Crea sito
Daniwella Felicità e passione in cucina

CONTORNI

I contorni sono quelle portate che vengono servite per accompagnare i secondi piatti e di solito sono a base di verdure o legumi e possono essere fritti, al forno, bolliti e ancora arrostiti.
Gli ingredienti più utilizzati nelle ricette per preparare i contorni sono senza dubbio melanzane, peperoni, patate, piselli, carciofi, zucchine, insalata, funghi.

STRACCHIINO VEGETALE – FORMAGGIO VEGETALE DA SPALMARE – RICETTA N° 190

STRACCHIINO VEGETALE – FORMAGGIO VEGETALE DA SPALMARE – RICETTA N° 190 

 Lo stracchino vegano è stata una piacevole scoperta. La ricetta l’ho presa qui, dal sito My personal trainer che fino ad ora non mi ha mai deluso, tutt’altro mi continua a conquistare per le numerose ricette light ma gustose, e  da tempo ormai anche vegane. Ma ho dovuto fare 2 volte la prova e aumentare leggermente la dose di sale e di lievito alimentare scritti nella ricetta originale, per arrivare al sapore in grado di soddisfare il mio palato. Non potete immaginare la gioia di assaporare un prodotto, di consistenza e sapore uguale al formaggio originale, ma 100% vegetale. Io ho sempre amato i formaggi, alcuni tipi più di altri, e dovermene privare era davvero stressante. Poi per me lo stracchino era irresistibile. Quindi ora, grazie a questa ricetta sono ancora più contenta di prima. 100% di soddisfazione totale. Sopratutto perchè ho girato nei negozi Bio che sono qui a Pescara, ma in nessuno di questi ho trovato l’alternativa vegetale dello stracchino. Quindi oserei dire che questa è per ‘ora un’esclusiva casalinga. E per noi intolleranti golosi è davvero un prodotto meraviglioso. Provatela anche voi e non ve ne pentirete. Ma potete stare tranquilli, le mie ricerche non finoscono qui, ma continuano, insieme ai miei esperimenti personali, e vedrete quale altro tipo di formaggio morbido, spalmabile e semiduro si può autoprodurre a casa 100% vegetale. Rimarrete stupiti, ve l’assicuro. Oggi ho ricevuto la telefonata della mia carissima amica Federica.  E’ stato bello sentirla dopo diverso tempo che non ci sentivamo. Approfitto di questo post per farle un enorme e caloroso SALUTO.
Ora vi saluto, e auguro a tutti una felice e serena festa del 2 Giugno 2015 !!!


Dose : per 4/6 porzioni
Preparazione : 15 minuti
Raffreddamento : 2 ore minimo – fatto riposare in frigorifero fino al giorno dopo è ancora meglio.


Ingredienti :

250 ml di latte di soia
25 g di fecola di patate
5 g di maizena
30 g di panna vegetale fatta in casa (per vedere ingredienti e procedimento cliccate qui)
1 cucchiaio di succo di limone
2 pizzichi di sale
120 g di yogurt di soia al naturale
1 cucchiaio e mezzo da tavola di lievito alimentare in scaglie


PREPARAZIONE :

Versate il latte di soia in un pentolino. Scioglieteci gli amidi : la fecola e l’amido di mais, mescolate con un un frustino per far sciogliere tutti i grumi.
Aggiungere a questo punto sempre mescolando il sale. Aromatizzate con il lievito alimentare a scaglie, darà un sapore particolare allo stracchino che ricorderà moltissimo quello del formaggio animale (tranquilli, si finirà a sciogliere dopo che lo avrete messo sul fuoco).
Unite sempre mescolando la panna di soia e il succo di limone, quest’ultimo darà al formaggio veg la giusta acidità.
Portate il pentolino sul fuoco e mantenete una fiamma moderata, continuate a mescolare sempre fino al raggiungimento del bollore. Vedrete che man mano che la temperatura aumenta la cremina si addenserà. Continuate a mescolare sempre per evitare di bruciare il fondo e  che la cremina si attacchi.
Questa è la cremina addensata per bene.
Rimuovete il pentolino dal fuoco, e a questo punto unite lo yogurt di soia. Mescolate per bene.
Ecco come dev’essere la cremina:  leggermente collosa, ma comunque liscia e vellutata.
Trasferite il tutto in una ciotolina, e fate raffreddare lo stracchino per gustarlo al meglio.
Conservatelo in frigorifero per 4/5 giorni. Coprite il contenitore con una pellicola o un coperchio, per evitare che l’aria del frigo crei l’antiestetica pellicina in superficie.
Potete consumare lo stracchino sul pane, sulla pizza, sulla piadina vegana e non.
Il lievito alimentare a scaglie non è da confondere con il lievito di birra che si usa per il pane e per la pizza. E’ un’ingrediente molto usato nella cucina vegetariana e vegana. Viene utilizzato come sostituto alimentare sopratutto dei latticini. I vegani lo usano al posto del formaggio grattugiato per condire la pasta, il riso e le verdure.
Potete reperire questo tipo di lievito che serve per insaporire, in tutti i negozi che vendono prodotti biologici, nelle erboristerie e online.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

PASTICCIO DI POLENTA – COME RICICLARE GLI AVANZI – RICETTA N° 183

PASTICCIO DI POLENTA – COME RICICLARE GLI AVANZI – RICETTA N° 183

Questo è un godurioso pasticcio di polenta avanzata, insaporita con ingredienti che avevo in frigo, che abbiamo mangiato oggi. Non l’avevo mai fatto e devo dire che è uscito davvero buono. Sono rimasta piacevolmente compiaciuta perché continuo a rimanere soddisfatta dalle idee che mi vengono su come riutilizzare gli avanzi del giorno precedente, sopratutto per non buttarli. Saper presentare la stessa pietanza del giorno prima, ma sotto un’altra forma e sotto un’altro sapore il giorno dopo, è diventata un’arte e un ritorno ai rimedi e consigli delle nostre nonne che 50/60 o 70 anni fa, era per loro, una cosa di tutti i giorni. Oggi come oggi, dove tutto è diventato più precario che mai, riuscire a recuperare avanzi che altrimenti sarebbero destinati ai rifiuti e alla pattumiera, si rivela un modo per riuscire a fare economia, un modo per non fare spreco, un modo per portare in tavola piatti gustosi, e perché no, tenersi in tasca qualche soldino, che sicuramente fa sempre bene. A volte basta l’aggiunta di qualche ingrediente e un po’ di inventiva e fantasia, per portare in tavola piatti inediti che vi faranno fare un figurone, anche solo davanti al proprio marito e figli al seguito. Questo è il mio suggerimento per oggi sull’esubero di polenta. Voglio ringraziare voi tutti, perché ieri il mio blog, ha raggiunto un’ulteriore traguardo ; oltre 30.000 visualizzazioni dalla sua apertura. Continuate a seguirmi, non ve ne pentirete.

Buona serata cuochine e cuochini.


Dose : per 8/10 porzioni
Preparazione : 15 minuti
Cottura : 30 minuti

 

Ingredienti :

840 g di polenta già cotta avanzata dal giorno prima
120 g di prosciutto cotto a pezzettini piccoli
150 g di  mozzarella a cubetti
100 g di stracchino
50 g di Parmigiano grattugiato
300 g di sugo di pomodoro (ancora meglio se avanzato)
sale q.b.

 

PROCEDIMENTO :

Accendete il forno alla temperatura di 170°/180°.
In una teglia che va in forno fate un leggero strato di sugo eppoi sopra uno strato di polenta tagliata a fettine o a pezzetti (va bene in qualunque modo la recuperate).

Mettete qualche cucchiaio di sugo sparso qua e la e fate uno strato di prosciutto cotto.

Poi mettete il Parmigiano, mozzarella (io lo stracciata tra le mani) e stracchino messo qua e la con un cucchiaino.

Fate un secondo strato, questa volta solo con il prosciutto cotto senza il sugo.

Procedete con la mozzarella, lo stracchino e abbondante Parmigiano.

Terminate con il resto del sugo livellato per bene e il rimanente Parmigiano. Infornate in forno ormai caldo per 25/30 minuti.

Una volta sfornata, aspettate 10 minuti prima di tagliare a fette e servire.

Ecco come si presenta all’interno.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

FANTASIE DI ORTAGGI E UOVA SODE SU CREMA DI ZUCCHINE – RICETTA N° 178

FANTASIE DI ORTAGGI E UOVA SODE SU CREMA DI ZUCCHINE – RICETTA N° 178

MOLTO SEMPLICE, MOLTO BUONA. Così chiamo questa ricetta. Qualche settimana fa, volevo cucinare qualcosa di leggero per cena, qualcosa di semplice  ma allo stesso tempo gustosa. Essendo stata tutto il giorno al lavoro, non mi andava di stare troppo in piedi a cucinare. E in mezz’ora di tempo ho messo su una cenetta niente male. Questo è quello che ne è venuto fuori dopo aver controllato la dispensa e il frigorifero. Adoro terribilmente le patate in qualsiasi modo, e le zucchine per il loro sapore dolce. Così aggiungendo le uova sode, ho fatto una cena con verdure e proteine. Minimo sforzo, massima resa. Avendo frullato una parte delle zucchine, è venuta fuori questa cremina, tanto deliziosa, con il quale ho poi condito tutto il resto. Potete usare questa crema di zucchine anche da sola, se siete a dieta o volete cenare ligth.

Che ne dite come cena di questa sera?

 

Dose : per 4 porzioni
Preparazione : 15 minuti
Cottura : 30 minuti circa

 

Ingredienti :

4 uova medie
4 patate di media grandezza
4 zucchine di media grandezza
1 cipollina
olio e.v.o.
sale q.b.
1 cucchiaio di Parmigiano grattugiato
acqua q.b.

 

PREPARAZIONE :

Lavate le patate sotto l’acqua corrente e mettetele a bollire in una pentola con abbondante acqua salata, calcolando 20 minuti di cottura partire dal bollore. Devono essere morbide ma non spappolarsi. Dopo di che scolatele e tenete da parte.
Lessate le uova in abbondante acqua, calcolando 8 minuti di cottura a partire dal bollore. Appena passato il tempo, passatele sotto l’acqua corrente per fermare la cottura. e sbucciatele immediatamente.Tenete da parte insieme alle patate.

Soffriggete la cipollina in qualche cucchiaio di olio.

Dopo qualche minuto aggiungete le zucchine mondate, lavate e tagliate a rondelle con mezzo bicchiere d’acqua.

Cuocete a fuoco dolce coperte per 20 minuti circa, fino a che saranno morbide. Aggiungete il sale una volta cotte.

Con l’aiuto del frullatore ad immersione frullate circa una metà delle zucchine con il cucchiaio di Parmigiano grattugiato e riducete in crema.

Tagliate in quattro parti le uova e le patate, e servite anche le zucchine rimaste, il tutto sulla crema di zucchine. Condite con un pochino di olio a crudo.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

CARCIOFI E PATATE A MODO MIO – RICETTA N° 165

CARCIOFI E PATATE A MODO MIO – RICETTA N° 165

Questa ricetta, entra nella classifica dei miei confort food. Era una delle cose buone che mi cucinava spesso la mia mamma. Per tutto il periodo che duravano i carciofi, me li cucinava primo perché sapeva che mi piacevano, e secondo per assicurarmi la razione di ferro contenuta nei carciofi. Sono sempre stata carente di ferro, e questo era uno degli alimenti, che mia madre mi preparava per farmelo assumere tramite l’alimentazione. La prima volta che li ho cucinati, ero dubbiosa e titubante, perché non ero pratica nella pulizia dei carciofi, e non ero proprio sicura di ricordare bene tutti i passaggi e le dosi, dal momento che li avevo sempre visto fare da lei. Ricordo che li cucinai per la cena, e mentre io e Corrado eravamo a tavola, lo guardavo in silenzio per attendere da lui, l’esito del giudizio. Beh, devo dire che il piatto vuoto nel giro di 10 minuti, mi ripagò di tutta l’ansia che ho avuto mentre li cucinavo. Ho cercato questa ricetta su internet, ma non c’è. Quindi ho deciso di dargli questo titolo, perché fino ad ora una ricetta simile alla mia non l’ho ancora trovata. Se volete provarla è importantissimo che compriate dei carciofi freschissimi, e che li usiate subito, perché si cuociono interi con tutta la barba. Usate del buon olio extra vergine d’oliva, se ne avete a disposizione, del tipo comprato ai contadini per intenderci. E sopratutto non elemosinate proprio con esso. In questa ricetta c’è ne va parecchio. Io l’ho sempre dosato ad occhio, qui per voi ho cercato di quantificarvelo. Inoltre, passata la fase di preparazione che può risultare un pochino lunga e noiosa, dovete far cuocere lentamente i carciofi, per 1 ora e mezza 2 a fuoco basso, fino a far ridurre tutto il liquido alla quantità di un dito circa. Solo così, riuscirete ad apprezzare, tutta la morbidezza che la cottura avrà conferito ai carciofi, e la bontà delle patate che avranno assorbito il gusto del carciofo con tutto l’aroma degli odori che metterete. Io vi scrivo una dose per 4 porzioni, anche se nelle foto i carciofi ne sono di più. Per quanto mi piacciono sono capace di mangiarmeli 3 appena cotti, e di nuovo altri 3 la sera dopo, quindi capite come mai  ne cucino così tanti. Vi lascio alla ricetta e corro a scaldarmi con una tazza di tisana bollente, oggi non mi riesco proprio a scaldare.
Vi auguro una buona domenica.



Dose : per 4 porzioni
Preparazione : 20/25 minuti
Cottura : 1 ora e mezzo/2

 

Ingredienti :

6 carciofi freschi
4 patate di media grandezza
mezzo limone
800/900 ml di acqua per la cottura + quella per mettere a bagno i carciofi
80/100 ml di olio e.v.o.
1 ciuffo di prezzemolo
1 spicchio d’aglio
sale q.b.

 

PREPARAZIONE :

Preparate una capiente ciotola con circa 2 litri di acqua, e il succo di mezzo limone, (usate il colino per non farci cadere i noccioli) per mettere a bagno i carciofi (perché appena tagliati tendono a scurire a contatto con l’aria). Munitevi di appositi guanti usa e getta per non macchiarvi le mani. Conservate il mezzo limone svuotato dal succo.

Cominciate la pulizia del carciofo. Partendo dal gambo, tagliatelo a 10 cm circa, eliminando la parte del gambo terminale, conservando quella attaccata vicino a dove si è tagliato il carciofo che è più tenera. Con un coltellino affilato o un pelapatate, eliminato lo strato più esterno del gambo del carciofo. Potete tagliarlo a rondelle o lasciarlo intero. Tuffatelo nell’acqua acidulata.

Eliminate ora le foglie esterne più dure del carciofo, fino ad arrivare al cuore tenero e chiaro.

Con un coltello affilato eliminate le punte a circa metà della loro altezza. Passate la metà del limone sui carciofi e tuffateli a mano a mano nell’acqua acidulata.

Ecco le tre tappe sulla pulizia del carciofi.

Sbucciate, lavate e tagliate a tocchi le patate. Pelate l’aglio, toglieteci l’anima interna, e fatelo a tocchetti piccoli o schiacciatelo con uno spremiaglio. Lavate il prezzemolo, asciugatelo e tagliatelo a pezzettini piccoli. Prendete ora una pentola adatta posizionate per primo le patate, poi intervallate i carciofi (che avrete sgocciolato e sciacquato) tra le patate, in modo che tutti i carciofi siano su diritti.

Aggiungete l’acqua, che deve raggiungere quasi completamente il bordo, aggiungete l’olio, l’aglio e il prezzemolo, accendete il gas e portate a ebollizione a fuoco alto. Dopo di che, una volta che ha cominciato a bollire, abbassate al minimo, coprite e lasciate cuocere a fuoco lento per 1 ora e mezzo 2,  fino a quando l’acqua si sarà ridotta alla capacità di un dito.

Terminate il tempo, assaggiate e eventualmente aggiustate di sale.

Servite la pietanza calda o tiepida.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

TORTA RUSTICA DI RICOTTA PEPERONE E MELANZANA – RICETTA N° 162

TORTA RUSTICA DI RICOTTA PEPERONE E MELANZANA – RICETTA N° 162

Questa torta rustica, è una mia ricetta che ho fatto l’anno scorso, precisamente è datata 7 giugno. E’ una di quelle tante ricette che aspettavano di essere pubblicate. Ed è il risultato di un veloce svuota-frigo perché la pasta sfoglia che avevo comprato era andata nel dimenticatoio, e stava per scadere. Quindi ho guardato in frigo, nella dispensa, ed ecco cosa è uscito fuori. Io ho usato peperone e melanzana, perché anche quelli stavano per “scadere”, ma voi potete usarne altre, o potete sostituire un’ortaggio con un’altro. A vostro piacere insomma. Come al solito sono in ritardo lo so, con le ricette di carnevale e di San Valentino, ma non preoccupatevi mi rimetto subito in pari. In settimana cercherò di postarvi le ricette che ho preparato, e da domani sarò sicuramente più presente. A casa mia c’è una novità. Mio suocero ha fatto la sorpresa a tutti, e Giovedì scorso si è presentato con un nuova cucciola di pastore tedesco, che all’unanime abbiamo chiamato Lilla. La perdita della stupenda cagnolona Lolita, avvenuta alla fine di settembre, ci aveva lasciato sgomenti, perché era accaduto all’improvviso, e un vuoto nel cagnolino più piccolo, che ha letteralmente cominciato a soffrire di solitudine. Faceva una grande tenerezza a tutti nel vederlo cambiato. Ora da qualche giorno, possiamo dire che è tornato rinvigorito più che mai, scorrazza appiccicato alla nuova cagnolina, felice e arzillo come prima. Mentre noi, da subito abbiamo accolto a braccia aperte questa meraviglia, 3 kg e 600 g di dolcezza. Vi metto la foto della cagnolina, alla fine della ricetta. La nuova arrivata si direbbe che abbia la passione per la cucina. Ogni volta che ci mettiamo a cucinare, si mette li buona buona a fissarci e a seguire tutti i nostri movimenti. E non perché voglia qualcosa da mangiare, lei ha già le sue crocchette. Si diverte semplicemente a guardarci.

Con questa ultima novità in casa mia, vi lascio ad una buona giornata e ci sentiamo alla prossima ricetta.

 

Dose : per 12/15 porzioni
Preparazione : 30 minuti
Cottura : 25/30 minuti

 

Ingredienti :

2 rotoli di pasta sfoglia rettangolari
1 melanzana grande
mezza falda di peperone grande
1 cipolla piccola
430 g di ricotta di mucca già scolata dal suo siero
70 g di yogurt greco
40 g di prosciutto cotto
110 g di scamorza appassita
50 g di formaggio Grana Padano grattugiato
2 uova medie intere + 1 albume
1 rosso d’uovo per spennellare
4 cucchiai di olio e.v.o.
sale e pepe q.b.

 

PREPARAZIONE :

Mondate e lavate la melanzana, il peperone e la cipolla. Riducete  tutto a cubetti. Metteteli
in una padella con l’olio a stufare con il coperchio per 25/30 minuti a fuoco medio-basso, mescolando spesso, fino a che le verdure saranno belle morbide. Salate e pepate una volta che sono cotte.

Nel frattempo che le verdure cuociono, preparate il ripieno. In una ciotola mescolate la ricotta, lo yogurt, il prosciutto cotto, la scamorza appassita, il formaggio grattugiato tenendone da parte 1 cucchiaio, le uova intere, l’albume, il sale e il pepe, fino ad avere un composto omogeneo.

Una volta cotte le verdure unitele al composto di formaggi e uova.

Srotolate il primo rotolo di pasta sfoglia e adagiatela con la sua stessa carta da forno nello stampo prescelto, bucandola con i rebbi di una forchetta. Versate il ripieno, e compattate per bene il composto. Spolverate la superficie con il cucchiaio di formaggio grattugiato messo da parte.

Con il secondo rotolo di pasta sfoglia ricoprite la superficie, bucherellatela con i rebbi di una forchetta, sigillate bene i bordi all’interno, e spennellate con il rosso dell’uovo. Infornate in forno già caldo a 180° per 25/30 minuti, o fino a che il tutto non sarà bello colorato.

Sfornate fuori dal forno e fate intiepidire per almeno un’ora prima di tagliarla a fettine e mangiarla.

Ed ecco un particolare della torta rustica vista da vicino.

Ecco il nuovo membro della nostra famiglia, la cagnolina Lilla.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

SFORMATO DI PATATE ZUCCA E WURSTEL – RICETTA N° 160

SFORMATO DI PATATE ZUCCA E WURSTEL – RICETTA N° 160

Questa ricetta è l’esperimento ben riuscito di uno svuota frigo. Amo particolarmente lo sformato, perché è il derivante del purè di patate, ma questo lo ho amato ancora di più. Quando mi sono accorta che c’erano alcune cose che stavano per scadere, e che mi imploravano di essere usate in qualche pasticcio che la fantasia mi avrebbe fatto realizzare, mi sono messa all’opera. Ho guardato in giro nel frigo, ho riunito qualche altro ingrediente avanzato che stava li da solo soletto evvaaiiii. Ecco cosa ne è uscito furoi. Patate, zucca e wurstel li ho trovati un’accostamento superbo. Per la presenza della zucca, anche questa è una di quelle ricette che faccio rientrare nella categoria per la festa di Halloween. Provatela e poi fatemi sapere.

Buona domenica a chi passa di qui.

 

Dose : per 4/6 porzioni
Preparazione : 1 ora
Cottura : 20/25 minuti circa

 

Ingredienti :

620 g di patate
160 g di zucca
150 g di wurstel
1 uovo
40 g di Parmigiano grattugiato + 1 cucchiaio
30 g di mozzarella
1 sottiletta
20 g di burro
pepe e sale q.b.
1 cucchiaino di pangrattato

 

PREPARAZIONE :

Mondate, lavate e fate a tocchi grandi le patate e la zucca. Metteteli in una pentola, con tanta acqua già salata fino a coprirli, e cuocete per 10 minuti a partire dal bollore, giusto il tempo di farli ammorbidire.

Una volta che si sono ammorbiditi, in una ciotola capiente, frullate per primo la zucca con il frullatore ad immersione.

Con uno schiacciapatate aggiungete le patate schiacciate, e il burro morbido.

Con l’aiuto di un mixer tritate insieme i wurstel, la mozzarella, la sottiletta e il Parmigiano e aggiungetele alle patate insieme all’uovo e mescolate per creare il vostro sformato.

Trasferite il tutto in un contenitore da forno da 4/6 porzioni circa (grandezza media).

Spolverate con il cucchiaio di parmigiano rimasto e il cucchiaino di pangrattato.

Infornate in forno già caldo a 180° per 20/25 minuti o fino a quando i bordi si saranno belli colorati. Attendete 10/15 minuti prima di tagliarlo in porzioni e mangiarlo.

Ecco un particolare dello sformato di patate zucca e wurstel.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

INVOLTINI DI VERZA CON RAGU’ E BESCIAMELLA – RICETTA N° 159

INVOLTINI DI VERZA CON RAGU’ E BESCIAMELLA – RICETTA N° 159

Con questa ricetta farete un figurone. Dopo  quella degli involtini di verza con purea di patate e prosciutto cotto, oggi vi propongo questa seconda, con un ripieno diverso ma gustoso allo stesso tempo, il tutto ricoperto da un sottile strato di besciamella e ragù di carne. Come vi avevo detto, con questa ricetta ho aggiustato un po’ il tiro, e seguendo il consiglio, di chi mi aveva suggerito di usare anche la besciamella, avendo assaggiato i precedenti involtini, ho provato a rifarli, e il successo è stato assicurato. Quando li ho preparati, ero a casa della mia amica Ivana, e al momento di preparare la besciamella mi sono accorta, che non aveva la farina 00, c’era solo la semola rimacinata. La mia amica mi ha suggerito che non c’era alcun problema a fare la besciamella con la semola rimacinata. Così l’ho fatta ed è venuta lo stesso una besciamella molto buona. Vi scrivo quindi esattamente la ricetta come l’ho fatta io. Se voi volete, potete fare la besciamella con la farina 00.  Io li ho usati come piatto principale del pasto, ma voi dategli il posto che preferite all’interno del vostro menù. Quando si tratta di una mia creazione, sono al settimo cielo, quello che mi suggerisce la fantasia a volte è straordinario, quando si ha poi un risultato così. I miei tremendi mal di testa si sono ripresentati alla grande. Credo che sia ora che riprenda i Fiori di bach alla mia erboristeria di fiducia. Vi aggiornerò presto sul risultato, chissà che possa essere di consiglio a chi ha il mio stesso problema.

Buona giornata a tutti.

 

Dose : per 8 involtini
Preparazione : 1 ora e 30 minuti
Cottura : 20/25 minuti

 

Ingredienti :

8 foglie di verza
400 g di patate
80 ml di latte fresco
30 g di olio e.v.o.
un pizzico di noce moscata in polvere
50 g di Parmigiano grattugiato
300 g di carne macinata mista (vitello e maiale)
70 ml di vino bianco
100 g di misto per soffritto carota-sedano-cipolla
1 litro e 100 ml di passata di pomodoro
sale e pepe q.b.

 

Ingredienti per la besciamella :

250 ml di latte
20 g di burro
30 g di farina di semola rimacinata (se volete voi usate 30 g di farina 00)
sale e noce moscata q.b.

 

PREPARAZIONE :

Mettete sul fuoco una pentola capiente, con abbondante acqua salata e portate a bollore. Staccate dalla verza 8 foglie esterne, piuttosto grosse, e senza romperle, eliminate con un coltello la venatura centrale piuttosto fibrosa.

Lavatele con abbondante acqua tenendole un pochino a bagno dopo di che scolatele.

Sbollentate le foglie di verza per 5 minuti, mettendole nella pentola una sopra all’altra.

Scolatele, fatele raffreddare completamente, e asciugate i residui di acqua con carta da cucina.

 

Sbucciate, lavate e fate a tocchi grandi le patate. Cuocetele in acqua per 10 minuti circa da quando parte il bollore. Una volta cotte, schiacciatele in uno schiacciapatate.
Preparate il purè : amalgamate alle patate il latte caldo, il burro, il Parmigiano grattugiato,sale, pepe e noce moscata.

Preparate il ragù : soffriggete per 3 minuti, in un pochino di olio e.v.o., il misto per soffritto.

Aggiungete la carne macinata sgretolandola con le mani.

Fatela rosolare da entrambe le parti, dopo di che aggiungete il vino e fate sfumare completamente.

Salate, pepate, aggiungete la passata di pomodoro e fate cuocere a fuoco lento per circa 1 ora, 1 ora e mezza.

Cuocete fino a far restringere il ragù.

Mentre cuoce il ragù preparate la besciamella,  per vedere il procedimento cliccate qui, ma usate le dosi negli ingredienti su indicati.

Unite al purè di patate il ragù ristretto, tenendo da parte solo 2 cucchiai di ragù. Mescolate fino ad amalgamare perfettamente i due composti.

Formate ora gli involtini : prendete una foglia di verza bene aperta, poggiatela su carta assorbente e mettete al centro un cucchiaio abbondante di composto di purè al ragù, dovete dividerla in 8 cucchiaiate.

Chiudete a pacchetto prima la parte esterna.

Poi arrotolate il pacchetto partendo dalla venatura centrale, fate capitare la parte ripiegata verso il basso.

Poggiate man mano gli involtini in una pirofila.

Ricoprite ogni involtino con un cucchiaino abbondante di besciamella e un pochino di ragù avanzato giusto appena per dargli il colore rosso.

Infornate in forno già caldo per 20/25 minuti circa.

Aspettate 10 minuti prima di mangiarli.

Ed ecco un particolare dell’interno.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

FRITTATA DI PATATE – RICETTA N° 144

FRITTATA DI PATATE – RICETTA N° 144

Buona sera a tutti, eccomi qua, in tarda serata, per consigliare tutti quelli che ancora non sanno cosa cucinare questa sera per cena. Una gustosissima frittata di patate, una delle migliori che faccio in sapore. A me piace così, con le patate fatte a cubetti piccole e fritte, e con le uova sbattute con Parmigiano o  Grana grattugiati e un pizzico di pepe. Se avete problemi, come li avevo io, nel rigirare e mantenere intatta la frittata, vi rimando ai consigli, che si trovano nella frittata di asparagi, cliccate qui per leggerli. Questa in particolare ve la consiglio anche, quando avete amici a cena, per vedere la partita o un film, tagliata a spicchietti o a quadratini, infilzati da uno stuzzicadenti, per un’originale mini-buffet, dal momento che comprende una cosa che piace a tutti, le patatine fritte appunto.

Noi ci vediamo domani, con la ricetta di un’altra pizza che ho sperimentato. Dolce serata a tutti.

 

Dose : per 4/6 porzioni utilizzando una padella di cm 26 di dm
Preparazione : 10 minuti
Cottura patatine : tra i 10 e i 15 minuti circa
Cottura frittata : 15 minuti circa

 

Ingredienti :

4 uova
3 patate di media grandezza (circa 350 g)
olio di oliva q.b.
50 g di formaggio grattugiato Parmigiano o Grana
1 cucchiaino raso di sale
un pizzico di pepe in polvere

 

PREPARAZIONE :

Sbucciate e lavate le patate. Fatele a cubetti piccoli, e metteteli a friggere in una padella con l’olio di oliva ben caldo.

Nel frattempo in una ciotola capiente, sbattete le uova con il formaggio, il pepe e il sale.

Appena le patatine si saranno dorate, versate sopra il composto di uova.
Abbassate il fuoco al minimo e coprite.

Dopo circa 10 minuti controllate la frittata, quando i bordi cominciano a raggrinzirsi sollevateli con una forchetta, e inclinando la padella, fate scorrere le uova ancora liquide.

Coprite di nuovo con il coperchio fino a quando andandola a ricontrollare noterete che la parte a contatto col fondo è cotta. Per essere sicuri che non si sia attaccata sul fondo, muovete la padella avanti e dietro, dovete vedere la frittata che scivola e si muove all’interno. A questo punto, ungete con un pochino di olio il coperchio, alzate la padella e poggiatecelo sopra con forza.
Capovolgete velocemente la padella sul coperchio. Fate scivolare velocemente la frittata nella padella, e cuocete a fuoco medio-alto, questa volta senza coperchio.

Controllate dopo 5/10 minuti che si sia dorata anche sull’altro lato.
Controllate che sia asciutta e non imbevuta di olio, in tal caso scolate l’eccesso con cautela e passate la frittata su due fogli di carta assorbente.
Impiattatela  e mangiatela come piace a voi … calda o fredda !!!

Ecco un particolare visto da vicino.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

PEPERONI AL FORNO RIPIENI DI TONNO – RICETTA N° 141

PEPERONI AL FORNO RIPIENI DI TONNO – RICETTA N° 141

Comincio col dirvi che questa ricetta noi la facciamo primariamente con i peperoni friggitelli. Non so da voi, ma qui a Pescara, i friggitelli sono piccoli. Quando a suo tempo avevo fotografato la ricetta, mi sono accorta che le foto non erano uscite un gran che. Qualche settimana fa li ho cucinati per una mia amica a casa sua (io avevo portato la macchinetta fotografica con me), lei aveva comprato dei bellissimi peperoni  del tipo cornetto (grandezza medio-grande). Tenetelo presente, nel caso che, quando sarà il periodo, volete provare questa ricetta con i friggitelli. Quando ho cominciato a convivere con il mio compagno, lui mi raccontava di quanto amasse la buona cucina, e di come era estremamente goloso dei friggitelli con il tonno che cucinava sua sorella. Mi disse che per quanto erano buoni, era capace di mangiarsi una teglia intera di questa golosità, tutto da solo. Quindi, ho chiesto a Linda la ricetta e questo è il risultato. Un’esplosione di sapore e gusto, affiancato dall’aroma del tonno che completa magistralmente questo binomio. Sono così buoni, che quando li ho assaggiati la prima volta, in due, c’è li siamo spazzolati di più, perché la teglia era molto più grande del solito, dal momento che avevo cucinato più friggitelli. Quindi grazie a Linda, per questa pura goduria di gusto. Un’ultima cosa : se vi dovesse avanzare il ripieno, arrotondateli a forma di polpette, impanateli con del pane grattugiato e cuocetele  per 20 minuti, con un filo d’olio, in fondo troverete le foto anche di queste.

Buona domenica a tutti.

 

Dose : per 7/8 peperoni cornetto
Preparazione : 15 minuti
Cottura : 1 ora e 30 minuti circa

 

Ingredienti :

2 scatole di tonno sott’olio da 160 g (calcolate che sgocciolato il peso sarà 200 g)
100 g di pane secco ( se avete pane raffermo di qualche giorno probabilmente c’è ne vorrà di meno )
50 g di Parmigiano Reggiano o Grana Padano grattugiati
1 uovo
1 mozzarella
1 pomodoro maturo
sale e pepe in polvere q.b.
un ciuffetto di prezzemolo facoltativo

 

PREPARAZIONE :

Ammollate il pane nell’acqua, dopo di che strizzatelo per bene e sgranatelo con le mani.

Tagliate la calotta dei peperoni, levate i filamenti bianchi all’interno con un coltellino o con le mani, e lavatelo sotto l’acqua corrente per far uscire i semini, dopo di che salateli leggermente all’interno (altrimenti nel mangiarlo il peperone risulterà insipido). Fate attenzione a non romperli, i peperoni devono rimanere intatti.

Preriscaldare il forno a 180°. In una ciotola mescolate, il tonno sgocciolato, il pane ammollato sgranato, il formaggio grattugiato, l’uovo, il pomodoro maturo spellato e tagliato a pezzettini piccoli, la mozzarella fatta a pezzetti piccoli, il sale e il pepe. Se volete potete far nel mixer o robot, questa operazione.

Inserite il composto di tonno nei peperoni con un cucchiaio o meglio con le mani, (o con un sac a poche usa e getta)  per fare arrivare l’impasto fino in fondo al peperone. Spianate il composto sul bordo per non farlo uscire di fuori.

Distribuiteli in un tegame rettangolare ricoperto di carta forno e infornateli  in forno ormai caldo per 30 minuti scoperti. Passato il tempo, abbassate la temperatura a 170/160, estraete dal forno e coprite la superficie con un foglio di alluminio, e proseguite la cottura per un’ora ; questo perché sentirete il profumo e il peperone risulterà colorito, ma in realtà non è ancora cotto.

Passato il tempo di cottura, tirate via dal forno e fate riposare 15/20 minuti prima di consumare.

Ecco i peperoni ripieni di tonno caldi caldi.

P.S. – Se volete potete preparali il giorno prima, e riscaldarli in forno per mangiarli  il giorno dopo.
Non necessitano di olio, perché il tonno, lo rilascerà in cottura.

 

Queste sono le foto dei friggitelli che mi sono uscite bene, quindi ve le posto ugualmente.

Friggitelli puliti dai semi e dalla calotta.

Friggitelli riempiti prima di essere infornati.

Nota Bene

Se vi dovesse avanzare il ripieno, procedete in questo modo per fare qualche polpetta di pesce:

 fate con il ripieno delle polpette della grandezza di una noce.

passatele nel pangrattato q.b.

ungete di olio una leccarda con carta forno e poggiatele sopra, cuocete 20 minuti a 180/170°.

servitele dopo 10 minuti dalla cottura.

Ecco le vostre polpette di tonno

AAAAAAHHHHHHHH dimenticavo …. ecco mia cognata Linda, l’autrice di questa ricetta

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

ROSTI DI PATATE E CIPOLLE – RICETTA N° 138

ROSTI DI PATATE E CIPOLLE – RICETTA N° 138

Oggi una ricetta internazionale, e precisamente vi porto in Svizzera. Il rosti si prepara con patate grattugiate a crudo o precedentemente bollite e messe in frigorifero per una notte, saltate in padella per ottenere la crosticina dorata. Anche se la ricetta base prevede solo patate, spesso vengono aggiunte cipolla, pancetta, formaggio, erbe aromatiche o anche mele. Solitamente si usano le patate lesse, se il rosti viene servito come contorno, quelle crude se è la portata principale. La mia versione è molto semplice, fatta con cipolle, origano e rosmarino e pepe macinato. Per farli ho voluto usare l’attrezzo per fare gli hamburgher, ma voi potete farli semplicemente con le mani o utilizzando il cucchiaio ; i miei avevano inoltre una larghezza di 8 cm circa, ma voi potete anche farli più piccoli. Se volete potete dare al rosti la forma della padella usata per friggere, realizzandone uno solo.

Vi auguro una buona serata e vado a preparare la ricetta che pubblicherò domani mattina. Nella penultima ricetta vi avevo accennato cosa vedrete, sicuramente una ricetta dedicati ai lievitati.

Dosi : per 4 persone – 6/7 rosti di 8 cm di dm
Preparazione : 15 minuti
Cottura : 30 minuti

Ingredienti :

800 g di patate
1 cipolla bianca piccola
1 cucchiaio di fecola di patate
sale e pepe q.b.
origano e rosmarino in polvere q.b.
olio e.v.o. q.b.

PREPARAZIONE :

Sciacquate le patate e cuocetele con la buccia, partendo dal bollore calcolate 15/20 minuti.
Sbucciatele e fatele raffreddare completamente. Operazione che potete fare anche la sera prima, in tal caso mettete le patate fredde in frigorifero.

Tritate molto finemente la cipolla.

Grattugiate le patate con i fori grandi di una grattugia.

In una ciotola mescolate le patate, la cipolla, il sale, il pepe, l’origano e il rosmarino.

Scaldate una padella, spennellando dell’olio sulla superficie.
Date la forma ai vostri rosti, io ho usato l’attrezzo per fare gli hamburgher. Fateli comunque tondi più o meno schiacciati.

Cuoceteli per 5-10 minuti per lato.

Fate formare la classica crosticina.

Ed ecco i vostri rosti pronti per essere mangiati.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA