ( usate il vino bianco se siete soliti usare questo )
250 ml di passata di pomodori
sale e pepe in polvere q.b.
1 peperone rosso facoltativo

 

PREPARAZIONE :

Per prima cosa, pulite il pollo. Fiammeggiatelo per togliere eventuali piume. Scaldate una padella antiaderente, e rosolatelo per 10 minuti da entrambe le parti.
Quando sarà ben dorato, aggiungete la carota, il sedano e la cipolla tritati a cubetti, l’aglio schiacciato, il rosmarino, il sale e il  pepe. Fate soffriggere il tutto per 10 minuti, mescolando almeno un paio di volte per non far bruciare gli odori ( se a voi il peperone vi piace aggiungetelo in questo punto ).
Quando saranno rosolate anche le verdure, aggiungete il vino e fatelo sfumare completamente. A questo punto, aggiungete il pomodoro e abbassate la fiamma, coprite e mescolate di tanto in tanto, cuocete per 30/35 minuti. Se durante la cottura, il pollo dovesse asciugarsi, aggiungete un pochino di acqua calda.
Una volta cotto, assaggiate ed eventualmente aggiustate di sale e servite.
Ed ecco uno squisito piatto di pollo alla cacciatora.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

POLPETTE DI PANE RAFFERMO – RICETTA N° 114

POLPETTE DI PANE RAFFERMO – RICETTA N° 114

Adoro le polpette, come si suol dire in tutte le salse. Di carne, di tonno, al formaggio, di ricotta, di zucchine, di melanzane ecc. ecc. Questa è la mia versione fatte con il pane raffermo, e cade a pennello con il tempo che il 1° settembre ci ha regalato: pioggia, vento e un’abbassamento della temperatura che ci ha fatto immediatamente coprire, con felpe e sciarpette. Al primo assaggio, sarete pervasi da un calore e sapore straordinari, che vi farà subito apprezzare questa temperatura. Le dosi sono indicative, dipende da quanto raffermo è il vostro pane. Il pane che ho usato io si era seccato parecchio al 3 giorno per il caldo, e così ho aspettato altri 3/4 giorni in più per averlo bello asciutto, e ho dovuto usare più latte del previsto per bagnarlo. Inoltre l’ho bagnato con il latte senza lattosio , se non avete problemi di intolleranza usate il latte normale, e se il vostro pane non è così secco come il mio usate meno latte. Occhio e regolatevi.

Quindi auguro a tutti voi una piacevole serata e alla prossima ricetta Bye Bye.

 

Dose : per 10/12 polpette
Preparazione : 15 minuti circa
Cottura : 20 minuti circa

 

Ingredienti :

400 g di pane raffermo ( il mio lo era di 1 settimana )
750 g di latte senza lattosio
300 g di provola a cubetti ( voi usate qualsiasi tipo di formaggio vi piaccia che si fonda )
100 g di Grana Padano grattugiato
1 uovo
spezie e aromi q.b. io ho messo maggiorana
erba cipollina
noce moscata
pepe nero
sale
olio di semi di arachide per friggere  q.b.
pane grattugiato q.b.

 

PREPARAZIONE :

Ammorbidite il pane dentro una ciotola con il latte.

Quando sarà morbido, sbriciolatelo con le mani e aggiungete l’uovo, la provola, il Grana grattugiato, le spezie e il sale. Impastate il tutto e formate le polpette, dopo di che passatele nel pane grattugiato.

Friggete le polpette in abbondante olio caldo, 2/3 minuti per lato, il tempo che siano ben dorate. Scolatele su carta assorbente.

Fate riposare qualche minuto prima di mangiarle, ma non fatele intiepidire completamente.
Ecco le vostre polpette di pane raffermo.

P.S. Se volete potete insaporirle ancora di più in un sughetto fatto con carota sedano e cipolla.
Se non volete usare il latte per mettere a bagno il pane, potete usare l’acqua.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

POLLO AL CURRY CON CAROTE E ZUCCHINE – RICETTA N ° 111

POLLO AL CURRY CON CAROTE E ZUCCHINE – RICETTA N ° 111

Avevo voglia di un piatto dal sapore esotico e orientale allo stesso tempo, e sopratutto che si potesse portare al mare, al posto del solito panino e della solita insalata di riso. E così mi sono messa a pensare, e questo è quello che ne è venuto fuori. La ricetta è dello scorso anno, eppoi col tempo, l’ho cucinato anche durante le mie cene invernali, per poi riproporlo di nuovo questa estate sulla mia tavola e sul mio blog. Se amate il curry, questa ricetta fa per voi. L’aggiunta delle mandorle e della salsa di soia, possiamo dire che è facoltativo, si perché è un piatto nato lo scorso anno con i 4 ingredienti principali, il pollo, il curry, la zucchina e la carota, però quest’anno l’ho perfezionato con l’aggiunta di altri 2 ingredienti sopra menzionati. Inoltre con questa ricetta, esaudisco una richiesta di Celeste e Malagasi di Pescara, che a suo tempo mi hanno chiesto di mettere qualche ricetta con il curry. Bene, le mie giornate passano in fretta, piene di impegni all’insegna di un’estate che fa capolino solo per 1 settimana, dopo di che va a nascondersi. Speriamo, che il mese di agosto, sarà un’estate come si deve. Incrociamo le dita allora.

Una buona serata a tutti voi e alla prossima ricetta.

 

Dose : per 4 porzioni ( o 2 a seconda della fame )
Preparazione : 5 minuti
Cottura : 10 minuti

 

Ingredienti :

4 fettine di petto di pollo
1 carota media
1 zucchina media
sale fino q.b.
3 cucchiai di olio e.v.o.
mezzo bicchiere di vino bianco
2 cucchiaini colmi di curry
FACOLTATIVO : 2 cucchiai di salsa di soia, 60 g di mandorle pelate.

 

PROCEDIMENTO :

Lavate e mondate la carota e la zucchina, con un pelapatate, pelatele a fettine sottili, fino a quando è possibile pelare. Conservate quello che rimane per aggiungerle ad un’altra eventuale vostra preparazione.

Scaldate per bene una padella antiaderente capiente, aggiungete l’olio e dopo qualche secondo le fettine di pollo, fate rosolare per bene su entrambi i lati per circa 3/4 minuti per lato.

Quando tutto è rosolato aggiungete il vino e fatelo sfumare completamente.

Togliete la padella del fuoco, prendete una fettina alla volta, e con l’aiuto delle forbici, tagliatele a strisce in senso longitudinale, dopo di chè rimettete di nuovo in pentola.

Aggiungete la carota e la zucchina e mescolate, continuamente a fuoco alto per farle cuocere e non farle attaccare, il tutto per 2 minuti.

Aggiungete il curry, e mescolate a fuoco altro per altri 2 minuti per insaporire tutti gli ingredienti, assaggiate e se serve aggiungete il sale.

A questo punto potete aggiungere se volete le mandorle pelate dalla buccia, e la salsa di soia e insaporire ancora per 2 minuti.
Assaggiate e in tal caso aggiustate di sale, sempre e soltanto dopo aver aggiunto la salsa di soia, perché è già molto saporita da sola.

Impiattate e servite.

Se volete portarlo al mare preparatelo la sera e mettetelo nel contenitore che porterete al mare, una volta freddo, mettete il coperchio e conservate in frigorifero fino al momento di metterlo nella borsa frigo. Il piatto è ottimo anche mangiato fresco, anche conservato in questa maniera.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

BOCCONCINI DI PERSICO GRATINATI AL FORNO CON PATATE – RICETTA N° 108

BOCCONCINI DI PERSICO GRATINATI AL FORNO CON PATATE – RICETTA N° 108

Ho trovato a un prezzo conveniente il persico in pescheria, e quando sono tornata a casa, mi sono messa a pensare a come cucinarlo. Volevo farlo al forno con le patate, ma volevo che non fosse il solito persico al forno. E questo è il piatto che ne è venuto fuori. Il mio compagno l’ha trovato ottimo. Quindi se volete un’idea per stasera, eccola.

Buon pomeriggio a tutti.

 
Dose : per 4 persone
Preparazione : 10 minuti
Cottura : 30 minuti


Ingredienti :

500 g di pesce persico
8/10 cucchiai di pan grattato
1 rametto di prezzemolo
5/6 capperi sotto sale
3 cucchiai di olio e.v.o. + q.b. per condire
2 cucchiai di vino bianco
 2 cucchiai di passata di pomodoro
1 spicchio di aglio ridotto in purea
sale e pepe in polvere quanto basta
2 patate di media grandezza
rosmarino q.b.


PREPARAZIONE :

Sbucciate e lavate le patate, e sciacquate sotto l’acqua corrente i capperi per togliere i granelli di sale. Lavate sotto l’acqua corrente il persico e asciugatelo con della carta assorbente.
Tagliatelo a tocchetti ( io ne ho ricavato 11 pezzi ).
Mescolate il pangrattato, il prezzemolo e i capperi  sminuzzati al coltello, l’aglio in purea, l’olio, il vino e la passata di pomodoro.
Impanate con il composto tutti i bocconcini di pesce.
 Fate aderire per bene il condimento.
Posizionateli sulla carta assorbente,  intervallati dalle fettine di patate affettate sottili con una mandolina, che avrete precedentemente condito con l’olio il sale e il rosmarino.
Infornate in forno già caldo a 180° per 25/30 minuti o fino a quando il tutto sarà dorato.
Sfornate, fate intiepidire e impiattate.
E buon appetito. 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

BACCALA’ IMPANATO AL FORNO CON PATATE – RICETTA N° 72

BACCALA’ IMPANATO AL FORNO CON PATATE – RICETTA N° 72

Venerdì BACCALA’, ecco una ricetta per tutti quelli che lo amano cotto in tutte le salse. Questo è uno dei modi in cui lo cucino io. Potete usare sia il filetto come me, ho semplicemente baccalà. Io lo uso, perché ha meno spine e una velocità di esecuzione straordinaria. Non amo particolarmente questo alimento, ma quando lo preparo per la famiglia, riesco a mangiare con gusto, esclusivamente il filetto di baccalà. Quando decido di farlo, lo preparo la mattina, prima di uscire di casa, per avere qualcosa di pronto quando torno davvero affamata, il venerdì, a pranzo. Il tempo di scaldare il forno 15 minuti, e ho già spellato, spinato e condito il baccalà con gli aromi e tagliato a fettine e patate. Cosa rimane? Niente, mentre il forno cuoce per 30 minuti, io ho finito di prepararmi, e quando esco, il pesce è già cotto. Non mi resta che augurarvi una splendida mattinata, con questo sole meraviglioso che ha deciso di fare capolino da qualche giorno. Bene, con il venerdì, ci affacciamo direttamente al weekend, e io mi preparo a realizzare il menù per la festa di compleanno del mio babbo, che festeggeremo Domenica.

Buona giornata a tutti. E fatemi sapere, se vi è piaciuta la ricetta. Ciao ciao.

 

Dose: per 4 persone
Preparazione: 15 minuti
Cottura: 30 minuti

 

Ingredienti:

700/800 g di baccalà o filetto
4 cucchiai di pangrattato
2/3 cucchiai di olio e.v.o.
1/2 cucchiai di vino bianco
2 patate di media grandezza
sale e pepe q.b.
un pizzico di maggiorana
erba cipollina
qualche ago di rosmarino fresco o un pizzico abbondante di quello secco
1 spicchio di aglio
4/5 capperi sotto sale a pezzetti
prezzemolo fresco

 

PREPARAZIONE:

In un piattino mettete il pane grattugiato, l’olio, il vino, l’aglio, il prezzemolo fresco  sminuzzato, il sale il pepe, i capperi sminuzzati il rosmarino e le spezie in polvere. Mescolate con la punta delle dita. Mettete in frigo a riposare qualche minuto.

Nel frattempo spellate, spinate e fate a cubetti regolari il baccalà.

Riprendete la ciotola dal frigo, e impanate tutti i cubetti di baccalà.

Sistemateli in una pirofila ricoperta di carta forno.

Mondate, lavate e affettate a fettine sottili con una mandolina le patate che devono avere uno spessore di circa 3 mm. Conditele con l’olio, il sale e il rosmarino.

Disponete anche queste nella pirofila, e spolverate eventuale pangrattato avanzato sulle patate.

Infornate in forno caldo, preriscaldato per 30 minuti a 180°.
Sfornate quando si è fatta una bella crosticina dorata.

Fate intiepidire prima di portare in tavola.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

STRACCETTI DI VITELLO CON RUCOLA E SCAGLIE DI FORMAGGIO GRANA PADANO – RICETTA N° 62

STRACCETTI DI VITELLO CON RUCOLA E SCAGLIE DI FORMAGGIO GRANA PADANO – RICETTA N° 62

Buongiorno a tutti. Ho pensato in questi ultimi giorni a cosa proporvi, come secondo di carne, per il vostro menù di Carnevale. La ricetta seguente l’ho appresa da mia suocera. Ed è talmente semplice e veloce, e tanto tanto buona, che non poteva esserci ricetta migliore da suggerirvi. Potete prepararla in questa occasione, che è una festa, o per i vostri pranzi domenicali se avete ospiti. La ricetta è gustosa, sana, e nutriente, e sono sicura che avrà successo per i vostri palati e sulle vostre tavole. Per realizzarla avrete bisogno delle fettine di vitello, quelle per fare gli straccetti, quindi tagliate molto sottili; infatti è proprio il fatto che la carne si deve stracciare con le mani e ridurla in pezzettini più piccoli, che dà il nome alla ricetta. Ora avete a disposizione, la ricetta dei ravioli di ricotta e spinaci , come primo piatto, questa di oggi, che fungerà da secondo di carne, e ben tre ricette di dolci di carnevale; frappe, castagnole e il migliaccio, da portare sulle vostre tavole, domani per il vostro tradizionale pranzo di Carnevale. E penso che, al giorno di oggi, con  tutte le brutte notizie che sentiamo alla televisione, potersi riunire a pranzo, con i propri familiari, e mangiare cibi della tradizione delle feste, faccia parte delle cose belle e gioiose che ancora ci appartengono, e di cui possiamo godere. Per oggi è tutto, vi auguro buon lunedì.
Ci sentiamo domani, con un’altra ricetta, e per farci gli auguri di un buon Carnevale.


Dose: per 6/7 persone
Tempo di preparazione: 20/25 minuti
Tempo di cottura: 10/15 minuti circa

 

Ingredienti:

850 g di fettine di vitello
tagliate sottili
quelle per fare gli straccetti
2 mazzetti di rucola
100 g di scaglie di formaggio grana padano
olio e.v.o. q.b.
aceto bianco 2/3 cucchiai
sale q.b.
succo di limone q.b.

 

PREPARAZIONE:

In una padella, mettete un goccio di olio e cuocete poco alla volta tutti gli straccetti di vitello, facendoli rosolare da entrambe le parti per 2 minuti.

Metteteli, in un contenitore di presentazione, facendoli in pezzetti più piccoli, o con le mani o con le forbici.

Tagliate le radici della rucola, lavatela e tagliatela a pezzetti con un coltello o delle forbici. Conditela in una ciotolina con l’olio, l’aceto il sale e il limone. Distribuitela sopra gli straccetti, e spolverate sopra la rucola le scaglie di formaggio grana.

Il piatto è pronto.

P .S. Conservate in un contenitore la rucola che dovesse essere in esubero.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA