Crea sito
Daniwella Felicità e passione in cucina

DOLCI

torte-immagine-per-categoria1

I dolci sono la mia passione, realizzati grazie all’utilizzo d’innumerevoli ingredienti.
I dolci variano molto non solo negli ingredienti ma anche nei metodi di cottura che vanno dalla frittura al forno, fino a quelli che invece non vanno cotti affatto.
Le ricette dei dolci sono probabilmente quelle con le quali si può giocare maggiormente di creatività e che in un certo senso danno anche più soddisfazione e piacere nella realizzazione.

FANTASMINI DI HALLOWEEN – RICETTA N° 211

FANTASMINI DI HALLOWEEN – RICETTA N° 211

Buongiorno a tutti. Ecco la seconda ricetta di Halloween dedicata hai bambini. Fantasmini di biscotto veloci da fare, da cuocere e da decorare …. e buonissimi da mangiare. Ve lo assicuro, questi sono davvero facilissimi, e solo 20 minuti per fare tutto. Divertitevi a prepararli insieme ai vostri ometti e principesse, sarà per loro un Halloween da sballo. La ricetta è tratta dal libro ” I menù di Misya “.

 

Dosi : per 9 fantasmini
Preparazione : 20 minuti
Cottura : 5-6 minuti

 

Ingredienti :

50 g di albumi
50 g di zucchero (io di canna)
50 g di burro (io burro senza lattosio)
50 g di farina (io farina 0)
1 cucchiaio di essenza di vaniglia (io ho usato 1 cucchiaino di polvere di vaniglia Bourbon Bio)
zucchero a velo q.b.
cioccolato fondente fuso. q.b.

 

PREPARAZIONE :

In una ciotola mettete gli albumi, lo zucchero, il burro sciolto precedentemente a bagnomaria, la farina e la polvere di vaniglia. Mescolate fino a rendere il composto un’impasto liscio.

Prelevando un cucchiaio alla volta del vostro composto, formate dei dischi, mettendoli distanziati gli uni dagli altri su una leccarda da forno ricoperta di carta forno. Io li ho fatti leggermente più grandi e me ne sono usciti 8, quindi voi regolatevi di conseguenza se ne volete 9.

Infornate in forno preriscaldato a 200° per 6/8 minuti. I miei dischi a 6 minuti erano già troppo colorati, quindi fate attenzione, mettete il timer e controllate a vista i dischetti, quando sono appena dorati, tirateli fuori. Con l’aiuto di una paletta togliete i dischetti ancora bollenti.

Metteteli ancora caldissimi nelle tazzine per dare la forma di fantasmino. Alcuni dei miei biscottini si sono rotti al centro, ma se vi dovesse succedere, non disperate, fate come me, sistemateli comunque nelle tazzine e lasciateli raffreddare. In questa ricetta tutto si recupera facilmente.

Una volta raffeeddati, togliete i dolcetti dalle tazzine e spolverizzateli con abbondante zucchero a velo.

Decorate disegnando occhi e bocca con il cioccolato fuso. Mettete da parte fino al momento di servire. Io ho usato la punta di uno stuzzicadente intinta nel cioccolato per decorare il tutto.

Ed ecco i fantasmini di halloween che i vostri bambini adoreranno.

Ed ecco un’incontro ancora più ravvicinato.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

RAGNETTI MOSTRUOSI DI HALLOWEEN – RICETTA N° 209

RAGNETTI MOSTRUOSI DI HALLOWEEN – RICETTA N° 209

C’è solo una parola d’ordine quando si parla di Halloween, cioè che tutto quello che si crea deve essere MOSTRUOSO. Ho preparato i ragnetti di Halloween con la mia amica Martina durante un pomeriggio dedicato proprio alle ricette per questa festa. Come vi avevo promesso quest’anno ho pensato di realizzare dei dolcetti che i vostri bambini si divertiranno a fare con voi e dopo a mangiarli, si perché oltre a fare molta scena, questi dolcetti sono anche molto buoni. Il pomeriggio è passato velocemente, ed abbiamo fatto un bel gioco di squadra, mentre Martina pensava a ritagliare quelle che sarebbero diventate zampette, io ho preparato la base dell’impasto e sciolto il cioccolato fondente, dopo di che il gioco di assemblaggio fatto quasi tutto da Martina, è stato grandioso. Ho deciso di usare come base quella dei cake pops, ricetta che ancora non c’è sul mio blog, ma che troverete la prossima settimana, con un post dedicato tutto a loro. Quindi ho preparato una torta al cioccolato e l’ho poi sbriciolata e mischiata alla marmellata. Voi potete usare qualsiasi torta abbiate a disposizione, anche delle merendine semplici e qualsiasi tipo di  marmellata al gusto che preferite. Vi lascio ora alla ricetta e spero davvero che vi piaccia, in tal caso cliccate MI PIACE e lasciatemi un commento e magari le vostre foto di questi dolcetti sulla pagina facebook.

Vi auguro una buona giornata e alla prossima MOSTRUOSA RICETTA DI HALLOWEEN.

 

Dosi : per 20 ragnetti
Preparazione : + di 1 ora
Cottura : 35 minuti per la torta

 

Ingredienti per la torta al cioccolato :

200 g di farina 0
45 g di cacao amaro
200 g di zucchero di canna bio
2 uova di media grandezza
100 ml di olio e.v.o. o olio di semi di arachide
250 ml di latte di soia (voi utilizzate il latte che volete)
1 bustina di lievito per dolci Bio
mezzo cucchiaino di polvere di vaniglia

 

Ingredienti per i ragnetti :

260 g di torta al cioccolato
3 cucchiai di marmellata di fragole
150 g di cioccolato fondente (io ho trovato quello al 72 % di cacao)
30 g di burro senza lattosio
5 cucchiai di panna fresca liquida senza lattosio
250 g di scagliette fondenti al cioccolato
6 rotelline di liquirizia
40 granelle di zucchero

 

PREPARAZIONE :

Preparate per primo la torta al cioccolato
In una ciotola capiente sbattete le uova, l’olio il latte e la vaniglia. Aggiungete sempre mescolando la farina, il cacao, lo zucchero e la bustina di lievito setacciato, fino ad ottenere un composto omogeneo. L’impasto per la torta è pronto, versatelo all’interno di uno stampo imburrato di cm 26 di dm e infornate in forno preriscaldato a 180° per 35 minuti circa. Una volta cotta la torta, sfornate e fatela raffreddare.

Preparate ora i ragnetti.
Mettete a sciogliere a bagnomaria il cioccolato fondente con il burro. Aggiungete la panna una volta che si è sciolto e mescolate fino ad ottenere una salsa al cioccolato fluida e liquida.

Mentre si scioglie il cioccolato, sbriciolate la torta al cioccolato a mano o in un mixer, unite la marmellata e mescolate fino ad ottenere un composto compatto e modellabile.

Prendete un po’ di composto alla volta, modellatelo con le mani facendo 20 palline.
Tuffate le palline nel cioccolato fondente, ricoprendole interamente, aiutandovi con una forchetta.

Passate le palline nelle scagliette di cioccolato, facendole aderire bene su tutta la superficie, e fatele asciugare su un vassoio ricoperto di carta forno.

Mentre le palline si asciugano preparate le zampette, ritagliando con le forbici le rotelle di liquirizia, ottenendo delle striscette di 5 cm di lunghezza. Per 20 ragnetti occorreranno 120 zampette.

Per gli occhi : posizionate le granelle di zucchero su ogni pallina, potete aiutarvi con una pinzetta per sopracciglia debitamente lavata e asciugata. Le granelle devono essere una vicino all’altra e posizionate al centro della pallina.

Operazione finale per le zampette : con uno stuzzicadenti praticate 6 buchini, 3 per ogni lato, e in ognuno infilateci l’estremità della striscetta di liquirizia. Il ragnetto comincerà a prendere la forma finale, e la vostra soddisfazione sarà indescrivibile. Fate questa operazione con molta pazienza, ma vedrete che il risultato finale vi ripagherà.

Conservate i ragnetti in frigorifero per 3 al massimo 4 giorni, ricordandovi di mangiarli sempre a temperatura ambiente.

Il connubio di cioccolato e liquirizia è straordinario. Assaggiate eppoi ditemi.

Buon HALLOWEEN.

Ed ecco tanti ragnetti mostruosi fotografati nello scuro più scuro di una notte paurosa.

Questa è l’idea per un dolce fatto con il RECUPERO dei 3 cioccolati

Con la rimanente torta al cioccolato, le scagliette fondenti rimaste e il cioccolato fuso avanzato ho realizzato questa goduria. Tagliatela a metà, spalmate un po di cioccolato fuso, ricoprite con l’altro disco, e terminate facendo colare il rimanente cioccolato fuso con le scagliette di fondente avanzato in superficie.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

CIAMBELLONE CON FARINA DI FARRO ALLE CAROTE E AGRUMI – RICETTA N° 205

CIAMBELLONE CON FARINA DI FARRO  ALLE CAROTE E AGRUMI – RICETTA N° 205

Eccomi di nuovo tra voi amici. Davvero una gioia poter scrivere di nuovo le mie ricette con questo mio intramontabile PC. Il ciambellone che vi propongo è buono, alto, soffice, morbidoso, dolce, salutare, genuino e incredibilmente CONFORT FOOD. Riporta indietro nel tempo, si perchè appena ne mangerete una fetta, vi sembrerà di mangiare le famose merendine Camille, ve le ricordate ? Io ne andavo pazza, ero letteralmente in grado di farmene fuori 3/4 alla volta. Quindi se anche voi come me amavate quelle merendine, vi metterete ai fornelli per assaggiarne tutta la bontà, con la consapevolezza di aver fatto in casa questo dolce buonissimo. Un’ulteriore modo per far mangiare questo ortaggio a tutti quei bambini e adulti che non amano mangiare le verdure, le carote non si vedono e non si sentono. Tutti gli ingredienti si amalgamano alla perfezione donando a questo dolce un gradevolissimo sapore zuccherato e agrumato. E sarà ottimo per la vostra colazione. Ogni mattina non vedrete l’ora di alzarvi, per gustarvi questo gustosissimo dolce per colazione. Anche di domenica ve lo assicuro io. Mi raccomando per fare questo dolce usate solo agrumi senza trattamento, in modo da avere una buccia senza contaminazione di pesticidi. Io vi scrivo la versione completamente vegetariana e vegetale di questo dolce che ho fatto io, a voi la scelta di sostituire un’ingrediente con un’altro se non avete problemi di intolleranza come me.

GOODBYE AMICI !

 

Dosi : per uno stampo di cm 24 di dm
Preparazione : 15/20 minuti
Cottura : 170/180° per 35/40 minuti

 

Ingredienti :

100 g di farina manitoba
150 g di farina di farro integrale biologica
50 g di fecola di patate
3 uova medio-grandi
200 g di zucchero di canna biologico
200 g di carote tritate finemente
80 ml di latte di avena (voi potete usare il latte che vi piace di più)
80 ml di olio di semi di arachide
50 g di mandorle tritate finemente o farina di mandorle
1 bustina di lievito bio-vegan senza fosfati
1 limone solo la scorza
1 arancia di cui userete scorza e succo
zucchero a velo q.b. facoltativo
olio di semi ( o burro ) per ungere lo stampo q.b.

 

PREPARAZIONE :

In una ciotola montate per circa 5 minuti le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso e denso.

Aggiungete  le farine, la fecola e il lievito setacciandoli con un colino, intervallandoli con il latte e l’olio.

A questo punto incorporate le carote tritate e le mandorle ridotte in polvere.

Mescolate la scorza degli agrumi grattugiati e il succo dell’arancia.

Versate il composto in uno stampo a ciambella unto di olio a 170°/180° per 35/40 minuti.

Una volta cotta aspettate qualche minuto prima di sformarla dallo stampo (non fate come me che ho aspettato il mattino dopo).

Spolverizzate con zucchero a velo una volta che sarà fredda.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

TORTA DI MELE AL CUCCHIAIO – RICETTA N° 202

TORTA DI MELE AL CUCCHIAIO – RICETTA N° 202

Questa torta di mele si scioglie in bocca al primo assaggio ed è attualmente, una delle migliori che abbia mai assaggiato. Io la definisco la torta di mele degli anni 70/80. I dolci fatti in quei anni avevano esattamente questo sapore. Il burro, lo zucchero e le mele cotte insieme donano a questa torta un caratteristico sapore di crema pasticcera mista a cannella e miele, nonostante questi 3 ingredienti non ci siano. Erano proprio gli ingredienti che io leggevo da piccola nelle fiabe, quando in quel particolare momento si parlava di torte, focacce e brioches. Avevano un qualcosa di magico per me. E’ quasi un prodigio, che ingredienti come quelli appena menzionati in questa torta non ci siano, eppure sembra di si appena la si assaggia. E’ assolutamente da provare. L’unico consiglio che vi do, se non avete molto tempo a disposizione, fatevi aiutare a sbucciare i 2 kg di mele dalla mamma, dalla sorella, dalla nonna, dalla zia, dalla cugina, dall’amica o da chiunque riuscirete a reclutare, in questo modo sarà davvero una passeggiata. Per il resto è tutto facile. L’impasto della torta si impasta direttamente nella stessa pentola. Ma il risultato di questo lavoro è impagabile. Fatemi sapere con i vostri commenti se vi è piaciuta, e in tal caso cliccate pollice su sul blog.  La ricetta è tratta dal libro MOLTO BENE di Benedetta Parodi, dove sono raccolte tutte le ricette della prima stagione del programma di cucina  Molto Bene condotto proprio da Benedetta.

Buona giornata a tutti.

 

Dose : per uno stampo di cm 26 di dm – indicativamente parlando 10 porzioni
Preparazione : + di 1 ora
Cottura :  50/60 minuti a 180°

 

Ingredienti :

2 Kg di mele
150 g di burro
150 g di zucchero
7 cucchiai di farina 00
3 uova grandi
1 bustina di lievito per dolci
zucchero a velo q.b.

 

PREPARAZIONE :

Sbucciate le mele e privatele del torsolo, tagliatele come volete e mettetele in una pentola.
Aggiungere il burro e lo zucchero e mescolate. Accendete il fuoco e cuocete  all’incirca per mezz’ora, almeno, o fino a che le mele non si siano spappolate e tutto appaia come una purea di mele.

Fate poi raffreddare completamente.

Io infatti l’ho preparata in due tempi. Questa prima parte di lavoro l’ho fatta la mattina. Nel pomeriggio ho ripreso le mele ormai fredde e ho completato il tutto come indicato di seguito.
Incorporate all’interno della stessa pentola la farina.
Le uova e il lievito.
Trasferite l’impasto in una tortiera imburrata e infarinata o rivestita di carta forno. Cuocete in forno per 50/60 minuti.
Una volta cotta consiglio di farla raffreddare completamente prima di affettarla e mangiarla, conservatela in frigorifero. Se vi piace completate con una spolverizzata di zucchero a velo.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

PANCAKE VEGAN MORBIDI SENZA UOVA SENZA LATTOSIO – RICETTA N°189

PANCAKE VEGAN  MORBIDI SENZA UOVA  SENZA LATTOSIO – RICETTA N°189 

PROVARE PER CREDERE !!! Potrei dirvi di tutto su questi pancake, che sono buonissimi … che sono dolci al punto giusto anche se non c’è lo zucchero semolato … che sono morbidissimi anche se non ci sono le uova … che ti allietano la colazione mattutina … che in 20 minuti si hanno dei pancake meravigliosamente morbidi …. ecc … ecc … ma se non li proverete,  non crederete alle mie parole. Benchè sul blog, non ho ancora pubblicato la ricetta dei normali pancake, dove ci sono uova, farina 00, zucchero semolato e quant’altro, questa ricetta meritava davvero. Nella mia continua ricerca di ricette vegane, sono arrivata sul sito di IL GOLOSO MANGIAR SANO  di Elisabetta e Federica, dove per ottenere dei favolosi pancake morbidi, hanno sostituito le uova con i semi di lino … e con un piccolo trucchetto il risultato è a dir poco strabiliante. Spero di avervi incuriosito quel tanto che basta da invogliarvi a farlo il più presto possibile. Solo un piccolo appunto da parte mia : è importante ridurre in polvere i semi di lino, quindi munitevi di un frullatore potente, per intenderci, quelli di ultima generazione che sono in grado di spezzettare anche uno spicchio d’aglio … altrimenti ricorrete ad un macinino da caffè elettrico. Io avevo cominciato la ricetta su di un tipo di modello vecchio del bimby, ma della polvere di semi di lino, neanche l’ombra ; alla fine sono riuscita, insistendo, con l’aiuto del mio frullatore ad immersione a ridurre in polvere i semi. Servite i vostri pancake con quello che più vi piace come marmellata, sciroppo d’acero, crema, frutta e tanto altro ancora. Io la prima volta li ho accompagnati con lo sciroppo di Agave e con qualche cucchiaio di mousse alla banana e cacao che mi era avanzato precedentemente. Se volete vedere la ricetta cliccate qui. Nella descrizione degli ingredienti troverete solo qualche piccolo sostituzione rispetto alla ricetta originale, fatto con gli ingredienti che avevo in casa in quel momento.

Vi auguro una buona giornata.

 

Dose : per 4 pancake di dimensioni grandi o 6 pancake di dimensione medie
Preparazione : 10 minuti
Cottura : 10 minuti
Tempo totale : 20 minuti

 

Ingredienti per i pancake :

1 cucchiaio di semi di lino
1 cucchiaio di olio e.v.o.
1 cucchiaio di sciroppo d’agave
140 g di latte vegetale (io ho usato una volta soia e una volta di avena)
3 cucchiai di acqua
30 g di zucchero di canna (io ho usato lo zucchero moscobado)
150 g di farina (io ho usato la farina 0)
1 cucchiaino e mezzo di lievito (io uso il lievito vegan o cremor tartaro)

 

Ingredienti per decorare :

sciroppo d’acero o d’agave
fragole e banane q.b. (ma voi potete usare la crema e la frutta che vi piace di più)

 

PREPARAZIONE :

Per prima cosa mettete a bagno i semi di lino interi o già polverizzati con i 3 cucchiai di acqua per 10 minuti. Questo è il tempo necessario per far sprigionare dai semi il gel necessario per far legare perfettamente tutti gli ingredienti, sostituendo così egregiamente le uova.

Dopo 10 minuti a seconda del mixer potente di cui disponete, se avete lasciato i semini interi, metteteli all’interno di un beker o bicchiere del frullatore e frullateli per polverizzarli insieme al cucchiaio di olio e un goccino di latte vegetale.

Se invece li avete polverizzati in precedenza, aggiungete tutti gli altri ingredienti : lo sciroppo di agave, il resto del latte vegetale, lo zucchero di canna, la farina e il lievito. Mescolate.

Il composto deve risultare così, come per l’impasto del Pan di Spagna deve scrivere.

A questo punto scaldate per bene una padella antiaderente, io non metto olio, perchè la mia padella non ne ha bisogno, se voi volete spalmate un goccino di olio di semi sulla superficie per non fare attaccare il pancake. Quando è bella calda versate a cucchiaiate il composto, formando il più possibile dei cerchi rotondi (i miei non sono perfetti ma sono ugualmente buoni), dopo di che abbassate il fuoco al minimo, per evitare che si brucino. E fateli cuocere per circa 2 minuti per lato.

I Pancake vanno comunque rigirati, quando sulla superficie si formeranno i classici buchini. Allora sono pronti per essere girati.

Finite la cottura per ancora 1, massimo 2 minuti.

Finite di cuocere tutti gli altri fino ad esaurire la pastella.

Ecco i miei pancake vegan con sciroppo d’acero e frutta a piacere.

N.B. : Nella ricetta originale è scritto che la dose è per 10/12 pancake. Ma a me non piacciono i pancake piccoli come vengono visti in video. Preferisco quelli un pochino più grandi.

 

Ecco alcune foto dei vari modi in cui ho condito i pancake che ho mangiato.

Decidete voi quale grandezza dare ai vostri pancake.

Io la prima volta che li ho preparati ne ho fatti 4 grandi come potete vedere in questa foto.

E questi sono quelli di medie dimensioni … 6 in tutto.

 

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

MOUSSE DI FINE PASTO – DESSERT VEGETALE CON BANANA CACAO E PANNA VEGETALE – RICETTA N° 188

MOUSSE DI FINE PASTO – DESSERT VEGETALE CON BANANA CACAO E PANNA VEGETALE – RICETTA N° 188 

Questa è una ricettina goduriosa che ho realizzato la terza volta che ho fatto la panna vegana. Stavo preparando il pranzo ed è arrivata l’ispirazione su come utilizzare la panna che mi era rimasta dalla ricetta precedente. E siccome adoro l’accoppiata banana e cioccolato, ho pensato di realizzare una purea di banana, con l’aggiunta del cacao, sciroppo di agave, latte di soia e rendere questa purea una mousse con l’aggiunta di qualche cucchiaino di panna vegana. Messo tutto in frigorifero, a rapprendere per un’ora, è stata per coloro che erano a pranzo con me, un felice dessert di fine pasto … devo dire che sono rimasti sorpresi-meravigliati-felici e in ultimo appagati. L’unica accortezza e di coprire la superficie dei bicchierini con un coperchio o della pellicola alimentare, se no, si creerà quella antipatica pellicina in superficie, e sopratutto potete prepararla anche qualche ora prima, acquisterà ancora di più la consistenza di una mousse. Togliendo la panna, e portando a 100 ml la quantità di latte di soia, avrete un frullato- merenda buonissimo e sostanzioso per voi e i vostri bambini.

Io vi saluto e vi auguro buon pomeriggio … vado a preparare altre ricette da sperimentare.

 

Dose : per 4/5  bicchierini che si usano per il  caffè
Preparazione : 5 minuti
Riposo : 1 ora in frigorifero

 

Ingredienti :

1 banana matura tagliate a rondelle
2 cucchiaini di cacao amaro
2/3 sciroppo d’acero o di sciroppo di agave o se preferite zucchero di canna o moscobado
qualche cucchiaio di latte di soia o riso/mandorla/avena
2/3 cucchiai di panna vegan fatta in casa (cliccate qui per vedere dosi e procedimento della ricetta)

 

PREPARAZIONE :

Mettete in un beker tutti gli ingredienti.

Con l’ausilio del frullatore ad immersione frullate per 20/30 secondi.

Versate il frullato ottenuto in 4 bicchierini di vetro o tazzine da caffè e mettete in frigorifero per 1 ora.

Ed ecco il mio dessert di fine pasto.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

CIAMBELLONE ALLA RICOTTA GIORNO E NOTTE – RICETTA N° 176

 CIAMBELLONE ALLA RICOTTA GIORNO E NOTTE – RICETTA N° 176 

Questa ricetta me la dettò una signora che era entrata per comprare la ricotta per farci il ciambellone, nella salumeria dove ho lavorato per tanti anni. Conservo ancora il foglietto piccolino dove me l’ero appuntata, nel quaderno dove ho raccolto tutte le ricette che mi hanno dettato tantissime persone nell’arco di diversi anni. Io nel prepararlo, ci ho aggiunto un pochino di cacao amaro per farlo bigusto, e gli zuccherini per fare un decoro in superficie. Vi metto 2 foto del dolce, fatto prima che aprissi il blog, e quello fatto qualche settimana fa. Nelle dosi vi metto 2 opzioni : la possibilità di fare il dolce solo con la ricotta o bigusto con l’aggiunta del cacao amaro. Questo ciambellone è stato la nostra colazione per un’ intera settimana. Per ottenere un’impasto come si deve se non disponete di un potente mixer, avete bisogno di setacciare la ricotta o schiacciarla in uno schiacciapatate, perchè è importantissimo che la ricotta diventi una crema e che si amalgami perfettamente all’impasto. Dopo un’inizio giornata pieno di nuvole pioggia e grigiore, finalmente pare sia uscendo il sole. Evviva. Questa ricetta la dedico alla mia amica Piera Cavallese che ogni giorno ha sempre un pensiero per me, che ho conosciuto tramite il mio blog proprio tramite questa foto che ho messo su facebook sull’account Le ricette di Daniwella. Non ci conosciamo personalmente, ma è come se lo fossimo da anni.

Buona giornata a chi passa di qua.

 

Dose : per uno stampo di cm 24  di dm
Preparazione : 10 minuti
Cottura : 35/40 minuti circa

 

Ingredienti per fare il ciambellone solo con la ricotta :

300 g di ricotta di mucca del tipo compatto già scolata
300 g di zucchero semolato
300 g di farina 00
3 uova medio-grandi
1 bicchiere di olio di semi di arachide
1 limone di cui solo  la scorza grattugiata
zuccherini per decorare q.b.
1 bustina di lievito

 

Ingredienti per fare il ciambellone bigusto :

oltre agli ingredienti menzionati sopra aggiungete 20/25 g di cacao amaro
sostituite la buccia del limone con la buccia di 1 arancia non trattata o una bustina di vanillina

PREPARAZIONE :

Preriscaldate il forno a 180°. Imburrate lo stampo.
All’interno del mixer mettete l’olio. la ricotta, la scorza del limone grattugiata e le uova. Mixate alla massima velocità per 30 secondi.

Poi aggiungete la zucchero, la farina e il lievito e mixate sempre alla massima velocità per altri 30 secondi.

Versate 3/4 di impasto all’interno dello stampo.

All’impasto rimasto nel mixer aggiungete il cacao amaro e fatelo amalgamare perfettamente a velocità media (io ho scordato di fare la foto perché mi sono distratta dal fatto che mi era scappato un po’ di cacao amaro in più, ecco la differenza tra un ciambellone e l’altro). Aggiungetelo a cucchiaiate sopra l’impasto bianco nello stampo. Spolverate con gli zuccherini q.b. Infornate in forno ormai caldo per 35/40 minuti.

Una volta cotto (fate la prova stecchino), aspettate 30 minuti prima di sformarlo dallo stampo e fatelo raffreddare completamente prima di mangiarlo.

Ed ecco la foto del ciambellone bigusto alla ricotta e cacao di quest’anno.

Ed ecco la foto di quella fatto un’anno e mezzo fa.

Ecco un particolare della fetta vista da vicino.

N.B. Dietro consiglio della mia amica Cinzia, vi scrivo un’aggiornamento post ricetta : per avere facilità nell’impasto potete usare qualsiasi tipo di ricotta centrifugata o omogeneizzata tipo Santa Lucia, Vallelata, ecc.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

FRAPPE AL FORNO – RICETTA N° 173

FRAPPE AL FORNO – RICETTA N° 173

Ho deciso di postare questa ricetta oggi, perché il alcune regioni e parti d’Italia, il carnevale si festeggia fino a domani che è domenica.  Quest’anno ho voluto provare questa cottura alternativa, perché da mesi ormai mi sto limitando a cibi più leggeri a causa del mio stomaco delicatissimo, e perché sto cercando di fare la dieta. Ma questa ricetta non va bene solo per me, ma anche per tutte quelle persone, che non possono mangiare il fritto, ma vogliono comunque rispettare la tradizione e godersi un bocconcino di questo dolcetto tanto tanto buono. E visto che sono rimasta entusiasta del risultato ; frappe croccanti, gustose e che non hanno nulla da invidiare alle frappe fritte, non potevo far passare questo fine carnevale senza una ricetta dedicata a questa festa. Cliccate qui se volete sapere qualche curiosità su questo favoloso dolce di carnevale e leggere la ricetta delle classiche frappe fritte.

Ora bando alle chiacchere, mi metto subito in moto, e vi auguro a tutti un felice un buon week. Noi ci sentiamo presto presto.

 

Dose : per 1 vassoio colmo di frappe
Preparazione : 1 ora
Cottura : 7/ 10 minuti a 180°
Tempo totale : 1 ora e mezza

 

Ingredienti :

310 g di farina 00 +  quella per spolverare il piano di lavoro
2 uova medie
25 g di olio si semi di arachide
50 g di zucchero
1 bustina di vanillina
80 g di vino bianco o limoncello
2 pizzichi di lievito per dolci
olio di semi di arachide q.b. per friggere
zucchero a velo q.b. per spolverare le frappe

 

PREPARAZIONE :

In una ciotola larga o sulla spianatoia, mettete la farina a fontana, e al centro versate i 25 g di olio, lo zucchero, la vanillina, le uova, il vino o il limoncello e i 2 pizzichi di lievito. Sbattete con una forchetta tutti gli ingredienti, e pian piano, attirate la farina al centro.

Appena tutti gli ingredienti liquidi saranno stati assorbiti, impastate fino a formare un panetto. Mettete a riposare coperto da una pellicola, per 30 minuti.

Stendete ora la pasta con il mattarello ad uno spessore di circa 4/5 mm (quelle al forno devono avere uno spessore in più rispetto a quelle fritte), e realizzate le forme delle vostre frappe, io gli ho dato quelle che vedete in foto.

Posizionate le frappe che preparate su una leccarda, ricoperta di carta forno, e infornate in forno già caldo a 180° per 7 minuti.

Mettete il timer e state nei paraggi del forno, perché le frappe devono dorarsi appena intorno ai bordi.

Tenetene conto, perché ogni forno è diverso, è probabile che in alcuni bisogna arrivare a 10 minuti di cottura.

Tirate via dal forno, fate raffreddare completamente, in questo modo acquisteranno la tipica croccantezza che caratterizza questo dolce.

Mettetele su un vassoio a parte e dopo spolveratele di zucchero a velo.

Ed ecco le frappe cotte al forno.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

TORTA DI MELE CON LO YOGURT – RICETTA N° 170

TORTA DI MELE CON LO YOGURT – RICETTA N° 170

Ed eccoci all’appuntamento settimanale con un’altra versione di torta con le mele. Qualche settimana fa, volevo preparare il dolce per la colazione, ma ero stanchissima e non volevo stare troppo ai “”fornelli”” per così dire. Ho visto in frigorifero cosa avevo e questo è quello che è venuto fuori in 10 minuti. Anche questa torta di mele come la penultima ricetta di torta che ho pubblicato, l’ho preparata prendendo come dosatore il vasetto dello yogurt, proprio come si fa con la torta 7 vasetti; ricetta velocissima da fare, e se poi avete qualcuno che vi sbuccia e fa a fettine le mele, ci metterete proprio 10 minuti. La copertura con lo zucchero di canna, cannella e qualche fiocchetto di margarina in superficie, gli danno quel caratteristico gusto di caramello, anche se il caramello vero e proprio non c’è. Sono reduce da uno dei miei famosi mal di testa. Ieri è stata una giornata no. Oggi è un’altro giorno, e sto decisamente meglio. Infatti ho già infornato il pollo con le patate per la cena di questa sera, e ho impastato l’impasto per fare una pizza ripiena, tra qualche giorno vedrete entrambe le ricette nella mia versione personale. Un saluto a tutti e buona serata, io spero di riuscirmi a vedere qualche pezzetto di San Remo stasera, appena sarò tornata dalla lezione di yoga, visto che ieri sera non ho potuto.

 

Dose : per 12/15 porzioni
Preparazione : 15 minuti
Cottura : 35/45 minuti
Stampo : rotondo da cm 26 di dm

 

Ingredienti :

1 vasetto di yogurt bianco
3 uova medio-grandi
2 vasetti di zucchero semolato
1 vasetto di olio di girasole
3 vasetti di farina 00
1 bustina di lievito per dolci
4/5 mele di media grandezza
30 g di margarina
2 cucchiaini di zucchero di canna
1 cucchiaino di cannella in polvere

 

PREPARAZIONE :

Preriscaldate il forno a 180°.
In una ciotola sbattete le uova con lo zucchero.

Aggiungete il vasetto di yogurt e l’olio di semi.

La farina e il lievito setacciato.

Affettate 2 delle 4/5 mele e incorporatele all’impasto.

Trasferite in uno stampo imburrato e infarinato.

Affettate le altre mele rimaste e appoggiatele sulla superficie creando un decoro.

Mescolate lo zucchero e la cannella, e spolverateli sulla torta ricoprendo tutta la superficie.
Ultimate con la margarina a fiocchetti. Infornate in forno ormai caldo e cuocete per 35/45 minuti.

Passato il tempo, sfornate la torta e fate raffreddare completamente prima di capovolgerla su un piatto da portata.

Ed ecco un particolare visto da vicino.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]il.com

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

CIAMBELLONE CON FARINA INTEGRALE ED ESUBERO DI PANNA VEGETALE – RICETTA N° 167

CIAMBELLONE CON FARINA INTEGRALE ED ESUBERO DI PANNA VEGETALE – RICETTA N° 167

Oggi vi posto la ricetta di questa ciambella che ho mangiato per colazione la settimana scorsa. Due domeniche fa, ho preparato un dolce decorato con la panna vegetale, che poi ho messo in congelatore. Da questo mi era rimasto circa 300 ml di panna in esubero. E siccome non volevo sprecarla, come al solito mi  sono messa a pensare come utilizzarla. Al secondo giorno mi si è accesa la lampadina, e ho usato la stessa ricetta della torta sette vasetti per fare questo dolce. La torta sette vasetti è il dolce allo yogurt, e per farlo si usa come dosatore il vasetto da 125 gr che contiene lo yogurt stesso, e dal momento che io conservo sempre qualche vasetto vuoto per essere più veloce quando faccio questo tipo di dolce, ho iniziato a misurare. Ed ecco che è venuta fuori questa ciambella, buona, compatta, dolce al punto giusto e di facilissima esecuzione. Ho usato la farina integrale, che ha conferito al dolce un’aspetto e sapore rustico, e di consistenza compatta, che non era affatto male. Durante la realizzazione, ero indecisa se mettere 3 vasetti di farina. Alla fine li ho messi, e il risultato è quello appena descritto. Quindi se vi volete cimentare in questa ricetta, potete decidere di usare la farina di grano tenero, o la farina integrale e regolarvi se mettere tutti e tre i vasetti pieni o un pochino meno. Il dolce è rimasto compatto per un’intera settimana, non si è affatto seccato. Il connubbio di farina integrale e scaglie di cioccolato, ha dato al dolce quel certo non so che. La prossima volta che mi avanzerà della panna, proverò a rifare questo dolce, e a mettere un pochino di farina in meno. Vi lascerò l’aggiornamento scritto alla fine della ricetta, appena lo farò. Questa settimana per noi è iniziata all’insegna del divertimento. Dopo esserci divertiti al compleanno di lunedì sera, dove abbiamo cantato al karaoke e ballato i balli di gruppo, martedì sera siamo andati al cinema a vedere il film di Maccio Capatonda, dal titolo  ITALIANO MEDIO. Mi ha divertito e stupito allo stesso tempo. Andate a vederlo non vi anticipo di più, rimarrete favorevolmente stupiti di questa commedia che non è la solita commedia a cui siamo abituati a vedere, quando escono i film comici italiani.

Bene per oggi è tutto, vi auguro una buona giornata.

 

Dosi : per uno stampo di cm 24 di dm
Preparazione : 10 minuti
Cottura : 35/40 minuti

 

Ingredienti :

3 uova medie
1 vasetto di panna vegetale
2 vasetti di zucchero di canna
1 vasetto di olio di girasole
3 vasetti di farina integrale
1 bustina di vanillina
2 quadratini di cioccolato fondente fatto a scaglie
1 bustina di lievito per dolci

 

PREPARAZIONE :

Imburrate uno stampo a ciambella di cm 24 di dm. Accendete il forno a 180°. Nella sequenza descritta sotto, aggiungete ogni ingrediente, solo quando il precedente è stato perfettamente incorporato.

In una ciotola capiente mescolate le uova con lo zucchero.

Aggiungete l’olio di semi.

Poi la panna vegetale.

La farina con il lievito setacciato.

La vanillina e il cioccolato a scaglie, scorticando i bordi della ciotola per aggiungere la farina che non si è incorporata.

Rovesciate l’impasto nello stampo e infornate in forno ormai già caldo, per 30/40 minuti.

Una volta cotto estraete dal forno. Aspettate 10/15 minuti dopo di che rovesciate il ciambellone e mettetelo raffreddare prima di mangiarlo. Preparatelo il giorno prima per il giorno dopo. Così lo avrete pronto per la colazione.

Questo ciambellone fa tanto rustico style …

Trasferite poi su un piatto da portata.

Eccovi un particolare della fetta visto da vicino.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA