Crea sito
Daniwella Felicità e passione in cucina

RICETTE DI BASE

Le ricette di base prevedono tutte quelle ricette dalle quali partire per poter iniziare a comporre i vostri piatti. Per quanto riguarda le ricette dolci si va dalla pasta frolla alla crema pasticcera, per le salate potete partire dalla besciamella alle crepes salate.
Alle volte basta una spezia, un’essenza o un’erba aromatica per trasformare una ricetta di base in un vostro cavallo di battaglia.

CREMA DOLCE DI ZUCCA E FORMAGGIO SPALMABILE – RICETTA N° 184

CREMA DOLCE DI ZUCCA E FORMAGGIO SPALMABILE – RICETTA N° 184

Alcuni di voi, hanno visto questa foto, 3 giorni fa sulla pagina Facebook dedicata al mio blog. Oggi la vedete direttamente come ricetta. Dovete sapere, che nel mese di ottobre 2014, per ben 2 volte, ho provato a fare la Pumpkin Pie, la famosa torta americana che si prepara in occasione del Thanksgiving Day – Festa del Ringraziamento che in America si festeggia il quarto giovedì di novembre, e in occasione della festa di Halloween che si festeggia il 31 ottobre. Ho trovato squisita questa meraviglia di sapori, ma purtroppo, non ero rimasta soddisfatta delle foto finali della preparazione, entrambe le volte che l’ho fatta, e per questo motivo, ho rimandato la pubblicazione della ricetta (sperando in un risultato visivo migliore) a ottobre 2015. Ma quando ho provato questa ricetta, tratta dal blog Mangia Senza Pancia, non facevo altro che ripetere : O MY GOD O MY GOD. Non riuscivo a credere che questa cremina dolce racchiudesse tutto il mix di sapori che ha la Pumkin Pie, che a me era piaciuta tanto. E siccome ho trovato finalmente la determinazione di perdere i miei kiletti di troppo, sto rivolgendo lo sguardo a ricettine gustose ma allo stesso tempo light, spero quindi d’essere d’aiuto a chi come me sta cercando di rimettersi un pochino in riga e ritrovare il vigore di un tempo, grazie a cibi sani e gustosi allo stesso tempo. Sto vivendo un periodo “di rinascita”, così amo definirlo. Grazie ai miei nuovi interessi, nuove letture e un nuovo cammino spirituale, ho riscoperto la gioia irrefrenabile di camminare, che mi sta portando enormi benefici al corpo e allo spirito. Mi sento meglio, ed affronto tutto, con molta più forza e determinazione. Vedo addirittura migliorata, l’aspetto della mia pelle, dovuto sia al bere i famosi 8 bicchieri di acqua al giorno e alla corsetta che ho cominciato da alcuni giorni. Insomma tanti piccoli e grandi accorgimenti che mi fanno sentire bene e ancora più felice di prima. Continuate a seguirmi, scoprirete uno dei tanti nuovi modi di fare colazione. Provate questa crema, al posto dello yogurt, o al posto della ricotta, magari spalmato su una fetta di pane tostato o su 2 fette biscottate, davanti a un bicchiere di latte di soia o di riso o di mandorla. O una tazzina di caffè nero fatto con la moka, proprio come piace a me.

Auguro a tutti una bellissima giornata di festa.

 

Dose : per 12 porzioni
Preparazione : 15 minuti
Cottura : 20 minuti +  1 ora in frigorifero

 

Ingredienti :

120 g di purea di zucca (circa 130 g di zucca senza semi e senza buccia)
225 g di formaggio cremoso light o del tipo vegetale alla soia
20 g di zucchero di canna
i semi di mezza bacca di vaniglia (io non l’avevo e ho usato 1 bustina di vanillina)
un cucchiaino di cannella in polvere
mezzo cucchiaino di zenzero in polvere (io l’ho grattugiato fresco)
mezzo cucchiaino di curcuma in polvere
un quarto di cucchiaino di noce moscata grattugiata

 

PROCEDIMENTO :

Sbucciate la zucca, togliete i filamenti, fatela a tocchetti e lavatela sotto l’acqua corrente. Fatela cuocere per 20 minuti in poca acqua, dopo di che frullatela con il mixer ad immersione. Lasciatela raffreddare.

Nel frattempo che cuoce la zucca, mettete in una ciotola il formaggio spalmabile, lo zucchero e la vaniglia.

Amalgamateli fino a mescolarli completamente.

Quando la purea di zucca sarà fredda, aggiungetela al composto di formaggio e zucchero, insieme a tutte le spezie, che avrete precedentemente dosato in una ciotolina a parte, e amalgamate di nuovo fino ad ottenere una cremina perfettamente amalgamata.

La crema di zucca è pronta :

copritela con una pellicola e mettetela a raffreddare in frigorifero per almeno 1 ora, meglio ancora se di più.

Io l’ho provata sulle fette biscottate sia a colazione e sia per farci la merenda pomeridiana.
Tra qualche altra ricetta vi farò vedere come si può usare ancora questa cremina davvero deliziosa.

Questa ricetta è perfetta per inserire nella colazione le proteine, creando un mix aromatico di dolcezza che deve accompagnare questo momento mattutino.

Si mantiene 3 o 4 giorni al massimo, in frigorifero, chiusa in un contenitore ermetico. Con queste quantità si ottengono all’incirca 12 porzioni da 30 g l’una, che è una quantità sufficiente da spalmare su due fette biscottate tonde o rettangolari.

PROVATELA GUSTATELA … EPPOI FATEMI SAPERE

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

CREMA DI ZUCCA ZENZERO E MELA LIGHT- RICETTA N° 168

CREMA DI ZUCCA ZENZERO E MELA LIGHT- RICETTA N° 168

Questa crema l’ho mangiata per cena una decina di giorni fa. E con il freddo che è piombato di nuovo in tutta Italia, credo che questa sia la ricetta azzeccata per oggi. Una crema di zucca zenzero e mela, squisita, liscia e vellutata, pronta da servire a tavola caldissima. L’effetto che ho avuto mangiandola è di una zuppa corroborante. Mentre la mangiavo, sentivo l’effetto dello zenzero che mi scaldava lo stomaco e pian piano tutto il corpo. Questa ricetta è tratta dal blog MANGIA SENZA PANCIA, dove ho trovato tantissime altre ricette light, ma piene di gusto, che ho provato, sto provando e ancora devo provare. Questa è una delle tantissime ricette leggere, ma con il vantaggio che aiuta il nostro corpo a riscaldarsi in giornate freddose invernali come queste. L’unica cosa che mi dispiace e che le foto non gli rendono giustizia. Ogni tanto la macchina fotografica mi dà problemi, e in questo caso è stato così. Ma fidatevi, questa crema vellutata di verdura è veramente buona e corroborante. Provatela e fatemi sapere.

Buona domenica a tutti.

 

Dosi : per 4 porzioni
Preparazione : 10 minuti
Cottura : 30 minuti
Difficoltà : di facile esecuzione

 

Ingredienti :

500 g di zucca già pulita
1 cucchiaino di olio e.v.o.
1 cipolla di medie dimensioni
1 mela tipo Royal Gala di medie dimensioni
1 carota piccola o mezza carota grande
2 cucchiaini di zenzero fresco grattugiato (circa 1 cm di radice)
800 ml di brodo vegetale
mezzo cucchiaino di noce moscata grattugiata
prezzemolo fresco per guarnire
sale q.b.

 

PREPARAZIONE :

Tagliate a pezzi la zucca.
Lavate, pelate, e tagliate a pezzetti cipolla, carota e mela. Grattugiate lo zenzero.
Mettete in una pentola capiente l’olio con la cipolla, la carota e la mela e fateli soffriggere dolcemente per qualche minuti fino a quando iniziano a diventare morbidi.

Aggiungete lo zenzero e mescolate bene.

Aggiungete poi la zucca e il brodo vegetale. Fate arrivare ad ebollizione, coprite e abbassate la fiamma.

Lasciate cuocere dolcemente, per circa 20 minuti, fino a quando la zucca sarà diventata morbida.

Con un mixer ad immersione frullate bene il tutto fino ad ottenere una crema liscia.

Aggiungete anche la noce moscata e il prezzemolo fresco tritato, aggiustate di sale e frullate ancora brevemente per amalgamare il tutto.

Impiattate e servite calda, se vi va, con ancora un pochino di prezzemolo per guarnirla.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

TAGLIATELLE FATTE IN CASA CON PROSCIUTTO E ZUCCHINE – RICETTA N° 157

TAGLIATELLE FATTE IN CASA CON PROSCIUTTO E ZUCCHINE – RICETTA N° 157

Buon anno con la prima ricetta del 2015. Un primo piatto con le tagliatelle fatte in casa abbinate con zucchine e prosciutto cotto. Per essere celere vi ho messo 2 link, che potrete trovare in basso, continuando a leggere i vari passaggi. Nel primo troverete la ricetta e gli step necessari per realizzare la sfoglia all’uovo fatta in casa. Nel secondo invece, entrerete nella ricetta dei ravioli di ricotta e spinaci e continuando a leggere troverete spiegato il passaggio per stendere correttamente la sfoglia con il mattarello. Spero che la fine dell’anno sia stata divertente e piena di amici, come la mia. Per la prima volta, mi sono trovata nella condizione di non poter cucinare niente per i troppi impegni che avevo, e quindi questa volta ho avuto il piacere di assaggiare le portate che hanno cucinato le mie amiche. Si sono date un gran da fare e devo dire che hanno fatto un buon lavoro. A me quella sera è stato dato il compito di giudicare le portate come se fossi un giudice di Masterchef, ma devo dire con molta gioia che le mie amiche hanno davvero fatto un buon lavoro. Quindi nei prossimi giorni realizzerò 2 delle ricette che ho trovato davvero interessanti così da poterle pubblicare sul blog. Io vi auguro di veder realizzati in questo anno 2015 i vostri sogni e desideri chiusi nel cassetto, e che possiate avere di vero cuore una vita di salute e serenità che vi permetteranno di abbracciare nel modo migliore tutti i vostri sogni finalmente realizzati.

 

Dosi : per 4 persone
Preparazione : 30 minuti
Cottura : 45 minuti circa

 

Ingrediente per le tagliatelle :

farina g 200
2 uova
1 cucchiaio di olio
un pizzico di sale

 

Ingredienti per il condimento :

400 g di passata di pomodori
150 g di prosciutto cotto
150 g di zucchine
100 g di  carote
80 g di cipolla
60 g di porro pulito a rondelle
1 spicchio d’aglio
4 cucchiai di Grana grattugiato
50 ml di olio e.v.o.
sale e pepe q.b.

 

PREPARAZIONE :

Con gli ingredienti indicati preparate la pasta secondo la ricetta base, per vederla cliccate qui.Cliccando qui potete vedere e leggere i miei consigli su come stendere la pasta usando il mattarello ; una volta stesa la pasta tagliate la sfoglia a metà e sovrapponete i due semicerchi, lasciando la parte tagliata all’esterno.

Infarinate leggermente la doppia sfoglia e arrotolatela su se stessa cercando di non schiacciarla troppo.

Tagliate la sfoglia ottenuta con un coltello a lama liscia e larga in strisce di 8 mm circa.

Spolverate di farina le tagliatelle così ottenute aprendole con le mani e facendole allungare, mettetele da parte. Tenetele da parte fino al momento di cuocerle.
Se non avete tempo di farle potete usate quelle già pronte, per un peso di 750 g totali di tagliatelle.

Per il condimento procedete in questo modo : riducete a dadini ( io ho preferito farlo a listarelle )il prosciutto, la cipolla e il porro, fate soffriggere il tutto in un filo di olio.
Unite la passata di pomodoro, sale e pepe macinato e lasciate cuocere la salsa per 45 minuti circa a fuoco moderato.
Portate a bollore abbondante acqua salata che vi servirà per cuocere le tagliatelle.
In un’altra padella fate stufare le carote e le zucchine ridotte a rondelle insieme allo spicchio d’aglio schiacciato.

Cuocete le tagliatelle per il tempo necessario in acqua salata.

Infine unite la pasta scolata al dente e la salsa. e le zucchine e le carote ormai cotte (togliete l’aglio prima di unirli).
Mescolate velocemente per far insaporire le tagliatelle.

Spolverizzatele abbondantemente di formaggio grattugiato e servite subito.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

GHIACCIA REALE O ROYAL ICING – RICETTA N° 153

GHIACCIA REALE O ROYAL ICING – RICETTA N° 153

Buongiorno a tutti in questo secondo giorno di festa. Avete visto questa glassa in ben 2 ricette : quella degli Omini di Pan di Zenzero, e in quella dei Biscotti di Natale alla cannella . Oggi invece ho deciso di dedicargli un posto tutto suo. La ghiaccia reale viene realizzata solo con albumi a temperatura ambiente e zucchero a velo, e viene utilizzata per glassare, decorare e fare scritte e stencil su torte, biscotti cupcake e come collante per attaccare le decorazioni su torte o biscotti e quant’altro. Può essere colorata con i coloranti alimentari in gel, in polvere o rimanere bianca così com’è a seconda dell’utilizzo che ne dovete fare. Io sono già 2 volte che la preparo quest’anno, quindi vi consiglio di aggiungere gradualmente lo zucchero a velo setacciato, perché è probabile che c’è ne voglia di meno di quanto vi scrivo nella dose. Se invece risultasse troppo liquida aggiungete altro zucchero. Copritela con una pellicola se non la doveste usare subito, perché secca molto facilmente. Bene il mio tempo e scaduto. Vi sto scrivendo davanti alla finestra, da dove osservo un cielo grigio che più grigio non si può, l’erba che si muove per il forte vento e che preannuncia un tempaccio, tipico di un Natale all’insegna del freddo, del brutto tempo e di nevicate improvvise anche a bassa quota … vediamo se le previsioni del tempo ci azzeccheranno. Io ho intenzione di rimanermene rintanata anche quest’oggi al calduccio del camino, e il calore della famiglia. Forse nel pomeriggio riuscirò a farmi la prima tombolata a casa di amici. Vedremo.

Auguro a tutti voi la stessa cosa, buon Santo Stefano a tutti, che sia per voi un giorno sereno e di pace.

 

Dose : per decorare 60 biscotti
Preparazione : 10 minuti

 

Ingredienti :

1 albume a temperatura ambiente
180 g di zucchero a velo
qualche goccia di succo di limone
coloranti alimentari q.b. (facotativo)

 

PREPARAZIONE :

In una ciotola iniziate a montare l’albume a temperatura ambiente, con uno sbattitore elettrico.
Quando l’albume avrà cominciato a montarsi, aggiungete lo zucchero a velo precedentemente setacciato (per non creare grumi).

Continuate a lavorare con le fruste fino a che lo zucchero non si sarà amalgamato perfettamente, aggiungendo infine sempre mescolando con lo sbattitore qualche goccia di succo di limone.

Dividete la glassa in più ciotole e coloratela con i coloranti alimentari che avrete scelto.

Trasferitela in sacche da pasticcere usa e getta, tagliante la punta ottenendo un forellino piccolo e stretto che vi servirà per decorare i vostri biscotti.

Io ho usato coloranti in gel di buona qualità, che mi hanno garantito un colore forte e brillante.

Dosate i coloranti sempre un pochino alla volta, fino ad ottenere la giusta gradazione di colore da voi desiderata.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

 

SALSA ALLO YOGURT

SALSA ALLO YOGURT – RICETTA N° 119

Oggi una ricettina sfiziosa sfiziosa per i suoi usi ; quello di condire pietanze a base di carne, pesce o insalatone, specialmente quando siamo a dieta, perchè in quel momento nulla ha sapore. Facile e di veloce esecuzione, questa salsina potrete realizzarla anche con lo yogurt normale, o addirittura magro, invece di quello greco, come ho fatto io; in quel caso avrete una salsina più fluida. Questa è la salsa che ho fatto per mangiarla come accompagnamento ai Falafel, polpettine vegetariane o vegane, a base di legumi secchi, messi a bagno, eppoi passati al mixer con un mix di spezie, che hanno reso queste polpettine superbe. Bene vi lascio alla ricetta della salsa, e ci vediamo tra quache minuto con la ricetta dei Falafel. Buon lunedì.

 

Dose : per 250 g di salsa
Preparazione : 5 minuti
Riposo : 1 ora

 

Ingredienti :

250 g di yogurt o greco o normale ( se volete anche quello magro )
1 spicchio d’aglio pulito e privato dell’anima fatto a pezzetti
circa 1 cucchiaio di succo di limone
poca paprika
sale e pepe in polvere q.b.

 

PREPARAZIONE :

In una ciotola mescolate lo yogurt, l’aglio, il succo di limone, la paprika, sale e pepe.

Mettete a riposare in frigorifero almeno 1 ora prima di servire la salsa.

Ecco la salsa pronta per accompagnare le vostre pietanze. salsa litgh, saporita e veloce da fare.

 

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

CREMA FREDDA AL CAFFE’ – RICETTA N° 109

CREMA FREDDA AL CAFFE’ – RICETTA N° 109

Avete presente quella crema fredda al caffè, che si trova, in quasi tutti i bar, e negli stabilimenti balneari, in tutto il periodo estivo ? Quella cremina così buona, da essere a metà, tra una granita e un gelato ? Ebbene, la ricetta di oggi, è una richiesta del nostro amico Vincenzo Odoardi, un giovane ingegnere chimico con la passione per la cucina. Mi ha contattato chiedendomi di mettere questa ricetta sul blog. Detto, fatto. Ho guardato in giro un po’ sul web, e poi ho fatto di testa mia. Per questa ricetta ho deciso di usare la panna vegetale già zuccherata, e una quantità minima di cioccolato fondente per dare più aromaticità e quel non so che alla cremina. Non mettetene di più. Questa cremina vi delizierà, e vi farà fare anche bella figura se avete ospiti, offrendola come ottimo dessert di fine pasto al posto del caffè, in bicchierini o tazzine da caffè di vetro.  E’ semplicissima da fare, richiederà solo una parte del vostro tempo, perché ogni 30 minuti, dovrete estrarre dal freezer, il contenitore che contiene la cremina e mescolare il tutto per rompere i cristalli di ghiaccio che si sono formati, per almeno 5 volte in 2 ore e 30 minuti. E con il caldo che sta facendo in questi giorni, questa ricetta cade proprio ad ok. Ieri sera, la nostra amica Valentina, ci ha invitato a mangiare la pizza, e la ringrazio perché era buonissima ; ottimo impasto e squisiti condimenti. Purtroppo il tempo oggi, non è un gran che. Credo, che non riusciremo ad andare al mare quest’oggi. Chissà. Vedremo. Ovunque passiate la vostra giornata, spero che sia davvero ottima.

Un saluto a tutte le cuochine e i cuochini e alla prossima.

 

Dose : per 8/10 porzioni
Preparazione : 10 minuti
Tempo totale : 2 ore e 30 minuti in freezer

 

Ingredienti :

400 ml di caffè fatto con la moka
500 g di panna da montare già zuccherata vegetale
40 g di cioccolata fondente o al latte
4 cucchiai di zucchero a velo

 

PREPARAZIONE :

Preparate il caffè con la moka,  all’incirca 2 volte una macchinetta da 3 tazze.
Fondete a bagnomaria la quantità di cioccolata fondente, e una volta fuso, fatelo sciogliere nel caffè ancora caldo. Dopo di che fate raffreddare.

Quando il caffè sarà freddo, prendete la panna vegetale dal frigorifero ( dev’essere ben fredda ) e montatela all’interno di una ciotola capiente insieme allo zucchero a velo.
Aggiungete un pò per volta il caffè freddo in 3  o 4 riprese, e montate in tutto per 8/10 minuti.

Versate in un contenitore rettangolare il composto.

Mettete in freezer per 2 ore e 30 minuti, mescolando con le fruste a mano o un cucchiaio, il composto ogni 30 minuti.

Passate le 2 ore e 30 minuti, amalgamate con un’ultimo giro di fruste elettriche, o a mano per qualche secondo.

Ecco la crema al caffè fredda. Decorate se volete con un ciuffo di panna montata.

Se la crema vi dovesse avanzare, tenetela in congelatore, e prima di mangiarla, mettete il contenitore in frigorifero per mezz’ora circa, mescolate nuovamente, per ottenere di nuovo la giusta consistenza.
Se volete fare una dose più piccola, dimezzate tutte le dosi.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

PANNA ACIDA

PANNA ACIDA FATTA IN CASA – RICETTA N° 105

La panna acida è una crema di origine francese dal sapore acidulo, a base di panna, è un condimento usato in molti piatti americani, sia dolci che salati. In Francia prende il nome di crème fraiche, mentre in America viene chiamata sour cream. Viene usata per accompagnare patate al cartoccio, il pesce come il salmone o anche verdure grigliate. E’ inoltre un’ingrediente fondamentale dell’American o New York Cheesecake, un dolce tipico della tradizione americana che pubblicherò solo quando avrò trovato la versione che soddisfa il mio palato. In Italia avrete modo di trovare la panna acida nei supermercati più forniti, ma per essere sicuri di aver trovato quella giusta sappiate che sull’etichetta deve esserci scritto Crème fraiche o Sour Cream. Ecco la ricetta per farla  in casa che è davvero semplice, qual’ora non riusciste a trovarla al supermercato. Questa sera siamo stati invitati ad un compleanno, quindi tra un po’ mi preparo per uscire, ma come vi avevo promesso vi faccio vedere in anteprima cosa ho portato a casa dei miei amici Valentina e Marcello, domenica sera in occasione della fine dei mondiali. Ho preparato una cosa salata e una dolce.

Per ora è tutto, vi saluto e vi auguro una buona serata.

 

Dose : per 200 g di panna acida
Preparazione : 5 minuti
Riposo : 1 ora

 

Ingredienti :

100 ml di panna fresca liquida
100 g di yogurt greco
1 cucchiaio di succo di limone filtrato

 

PREPARAZIONE :

Montate a neve la panna fresca.

Unite alla panna montata la yogurt e il succo del limone. Lasciate riposare in frigorifero per 1 ora prima di utilizzarla.

Ed ecco la vostra panna acida.

Ed ecco la tavolata di Domenica sera. Con le cose portate da me, e le cose cucinata da Valentina e la sua mamma Marilena.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

PIADINA ROMAGNOLA – RICETTA N° 103

PIADINA ROMAGNOLA – RICETTA N° 103 

Buon pomeriggio a tutti. Oggi sono sul blog con un must della cucina Emiliana, la Piadina Romagnola, piatto semplicissimo, molto amato anche oltre i confini regionali, è simbolo della gastronomia di una terra ricca di pietanze saporite e appetitose. Remota è la storia della piadina : i primi abitanti della nostra penisola, già nel 1200 a.C., preparavano focacce azzime impastando l’acqua e la farina, ma furono gli Etruschi a perfezionare l’arte dei dischi di pasta cotti sul fuoco o sotto la cenere e a far conoscere questo alimento ai Romani, che se ne dimostrarono entusiasti estimatori. Nel 170 a.C. a Roma le focacce erano cibo da ricchi, consumate generalmente insieme al formaggio. Mentre nei secoli bui del  Medioevo era cibo dei poveri contadini, che non avendo più la possibilità di mangiare il pane lievitato, tornò al consumo di polente e farine di orzo, e di focacce azzime fatte con cereali meno pregiati. Le gustose focacce di farina rimasero sempre ben presenti sulle tavole degli italiani, attraverso i secoli bui del Medioevo e le gioie del Rinascimento, fino ai giorni nostri. Ricordo, che quando ero più giovane, andavo spesso in una piadineria, qui a Pescara, insieme alle mie amiche Valentina, Antonella e Stefania. Io mi fermavo almeno 5 minuti per leggere l’elenco dei ripieni, per poi scegliere sempre la stessa : stracchino, prosciutto crudo e rucola; e le mie amiche mi prendevano sempre in giro e ci facevamo sempre un sacco di risate. Fino al giorno in cui non ho trovato la ricetta per farla a casa. Questa ricetta, l’ho trovata anni fa, su uno di quei giornalini di gastronomia gratuiti, che si trovano spesso nei supermercati, quando ti trovi a fare la fila alla cassa. La conservo gelosamente da allora, la ricetta è talmente buona che non l’ho mai cambiata. Quindi se avete voglia di piadina ecco la ricetta. Voi potete riempirla con quello che avete in casa, o con quello che vi piace, dal ripieno dolce a quello salato. Io l’ho riempita con quello che avevo a disposizione la sera che l’ho fotografata per poi metterla sul blog.
Un saluto a tutti e buona serata.

Dose : per 8/6 piadine
Preparazione : 10 minuti
Cottura : 2 minuti per lato
Riposo : 1 ora

 

Ingredienti :

400 g di farina 00 + q.b.  per spolverare il piano di lavoro
mezza bustina di lievito in polvere per pizza a lievitazione lenta
mezzo cucchiaino di zucchero
100 g di latte ( potete sostituirlo con quello senza lattosio se siete intolleranti )
100 g di acqua frizzante
25 g di strutto ( o di olio extra vergine di oliva )
un pizzico di sale.

 

PREPARAZIONE :

In una ciotola o su un piano di lavoro, mettete a fontana la farina e unite tutti gli ingredienti, tranne il sale.

Impastate con cura, aggiungendo il sale per ultimo, fino ad ottenere una pasta morbida, liscia, ed elastica.

Fate una palla e avvolgetela in una pellicola, e lasciatela riposare a temperatura ambiente per circa 1 ora.

Dividete la palla in 8 o 6 porzioni.

Stendete ogni disco con il mattarello in dischi di circa 2-3 mm di spessore. Spolverizzate di farina il piano di lavoro, per non far attaccare i dischi.

Scaldate una padella antiaderente, o se lo avete l’apposito testo emiliano per piadine, e cuocetevi le piadine una per volta, per 2 minuti per lato, a fuoco medio.

Bucherellate con una forchetta nei punti in cui si formeranno le bolle, dopo di che girate la piadina per farla cuocere sull’altro lato.

Sistematele man mano su un piatto o su un cestino, messe una sull’altra e copritele con un telo.

Adesso potete farcirle a piacere. Questi sono i ripieni che ho fatto io con quello che mi sono ritrovata  in casa.

Primo ripieno con :  

1 cucchiaio di ricotta di mucca, 4/5 fettine di scamorza, una manciata di rucola fresca.

Secondo ripieno con :

una manciata di rucola, 3/4 cucchiaini di maionese vegan ( per vedere la ricetta cliccate qui ), una manciata di patatine fritte, mezza salsiccia sbriciolata ( non si vede perché l’ho aggiunta dopo la foto ).

Terzo ripieno con :

7/8 pomodorini ciliegino, 2/3 cucchiai di ricotta di mucca, una manciata di rucola.

In questo caso io ho arrotolato la piadina.

Ma voi se volete potete farla a metà e/o di nuovo a metà.


Ed ecco la mia piadina ripiena finita.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

TZATZIKI

TZATZIKI – RICETTA N° 97 

Lo tzatziki è la salsa più famosa della cucina Greca,  a base di cetrioli, yogurt compatto, aglio, olio, aceto e spezie. Questa salsa serve di accompagnamento a piatti di carne e pesce, ma la si trova come ingrediente della pita con gyros o nel souvlaki greco. Io l’ho usata per condire anche le patate. La adoro particolarmente, anzi ne sono proprio ghiotta, e non poterla mangiare in questo periodo in cui mi devo astenere dal lattosio per la mia intolleranza, mi rattrista. Per mia fortuna, questo periodo durerà solo 1 mese. Voi divertitevi a gustarla e trovargli nuovi accostamenti una volta che l’avrete assaggiata e ne sarete stati conquistati. Questa che vi scrivo è la pronuncia esatta = Zazichi. Provatelo anche sul pane, lo troverete divino. Dopo aver provato un paio di ricette, ho deciso di creare le dosi e proporzioni in base al mio gusto personale. Quindi questa è la mia versione. In base al vostro gusto, aumentate o diminuite le dosi degli ingredienti. Il sapore finale della salsa sarà quella che assaggerete solo dopo averla fatta riposare in frigorifero almeno 2 ore.
Bene ora vi saluto e vi auguro una buona serata, la prossima ricetta greca che sperimenterò sarà la Moussaka, alla prossima.



Preparazione : 20 minuti
Riposo : minimo 2 ore

 

Ingredienti :

1 cetriolo
2/3 vasetti di yogurt greco del tipo compatto
1 spicchio di aglio
3/4 cucchiai di olio e.v.o.
1/2 cucchiai di aceto bianco
1 pizzico di aneto secco o q.b. di quello fresco
1 pizzico abbondante di menta secca o q.b. di quella fresca ( decidete se mettere entrambi le erbe o una sola )
sale q.b.

 

PREPARAZIONE :

Lavate e spuntate le estremità del cetriolo, sbucciatelo e grattugiate la polpa, se invece lo preferite, potete lasciare la buccia, otterrete una salsa  più colorita grazie ai pezzetti di buccia .

Mettete la polpa a scolare all’interno di un colino, per circa 1 ora.

Questo invece è il cetriolo grattugiato con la buccia.

Verificate strizzando con le mani o il dorso di un cucchiaio che il cetriolo abbia perso tutta l’acqua di vegetazione.

Questo è il risultato. Il cetriolo si deve ridurre notevolmente.

Mettetelo in una ciotola capiente assieme allo yogurt.

Sbucciate e lavate lo spicchio d’aglio, lavatelo, tagliatelo in due nel senso della lunghezza, e toglietegli l’anima, il cuore interno ( il maggior responsabile delle difficoltà digestive ).

Con l’aiuto dello schiaccia aglio o di un mortaio, riducetelo in crema e aggiungetelo allo yogurt.

Aggiungete anche l’olio, l’aceto e le erbe aromatiche.

Riponete il tutto in frigorifero e fate riposare almeno 2 ore.

Ed ecco lo tzatziki pronto e decorato per essere presentato.

Ed ecco lo tzatziki preparato senza buccia, spalmato sul pane con i pomodorini.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

GNOCCHI DI PATATE – RICETTA N° 94

GNOCCHI DI PATATE – RICETTA N° 94

Buongiorno a tutti. Il tempo non concede tregua, a quanto pare è brutto in tutta Italia. Allora ho deciso di pubblicare la ricetta per fare gli gnocchi, visto che si sono anche abbassate le temperature, sarà piacevole mangiare qualcosa di caldo per pranzo. A chi non piacciono? Credo veramente a pochi. Una volta si diceva che gli gnocchi si mangiavano il Giovedì, ma oggi è possibile mangiarli tutti i giorni della settimana perché li si può comprare confezionati. Niente di più sbagliato. Che compriate quelli confezionati o già pronti in un negozio di pasta fresca, sappiate che non ci sono le patate, bensì la farina di patate o fiocchi di patate per non parlare dei conservanti in quelli già imbustati.  La cucina italiana contempla molti tipi di gnocchi. Oltre a quelli di patate, infatti, ve ne sono altri preparati con farine di vario tipo, i più noti son senz’altro quelli di semolino, per proseguire con quelli di pane raffermo, di altri ortaggi e frutta o ancora di ricotta.  Morbidi, gustosi, di tanti sapori e colori a seconda degli ingredienti, sono un gioioso invito al convivio e banchetti gioiosi. Un piatto nutriente che appartiene alla tradizione gastronomica di tutte le nostre regioni.  Gli gnocchi sono una delle cose che non compro mai, preferisco farmeli da me, e quindi, eccovi la ricetta di base, allora coraggio, mani in pasta e divertitevi a crearli da voi. Tenete presente che per ogni chilo di patate ( quantità per 5/6 persone ), servono 300 g di farina, io metto metà di semola e metà di farina 0, 1 uovo e 2-3 pizzichi di sale e se volete un pizzico di noce moscata. Le patate devono essere farinose, delle stesse dimensioni per lessarle al meglio. Volete gnocchi colorati ? Aggiungete all’impasto zafferano, spinaci, pomodoro o altro. Potete anche servirli insieme di vari colori.  Bene spero di avervi dato un’idea sul pranzo di oggi, se volete prepararne di più la Domenica quando avete gente a pranzo raddoppiate le dosi. In attesa che torni il bel tempo, vi auguro una buona giornata, rallegrate il vostro palato con un bel piatto di gnocchi fumanti con il sughetto che avete scelto. Nelle foto vedrete una quantità maggiore di gnocchi, io e Nonna Lina, amica di famiglia e cara vicina di casa, abbiamo impastato 3 kg di patate e 900 g di farina, per una grande tavolata, in occasione di un sontuoso pranzo domenicale di qualche mese fa’. Speriamo che torni presto il bel tempo, ebbene lo confesso, non avevo avuto occasione di andare al mare nelle scorse settimane, e quando lo avevo deciso, ha cominciato a piovere e a fare brutto tempo.

Ho in serbo per voi, un paio di ricette, che potrete preparare per un gustoso pranzo da mangiare sulla spiaggia, siete curiosi di cosa si tratta ??? Continuate a seguirmi, non ve ne pentirete !!!

 

Dose : 5/6 porzioni
Preparazione : 1 ora
Cottura totale : 1 ora

 

Ingredienti :

1 kg di patate farinose
150 g di farina di semola rimacinata di grano duro
150 di farina 0
la farina q.b. per il piano di lavoro
2-3 pizzichi di sale
1 uovo medio-grande
1 pizzico di noce moscata ( facoltativo )

 

PREPARAZIONE :

Sciacquate le patate sotto il rubinetto dell’acqua corrente. Cuocetele con la buccia in acqua fredda, facendole bollire in abbondante acqua salata, cuocetele a fuoco medio per 45 minuti, fino a che inserendo una forchetta la patata risulterà morbida all’interno.

Sbucciatele e passatele calde allo schiacciapatate.


Quando il passato sarà tiepido mettete al centro le farine, l’uovo, il sale e la noce moscata che servirà per insaporire il tutto.

Lavorate impastando fino a quando l’impasto sarà uniforme e della giusta consistenza.

Dividete l’impasto in pezzi, rotolateli sulla spianatoia infarinata e ricavatene dei cilindretti.

Con un coltello tagliateli a pezzetti e ricavate gli gnocchi.

Schiacciateli leggermente sul rovescio di una grattugia o sull’apposito  taglierino rigato o come faccio io sui rebbi di una forchetta,  lasciateli lisci se decidete di farli piccoli.

Spolverizzate di farina dei vassoi sul quale posizionare gli gnocchi man mano che li preparate.

Versatene pochi alla volta in acqua salata a bollore.

Scolateli delicatamente con un mestolo forato non appena vengono a galla.

Conditeli con il sugo o salsa che avete scelto, spolverate di eventuale formaggio grattugiato e versateli nel vassoio che porterete in tavola.
Ed ecco gli gnocchi pronti, io li ho conditi con un sughetto semplice con un pochino di carne macinata e parmigiano grattugiato.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA