Crea sito
Daniwella Felicità e passione in cucina

PRIMI PIATTI

primi-piatti

La prima portata serve spesso, come si suol dire, ad abbracciare lo stomaco per dare, nella prima fase del pranzo, un immediato senso di sazietà. Un primo piatto solitamente è a base di carboidrati, che rappresentano un apporto nutritivo molto importante nel metabolismo umano.

FARFALLE CON ZUCCHINE E PANNA -RICETTA N° 69

FARFALLE CON ZUCCHINE E PANNA -RICETTA N° 69

Questa è una ricetta della mia amica Rita. È un primo veloce da preparare mentre mettete l’acqua a bollire. Buona e golosa è la prima di 3 ricette a base di zucchine che vi pubblicherò a breve. Arrivo un po’ in ritardo con il tempo, ma è molto probabile che ci sono persone che mangiano la pasta anche a cena e quindi questa ricetta potrebbe darvi lo spunto per cucinare qualcosa di veloce o goloso.  Volendo potete sostituire la panna con la stessa quantità di ricotta fresca. Bene per me oggi è una novità scrivere e pubblicare la ricetta con il mio telefonino iphone.

Vi auguro una buona giornata e spero che questa ricetta piaccia tanto anche a voi.

 

Dose: per 2 persone
Tempo di preparazione: 10 minuti
Tempo di cottura: 20 minuti

 

Ingredienti:

160 g di pasta tipo farfalle
1 o 2 zucchine a seconda della grandezza
1 cipolla piccola
1 peperone dolce secco
olio extra vergine di oliva q.b.
100 g di panna da cucina
2 cucchiai di grana padano grattugiato

 

PREPARAZIONE:

Mettete a scaldare l’acqua sul fuoco , appena bolle aggiungete il sale e  versateci le farfalle. Cuocete per il tempo indicato sulla confezione. Nel frattempo dedicatevi alle zucchine.
In una padella capiente mettete la cipolla mondata, lavata e tagliata a fettine sottili,  e fatela stufare per qualche minuto, aggiungere poi le zucchine tagliate a rondelle sottili. Abbassate la fiamma e fate stufare coperto per 15 minuti circa.

Quando le zucchine si sono ammorbidite aggiungete il peperone secco fatto  a pezzetti e aggiustate di sale, aggiungete 2 cucchiai di grana padano grattugiato e la panna da cucina, mescolate per amalgamare il tutto. Spegnete e coprite.

Due minuti prima della fine della cottura della pasta, scolatela tenendo un mestolo di acqua da parte.  Ributtate le farfalle in padella con le zucchine e il mestolo di acqua che non avete buttato e finite la cottura.

Impiattate, spolverate con un’altro pochino di grana padano grattugiato e servite in tavola.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

RISOTTO ALLO ZAFFERANO – RICETTA N° 66

RISOTTO ALLO ZAFFERANO – RICETTA N° 66

Buono, semplicissimo da fare, e giallo che più giallo non si può. Come primo piatto per festeggiare la festa della donna, vi propongo il risotto allo zafferano. Un piatto che mia mamma, preparava a me e alle mie sorelle quando eravamo bambine. Adoravamo questo colore giallo intenso, e l’aroma che sapeva sprigionare questa spezia tanto aromatica. Questo è per me uno dei miei Comfort Food, come leggevo oggi sul sito Briciole di Muffin, cioè è uno di quegli alimenti che quando lo mangio mi riporta indietro nel tempo, quando giocavo con le mie sorelle e ai miei cugini della porta accanto, e sognavo e fantasticavo, felice a più non posso. La dose è per 4 persone, aumentatela o diminuitela sapendo che si calcola 80 g di riso a testa se lo si deve cuocere come primo piatto. Inoltre consiglio sempre di aggiungere come riserva, un pochino di brodo in più rispetto alla dose scritta, da aggiungere ( nell’eventuale caso gli ospiti ritardassero) al riso che inesorabilmente si ammassa con il passare dei minuti una volta cotto. Buona giornata, e forza e coraggio, tutte ai fornelli.

Noi ci vediamo alla prossima ricetta.

 

Dose: per 4 persone
Preparazione: 10 minuti
Cottura: 25 minuti

 

Ingredienti:

1 litro di brodo (anche di dado vegetale)
30 g di burro
40 d di olio e.v.o.
1 cipolla media
grana padano grattugiato 150 g
320 g di riso Carnaroli
1 bicchiere di vino bianco
1 bustina di zafferano (io ce ne metto 2)

 

PREPARAZIONE:

In una pentola capiente, sciogliete il burro e fatelo scaldare insieme all’olio. Aggiungete la cipolla, mondata, lavata e fatta a pezzettini, e fatela appassire  a fuoco bassissimo per 10 minuti.

Aggiungete il riso e fatelo tostare per 2 minuti a fuoco medio-alto.

Versate il vino e fatelo evaporare completamente.

Quando il vino è completamente evaporato aggiungete poco alla volta un mestolo di brodo.

A metà cottura sciogliete lo zafferano in un pochino di brodo e aggiungetelo nel riso. Portate a cottura.

A cottura finita, aggiungete una noce di burro e la grana padano e mantecate, mescolando energicamente e coprendo con un coperchio per 3 minuti.

Impiattate, ed ecco il risotto allo zafferano.

Ed eccolo visto da vicino.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

RAVIOLI DI RICOTTA E SPINACI

RAVIOLI DI RICOTTA E SPINACI 

Io non resisto davanti ad un piatto di ravioli di ricotta e spinaci. Qui in Abruzzo il giorno di carnevale sulle tavole di tutte le famiglie ci sono i ravioli. La tradizione li vuole fatti ripieni di ricotta, uova, pecorino grattugiato, maggiorana fresca e un pizzico di cannella. Molti li mangiano così, ad altri questo ripieno non piace e adeguano ai gusti della famiglia il ripieno che preferiscono. A me piacciono di ricotta e spinaci ed è così che li mangiamo sempre in famiglia ogni volta che li prepariamo. Troverete tutti i dettagli e tutti gli step spiegati nel dettaglio. Sono sicura che molte/i di voi saranno alle prese con le maschere di carnevale. Quindi anche in questo caso, buona preparazione.

Domani una ricetta dolce di Carnevale.

 

Dose: per 8/10 persone
Tempo di preparazione: 2/3 ore
Tempo di cottura: 10 minuti circa

 

Ingredienti per la pasta all’uovo:

8 uova medie
400 g di farina 0
400 g di farina di semola rimacinata
2 cucchiaio di olio e.v.o.
2 pizzichi di sale

Ingredienti del ripieno:

1,200 kg di ricotta di mucca ben scolata dal siero ( mettetela a scolare coperta nel frigorifero il giorno prima)
900 g di spinaci freschi (ricordatevi sempre che in cottura si riducono di molto)
2 rossi d’uovo
3/4 cucchiai di grana padano grattugiato + q.b. da spolverare sopra i ravioli una volta cotti
sale
pepe
noce moscata in polvere quanto basta

Ingredienti per il condimento:

2 litri di passata di pomodoro
1 carota
1 cipolla
1 costa di sedano
600 g di carne mista di manzo e di maiale per fare il sugo
1 salsiccia sbriciolata
80 ml di vino bianco

 

PREPARAZIONE:

Preparate il sugo anche il giorno prima, mettendo a soffriggere per 3 minuti la carota sedano e cipolla, mondati, lavati e fatti a cubetti piccoli. Aggiungete la carne e la salsiccia sbriciolata e fate rosolare da entrambe le parti, sfumate con il vino bianco.

Dopo che il vino è evaporato, aggiungete la passata e fate cuocere a fuoco basso, coperto, per 2 ore e mezza circa.

Pulite gli spinaci dalle radici lasciando intere le foglie.

 Lavateli più di una volta in acqua fredda, fino a che non ci sarà più nessun residuo di terra.

Metteteli in una pentola, a cuocere solamente con l’acqua del loro lavaggio.

 Una volta cotti, metteteli a scolare in un colino.

Una volta freddi, spremeteli con le mani per far uscire l’acqua rimasta.
Sminuzzate gli spinaci con forchetta e coltello o con le forbici (anche la cottura degli spinaci potete avvantaggiarvela il giorno prima).

In una ciotola capiente mettete la ricotta, le uova, gli spinaci, il sale, la noce moscata, il pepe nero, 3/4 cucchiai di grana padano grattugiato e mescolate il tutto per avere un composto uniforme. Assaggiate il composto e nel caso aggiustate di sale o di grana grattugiato. Mettete il tutto in frigorifero a riposare.

Nel frattempo, preparate la pasta all’uovo. Per vedere il procedimento cliccate qui. Usate le dosi indicate sopra. Fate riposare la pasta per 30 minuti coperta con un panno umido.

Una volta fatta riposare se la stendete con il mattarello procedete in questo modo: poggiatela sulla spianatoia leggermente infarinata, e cominciate ad allargare il disco.

Il mattarello usato, sempre di legno, deve esser lungo e sottile per  raggiungere ogni punto della sfoglia quando sarà diventata larga.

Rigirate la pasta più volte, in senso antiorario, spolveratela leggermente di farina, e allargatela uniformemente procedendo dal centro verso i bordi. La sfoglia è pronta quando ha raggiunto uno spessore inferiore a 1 millimetro. Sollevandola sulle mani, deve apparire quasi trasparente.

Se usate la macchina stendi pasta, procedete così: dividete il panetto in porzioni più piccole. Passate una piccola porzione di pasta fra i rulli allargati al massimo, piegatelo in tre e, leggermente infarinato ripassatelo tra i rulli.

Ripiegate di nuovo e fate un’altro passaggio, ripetendo questa operazione fino a quando la pasta si presenta liscia. Restringete al minimo i rulli e ripassate la sfoglia senza più ripiegarla su se stessa, fino a quando risulta sottile e pronta da tagliare in due o in pezzi regolari.

Ora siete pronti per preparare i ravioli.Tirate fuori dal frigorifero il ripieno preparato in precedenza, di ricotta e spinaci. Nelle foto qui di seguito, vedrete che io ho usato le sfoglie fatte dalla stendi pasta.
Con un cucchiaino prendete piccole porzioni di ripieno alla ricotta e disponetele a mucchietti sulle strisce di pasta, che poi si ripiegano su se stesse. Disponete i mucchietti a 4 cm di distanza dal bordo e separati tra loro di 5 cm.

Premete la pasta con la punta delle dita, intorno al ripieno, in modo da far uscire bene l’aria e saldare bene i due lembi di sfoglia, in questo modo la pasta aderirà facendo in modo che il ripieno non fuoriesca in cottura.

Potete usare la rondella taglia pasta o il bordo di un bicchiere, e dargli la forma di mezza luna.

Man mano che li fate, poneteli sopra un vassoio di cartone, ricoperto di carta forno, spolverato con abbondante farina, per non farli attaccare. Procedete fino a che tutti gli ingredienti, pasta e ripieno, saranno finiti.

Se li volete congelare, metteteli con tutto il vassoio nel congelatore in posizione orizzontale, occorreranno 30 minuti circa. Dopo di che, imbustateli nelle buste gelo apposite, quelle di formato maxi. Riempite ogni busta di circa 15/20 ravioli.
Quando sarà il momento di cuocerli, metteteli come se fossero freschi, nell’acqua bollente salata in ebollizione. Procedete cuocendoli un po’ per volta. Occorreranno circa 10/15 minuti. Per essere sicuri, assaggiatene uno prima di scolare tutti gli altri.

Ecco il piatto pronto di ravioli conditi con abbondante sugo. Aggiungete del formaggio grattugiato a piacere.

Ecco un particolare dell’interno del raviolo.

Buon Carnevale a tutti !!!

CURIOSITA’ :  Questo piatto è anche legato a un ricordo della mia infanzia. Quando ero piccola,  avevo difficoltà a mangiare. I cibi che mi piacevano erano pochi, facevo molti capricci, nonostante mia madre con molta pazienza era li a cercare di farmi mangiare. I ravioli di ricotta e spinaci erano una di quelle poche cose che mi piacevano. E allora mia madre per farmi mangiare mi preparava questi ravioli sempre di sabato. Così quando tornavo da scuola li trovavo caldi e fumanti, con un buon sugo di pomodoro e tanto formaggio grattugiato. Di mamma c’è né una sola e io le sarò sempre grata. Da allora le cose sono cambiate, oggi mangio di tutto e credo proprio che si veda da questo blog !

I MIEI CONSIGLI : Ecco alcune info su questa ricetta: considerate che le dosi che scrivo sono per 8/10 persone, noi siamo in tanti quando mangiamo tutti insieme. Inoltre li prepariamo in anticipo per metterli in congelatore  fino al momento di cuocerli in acqua bollente in ebollizione. Se volete prepararli, potete dimezzare le dosi o usare la dose che scrivo se anche voi siete in tanti. Infine con questa dose potete realizzare 130 ravioli. Io uso la ricotta di mucca, ma se a voi piace di pecora, potete utilizzare questa, o usare metà mucca e metà pecora

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

ZUPPA DI CEREALI E CECI IN PUREA DI ZUCCA, CAROTE E PATATE – RICETTA N° 39

ZUPPA DI CEREALI E CECI IN PUREA DI ZUCCA, CAROTE E PATATE – RICETTA N° 39

Come ricetta per il nuovo anno 2014, vi propongo una gustosa zuppa, che contiene tutte le proprietà benefiche dei cereali, dei legumi e degli ortaggi di stagione. La ricetta è di Chiara, una mia cara amica, con cui ho avuto modo di collaborare una mattinata di Dicembre a cucinare alcune ricette natalizie e non. Ragazza perspicace e piena di intuizione e fantasia, anche lei con la passione per la cucina sana, e prettamente veloce da realizzare, quando mi ha fatto vedere la foto su fb di questa sua preparazione, le ho subito detto che dovevamo prepararla per il blog. E avevo ragione, è davvero buona. Una ricetta come questa ci aiuterà sicuramente, a fare un pranzo o una cena più leggere, rispetto ai pranzi e cene sontuose e piene di portate che possiamo aver fatto durante le feste, non ancora finite. Insomma, una piccola pausa dalle rimpinzate di cibo buono, tipiche di questo periodo, in attesa dell’ultima festa, quella della Befana, che concluderà questo bellissimo periodo magico del Natale, passati tra luminarie, alberi natalizi addobbati e presepi, in mezzo a pacchi regali che hanno preso posto alla base dei nostri alberelli. Ma passiamo al vivo della ricetta. Quando lei me ne ha parlato su fb, l’aveva cucinata in 2 diverse occasioni una volta con il farro e l’altra, con l’orzo perlati, io a casa invece avevo, sia  l’orzo che l’avena sempre perlati e abbiamo deciso di metterli entrambi all’interno della zuppa. Lei suggerisce di farla anche con le lenticchie al posto dei ceci, dipende sempre dal gusto personale. I ceci possono essere sia cucinati da voi, precedentemente, o potete prendere per velocizzare il tutto quelli  in vasetto già cotti. Sempre se non avete tempo o non disponete di un frullatore, potete acquistare la polpa di zucca e carota già cotta e frullata che si vende in qualunque market o negozio ben fornito. Per quanto riguarda il salare la zuppa potete utilizzare sia il dado in scatola o preparare un semplice brodo, come spiegato nella ricetta in basso. Sbizzarritevi nel cambiare ingredienti con la vostra fantasia o in base al vostro gusto personale.  Ringrazio tantissimo la mia amica Chiara, per avermi dato questa buona e gustosissima ricetta, e per il bellissimo tempo passato insieme a lei a cucinare. Da quel giorno la mia fantasia si è continuata a sbizzarrire, provando mix di nuovi ingredienti per tante zuppe diverse e colorate, che continuerò a proporvi, visto che mi sono arrivate nuove richieste proprio sulle zuppe. E se siete curiosi e fanatici delle preparazioni home-made, continuate a seguirmi, … ne vedrete delle belle nei prossimi giorni. Volete qualche anticipazione? Bene ve ne darò 3. Prossimamente su questo blog: dado vegetale fatto in casa; cioccolata tipo ciobar e cacao simil nesquik …. e tante tante altre cose.

Bene, vi voglio lasciare con l’augurio di buon anno, pieno zeppo di desideri da realizzare, tanta  tanta salute e tanto tanto amore.

 

Dose:  per 4 persone
Tempo di preparazione: 15 minuti
Tempo di cottura: 1 ora circa

 

Ingredienti:

1 carota
500 g di zucca
3 patate piccole o 2 medie
1 cipolla piccola
2 scatole di ceci già cotti o 250 g di ceci secchi per vedere come si cuociono cliccate qui 
100 g di orzo perlato
50 g di avena perlata
1 dado vegetale sciolto in 600 ml di acqua o 600 ml di brodo vegetale
sale q.b.
olio e.v.o. q.b.

 

PREPARAZIONE:

Preparate il brodo vegetale, mettete a scaldare l’acqua con 1 carota piccola tagliata a metà, 1 pezzetto di zucca, 1 pezzetto di zucchina, 1 pomodoro, 1 pezzetto di patata e un po’ di sedano e dal momento del bollore calcolate 20/25 minuti, dopo di che salate, spegnete e tenete da parte.

In una pentola capiente, mettete a soffriggere la cipolla mondata, lavata e fatta a fettine sottili per 10 minuti, dopo di che, aggiungete la carota e le patate sbucciate, lavate e fatte a cubetti piccoli, cuocete con il coperchio a fuoco medio basso per 10 minuti circa.

Passati i 15 minuti aggiungete la zucca, sbucciata, lavata e fatta a tocchetti piccoli, rimettete il coperchio e fate cuocere l tutto a fuoco medio basso per altri 15 minuti.

Appena tutti gli ortaggi risulteranno morbidi, togliete la pentola dal fuoco e frullate il tutto con il mixer ad immersione, fino a ridurre il tutto in purea.

Rimettete la pentola sul fuoco e aggiungete il brodo, l’orzo e l’avena, cuocete con il coperchio mescolando ogni tanto per 25/30 minuti, a fuoco medio.

5 minuti prima della fine cottura, aggiungete i ceci. A fine cottura, assaggiate ed eventualmente aggiustate di sale. Dopo di che impiattate e portate in tavola.

Ed ecco un particolare della zuppa di cereali e ceci, in purea di zucca, carota e patate.

Essendo una ricetta che contiene la zucca potete inserirla tra le ricette di Halloween.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

PASTA E CECI – RICETTA N° 31

PASTA E CECI – RICETTA  N° 31

Questo è uno dei modi in cui mangio i ceci, da quando ho imparato ad apprezzarli. In questa maniera sono buoni e particolari nello stesso tempo per via delle alici, e se volete renderlo appena più brodoso vi basterà aggiungere 1 o  2 mestoli di acqua di cottura dei ceci in più a fine cottura. Se non avete tempo di mettere i ceci a bagno usate quelli già cotti in scatola, andranno bene comunque, il risultato sarà di tutto rispetto, in questo caso partite direttamente dal punto in cui mettete l’aglio a soffriggere con le alici. La ricetta è tratta dal mio amatissimo libro “La cucina di Roma e del Lazio“. Che io ho comprato qualche mese dopo che la mia amica Valentina me lo aveva prestato. A lei lo aveva regalato suo zio di Roma, e sapendo che sono nata e vissuta a Roma per una parte della mia vita, me lo ha gentilmente prestato. Così dopo averlo sfogliato tutto dun fiato ho deciso di comprarlo. Rispetto alla ricetta del libro io ho aggiunto solo 2/3 cosine. Non so spiegarvi  il perché, ma avere quel libro tra le mani e leggere all’interno le cose che vengono raccontate, è come ricordare le cose belle di Roma che porto nel cuore e nei miei ricordi. Se la ricetta vi è piaciuta, mettete un bel MI PIACE e condividetela sui social. Iscrivetevi alla news letter per non perdere nessuna novità del blog.

Buona giornata a tutti voi.

 

Dose : per 4 persone
Tempo di preparazione: 12 ore di ammollo per i ceci

Tempo di cottura: 2 ore circa per i ceci
Tempo cottura pasta: calcolate i minuti indicati sulla confezione

Ingredienti:

200 g di ceci secchi
250 g di pasta tipo ditali o quella che più vi piace
3 pomodori pelati o 200 g di passata di pomodoro
2 spicchi d’aglio
2 acciughe/alici (vanno bene sia quelle sotto sale sciacquate e diliscate o quelle già pronte nel vasetto di vetro)
4 cucchiai di olio extra vergine di oliva
1 rametto di rosmarino
sale e pepe o peperoncino q.b.
acqua q.b.
grana grattugiato q.b.

 

PREPARAZIONE:

La sera precedente, o comunque 12 ore prima, mettete a bagno i ceci in acqua fredda e un pizzichino di bicarbonato.

Trascorso questo tempo, scolateli sciacquateli e metteteli a cuocere in una pentola con acqua fredda non salata con uno spicchio d’aglio e un rametto di rosmarino schiumandoli con l’apposito attrezzo,  per 2 ore (verificate la cottura assaggiandoli).

In un’altra pentola capiente, mettete a soffriggere nell’olio caldo l’aglio rimasto e le alici, facendole sciogliere o disfare.

A questo punto unite i pelati schiacciati o la passata, bagnate con poca acqua e lasciate cuocere per qualche minuto.

Versate i ceci ormai cotti con qualche mestolo dell’acqua di cottura (senza esagerare perché la pasta dovrà risultare molto asciutta).

Salate e appena bolle, aggiungete la pasta. Cuocete per il tempo indicato sulla confezione.

Impiattate, ed ecco un gustoso piatto di pasta e ceci fumante. Se vi piace servite con una spolverata di pepe o peperoncino piccante e del grana grattugiato.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.

Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 

Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

IL BRODO VEGETALE – RICETTA N° 24

IL BRODO VEGETALE – RICETTA N°  24 

Ed eccoci alla ricetta del brodo vegetale. Una ricetta di base con il quale si possono fare pastine in brodo, risotti, basi per cuocere le zuppe, orzotti, arrosti e per accompagnare la pasta fresca come cappelletti o tortellini. Ma veniamo alle sue virtù; un piatto leggero con poche calorie, ricco di principi nutritivi. Trae origine dalla tradizione italiana contadina, che utilizzavano i prodotti “poveri” della terra, cioè quelli poco costosi,  per realizzare questa pietanza, che oggi come allora, ha la capacità di riscaldarci proprio nel periodo freddo invernale. E’ un piatto così digeribile tanto da essere usato come primo alimento per lo svezzamento dei bambini. Chi di voi mamme e nonne non ricorda quante volte lo ha preparato? Infatti per un brodo vegetale naturale al 100% basta cuocere in 500 g di acqua verdure freschissime come 1 patata media, 1 carotina, un  pezzetto di sedano, 1 zucchina, 2 o 3 foglie di spinaci o erbette o lattuga, (mondate e pulite), tagliate in pezzi grossi,  per 20 minuti a partire dal bollore, il tutto a fuoco medio/basso, meglio se coperto, in questo modo tutte le sostanze non evaporeranno ma resteranno all’interno. Questo il procedimento per i più piccini. Mentre realizzarlo per noi grandicelli, si parte sempre da una base di carota, sedano, cipolla, patata e zucchina e pomodoro a cui si aggiungono  aromi e ulteriori verdure  di stagione per farlo a proprio gusto e piacimento. C’è chi aggiunge anche pepe, aglio e bacche di ginepro, alloro e salvia o prezzemolo. Ma io in questo brodo non li metto. Lo preferisco come lo trovate scritto. Quindi a seconda della stagione, mi piace aggiungere quando è inverno anche un pezzetto di zucca o il porro.  La dose che vi do’ e per 1 litro di acqua. Ma se come me, preferite averlo sempre a disposizione, fatene di più e congelatelo aggiustato di sale, completamente  freddo e filtrato in un colino grande dentro contenitori adatti agli alimenti che vanno in frezeer, raddoppiando le dosi dell’acqua e delle verdure. Quando lo vorrete riutilizzare, prendete il contenitore dal frezeer, mettete la base del contenitore sotto il getto dell’acqua calda per 15 secondi, così sarà più facile estrarre il panetto congelato, mettetelo sul fuoco dentro un pentolino a fuoco medio/basso, si scongelerà il tutto in circa 10 minuti. In ultimo, conservatelo in frigorifero per non più di 3/4 giorni, mentre nel congelatore fino a 6 mesi. Io lo uso spesso, e amo prepararmelo mezzo litro circa alla volta la sera prima, per zuppe o risotti che faccio il giorno dopo. Il sapore del brodo fresco naturale non ha niente a che vedere con quello dei dadi. Nel caricare le foto, mi sono resa conto che ho scordato di mettere i pomodori e l’olio. Ma a seguito di UN’AGGIORNAMENTO DEL TESTO ho sostituito la foto con una nuova, ecco perchè il colore del brodo con questi 2 ingredienti è più rosato e limpido. Risparmiare ora non comprando i brodi già pronti e confezionati, sarà un bene per noi e la nostra salute nel futuro.

Vi saluto e alla prossima ricetta.

Tempo di preparazione: 5 minuti
Tempo di cottura: 50/60 minuti
Dose: per 6/8 persone

Ingredienti:

1 carota
1 patata
1 zucchina
1 cipolla
1 gambo di sedano con le foglie
2 pomodori
3 cimette di spinaci  (facoltativo spinaci, di zucca,  porro o altre erbette con le foglie)
1 litro di acqua
sale q.b.
olio e.v.o. q.b.

PREPARAZIONE:

Pelate, spuntate, sbucciate e lavate tutte le verdure e fateli a pezzi grossi.
Mettete tutto in una pentola capiente e portate a bollore a fuoco alto.
Appena inizia a bollire abbassate la fiamma e fate sobollire* per un’ora circa con il coperchio.

Passato il tempo, salate e mescolate e fate raffreddare il tutto completamente.

Filtrate il tutto dentro a un colino per separare il brodo da una parte e le verdure dall’altra.

Utilizzate o congelate il brodo a seconda dell’uso che ci dovete fare.

Non buttate via le verdure cotte, usatele per farci un gustoso piatto di passato di verdure per il giorno dopo, accompagnato magari da qualche crostino di pane, o fate il tutto ulteriormente a tocchetti, e mescolateci 1 uovo, 100 g di provola affumicata o galbanino o caciotta dolce a cubetti, 3/4 cucchiai di parmigiano e un pizzico di pepe e mettete dentro un stampo rotondo a bordi bassi ricoperto di carta forno, in forno preriscaldato 20 minuti a 180° circa e fate gratinare. Uscirà un delizioso contorno vegetariano.

*Sobollire =  far cuocere a calore molto moderato, in modo che l’ebollizione sia appena percettibile.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

TIMBALLO DI PATATE E ZUCCA CON SALSA BESCIAMELLA – RICETTA N°23

TIMBALLO DI PATATE E ZUCCA CON SALSA BESCIAMELLA – RICETTA N°23 

Questa ricetta è nata così: perché avevo 3 cose cotte, avanzate e da smaltire/riciclare e sicuramente da non buttare. Ultimamente mi è capitato abbastanza spesso di avere delle patate cotte, bollite, che che per una serie di combinazioni, non sono riuscita a preparare la pietanza per il quale le avevo cotte. Quindi dovevo farci qualcosa. E’ così che a volte nascono “le mie creazioni”. Poi avevo un bella dose di besciamella avanzata, e della zucca cotta in umido. Questo mi è frullato per la testa, questa è la ricetta che mi è venuta in mente, e questo è stato alla fine un piatto da Re, da leccarsi letteralmente i baffi. Per vedere la ricetta della besciamella cliccate qui. Se non volete prepararla, potete usare quella già pronta, andrà bene lo stesso. Se volete usare un’altro tipo di formaggio, sostituitelo con provola affumicata, fontina, brie o camoscio d’oro. Se la volete fare vi scrivo le dosi esatte. Provate e poi fatemi sapere. Essendo una ricetta con la zucca, potete inserirla tra le ricette di Halloween.

Un salutone dalla vostra Daniwella.

 

Tempo di preparazione: 10 minuti
Cottura delle patate: 40 minuti
Cottura della zucca: 30 minuti
Preparazione della besciamella: 15/20 minuti.

 

Ingredienti:

5 patate bollite
300 g circa di zucca a tocchetti cotta
1 dose di besciamella
grana padano q.b.
sale q.b.150 g di taleggio

Ingredienti per la besciamella:
500 ml di latte
30 g di burro
30 g di farina
noce moscata
sale q.b.

 

PREPARAZIONE:

Lavate le patate sotto acqua corrente e mettetele a bollire con la buccia, calcolate 40 minuti dall’inizio del bollore. Sbucciate la zucca lavatela e fatela a tocchetti e mettetela a stufare con un goccio di acqua in pentolino per circa 30 minuti o fino a quando sarà bella morbida. Preparate la besciamella come da ricetta. Passate ad assemblare gli ingredienti. In una teglia quadrata di 20 cm circa per lato fate uno strato di patate ormai tiepide, sbucciate e tagliate a fettine e aggiustate di sale. Spolverate di grana grattugiato e taleggio a pezzetti.

Coprite con uno strato di besciamella.

Fate uno strato con la zucca cotta. Se vi piace invece di metterla a pezzi potete farne una purea schiacciandola con la forchetta e versarla sopra las besciamella.

Fate un’altro strato di patate, besciamella e grana grattugiato.

Mettete in forno preriscaldato a 180° per 20/30 minuti, il tempo sufficiente per far colorare la superficie della besciamella.

Sfornate e aspettate circa 20 minuti prima di tagliare a fette.
Ecco un particolare del timballo di patate e zucca.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

CARBONARA CHE PIACE A NOI – OVVERO VARIANTE CON IL PROSCIUTTO COTTO – RICETTA N° 21

CARBONARA CHE PIACE A NOI – OVVERO VARIANTE CON IL PROSCIUTTO COTTO – RICETTA N° 21 

Vi dico subito che questa è una variante. Non inorriditevi. Una variante per quelli che come noi, non mangiano la pancetta. Anzi uso la pancetta in quei piatti,  dove deve dar sapore, ma poi la tolgo, proprio come in alcune ricette c’è qualcuno che mette l’aglio per conferire il sapore necessario al piatto e  poi lo toglie. L’idea mi fu suggerita anni fa, da una famiglia di turisti che erano venuti in vacanza a Pescara, e che mi dissero che la sera avrebbero cucinato la carbonara con il prosciutto cotto perché  nessuno di loro mangiava la pancetta. Ed stato proprio il pranzo di oggi. Il piatto è davvero buono e molto delicato. Ora 2 cose importanti. La dose è per due persone, ed è stata possiamo dire un piatto unico, quindi ho messo un po di pasta in più. Inoltre essendo una dose minima di uova, quelle che ho usato erano freschissime, e il procedimento è stato quello di far cuocere l’uovo direttamente con il calore della pasta  fuori dal fuoco. Ma se voi preferite amalgamare il tutto in padella con il fuoco ancora acceso e far rapprendere a vostro gusto l’uovo potete farlo. IO ho usato gli spaghetti. Ma voi potete usare qualsiasi tipo  di formato diverso che più vi piaccia.  L’aggiunta della panna è facoltativa, io l’ho messa perché l’avevo nel frigo, dal momento che devo riempire una torta di compleanno. Quindi se decidete di provare la ricetta e a casa non avete la panna, non preoccupatevi potete evitare di metterla. Il risultato sarà di sicuro successo. Bene per oggi vi lascio questa bontà e vi auguro un buon pomeriggio e una buona serata. Ah, un’altra cosa. Fatemi sapere come l’avete trovata.

 

Dose: per 2/3 persone (dipende dalla fame, altrimenti è per 3)
Tempo di preparazione: 10 minuti
Tempo di cottura: 10 minuti

 

Ingredienti:

240 g di pasta tipo spaghetti
130 g di prosciutto cotto in una fetta sola fatto a cubetti
mezza cipollina
olio q.b.
sale e pepe q.b.
2 uova medie freschissime
3 cucchiai di grana padano grattugiato
3 cucchiai di panna fresca liquida (quella che si trova nel banco frigo del supermercato)

PREPARAZIONE:

In una pentola capiente mettete a bollire 2 litri di acqua abbondante. Appena comincia a bollire, salate e buttatevi dentro la pasta e cuocete per il tempo indicato sulla confezione.
Nel frattempo, in una padella capiente, scaldate qualche cucchiaio d’olio, pelate la cipolla, fatela a tocchetti e mettetela a soffriggere a fuoco basso per 10 minuti.

Nel frattempo fate a cubetti piccoli la fettina di prosciutto cotto.

Appena la cipollina sarà morbida scendeteci il prosciutto cotto e fatelo scaldare a fuoco basso  per il tempo di cottura della pasta.

In una ciotola mettete le uova, il sale, il pepe, la panna e mescolate.

Aggiungete il grana padano grattugiato e mescolate.

Appena è cotta la pasta, scolatela, mettetela in padella con l’olio il prosciutto cotto e la cipollina alzate la fiamma e mescolate.Versate la pasta caldissima dalla padella nella ciotola dove avrete messo la crema di uova e formaggio e mescolate ripetutamente, per amalgamare il tutto e far rapprendere l’uovo.

Impiattate ed ecco la vostra carbonara al prosciutto cotto.

Finite il piatto con un po di grana grattugiato sopra la pasta.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

 

ZUPPA DI ZUCCA E FAGIOLI BORLOTTI CON CROSTONE DI PANE ABBRUSTOLITO – RICETTA N° 20

ZUPPA DI ZUCCA E FAGIOLI BORLOTTI  CON CROSTONE DI PANE ABBRUSTOLITO – RICETTA N° 20

Semplice da fare, buona da assaporare. Queste sono le caratteristiche di questa zuppa. Buona a pranzo, ma sopratutto come cena invernale. Perché non c’è niente di più buono, che mangiare una zuppa calda e buona, la sera quando l’inverno si fa più intenso, con il freddo, o quando piove, o magari anche con la neve. E’ una ricetta casalinga, molto semplice, e probabilmente la sua bontà sta proprio in questo. Io la faccio così, ma se voi volete osare e insaporirla ancora di più, sappiate che l’aggiunta di un po’ di pancetta a cubetti ( appena 50 g ) o di una salsiccia di carne spellata e sbriciolata con le mani, direttamente fatta sfrigolare in padella senza olio, prima di aggiungere i fagioli e la zucca, daranno quel tocco di sapore in più, per i più golosi. Sono in fase Zuppe e minestre. Preparatevi ad attenderne altre, semplici e buone ma sopratutto caldissime che riscaldano il cuore. Io ho usato dei fagioli secchi  che ho messo a bagno per 8 ore, la mattina prima di uscire, e poi li ho cotti con gli aromi.  Ma se voi volete, per ottimizzare il tempo potete usare quelli già cotti in scatola, basterà scolarli dalla propria acqua di conservazione e sciacquarli sotto l’acqua corrente. O usare quelli surgelati mettendoli a cuocere con gli stessi odori, per il tempo necessario. Potete anche cuocere entrambi il giorno prima. E poi la sera per cena, scaldarli e proseguire secondo la ricetta esposta. Inoltre se vi piacciono, potete aggiungere spezie come  pepe, o peperoncino, o potete condire la zuppa con parmigiano o grana grattugiato. Essendo una ricetta con la zucca, potete inserirla tra le ricette di Halloween. Bene per oggi è tutto.

Fatemi sapere come è andata, o lasciatemi un commento, o una richiesta su qualcosa che volete vedere cucinato sul blog, e io vi risponderò.

 

Tempo di preparazione: 15 minuti
Cottura della zucca: 40 minuti circa
Cottura dei fagioli secchi: 2 ore
Dose: per 4 persone

 

Ingredienti:

500 g di zucca già pulita a cubetti
mezzo bicchiere d’acqua
300 g di fagioli borlotti secchi
1 carota
1 pezzetto di sedano
1 foglia di alloro
1 foglia di salvia
1 rametto di rosmarino
1 cipollina
sale q.b.
olio e.v.o. q. b.
fette di pane scaldato o abbrustolito in padella/nel forno/nel tostapane q.b.

 

PREPARAZIONE:

Lavate gli odori e gli aromi. Pelate le carote e pulite il sedano.
Lavate i fagioli secchi sotto acqua corrente, metteteli a bagno in acqua fredda per 8 ore. Mettete a cuocere i fagioli in una pentola con abbondante acqua per 2 ore circa con la carota, il sedano, le foglie di alloro, salvia e rosmarino, il tutto per 2 ore circa o fino a che i fagioli saranno teneri. Salate solo alla fine della cottura.

Lavate e pelate la cipolla, mettetela  a stufare  in una padellala tagliata a fettine per 10/15 minuti.

Passati i minuti aggiungete la zucca lavata, sbucciata e tagliata a cubetti, e fatela cuocere con mezzo bicchiere d’acqua a fuoco medio-basso per circa 25/30 minuti, coperta con un coperchio, o fino a che sarà morbida.

Una volta cotta, scolate i fagioli dagli odori, aggiungeteli nella stessa padella con la zucca e mescolate il tutto.

Con un frullatore a immersione, frullate una poco  di zucca e fagioli, per dare una parte di cremosità al tutto.

Rimette sul fuoco il tutto e fate addensare leggermente la zuppa per circa 7/8 minuti. Scaldate 2 fette di pane casareccio, se vi piacciono più secche fatele colorare per qualche altro minuto in più. Dopo di che impiattate condendo ogni piatto con un filo di olio e.v.o a crudo. Ed ecco la vostra zuppa.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

LASAGNA CON LA ZUCCA – RICETTA N° 5

 LASAGNA CON LA  ZUCCA – RICETTA N° 5

Vi piace la lasagna? E la zucca? Queste lasagne sono il plusultra della bontà e delicatezza messe insieme. Questa ricetta l’ho vista su internet 2 anni fa, sul sito latelanera, mentre cercavo qualche ricetta interessante per le feste. L’ho preparata e sono rimasta così incantata che ho deciso di proporla non solo come pranzo  della domenica, ma di inserirla tra le ricette di Halloween. Se volete preparare una lasagna buona e che sia in grado di far dire ai vostri ospiti, che siete stati grandi in cucina, dovete assolutamente provarla e vi assicuro che lascerete tutti, compresi voi, a bocca chiusa. Si dico chiusa. E sapete perché? Questo è l’effetto che si ha quando avrete in bocca un pezzetto di questa lasagna. Tale è l’estasi che ne deriva, che si rimane a bocca chiusa con la convinzione che solo così le nostre papille gustative, assaporano e godono un momento di squisita bontà escludendo tutto quello che c’è intorno a noi in quel momento. Vi ho incuriosito? Allora provatela. Rispetto alla ricetta originale io ho fatto la mia consueta modifica che ho trovato più utile per me. Innanzitutto la cottura della zucca io la faccio sempre il giorno prima, avvantaggiandomi questo passaggio col risultato che diminuisco il tempo della preparazione che vado a fare. Se preferite con più tempo a disposizione si può preparare 500 g di pasta fresca  all’uovo e stenderla con la macchinetta o il mattarello, tagliare con la rondella delle sfoglie, lessarle in acqua bollente e metterle su un canavaccio ad asciugare . E quindi aumentare la dose di besciamella rispetto a quella che ho usato io. Quindi usate 1 litro di besciamella mescolata al composto di zucca raddoppiato frullato col mixer ad immersione. Io ho usato le confezioni di pasta all’uovo fresca, quelle che si trovano nei supermercati nel banco dei freschi, che non richiedono la pre-bollitura della sfoglia, ma vanno condite e messe direttamente in forno a cuocere. Per ultima cosa, ho preparato la besciamella con il latte senza lattosio e il burro senza lattosio a causa della mia intolleranza, ma se voi non avete problemi usate il latte fresco normale. Ora vi saluto e  vi auguro una buona giornata. Fatemi sapere quanto vi è piaciuta la lasagna.

Dose : per 4/6 porzioni
Cottura della zucca: 40 minuti
Cottura della besciamella: 20/15 minuti
Preparazione lasagna: 10 minuti
Cottura lasagna: 15/20 minuti, indicata per la precisione sull’involucro della confezione di pasta fresca che comprate.

 

Ingredienti:

1 confezione di lasagna fresca del banco frigo già pronta da 250 g (tipo sfogliavelo di G.R.)
850 g di zucca  privata dei semi della buccia e lavata
1 cipolla
olio e.v.o. q.b.
120 g formaggio grana grattugiato
qualche ago di rosmarino
sale q.b.

Ingredienti per la besciamella:
500 ml di latte parzialmente scremato senza lattosio
30 g di burro senza lattosio
30 g di farina 00
sale e noce moscata q.b.

 

PREPARAZIONE:

Soffriggete la cipolla in un padella con qualche cucchiaio di olio per 15 minuti a fuoco basso.

Aggiungete la zucca tagliata a cubotti di 1/2 cm di lato con mezza tazza d’acqua con qualche ago di rosmarino e una spolverata si noce moscata. e cuocete coperta con il coperchio per 40/50 minuti o fino a che non sarà morbida.
Una volta cotta frullate  la zucca con il mixer ad immersione e mettete da parte.
Preparate la besciamella. Fondete il burro in un pentolino a fondo spesso a fuoco basso.

 Togliete il pentolino dal fuoco, aggiungete la farina e cuocete a fuoco basso per 2 minuti mescolando di continuo con una frusta tonda per ottenere un roux bianco.

Versateci il latte tiepido e mescolate con la frusta. Portate lentamente a bollore la salsa per 10 minuti fino a che sarà addensata.

 A fine cottura aggiustate di sale e spolverate di noce moscata.

 Riprendete la crema di zucca e aggiungetela alla besciamella e mescolate per amalgamare il composto. E cominciate ad assemblare la lasagna.

Prendete una teglia rettangolare di 22 cm per 15, e  versate sul fondo una mestolata di crema di zucca e besciamella.

Mettete la prima sfoglia, riempitela con un mestolo di crema di zucca , spolverateci sopra la grana, proseguite con un’altro strato di lasagna , altra crema di zucca e grana padano e proseguite a fare gli altri strati  fino ad esaurimento degli ingredienti.
Infornate la lasagna in forno preriscaldato a 200° per 15 minuti (controllate che temperatura è scritta
sull’involucro di carta della marca di pasta che comprate).
Tirate fuori la lasagna e fatela assestare una quindicina di minuti fuori dal forno in modo che le porzioni escano belle e intere.

Ed ecco un particolare della Lasagna con la Zucca.

Buon appetito!

 

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA