Crea sito
Daniwella Felicità e passione in cucina

DOLCI

torte-immagine-per-categoria1

I dolci sono la mia passione, realizzati grazie all’utilizzo d’innumerevoli ingredienti.
I dolci variano molto non solo negli ingredienti ma anche nei metodi di cottura che vanno dalla frittura al forno, fino a quelli che invece non vanno cotti affatto.
Le ricette dei dolci sono probabilmente quelle con le quali si può giocare maggiormente di creatività e che in un certo senso danno anche più soddisfazione e piacere nella realizzazione.

DOUBLE CHOCOLATE CHIP COOKIES – RICETTA N° 142

 DOUBLE CHOCOLATE CHIP COOKIES – RICETTA N° 142

I cookie sono degli invitanti e famosi biscotti americani, morbidi e fragranti, ottimi da mangiare a colazione o merenda, a casa, in ufficio, o scuola. Vantano svariate versioni, e quasi sempre la loro forma è rotonda e schiacciata. La particolarità di questi biscotti sta nel fatto che il calore del forno scioglie il burro e appiattisce l’impasto trasformandolo in un cookies tondo e schiacciato. Avevo visto sul web le foto di questo biscotto al doppio cioccolato, eppoi, una sera di qualche mese fa, in balia di una improvvisa voglia di un dolce al cioccolato, ho dovuto farli. E se siete dei veri patiti del cioccolato, non resisterete a non provare in questa stessa giornata questa ricetta.

Entro la sera li farete, non resisterete. Per farli ho usato la ricetta trovata sul sito di Nigella Lawson. Per chi di voi non la conoscesse  ancora, vi pubblico il video del promo di Real Time con la quale l’ho conosciuta io.

double-choc15


Nigella è una giornalista e conduttrice televisiva britannica. E’ nota come conduttrice di numerosi programmi televisivi dedicati alla cucina. Dopo la laurea presso l’Oxford University , inizia a lavorare come recensore di libri e critico gastronomico, per poi diventare vice direttore letterario del Sunday Times. Inizia a scrivere di cibo dopo aver preparato una cena per alcuni colleghi, quando il capodirettore le disse :  “scusa ma sei così brava in cucina, perché non scrivi qualcosa sul cibo ? ” Inizialmente disse di no, ma poi cambiò idea. Ha cominciato così a scrivere libri di cucina. Il suo primo libro infatti è diventato un best seller , e ha venduto 300 mila copie. Dopo il secondo libro, iniziò il suo show televisivo di cucina, diventando uno dei volti più famosi in TV.

Qui in Italia i suoi programmi sono stati tradotti in Italiano, e molti di noi l’anno potuta ammirare proprio sul canale dedicato ai reality. Cliccate qui per vedere  il link del suo sito se volete visitarlo.

Vi lascio alla ricetta. Come dolcetto per lunedì, non è niente male. Correte a comprare gli ingredienti o magari cercateli nella dispensa, è probabile che qualcosa l’avete già …. e siccome sono così buoni e non resisterete (come me) a mangiarli subito appena sfornati, vi consiglio di raddoppiare le dosi per farne di più. Queste delizie saranno in grado di confortarvi in questa giornata di inizio settimana e da tutto il resto che vi sta intorno.

Buonissimo lunedì … a chi passa di qua.

 

Dosi : per 12 double chocolate cookies
Preparazione : 20 minuti
Cottura : 18 minuti (forno elettrico ventilato)

 

Ingredienti :

125 g di cioccolato fondente minimo 70% di cacao
150 g di farina 00
30 g di cacao amaro in polvere setacciato
1 cucchiaino di bicarbonato di sodio
mezzo cucchiaino di sale
125 g di burro morbido (non salato)
75 g di zucchero di canna
50 g di zucchero bianco
1 cucchiaino di estratto di vaniglia (o come ho fatto io i semi di una bacca di vaniglia)
1 uovo grande freddo di frigorifero
350 g di cioccolato al latte

 

PREPARAZIONE :

Preriscaldare il forno a 170°.
Sciogliere il cioccolato fondente a bagnomaria o nel microonde.

Tagliate a quadratini piccoli il cioccolato al latte

Mettere la farina, il cacao, il bicarbonato e il sale in una ciotola

In un’altra ciotola sbattete il burro con gli zuccheri (io ho messo tutto zucchero di canna)

Aggiungete quindi il cioccolato fuso

Quindi mescolatevi i semi di vaniglia e l’uovo

Aggiungete ora gli ingredienti secchi

In ultimo aggiungete i quadratini di cioccolato al latte

Aiutandovi con 1 cucchiaio e 1 cucchiaino, fate 12 mucchietti  (grandi come un albicocca se volete i biscotti belli grandi, fate invece con il cucchiaino dei mucchietti come una noce se li volte più piccoli) su una leccarda, ricoperta di carta forno e infornate in forno ormai caldo per 18 minuti.

Fate la prova stecchino, deve uscire semi-pulito.
Sfornateli e lasciateli raffreddare per 4-5 minuti sulla teglia del forno, dopo di che trasferiteli su una griglia per farli raffreddare e solidificare.

Ed ora confortatevi con questi squisiti cookies al doppio cioccolato

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

CIAMBELLONE ALLE MELE E GOCCE DI CIOCCOLATO FONDENTE – RICETTA N°137

CIAMBELLONE ALLE MELE E GOCCE DI CIOCCOLATO FONDENTE – RICETTA N°137

Lo sapete ormai ; il mio debole sono le torte di mele. Infatti come avevo scritto in un precedente post, ne ho tante altre di ricette che pubblicherò, una più buona dell’altra, in maniera che potrete decidere quale sarà la vostra preferita. Alcune sono una mia invenzione, altre sono tra le mie raccolte di ricette che durano da anni, altre le ho prese dal web, rigorosamente testate per voi, perché possano essere come sempre ricette attendibili. Questa è venuta così, in maniera molto semplice, mentre preparavo il mio consueto ciambellone di nonna Tina ( per vedere la ricetta cliccate qui , vi consiglio di andarlo a leggere per le informazioni sul procedimento ), ho deciso di fare una variazione sul tema ; avendo 3 mele che dovevo assolutamente consumare, e una manciata di gocce di cioccolato che erano rimaste in fondo alla scatola. Ed è stata la mia colazione per una intera settimana. Per chi di voi si fosse perso le altre ricette di torta con le mele, basta che cliccate sui nomi delle torte : Torta di mele suprema con latte burro senza lattosio – Apple Pie o Torta di Nonna Papera – Torta di mele con farina di farro senza lattosio e senza lievito.

Una bacio e alla prossima !!!

 

Dose : per 12/15 porzioni
Preparazione : 20 minuti
Cottura : 35/40 minuti

 

Ingredienti :

300 g di farina 00
250 g di zucchero di canna
3 uova medio-grandi
130 ml di acqua
120 ml di olio di semi di arachide ( voi potete usare l’olio di semi che preferite )
1 bustina di cremor tartaro ( se non avete problemi di intolleranza potete usare il lievito per dolci normale )
3 mele Golden di media grandezza
un pugnetto di gocce di cioccolato ( voi potete usare anche scaglie di cioccolato fondente )
1 bustina di vanillina

 

PREPARAZIONE :

Sbattete per 15 minuti con le fruste le uova e lo zucchero, fino ad avere un composto spumoso. Nel frattempo, sbucciate, lavate e fare a tocchetti le mele.

Passato il tempo, aggiungete l’acqua, senza smettere di mescolare.

E l’olio di semi, sempre senza smettere di mescolare.

Aggiungete la farina, la vanillina e il lievito setacciati.

In ultimo mettete le mele tagliate a cubetti e le gocce di cioccolato fondente.

Travasate il tutto all’interno di un stampo a ciambella, già imburrato di cm 24 di dm.
Infornate in forno già caldo, preriscaldato a 180°, per 35/40 minuti.

Al termine, sfornate il dolce, e attendete circa 10 minuti prima di rovesciarlo su un piatto di portata.

Buona colazione e provatelo assolutamente con una buona tazza di caffè nero bollente.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

TORTA DI COMPLEANNO CON CREMA PASTICCERA E ANANAS SCIROPPATO – RICETTA N° 136

TORTA DI COMPLEANNO CON CREMA PASTICCERA E ANANAS SCIROPPATO – RICETTA N° 136

Questa torta è rimasta super-indietro, perché il compleanno di Corrado è a Gennaio. Quindi senza troppe parole, se volete una torta con pezzetti di ananas sciroppato, dal gusto delicato, questa è veramente buona. Nel prepararla, ho dovuto usare a un certo punto il cerchio apribile dello stampo, e la torta è venuta perfetta, in questo modo la panna che ho spatolato è venuta tutta in piano. Il Pan di Spagna mi è uscito bello alto, allora ho usato un pochino di mollica che mi si è sbriciolata nel tagliarlo, come decorazione laterale insieme a un pugno di granella di nocciole. Mmm … sapete una cosa ??? Credo proprio che la preparerò come dessert per la cena di domani sera. Senza la scritta buon compleanno ovviamente.

E allora cooorrroooo. Buona serata.

 

Dose :  per 15 circa porzioni
Preparazione : 40 minuti
Cottura : 40/45 minuti

 

Ingredienti :

una dose di Pan di Spagna cliccate qui per vedere ingredienti e procedimento
1 dose di crema pasticcera cliccate qui per vedere dosi e procedimento
1 confezione di ananas sciroppato da 560 g
80 g di cioccolato fondente
1 pugnetto granella di nocciole
mollica di Pan di Spagna q.b. per la copertura laterale
700 ml circa di panna montata
zucchero a velo q.b.

 

PREPARAZIONE :

Tagliate a pezzetti l’ananas e strizzatelo per bene, Tenete da parte lo sciroppo che allungherete con un pochino di acqua. Montate la panna con un pochino di zucchero a velo.

Aggiungete alla crema ormai fredda i pezzetti di ananas e mescolate.

Tagliate in 3 il Pan di Spagna. Bagnate il Pan di spagna con lo sciroppo.

Versate uno strato di crema sul primo disco. Coprite con il secondo e fate lo stesso.

Versate la crema restante sul terzo disco, e ricoprite con la panna montata spatolata.

Decorate con ciuffetti di panna montata. Sciogliete il cioccolato fondente a bagno maria, e con un cornetto di carta forno, fate la scritta. Mettete in frigorifero fino al momento di servire.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

TORTA DI MELE CON FARINA DI FARRO SENZA LATTOSIO E SENZA LIEVITO – RICETTA N° 133

TORTA DI MELE CON FARINA DI FARRO SENZA LATTOSIO E SENZA LIEVITO – RICETTA N° 133

Questa torta di mele, è nata per l’esigenza di smaltire un po’ alla volta la farina di farro che avevo comprato per fare il pane e che poi non ho utilizzato, tanto è vero che stava per scadere. Dal momento che tutti nella mia famiglia si erano messi a dieta, compresa me, ho voluto realizzarla, con ingredienti integrali dall’inizio alla fine. Con zucchero di canna al posto di quello bianco, con la margarina senza grassi idrogenati invece del burro, con il lievito biologico invece del solito lievito chimico e usando l’acqua al posto del latte. E con somma gioia di tutti è uscita una signora torta. Ottima a colazione e super per merenda. Se non avete problemi di dieta, usate le stesse dosi ma con latte, burro, zucchero semolato normali.Vorrei un’attimo fermarmi a parlare proprio del lievito biologico che uso da tempo per la mia intolleranza. Purtroppo ho notato, che come smetto di usarlo, e torno al classico lievito chimico, il mio gonfiore addominale ritorna. Quindi sono entrata nell’ottica, che le mie abitudini alimentari, devono cambiare radicalmente, sostituendo con ingredienti il più naturali possibili, quelli che risultano essere chimici. Al termine della ricetta troverete qualche info in più, su che cos’è il Cremor Tartaro, dove si trova e come si usa. Ormai questi prodotti si possono trovare anche nei piccoli supermercati. Quindi credo che non avrete problemi a reperire i prodotti su indicati bio-nature.

Un saluto e buona giornata a tutti voi.

 

Dosi: per 16/20 porzioni
Preparazione: 20 minuti
Cottura: 40/50  minuti

 

Ingredienti:

170 g di farina di farro integrale
130 di farina 00
3 uova medio-grandi
7/8 mele golden di grandezza media
250 di zucchero di canna
80 g di margarina + qualche fiocchetto in più prima di infornare la torta
150 ml di acqua
2 cucchiai di succo di limone
mezzo cucchiaino di cannella in polvere
1 bustina di cremor tartaro
un pizzico di sale  ( per montare gli albumi )

 

PREPARAZIONE :

Per prima cosa lavate, sbucciate e fate a fettine le mele. Tenete conto che 5 vanno nell’impasto e 2 sopra come decorazione, quindi nel caso dividetele in due ciotoline. Irroratele con il succo di limone e la cannella.

Dividete i tuorli dagli albumi, e montate a neve questi ultimi con un pizzico di sale.

Montate i tuorli con lo zucchero.

Poi aggiungete la margarina.

Quindi aggiungete le farine, il cremor tartaro, e l’acqua, alternandoli.

In ultimo incorporate gli albumi, dal basso verso l’altro, cercando di non smontarli.

Ora aggiungete le 5 mele fatte a fettine all’impasto.

Versate in uno stampo di cm 24 di dm imburrato. Decorate la superficie con le altre 2 mele poggiandole sopra l’impasto, tagliate l’ottava mela solo se ce ne bisogno per completare la copertura.
Aggiungete qualche fiocchetto di maragarina sopra le mele, infornate in forno già caldo, preriscaldato a 180° per 45/50 minuti.

Una volta cotta, tiratela via dal forno e lasciate raffreddare completamente prima di tagliare a fette.

Ecco un particolare della trota vista all’interno.

P.S. Il Cremor Tartaro è un sale di potassio dell’acido tartarico ( E334 ), un’acido organico naturale, presente in molti frutti sopratutto nell’uva. E’ un lievito naturale, che rende i dolci sofficissimi, non gonfia e non appesantisce lo stomaco ; può essere usato da solo oppure miscelato al bicarbonato di sodio. Può essere acquistato in farmacia, ma si trova ormai in quasi tutti i supermercati più forniti, tra gli scaffali dedicati ai dolci insieme a tutti gli altri lieviti in commercio, e in tutti i negozi che vendono alimenti biologici.
Il Cremor tartaro può essere usato dai vegetariani e dai vegani, al posto del tradizionale lievito, che invece contiene uno stabilizzante l’E470a, di origine animale, ottenuto dai bovini e dai suini.
Lo si può usare non solo per i dolci, ma anche per pizze, pane e focacce.
Quindi è utile per tutti quelli che sono intolleranti al lievito chimico e lievito di birra, perchè il prodotto che viene lievitato con questo lievito risulta non alterato di sapore, e il risultato finale è un lievitato più leggero e che quindi  non appesantisce.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

TORTA AL CACAO SENZA UOVA E SENZA BURRO – RICETTA N° 131

TORTA AL CACAO SENZA UOVA E SENZA BURRO – RICETTA N° 131 

Eh si ragazze/i, il brutto tempo è arrivato, purtroppo, e si è fatto subito sentire. Secondo giorno di pioggia, umidità a 1000, e freddo. Sapete cosa ci vuole ? Un buon dolce.  E allora oggi la ricetta di una torta buona, semplice da fare, e senza uova. Adatto a chi non le può mangiare, a chi ha iniziato un nuovo modo di alimentarsi senza, a chi vuole qualcosa di buono , ma comunque leggero. Usate questa ricetta se a volte siete pronte per mettervi ai fornelli e vi accorgete che non avete le uova. Quindi mano a fruste e ciotole, e preparate questa prelibatezza.  Vi accorgerete di come il dolce sia morbidissimo, senza mettere il burro, e di come sia veramente cioccolatoso, e per tutti gli intolleranti, usate il latte senza lattosio, oppure di soia, di avena, di riso, di mandorla. cocco e quant’altro. Ideale per la colazione o per la merenda, datele voi il posto che merita. La ricetta è tratta dal blog di Misya, ma io ho fatto le mie consuete sostituzioni per le mie intolleranze. Vi lascio al calore di questa torta; ora mi vado a riscaldare anche io, ho preparato il pranzo, mi si è già riscaldata un po’ la cucina.

Buona giornata a tutti.

 

Dose : per uno stampo di 24 cm di dm
Preparazione : 10 minuti
Cottura : 35 minuti

 

Ingredienti :

200 g di farina 00
250 g di zucchero (io metto quello di canna)
75 g di cacao amaro
1 bustina di lievito (io metto il lievito biovegan o cremor tartaro)
380 ml di latte (io metto quello senza lattosio)
50 ml di succo d’arancia
40 ml di olio di semi (io uso quello di arachide)
1 cucchiaio di essenza vaniglia (io uso 1 bustina di vanillina o i semini d una bacca di vaniglia)

 

PREPARAZIONE :

In una ciotola mescolate il latte, il succo d’arancia, l’olio di semi e l’essenza di vaniglia.

Aggiungete lo zucchero e la farina.

E infine il cacao e il lievito setacciato.

Mescolate il composto fino ad ottenere un impasto omogeneo.

Versate in uno stampo imburrato e infarinato di cm 24 di dm, in forno preriscaldato a 170° per 35 minuti.

Una volta cotta, aspettate qualche minuto prima sfornare.

Fate freddare completamente e se volete spolverate di zucchero a velo.

Ed ecco un particolare visto da vicino.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

CHEESECAKE ALLA ZUCCA CON RAGNATELA – RICETTA N° 126

CHEESECAKE ALLA ZUCCA CON RAGNATELA – RICETTA N° 126

Questa è la prima ricetta inedita per Halloween, che vi propongo quest’anno.
Un dolce buono, squisito, infinitamente godurioso.

La prima volta che l’ho preparato, è stato nell’ottobre 2009. Allora non avrei mai pensato, che qualche anno dopo l’avrei rifatto per proporlo suo blog, e cosa ancora più soddisfacente per me, avrei fatto una versione tutta mia, dettata dalla preferenza di alcuni ingredienti rispetto ad altri, e modificando alcune piccole cose sulla presenza scenica di questo dolce. Queste foto mi ricordano quell’anno, in cui per stupire e sorprendere il mio ragazzo, che ora è il mio attuale compagno, facevo ogni sorta di dolce che non avevo mai preparato.

 E allora lo immortalai in questa foto molto simpatica, a dimostrazione che una torta mostruosa, si poteva mangiare con un morso e un’espressione altrettanto mostruosa.

Queste foto fanno parte di bellissimi ricordi, che custodiremo per sempre nella nostra mente e nel nostro cuore. Bene, ora mettiamo da parte i miei sentimentalismi, e torniamo alla ricetta vera e propria. Per avere una versione che possano mangiare anche i celiaci, vi basterà, sostituire la dose di biscotti e cioccolato fondente in ingredienti senza glutine. Al posto della farina, ho usato la maizena, amido di mais che è di per se senza glutine. Per il resto, mantenete le stesse dosi e tutti gli altri procedimenti per realizzare questo dolce in stile gluten free. Per coloro che lo fanno per la prima volta, vi informo, che il dolce una volta cotto, nella fase di raffereddamento, si affloscia e crea uno spacco quasi al centro della torta ; ma è una cosa del tutto normale, Quindi questo, definiamolo così, “piccolo inconveniente”, non sarà dovuto ad un vostro errore nel procedimento. Per  limitarlo al minimo, una volta cotta la cheesecake, spegnete e tenete chiuso lo sportello fino al raffreddamento completo. Non apritelo per nessun motivo, fatelo e vedrete che il cheesecake sarà perfetto. Per coloro che inorridiscono nel sentire che questa ricetta contiene la zucca, posso dire che il suo sapore non si sente affatto. Quindi, se lo devono mangiare bambini o adulti, che stentano a mangiare le verdure, non rivelate l’ingrediente segreto, fino a quando non l’avranno mangiata.

Bene ora vi saluto, e buona giornata a chi passa di quà.

 

Dose : 10/12 porzioni
Preparazione : 30/40 minuti
Cottura : 55/60 minuti

 

Ingredienti per la base :

150 g di biscotti secchi sbriciolati
80 g di burro fuso a bagnomaria
3 cucchiai di zucchero di canna
50 g di noci o nocciole tritate (facoltativo)

 

Ingredienti per la farcia :

400 g di ricotta fresca del tipo compatto passata al setaccio
100 g di formaggio spalmabile a temperatura ambiente
80 ml di panna fresca liquida
460 g di zucca già pulita tagliata a cubetti
mezzo bicchiere d’acqua (circa 50 ml)
70 g di maizena
1 cucchiaino di zenzero o fresco o in polvere del tipo secco
1 cucchiaino di cannella in polvere
mezzo cucchiaino di noce moscata in polvere
3 uova intere del tipo medio
100 g di zucchero di canna
50 g di zucchero bianco

 

Ingredienti per la decorazione :

80 g di cioccolato fondente.

 

PREPARAZIONE :

Preparate e pesate tutti gli ingredienti.
Pulite la zucca dai semi i filamenti e dalla buccia, lavatela e pesatela. Fatela a cubetti piccoli di 2 cm circa, in questo modo cuocerà subito. Mettetela in un pentolino con l’acqua, e fatela cuocere a fuoco medio alta coperto, fino a che si sarà ammorbidita.

Sciogliete il burro a bagnomaria e tenete da parte.

Sbriciolate i biscotti con la zucchero, in un mixer. Per chi non lo possiede, mettete tutto in un sacchetto gelo grande, e schiacciate con un mattarello o un peso tipo un batticarne o una caffettiera.
In una ciotola capiente, mescolate i biscotti sbriciolati con lo zucchero e il burro fuso aiutandovi con un cucchiaio.

Imburrate le pareti e la base di uno stampo a cerniera del dm di cm 24. Versatevi il preparato e schiacciatelo bene sul fondo dello stampo aiutandovi con un bicchiere. Mettete in frigorifero.

Una volta cotta la zucca, aggiungete la panna e frullate con il frullatore ad immersione. Mettete da parte.

Preriscaldate il forno a 160/170°. Dedicatevi ora al ripieno. Con le fruste a mano o quelle elettriche, mescolate in una ciotola capiente le uova e i due tipi di zucchero.

La ricotta setacciata (io ho usato uno schiaccia patate) e il formaggio spalmabile.

La zucca che avete precedentemente frullato e lo zenzero.

La maizena e le spezie.

Tirate fuori dal frigorifero, la base di biscotti, e versateci la farcia.

Infornate il forno preriscaldato a 170°. Una volta cotto, lasciate raffreddare il dolce all’interno del forno spento senza aprire mai lo sportello fino al completo raffreddamento.
Quando il dolce è completamente freddo, mettetelo in frigorifero almeno per 4 ore, meglio ancora tutta la notte.
Passate la lama di un coltello piatto lungo il bordo e poi procedete a togliere la cerniera.

Passate la lama sotto la base di biscotti per staccarla dal piatto dello stampo, dopo di che poggiate il dolce sul piatto da portata.

Sciogliete a bagnomaria il cioccolato fondente. Usate un sac a pochè usa e getta, e tagliate la punta per fare uscire il cioccolato molto piccola. Fate qualche prova sul piatto per verificare lo spessore della bocchetta che dev’essere molto sottile.

Prendete un punto sulla cheesecake e fate partire 4 raggi.
Adesso fate la ragnatela, incurvando le strisce all’interno dei triangolini che si sono formate.

Disegnate anche il ragno con le zampette.
Ed ecco la vostra cheesecake alla zucca con ragnatela.

Oggi la nonna di Corrado si è fermata a pranzo, e l’ho voluta fotografare così … che ve ne pare ???

Lei è la nonna Antonietta di cui vi ho già parlato in questa ricetta cliccate qui per leggerla !!!

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

CINNAMON ROLLS – RICETTA N° 122

CINNAMON ROLLS – RICETTA N° 122

Io e il mio compagno ci trovavamo all’Ikea per comprare i pezzi della libreria che avevamo scelto. All’improvviso mi è venuto un languorino, e per questo mi sono diretta al bar. Il mio sguardo è stato attratto da un dolcetto a forma di girella. In quel momento mi sono ricordata di aver già visto quel dolcetto durante le mie ricerche su internet, su qualche blog. Ho chiesto alla cassiera come si chiamava, e lei mi ha detto che il dolcetto a forma di girella era un cinnamon rolls, briosches per la colazione svedese. Quando sono tornata a casa, mi sono messa al computer e ho cominciato a cercare. Non so quanti blog e siti ho guradato. Alla fine ho perso il conto. Il tarlo nella testa è durato 3/4 giorni, e alla fine le ho fatte. E la cosa della quale sono fiera, è che non ho seguito una ricetta specifica già pubblicata. Ho capito che l’impasto doveva essere simile all’impasto della pizza, ma dolce. E che il ripieno doveva essere una crema di burro, cannella e zucchero da spalmare direttamente sulla pasta lievitata. E credetemi, mai avuta tanta soddisfazione da un’impasto. Ora vi domando : si può essere felici nel fare un impasto lievitato e vederlo assumere la forma che si aspetta ? Ebbene si, la passione fa proprio questo. Ma torniamo alla loro origine. Queste girelle sono nate in Svezia, come dolcetto per la colazione, ma si mangia in altre parti del mondo, come la Finlandi e l’America. In Finlandia si fa proprio una torta con le girelle di impasto messe all’interno di uno stampo per dolci, e prendonoil nome di Kannembull. Ed ora un’info in più ; una volte che si sono freddate le vostre cinnamon rolls, potete congelarle e tirarle fuori quando avete voglia di mangiarle, così da averle sempre fresche come appena sfornate.

Buona giornata a tutti i cuochini e le cuochine !!!

Dose : per 10 girelle
Preparazione : 30 minuti
Cottura : 30 minuti

 

Ingredienti per l’impasto :

400 g di farina 00
180 g di farina manitoba
300 g di latte
40/50 g di burro morbido
1 uovo medio per l’impasto + 1 per spennellare
100 g di zucchero di canna
mezzo cubetto di lievito di birra

 

Ingredienti per il ripieno :

20 g di cannella in polvere
20 g di farina 00
120 g di burro ammorbidito a temperatura ambiente
150 g di zucchero di canna

 

Per la glassa :

q.b. di acqua calda
80 g di zucchero a velo vanigliato

 

PREPARAZIONE :

Scaldate il latte in un pentolino, e scioglieteci i 50 g di burro e il lievito.

Versatelo, in una ciotola, e mescolatelo con le farine, l’uovo e lo zucchero.
 Quando tutti i liquidi saranno stati assorbiti, trasferite su di un piano di lavoro e impastate fino ad ottenere un panetto morbido ed elastico. Mettetelo in una ciotola pulita e fate lievitare per 2 ore o fino al raddoppiamento del volume, al riparo da correnti d’aria e coperto con un panno da cucina.

Nel frattempo preparate il ripieno mescolando fino a ridurre in crema il burro , la cannella, lo zucchero di canna e la farina.

Quando l’impasto sarà ben lievitato, sgonfiatelo e trasferitelo su una spianatoia, precedentemente infarinata. Con un mattarello, stendetelo per formare un rettangolo di circa 30 x 40 cm.

Con un cucchiaio cospargete la crema di burro e cannella, lasciando un bordo di circa 1 cm.

Cominciando dal lato lungo, arrotolate l’impasto, fino ad ottenere un cilindro, premendo delicatamente con le mani per tenerlo compresso. A questo punto decidete, se tenerlo in frigo 30 minuti prima di tagliarlo a fette ricoperto con la pellicola, o fare subito questa operazione.

Con la chiusura rivolta verso il basso, tagliate la pasta per ottenere 10/12 rondelle delle stesse dimensioni, calcolate 2 dita di spessore l’una dall’altra. Disponeteli con il lato che si caramellizzerà verso l’alto.

Disponete le rondelle a lievitare su una leccarda ricoperta di carta da forno, per 1 ora 1 ora e mezza circa, o fino al raddoppiamento del volume. Spennellate con l’uovo rimasto.

Preriscaldate il forno a 190°, e una volta caldo infornate i rolls per 20/30 minuti o fino a quando non saranno gonfi e completamente  dorati.

Nel frattempo preparate la glassa, mescolando lo zucchero a velo con la quantità d’acqua calda necessaria ad ottenere la consistenza desiderata, una glassa più densa o una più liquida.

Una volta cotti i rolls, sfornateli, e attendete 5 minuti prima di stendere la glassa in superficie con un pennello da pasticceria.

Ed ecco i rolls pronti per essere mangiati.

N.B. Consiglio vivamente di usare la carta forno, perchè durante la cottura, una parte della crema uscirà dai rolls.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

 

BISCOTTI ALL’AMARENA – RICETTA N° 121

BISCOTTI  ALL’AMARENA – RICETTA N° 121 

I biscotti all’amarena, sono dolcetti tipici napoletani, nati dall’esigenza di smaltire gli scarti e ritagli avanzati dalla preparazione di altri dolci. I ritagli vengono reimpastati, e aromatizzati poi con marmellata di amarena, cacao, nocciole tritate e liquore, e utilizzati poi come ripieno della pasta frolla. Per la loro bontà e il loro prezzo molto basso, hanno incontrato il favore del pubblico, diventando un vero classico; non c’è bar, pasticceria o forno che si rispetti che al mattino non esponga questi biscotti dal sapore delizioso. Il loro sapore cambia notevolmente di negozio e negozio e dal momento che li ho trovati buonissimi, vi posto la ricetta per poterli rifare a casa. Quindi oggi una ricetta del riciclo. Per poter realizzare i vostri biscotti all’amarena, potete utilizzare scarti del pandoro o della colomba, oppure cornetti vuoti avanzati o fare  il Pan di Spagna o il ciambellone e usare quelli. Decidete voi come procedere. Tra le tante ricette su internet a me è piaciuta quella del sito di Gnamgnam di Elena Amatucci. Alla ricetta originale ho apportato qualche piccola modifica : come pasta frolla ho usato quella fatta con l’olio. Ho deciso di preparare 2 grandezze diverse di biscotto. Inoltre li ho preprati con gli avanzi di ciambellone che avevo. Questa è la ricetta che dovevo pubblicare venerdì, ma purtroppo ho avuto problemi con il PC. Questo fine settimana abbiamo deciso di passarlo a Roma. Nel prossimo post vi racconterò come è andata e cosa ho fatto.

Buon pomeriggio a tutti e alla prossima.

 

Dose : per realizzare 12 biscotti grandi o biscotti 24/25 più piccoli
Preparazione : 30 minuti
Cottura : 20 minuti

 

Ingredienti per la pasta frolla :

400 g di farina 00 di frano tenero
2 uova maxi
200 g di zucchero
100 g di olio di semi di arachide
mezza bustina di lievito per dolci
la buccia grattugiata di 1 limone o di 1 arancia biologici

Per vedere il procedimento cliccate qui.

 

Ingredienti per il ripieno dei biscotti all’amarena :

400 g di dolci morbidi da riciclare o Pan di Spagna o Ciambellone
100 g di confettura all’amarena
20 amarene sciroppate
50 ml di sciroppo di amarena
20 g di cacao amaro

 

Ingredienti per la copertura :

1 albume
50 g di zucchero a velo
confettura di amarene ( la copertura è facoltativa, potete anche decidere di lasciarli al naturale )

 

PROCEDIMENTO :

Preparate la pasta frolla come descritto nella ricetta e mettete da parte.

Dedicatevi ora al ripieno. Tritate le amarene sciroppate con il coltello.

Sbriciolate in una ciotola, il dolce che avete scelto di usare, aggiungete la confettura, le amarene che avete fatto a pezzettini, lo sciroppo di amarena e il cacao amaro.

Impastate il tutto fino ad ottenere un composto morbido ma modellabile a forma di salsicciotto.

Ora stendete la pasta frolla in un rettangolo di 35 x 40.

A questo punto potrete decidere di fare i biscotti grandi o piccoli.

1 ) Se li volete grandi procedete in questo modo : mettete al centro il salsicciotto di amarene e cacao.

Richiudete la pasta frolla attorno al ripieno, facendola aderire bene.

Preparate la glassa, usando le fruste elettriche.

Stendetela con una spatola sulla pasta frolla e poi con uno stuzzicadenti fate 2 0 3 strisce con la marmellata o lo sciroppo.

Dopo di che tagliate i biscotti. Sistemateli su una leccarda ricoperta di carta forno.

2 ) Se li volete più piccoli invece procedete così : dividete in due il rettangolo di pasta frolla.

Sistemate 2 salsicciotti nei 2 rettangoli, richiudete la pasta frolla su entrambi i rettangoli e fatela aderire bene, fate finire la chiusura sotto l’impasto.

A questo punto tagliate i biscotti, adagiateli su una leccarda ricoperta di carta forno. Con una spatola, stendete la glassa e eppoi fate le strisce.

Ora potete infornare i biscotti in forno caldo a 180° per 20 minuti.
Sfornate e fate raffreddare completamente.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

BANANA BREAD – RICETTA N° 118

BANANA BREAD - RICETTA N° 118

INGREDIENTI 

250 g di farina 00

140 g di zucchero

1 cucchiaino di bicarbonato di sodio

mezzo cucchiaino di cannella  in polvere

un quarto di noce moscata in polvere

1 pizzico di sale

4 banane molto mature

80 g di yogurt

2 uova medio-grandi

90 g di burro fuso tiepido

100 g di noci tostate e tritate

100 g di gocce di cioccolato (ingrediente che ho aggiunto io)

1 ora

15 PORZIONI

Preparala anche tu e fammi sapere com’è andata usando il tag se usi Facebook  – Le ricette di Daniwella. felicità e passione in cucina o @passioneincucinacondaniwella – se invece sei su Instagram usando #lericettedidaniwella o @daniela.addis72. Grazie a tutti per i vostri LIKE  e per le vostre condivisioni. Se non volete perdervi nessuna delle mie ricette iscrivetevi alla news letter. Felice giornata. Enjoy #daniwella

Diario di bordo
La prima volta che ho sentito parlare del banana bread è stato in una puntata del telefilm americano Big bang theory, una famosa sitcom americana che viene trasmessa solitamente nel periodo autunno-inverno nell’orario in cui solitamente io e il mio compagno pranziamo e nel guardarla vi assicuro ci facciamo innumerevoli risate. La scena comica è quella in cui il personaggio di Sheldon Cooper bussa 3 volte alla porta di Penny e gli offre un banana bread convinto che proprio per questo motivo lei lo faccia entrare per chiaccherare.
Qualche tempo dopo aver visto quella scena ho comprato un libro di ricette americane e tra le tante c’era quella del banana bread, incuriosita mi sono messa subito all’opera per prepararla per vedere cosa avesse di speciale questo dolce, e così eccola sul blog. Questa ricetta è a metà tra un plumcake e un pane bianco in cassetta. E’ un dolce fatto rigorosamente con purea di banane mature, ottimo per la prima colazione e la merenda pomeridiana.

la ricetta passo passo

i miei consigli e qualche curiosità

 Buon appetito!

CREMA FREDDA AL CAFFE’ – RICETTA N° 109

CREMA FREDDA AL CAFFE’ – RICETTA N° 109

Avete presente quella crema fredda al caffè, che si trova, in quasi tutti i bar, e negli stabilimenti balneari, in tutto il periodo estivo ? Quella cremina così buona, da essere a metà, tra una granita e un gelato ? Ebbene, la ricetta di oggi, è una richiesta del nostro amico Vincenzo Odoardi, un giovane ingegnere chimico con la passione per la cucina. Mi ha contattato chiedendomi di mettere questa ricetta sul blog. Detto, fatto. Ho guardato in giro un po’ sul web, e poi ho fatto di testa mia. Per questa ricetta ho deciso di usare la panna vegetale già zuccherata, e una quantità minima di cioccolato fondente per dare più aromaticità e quel non so che alla cremina. Non mettetene di più. Questa cremina vi delizierà, e vi farà fare anche bella figura se avete ospiti, offrendola come ottimo dessert di fine pasto al posto del caffè, in bicchierini o tazzine da caffè di vetro.  E’ semplicissima da fare, richiederà solo una parte del vostro tempo, perché ogni 30 minuti, dovrete estrarre dal freezer, il contenitore che contiene la cremina e mescolare il tutto per rompere i cristalli di ghiaccio che si sono formati, per almeno 5 volte in 2 ore e 30 minuti. E con il caldo che sta facendo in questi giorni, questa ricetta cade proprio ad ok. Ieri sera, la nostra amica Valentina, ci ha invitato a mangiare la pizza, e la ringrazio perché era buonissima ; ottimo impasto e squisiti condimenti. Purtroppo il tempo oggi, non è un gran che. Credo, che non riusciremo ad andare al mare quest’oggi. Chissà. Vedremo. Ovunque passiate la vostra giornata, spero che sia davvero ottima.

Un saluto a tutte le cuochine e i cuochini e alla prossima.

 

Dose : per 8/10 porzioni
Preparazione : 10 minuti
Tempo totale : 2 ore e 30 minuti in freezer

 

Ingredienti :

400 ml di caffè fatto con la moka
500 g di panna da montare già zuccherata vegetale
40 g di cioccolata fondente o al latte
4 cucchiai di zucchero a velo

 

PREPARAZIONE :

Preparate il caffè con la moka,  all’incirca 2 volte una macchinetta da 3 tazze.
Fondete a bagnomaria la quantità di cioccolata fondente, e una volta fuso, fatelo sciogliere nel caffè ancora caldo. Dopo di che fate raffreddare.

Quando il caffè sarà freddo, prendete la panna vegetale dal frigorifero ( dev’essere ben fredda ) e montatela all’interno di una ciotola capiente insieme allo zucchero a velo.
Aggiungete un pò per volta il caffè freddo in 3  o 4 riprese, e montate in tutto per 8/10 minuti.

Versate in un contenitore rettangolare il composto.

Mettete in freezer per 2 ore e 30 minuti, mescolando con le fruste a mano o un cucchiaio, il composto ogni 30 minuti.

Passate le 2 ore e 30 minuti, amalgamate con un’ultimo giro di fruste elettriche, o a mano per qualche secondo.

Ecco la crema al caffè fredda. Decorate se volete con un ciuffo di panna montata.

Se la crema vi dovesse avanzare, tenetela in congelatore, e prima di mangiarla, mettete il contenitore in frigorifero per mezz’ora circa, mescolate nuovamente, per ottenere di nuovo la giusta consistenza.
Se volete fare una dose più piccola, dimezzate tutte le dosi.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA