Crea sito
Daniwella Felicità e passione in cucina

Colazione

Pancakes (ricetta originale)

pancakes - Ricetta originale

Diario di bordo
Le mie riflessioni, i miei pensieri, le mie emozioni, tutte le curiosità, le mie similitudini con il personaggio di Lorelai e tutto quello che continuo a scoprire ogni volta nel guardare e riguardare le puntate le troverete sempre qui sotto, alla fine del passo passo, dopo i consigli che trovate sempre sulla ricetta che pubblico.

I pancakes sono i soffici protagonisti della colazione americana, e con molte varianti anche in altre parti del mondo. Sono simili alle crepes, ma più spessi e più morbidi, dalla consistenza spugnosa e dal gusto squisito che inebriano ogni palato. Avete presente nei film americani, quando nella scena della colazione vengono servite delle frittelle impilate una sopra l’altra e che ognuno condisce con un’abbondante colata di sciroppo d’acero ? Ebbene quelli sono i pancakes. Realizzare i pancakes è semplicissimo, e nonostante esistano un gran numero di versioni, io vi propongo l’originale americana, tratta dal libro ” Le ricette di – Una mamma per amica “. Il libro è un tuffo nella cucina americana. Le ricette sono numerose, spiegate tutte in maniera dettagliata. I pancakes sono i protagonisti indiscussi di quasi tutte le puntate della serie televisiva.

Prima di lasciarvi al passo passo vorrei chiedervi una facile collaborazione, aiutatemi a capire se questa ricetta vi è piaciuta, potete farlo mettendo un “mi piace” e lasciandomi un commento proprio qui sotto nel blog – dove trovate scritto “lascia un commento”, io vi risponderò nel più breve tempo possibile. Questo è il modo più veloce in cui io e voi entriamo in contatto ed è il modo principale di farmi capire se queste ricette vi stanno piacendo e se le trovate di facile esecuzione, quindi commentate, commentate e commentate qui sotto. Grazieeee Enjoy #daniwella   

la ricetta passo passo

Non sai come realizzare il latticello? guarda la ricetta qui!

consigli e varianti

UNA MAMMA PER AMICA è una serie televisiva americana ideata da Amy Sherman – Palladino , con protagoniste Lauren Graham e Alexis Bledel. La serie racconta le vicende di una giovane e  brillante madre, Lorelai Gilmore legata da una forte amicizia a sua figlia Rory Gilmore.

Trama

Lorelai Gilmore è una trentaduenne mamma single che vive con sua figlia quindicenne Rory nell’ immaginaria Starshollow, situata nello stato statunitense del Connecticut. Entrambe conducono una vita soddisfacente. Lorelai è un’umorista nata, ha una battuta pronta per ogni situazione, le sue infinite battute spaziano riferimenti dalla musica pop, alle notizie di attualità, ma anche alla storia e alla politica. L’unica in grado di comprendere e capire al 100% il suo umorismo e il suo modo di parlare è sua figlia Rory, perché è proprio lei a condividere questo suo senso dell’umor, tanto da essere il pilastro fondamentale su cui si base l’intera serie televisiva. I dialoghi tra Lorelai e Rory sono così buffi, comici, spassosi e divertenti da lasciar al di fuori gli altri personaggi. I commenti di Lorelai a volte non confondono soltanto chi non la conosce bene, ma anche chi si trova più vicino a lei come sua madre Emily o il suo amico Luke Danes. Lorelai ebbe Rory all’età di 16 anni e proprio per questo il legame profondo che si crea tra di loro è quello di un rapporto di amicizia piuttosto che tra madre figlia, durante le varie stagioni Lorelai userà la carta della mamma solo quando è indispensabile, in pratica come ultima risorsa. Le vedrete spesso litigare a volte per motivi banali, ma è proprio durante la V stagione che la serie mi ha smosso tanta emozione fino a farmi scendere lacrime di commozione, il tutto sarà un crescendo di commedia drammatica mista al sentimentale. Grazie ai temi trattati la serie è capace di coinvolgere emotivamente chi sta seduto sul divano e assiste come spettatore all’interpretazione favolosa  degli attori che danno vita a numerosi personaggi particolari. 

La mia similitudine con il personaggio di Lorelai

Vado pazza per il caffè, i cheeseburger e la pizza a domicilio. Mi definisco una persona pantofolaia, nonostante ami uscire a svagarmi ogni tanto il sabato sera e cantare al karaoke.      

Sono una persona solare e molto comica. Appartengo a quella schiera di persone che ama la televisione e guardare e riguardare i film che mi piacciono infinite volte, allungata sul divano mangiando a volte di tutto e di più fino a stare male.  

 Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

Pancakes (ricetta originale)
ozedf_soft
I pancakes sono i soffici protagonisti della colazione americana, e con molte varianti anche in altre parti del mondo. Sono simili alle crepes, ma più spessi e più morbidi, dalla consistenza spugnosa e dal gusto squisito che inebriano ogni palato. Avete presente nei film americani, quando nella scena della colazione vengono servite delle frittelle impilate una sopra l’altra e che ognuno condisce con un’abbondante colata di sciroppo d’acero ? Ebbene quelli sono i pancakes. Realizzare i pancakes è semplicissimo, e nonostante esistano un gran numero di versioni, io vi propongo l’originale americana, tratta dal libro ” Le ricette di – Una mamma per amica “. Il libro è un tuffo nella cucina americana. Le ricette sono numerose, spiegate tutte in maniera dettagliata. I pancakes sono i protagonisti indiscussi di quasi tutte le puntate della serie televisiva. Le mie riflessioni, i miei pensieri, le mie emozioni, tutte le curiosità, le mie similitudini con il personaggio di Lorelai e tutto quello che continuo a scoprire ogni volta nel guardare e riguardare le puntate le troverete sempre qui sotto, alla fine del passo passo, dopo i consigli che trovate sempre sulla ricetta che pubblico. Prima di lasciarvi al passo passo vorrei chiedervi una facile collaborazione, aiutatemi a capire se questa ricetta vi è piaciuta, potete farlo mettendo un “mi piace” e lasciandomi un commento proprio qui sotto nel blog – dove trovate scritto “lascia un commento”, io vi risponderò nel più breve tempo possibile. Questo è il modo più veloce in cui io e voi entriamo in contatto ed è il modo principale di farmi capire se queste ricette vi stanno piacendo. Inoltre se volete essere citate sulle mie storie e sul mio blog, inviatemi una email (trovate l’indirizzo giù in fondo) con la vostra ricetta, scrivendomi ingredienti, dosi e procedimento con una foto del piatto, io sceglierò la più interessante e la preparerò per il blog, non dimenticatevi di raccontarmi un po’ di voi.  Grazieeee Enjoy #daniwella   Dose : per 8/10 pancake Preparazione : 10 minuti Cottura : 25 minuti

Ingredienti :

nfd

250 g di farina 00 4 cucchiaini di lievito per dolci 1 cucchiaino e mezzo di sale fino 2 uova medie 2 cucchiai di zucchero 480 ml di latticello 120 ml di latte intero 2 cucchiaini di burro sciolto 2 cucchiaini di olio di semi per oliare la padella

Ingredienti per la farcitura

Sciroppo d’acero mirtilli freschi gocce di cioccolato burro di arachidi crema spalmabile alla nocciola mandorle, nocciole, arachidi, cocco rapè

PROCEDIMENTO : In una ciotola capiente mescolate la farina setacciata insieme al lievito, lo zucchero e il sale. Sbattete le uova quel tanto da far amalgamare per bene il tuorlo con l’albume.
dav
  Unite il composto di uova e il latticello e amalgamateli usando una frusta.
nfd
  Aggiungete il latte e mescolate. Versate il burro e mescolate ancora. La pastella è pronta. Fatela riposare 15 minuti.
nfd
  Scaldate una buona padella antiaderente, ungetela spennellando un pochino di olio di semi e iniziate a cuocere i pancake.
nfd
  Cuocete il pancake per 2/3 minuti, giratelo quando al centro cominciano a formarsi delle bolle. Quando vedete che il pancake si gonfia, cuocetelo per altri 60/90 secondi.
nfd
Toglietelo dal fuoco, impilatelo uno sopra l’altro. Ripetete il procedimento fino a finire completamente tutta la pastella. Serviteli con la farcitura che avete scelto.
dav
Ecco come li ho farciti . Sciroppo di riso, mirtilli, fragole e frutta secca, mandorle a lamelle.
oznor_soft
Cioccolato fondente sciolto a bagnomaria con mirtilli e arachidi, mandorle a lamelle e gocce di cioccolato extra fondente.
ozedf_vivid
I miei consigli :
ozedf
Io per aiutarmi a prendere la pastella utilizzo i misurini ” cup ” americani e ho preso un misurino da 1/3 di cup, lo riempio di composto, elimino l’eccesso livellando per bene la superficie con una spatola e verso la pastella nella padella calda. In questo modo si ottengono pancake tutti uguali e tutti dello stesso peso. Io ho usato una padellina larga 10 cm di diametro perché a me i pancake piacciono belli larghi. Se li volete più piccoli usate una padella più larga che ne contenga 2/3. Una volta preparata la pastella potete mettere gli ingredienti facoltativi se li volete ripieni all’interno, prima di cuocerli, come mirtilli o gocce di cioccolato. Oppure fare come ho fatto io, che li ho farciti dopo che li ho cotti. Grazie alla mia amica Lorenza Spagnoli, ho appreso che i pancake possono essere preparati qualche giorno prima di mangiarli. Se siete dei veri amanti dei pancake e morite dalla voglia di farci colazione la mattina, procedete in questo modo: una volta cotti fateli raffreddare completamente. Sigillate ogni singolo pancake con la pellicola alimentare, quella trasparente. Riponeteli cosi in frigorifero impilati uno sopra l’altro poggiati su un piatto e se volete, copriteli con un tovagliolo di stoffa. Al mattino dopo aver preparato la macchinetta del caffè scartate i pancake che volete mangiare e scaldateli al microonde 30/60 secondi a 900/1000 WATT. Chi non ha il microonde può scaldarli in forno 5/6 minuti. Dopo di che farciteli come piacciono a voi. Per esperienza personale possiamo dire che non è vero che sono buoni soltanto appena fatti, se ben conservati, danno il meglio di loro anche riscaldati nei giorni successivi, se li sigillate per bene infatti possono durare anche 4/5 giorni in frigorifero. Se volete, potete aggiungere alle polveri setacciate anche mezzo cucchiaino di bicarbonato, come ho fatto io le volte successive. L’aggiunta del bicarbonato aiuta la lievitazione del pancake, rendendolo ancora più soffice e spugnoso. Lo sciroppo d’acero non è l’unico liquido che si può usare per condire i pancakes. Succo d’Agave, miele liquido, sciroppo di mela o topping vari alla frutta o al cioccolato sono solo alcuni esempi che vi posso suggerire. Provateli e trovate il vostro preferito. CURIOSITA’ : Lo sciroppo d’acero è uno zucchero in forma liquida, estratto dalla linfa dell’acero da zucchero e dall’acero nero. E’ noto per le sue proprietà depuratrice ed energizzanti perché ha un’alto contenuto di sali minerali ed è il secondo dolcificante naturale meno calorico. E’ prodotto dalle province orientali del Canada ed in alcune zone degli Stati Uniti. In particolare è utilizzato nei paesi freddi per le elevate calorie e proprietà nutrizionale. Lo sciroppo d’acero viene proposto in vari gradi, dal grado A al grado D. La gradazione determina la translucenza del prodotto. Lo sciroppo di grado A presenta una translucenza maggiore, rispetto ad uno sciroppo più scuro di grado C. Come prodotto è abbastanza costoso. Io vi consiglio se lo volete comprare di leggere bene l’etichetta. La stragrande maggioranza di quelli in vendita nei grandi supermercati sono pieni zeppi di zucchero, glucosio, fruttosio, coloranti e stabilizzanti, con una minima percentuale di sciroppo d’acero. Per essere sicuri di comprare un prodotto di qualità sull’etichetta deve esserci scritto 100% puro sciroppo d’acero, quindi totalmente naturale, privo di conservanti,  zuccheri aggiunti e aromatizzanti, meglio se certificato prodotto Biologico che garantisce quindi che sugli alberi non sono stati usati fertilizzanti chimici e pesticidi e dove tutto il processo della produzione e provenienza è tenuto sotto controllo. UNA MAMMA PER AMICA è una serie televisiva americana ideata da Amy Sherman – Palladino , con protagoniste Lauren Graham e Alexis Bledel. La serie racconta le vicende di una giovane e  brillante madre, Lorelai Gilmore legata da una forte amicizia a sua figlia Rory Gilmore. TRAMA Lorelai Gilmore è una trentaduenne mamma single che vive con sua figlia quindicenne Rory nell’ immaginaria Starshollow, situata nello stato statunitense del Connecticut. Entrambe conducono una vita soddisfacente. Lorelai è un’umorista nata, ha una battuta pronta per ogni situazione, le sue infinite battute spaziano riferimenti dalla musica pop, alle notizie di attualità, ma anche alla storia e alla politica. L’unica in grado di comprendere e capire al 100% il suo umorismo e il suo modo di parlare è sua figlia Rory, perché è proprio lei a condividere questo suo senso dell’umor, tanto da essere il pilastro fondamentale su cui si base l’intera serie televisiva. I dialoghi tra Lorelai e Rory sono così buffi, comici, spassosi e divertenti da lasciar al di fuori gli altri personaggi. I commenti di Lorelai a volte non confondono soltanto chi non la conosce bene, ma anche chi si trova più vicino a lei come sua madre Emily o il suo amico Luke Danes. Lorelai ebbe Rory all’età di 16 anni e proprio per questo il legame profondo che si crea tra di loro è quello di un rapporto di amicizia piuttosto che tra madre figlia, durante le varie stagioni Lorelai userà la carta della mamma solo quando è indispensabile, in pratica come ultima risorsa. Le vedrete spesso litigare a volte per motivi banali, ma è proprio durante la V stagione che la serie mi ha smosso tanta emozione fino a farmi scendere lacrime di commozione, il tutto sarà un crescendo di commedia drammatica mista al sentimentale. Grazie ai temi trattati la serie è capace di coinvolgere emotivamente chi sta seduto sul divano e assiste come spettatore all’interpretazione favolosa  degli attori che danno vita a numerosi personaggi particolari. La mia similitudine con il personaggio di Lorelai Vado pazza per il caffè, i cheeseburger e la pizza a domicilio. Mi definisco una persona pantofolaia, nonostante ami uscire a svagarmi ogni tanto il sabato sera e cantare al karaoke. Sono una persona solare e molto comica. Appartengo a quella schiera di persone che ama la televisione e guardare e riguardare i film che mi piacciono infinite volte, allungata sul divano mangiando a volte di tutto e di più fino a stare male.        

Torta ricotta e fragole con gocce di cioccolato

Torta ricotta e fragole con gocce di cioccolato

Diario di bordo
Per la decorazione ho preso spunto da internet e dalla mia amica Elena. Avevo in mente da giorni di aggiornare le ricette con le fragole che sono sul blog, ho colto l’occasione ieri quando sono passata al mercato da Corrado e dopo aver visto delle fragole meravigliose che mi facevano l’occhiolino, ho riportato a casa un paio di cestini e con la ricotta avanzata dei giorni scorsi ho preparato questa squisitezza. Vi starete chiedendo cosa sono le torte da credenza, ebbene leggete l’articolo fino in fondo e troverete la risposta. Aiutatemi a condividere questa ed altre ricette. A voi non costa niente ma io ve ne sarò eternamente grata. Un forte abbraccio a tutti. Enjoy #daniwella

La torta ricotta e fragole con gocce di cioccolato è una deliziosa torta da credenza, e appena l’assaggerete vi farà arrivare al settimo cielo. In molti mi hanno chiesto la ricetta, dopo aver visto il video sulle storie di Instagram e la foto postata su Facebook mentre ero in procinto di infornare la torta di ricotta e fragole con gocce di cioccolato. Ho così aggiornato un’altra ricetta che avevo sul blog, riveduto e corretto nelle dosi e negli ingredienti e questo è quello che ne è venuto fuori. Non ho messo le fragole all’interno dell’impasto ma solo sulla superficie.

la ricetta passo passo

consigli e curiosità

 Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

Torta ricotta e fragole con gocce di cioccolato
ozedf
La torta ricotta e fragole con gocce di cioccolato è una deliziosa torta da credenza, e appena l’assaggerete vi farà arrivare al settimo cielo. In molti mi hanno chiesto la ricetta, dopo aver visto il video sulle storie di Instagram e la foto postata su Facebook mentre ero in procinto di infornare la torta di ricotta e fragole con gocce di cioccolato. Ho così aggiornato un’altra ricetta che avevo sul blog, riveduto e corretto nelle dosi e negli ingredienti e questo è quello che ne è venuto fuori. Non ho messo le fragole all’interno dell’impasto ma solo sulla superficie. Per la decorazione ho preso spunto da internet e dalla mia amica Elena. Avevo in mente da giorni di aggiornare le ricette con le fragole che sono sul blog, ho colto l’occasione ieri quando sono passata al mercato da Corrado e dopo aver visto delle fragole meravigliose che mi facevano l’occhiolino, ho riportato a casa un paio di cestini e con la ricotta avanzata dei giorni scorsi ho preparato questa squisitezza. Vi starete chiedendo cosa sono le torte da credenza, ebbene leggete l’articolo fino in fondo e troverete la risposta. Aiutatemi a condividere questa ed altre ricette. A voi non costa niente ma io ve ne sarò eternamente grata. Un forte abbraccio a tutti. Enjoy #daniwella Dose : per 12 porzioni Preparazione : 15 minuti Cottura : 45/50 minuti

Ingredienti :

ozedf_vivid

3 uova medie 150 g di zucchero semolato 300 g di farina 00 300 g di ricotta di mucca passata al setaccio 100 g di olio di semi di arachide 2 cucchiai di latte parzialmente scremato 300 g di fragole fresche 70 g di gocce di cioccolato extra fondente 1 cucchiaino colmo di aroma di vaniglia 1 limone biologico la scorza grattugiata 1 bustina e mezza di lievito per dolci

Procedimento : In una ciotola setacciate la ricotta e mescolatela con la vaniglia e la scorza del limone.
ozedf_vivid
Aggiungete lo zucchero tutto in una volta.
ozedf_vivid
Aggiungere 1 uovo alla volta.
ozedf_vivid
Incorporate l’olio di semi.
ozedf_vivid
Aggiungete la farina setacciata con il lievito in 2/3 riprese.
ozedf_vivid
Infine aggiungete le gocce di cioccolato e il latte.
ozedf
Versate in uno stampo di cm 24 di diametro imburrato, e inserite le fragole affettate nell’impasto come in foto, infornate in forno preriscaldato a 180° per 45/50 minuti. Fate sempre la prova stecchino.
ozedf_soft
Fate raffreddare completamente prima di mangiare.
ozedf
La torta si conserva per 2/3 giorni a temperatura ambiente. Io la metto dentro una campana di vetro.
ozedf
Ecco una fetta vista da vicino.
ozedf
I miei consigli : Ho usato una mezza dose di lievito in più perché avevo una bustina aperta da qualche giorno e per non fare inutili sprechi l ho messa in questa torta. Potete scegliere di usare anche le gocce di cioccolato bianco se volete, con le fragole ci stanno molto bene, e se volete potete usare il burro al posto dell’olio di semi, in questo caso usatene 120 g, scioglietelo a bagnomaria prima di aggiungerlo all’impasto. Avendo lavorato per diversi anni in una salumeria di Pescara vi consiglio di usare sempre la ricotta comprata al banco dell’alimentari, per intenderci quella venduta a etti, più grumosa, rispetto a quelle centrifugate che si comprano già confezionate nel banco dei freschi. Si presta bene ad essere setacciata in un colino a maglie più grandi. Setacciare la ricotta serve a renderla più soffice e cremosa, in questo modo è più adatta ad essere usata per fare i dolci. CURIOSITA’ : Si definiscono torte da credenza tutti quei dolci che si possono conservare a temperatura ambiente per giorni senza che vadano incontro ad un deperimento della qualità. Appartengono a questo panorama dolciario crostate, dolci soffici e le ciambelle che le nostre nonne conservavano nella credenza perché non contenevano crema o panna che potevano deperire in fretta. La definizione ” da credenza ” deriva appunto da questa assenza di ingredienti che mantenuti a temperatura ambiente sarebbero deperibili in men che non si dica. La credenza è il mobile che contiene le stoviglie quelle che vengono usate nei pranzi importanti che si trova di solito nella stanza dove si tiene il banchetto.
ozedf
       

La Pupa e il Cavallo – i dolci pasquali abruzzesi

La Pupa e il Cavallo – i dolci pasquali abruzzesi

Diario di bordo
La scorsa settimana io e mia cognata ci siamo impegnate un’intero pomeriggio per dar sfogo alla nostra fantasia nel decorare questi dolcetti e ci siamo divertite da matte. Qui di seguito trovate i passaggi che abbiamo fotografato passo passo. Seguite la mia ricetta step by step e divertitevi insieme ai vostri piccoli se anche voi volete passare un pomeriggio spensierato a realizzare la pupa e il cavallo – i dolci pasquali abruzzesi.

La pupa e il cavallo sono i tipici dolci abruzzesi che si fanno in tutto l’Abruzzo nel periodo pasquale. Mamme e nonne si rimboccano le maniche, prendono mattarello e spianatoia per preparare la pupa per le femminucce mentre il cavallo per i maschietti. L’impasto è quello di un biscotto da inzuppo vero e proprio. La forma si può realizzare non soltanto con gli stampi che si trovano in commercio ma anche a mano usando la punta di un coltellino appuntito, simulando la forma di una donna per la pupa e quella di un cavallo per fare appunto il cavallo. Questa è la prima volta che li realizzo e sono molto soddisfatta. Come ricetta ho usato quella della mia amica Marisa, quella dei biscotti tagliati, ve la ricordate ? Con queste dosi escono fuori 3 pupe grandi e tre cavalli da decorare con l’impasto che avanza. 

la ricetta passo passo

Curiosità

 Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

La Pupa e il Cavallo – i dolci pasquali abruzzesi La pupa e il cavallo sono i tipici dolci abruzzesi che si fanno in tutto l’Abruzzo nel periodo pasquale. Mamme e nonne si rimboccano le maniche, prendono mattarello e spianatoia per preparare la pupa per le femminucce mentre il cavallo per i maschietti. L’impasto è quello di un biscotto da inzuppo vero e proprio. La forma si può realizzare non soltanto con gli stampi che si trovano in commercio ma anche a mano usando la punta di un coltellino appuntito, simulando la forma di una donna per la pupa e quella di un cavallo per fare appunto il cavallo. Questa è la prima volta che li realizzo e sono molto soddisfatta. Come ricetta ho usato quella della mia amica Marisa, quella dei biscotti tagliati, ve la ricordate ? Con queste dosi escono fuori 3 pupe grandi e tre cavalli da decorare con l’impasto che avanza. La scorsa settimana io e mia cognata ci siamo impegnate un’intero pomeriggio per dar sfogo alla nostra fantasia nel decorare questi dolcetti e ci siamo divertite da matte. Qui di seguito trovate i passaggi che abbiamo fotografato passo passo. Seguite la mia ricetta step by step e divertitevi insieme ai vostri piccoli se anche voi volete passare un pomeriggio spensierato a realizzare la pupa e il cavallo – i dolci pasquali abruzzesi. Dose : per 3 pupe e 3 cavalli grandi Preparazione : 1 ora e 30 minuti Cottura : 15/20 minuti circa  

Ingredienti per l’impasto :

dav_soft

1 kg e mezzo di farina 00 500 g di zucchero semolato 6 uova + 2 tuorli 1 bicchiere di olio di semi 1 bicchiere di latte 3 limoni senza trattamento -usate solo la scorza grattugiata 3 bustine di lievito per dolci

Ingredienti per decorare : Zuccherini colorati 2/3 cucchiai di cacao amaro

Procedimento : In una ciotola capiente mettete la farina, lo zucchero, la vanillina, il lievito e la buccia dei 3 limoni grattugiati. Mescolate per bene. Fate un buco al centro, mettete le uova, l’olio e il latte.
ozedf_vivid
  Mescolate partendo dal centro e tirando pian piano la farina verso i liquidi.
ozedf_vivid
  Quando la farina avrà assorbito tutti i liquidi, trasferite su una spianatoia.
ozedf_vivid
  Lavorate l’impasto per 10/15 minuti, date la forma di un panetto.
ozedf_vivid
Dividete in tre parti il panetto. Stendete ogni panetto con il mattarello dandogli la forma rettangolare, pari a contenere due pupe o 2 cavalli. Poggiate lo stampo sopra la pasta.
ozedf_vivid
  Premete con forza per imprimere le forme. Con delicatezza tirate su lo stampo e trasferite la pupa e il cavallo su una leccarda coperta da un foglio di carta forno.
ozedf_vivid
  Prendete un pochino di impasto avanzato e impastatelo nuovamente con il cacao. Vi servirà per le varie decorazioni. Come occhi, capelli, grembiule per la pupa, la sella gli occhi , la criniera e gli zoccoli per il cavallo.
ozedf_vivid
  Sprigionate la vostra fantasia e date forme alle vostre pupe…
ozedf_vivid
…e ai vostri cavalli. Usate gli zuccherini colorati per decorare il resto.
ozedf_soft
Infornate in forno preriscaldato a 180° per 20/25 minuti.
dav_soft
  Ecco la pupa cotta, raffreddata e preparata per essere regalata.
ozedf_soft
  Ed ecco il cavallo pronto in tutta la sua fierezza.
ozedf_soft
  Curiosità : La tradizione della pupa e del cavallo è molto antica, risale infatti all’800 quando venivano preparati per la festa di fidanzamento ufficiale degli sposi. In segno di consenso all’unione della coppia le famiglie regalavano il cavallo alla famiglia della sposa e la pupa alla famiglia dello sposo. Nella tradizione cristiana simboleggiano invece la risurrezione di Cristo. Spezzare la pupa e il cavallo il giorno di Pasqua rappresenta l’atto di Gesù nello spezzare il pane per distribuirlo agli apostoli, un gesto fatto di amore da parte di Cristo. Nella ricetta originale sia la pupa che il cavallo hanno un uovo al centro, simbolo di fertilità e buon augurio, tenuto fermo da due strisce di pasta a forma di croce. Io in questa versione ho omesso l’uovo.    

Buon appetito

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella. Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni. NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER! Felice giornata Enjoy #daniwella
ozedf_soft
   

GRANOLA FATTA IN CASA … COLAZIONE E NON SOLO

GRANOLA FATTA IN CASA ... COLAZIONE E NON SOLO - RICETTA N° 250

INGREDIENTI per 500gr.

90g orzo in fiocchi integrale
90 g di fiocchi ai 6 cereali
40 g di olio di cocco
50 g di malto d’orzo
60 g di uvetta di Corinto
30 g di cocco rapé
40 g di datteri morbidi rigorosamente medjoul
3/4 fichi secchi
40 g di uvetta sultanina
100/120 g di frutta secca mista (io ho usato mandorle, nocciole, anacardi, pinoli e noci)

 

 

 

3o minuti

4 persone

Aaahh ma è la ricetta del müesli ” … diranno molti … “Granooo cheeee …aahh…. ma questo è il müesli ” diranno altri …  e di primo acchitto potrebbe sembrare così. Alcuni sono convinti che granola e müesli siano la stessa cosa. Ma in realtà le due cose si distinguono, vediamo insieme le differenze.

IL MÜESLI

Nel müesli compaiono fiocchi di cereali, cereali soffiati, frutta essiccata e semi oleosi. Mescolate tutto et voilà ….  è pronto. Niente aggiunta di grassi, niente aggiunta di zucchero, niente cottura … tutto rimane  a crudo .

LA GRANOLA

La granola invece è un’agglomerato condito, zuccherato, mescolato e tostato. Qui si aggiungono frutta disidratata e spezie, un dolcificante che fungerà da collante e un olio per permettere la tostatura del composto- la preparazione verrà mescolata eppoi passata in forno a tostare per alcuni minuti fino a che non si saranno formati pezzetti di agglomerati che renderanno crunchy (croccante) la preparazione tanto da arrivare a dire, una volta che la si mette in bocca : uuumm mamma mia che  bontà.

Sappiate che potete consumarla nel latte (animale o vegetale a seconda dei gusti o preferenze) nello yogurt , nel  kefir o nello skyr , aggiungete della buona frutta fresca di stagione per trasformare la vostra colazione in un’esperienza sana e golosa. Ma non è tutto, sgranatela leggermente sopra una semplice insalata verde, insieme a dei semi di girasole e di zucca …vedrete che esperienza mistica farete.E non è finita qui cari amici … ecco il consiglio più di Daniwella.

ORA CHIUDETE GLI OCCHI E … VISUALIZZATE …

FUORI E’ GIA’ AUTUNNO CON I SUOI FANTASTICI COLORI.

OSSERVATEVI SEDUTI SUL VOSTRO DIVANO … SII QUELLO CHE AMATE TANTO .. E NELLE VOSTRE MANI C’E’ LA VOSTRA TAZZA … QUELLA PREFERITA … SI QUELLA CHE AVETE COMPRATO IN QUEL FANTASTICO NEGOZIETTO DI CASALINGHI … SIETE SORRIDENTI … SI VI STATE DIVERTENDO PERCHE’ MENTRE GUARDATE LE NUOVE PUNTATE DELLA VOSTRA SERIE TV PREFERITA VOI STATE SGRANOCCHIANDO LA VOSTRA GODURIOSA E SPETTACOLARE GRANOLA FATTA IN CASA A CUI VOI AVETE AGGIUNTO SCAGLIE DI CIOCCOLATO FONDENTE E  COCCO DISIDRATATO. 

ORA APRITE GLI OCCHI. HA FUNZIONATO ? SIETE IN PARADISO  O NO ??? 

BEHHH SE LA RISPOSTA E’ SIIII ALLORA FATELO DAVVERO !!!!

OKK OKK ORA TORNIAMO SULLA TERRA .

Questa ricetta realizzata dalla mia amica Lorenza Spagnoli si arricchisce di ingredienti ” più” rispetto a tutte le altre ricette che troverete sul web. Nel personalizzare la sua granola home-made Lorenza ha scelto ingredienti biol’olio di cocco per la tostatura e il malto d’orzo per dolcificare e agglomerare e …  dulcis in fundo, è tostata sul fornello invece che in forno, in questo modo tutto il procedimento della ricetta risulta più sotto controllo. Vi lascio il link (facebook) per vedere le creazioni di Lorenza qui . Per vedere invece il suo profilo  Instagram cliccate qui .

La ricetta è semplice e veloce. Usate la vostra fantasia per arricchirla  o creando accostamenti diversi. Io ho personalizzato a mia volta la ricetta di Lorenza, omettendo i semi oleosi e aggiungendo un mix di frutta secca, i fichi secchi e l’uvetta sultanina. Una volta provata vi rimarrà nel cuore e sul palato. Sarà impossibile resistere a non prepararla nuovamente una volta che l’avrete finita. Ne vorrete godere ancora e ancora. Mangiatela a colazione, come spuntino, per merenda. Insomma datele un posto importante nella vostra vita mangereccia. Ne rimarrete sempre estasiati. Garantito. Gli ingredienti come olio di cocco, malto d’orzo, cocco rapé e datteri medjoul li potete trovare in tutti i negozi che vendono alimenti biologici. In un prossimo articolo menzionerò le caratteristiche nutrizionali di questi ingredienti utili per la nostra salute.

Preparala anche tu e fammi sapere com’è andata usando il tag se usi Facebook  – Le ricette di Daniwella. felicità e passione in cucina o @passioneincucinacondaniwella – se invece sei su Instagram usando #lericettedidaniwella o @daniela.addis72.

Grazie a tutti per i vostri LIKE  e per le vostre condivisioni. Se non volete perdervi nessuna delle mie ricette iscrivetevi alla news letter. Felice giornata.

Enjoy #daniwella

la ricetta passo passo

Ecco sua maestà la GRANOLA FATTA IN CASA. Saziante, sana, golosissima.

ECCO LE TANTE COLAZIONI DI LORENZA FATTE CON LA GRANOLA.

Non vi resta che augurarvi buona colazione con sua Maestà la Granola. Continuate a seguirmi perchè sono in uscita tante altre ricette in stile 

Lorenza1867 , come vi avevo già informato in un precedente ARTICOLO. Ricette SANE BUONE E PRIVE DI INGREDIENTI RAFFINATI.

Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

[gs-fb-comments]
[arrow_sf id='4539']

SBRICIOLATA RICOTTA E FRAGOLE

SBRICIOLATA RICOTTA E FRAGOLE - RICETTA N° 242

INGREDIENTI

500 g di farina 00
12 g di lievito per dolci
200 g di zucchero
160 g di burro o margarina freddi
2 uova medio grandi
la scorza di 1 limone non trattato o aroma vaniglia q.b.

INGREDIENTI PER LA FARCIA :
500 g di ricotta di mucca
180 g di zucchero
aroma vaniglia q.b.
400 g di fragole fresche o di confettura extra di fragole

 

 

 

 

 

55 minuti

12 porzioni

La sbriciolata ricotta e fragole è una torta strepitosa. Dovevo pubblicare questa ricetta a luglio in occasione del mio compleanno. Quando poi mi sono decisa, non era più stagione delle fragole. La sbriciolata ricotta e fragole mi ha ricordato il sapore del famoso gelato ” fior di fragola “, è una torta così buona che merita davvero tanta lode.

Trovandoci all’inizio dell’anno ho deciso di metterla online, perché stiamo andando incontro alla bella stagione , anche se ci manca ancora qualche mese all’uscita delle fragole, se siete intenzionati a prepararla, sostituite le fragole fresche con la confettura di fragole, scegliete una di buona marca, mi raccomando. Avrete così una sbriciolata di ricotta e fragole strepitosa.

Cosa aspettate ? Vi è venuta voglia di mangiarne una fetta ? Coraggio cominciate a raggruppare gli ingredienti e preparare questa prelibata torta sbriciolata ricotta e fragole.
Vi auguro un felice inizio della settimana e se vi è piaciuta la ricetta fatemelo sapere con un commento.
Un saluto a chi passa di qua.

Curiosità

Nella sbriciolata gli ingredienti si mescolano in maniera molto veloce fino ad ottenere tra le mani un’ impasto pieno di briciole, da qui il nome sbriciolata. Il ripieno della sbriciolata può variare ogni volta, l’involucro esterno invece è una pasta frolla a tutti gli effetti, ma il bilanciamento degli ingredienti fa si che una volta amalgamati tutti, l’impasto non si compatti ma bensì si sbricioli. Di conseguenza la sua realizzazione risulta più veloce di una crostata.

la ricetta passo passo

i miei consigli

varianti

 Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

TORTA DI CAROTE E MANDORLE

TORTA DI CAROTE E MANDORLE

INGREDIENTI

4 carote grandi di media grandezza (300/350 g circa)
180 g di mandorle
180 g di zucchero
3 uova medio-grandi
50 g di farina 00
10 g di lievito per dolci
1 limone biologico usare solo la scorza grattugiata
zucchero a velo q.b.

 

 

 

 

Diario di bordo
L’Epifania si è portata via tutte le feste con annessi e connessi. Per me c’è sempre un pochino di dispiacere togliere l’albero, le luci, gli addobbi, le palline dorate, le calze rosse con scritto buon Natale, le candele profumate, tutte queste cose creano attorno a me l’atmosfera magica del Natale che io adoro immensamente. Non mi resta che aspettare l’arrivo del prossimo a braccia aperte ricominciando a sognare questa fantastica magia.

45 minuti

10 porzioni

Buongiorno e benvenuti nel mio blog. La torta di carote e mandorle è il dolce che ho scelto come prima ricetta di quest’anno. E’ una torta umida e morbida dal sapore avvolgente e molto goloso, L’accoppiata mandorle e carote è un bis sempre vincente. La torta di carote e mandorle non contiene olio, ne burro eppure risulta morbida lo stesso. E’ una torta che si presta ad essere mangiata a colazione, e magari potete farla portare ai vostri figli a scuola per farla mangiare durante la ricreazione di metà mattinata. Almeno così si chiamava la pausa che i bambini facevano a metà mattinata quando andavo a scuola io. Non so se oggi si usa la stessa parola. Ad ogni modo è un dolce semplice, fatto con ingredienti genuini e nutrienti. L’ho preparata tante volte, è cosi buona che appena finiva, mi mettevo subito a rifarla. E’ anche il dolce perfetto da portare a casa di amici, vedrete che la spazzoleranno in men che non si dica.

la ricetta passo passo

i miei consigli

 Questa ricetta è tratta dal blog di Misya .

Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

TORTA DI CAROTE E MANDORLE  

Buongiorno e benvenuti nel mio blog. La torta di carote e mandorle è il dolce che ho scelto come prima ricetta di quest’anno. E’ una torta umida e morbida dal sapore avvolgente e molto goloso, L’accoppiata mandorle e carote è un bis sempre vincente. La torta di carote e mandorle non contiene olio, ne burro eppure risulta morbida lo stesso. E’ una torta che si presta ad essere mangiata a colazione, e magari potete farla portare ai vostri figli a scuola per farla mangiare durante la ricreazione di metà mattinata. Almeno così si chiamava la pausa che i bambini facevano a metà mattinata quando andavo a scuola io. Non so se oggi si usa la stessa parola. Ad ogni modo è un dolce semplice, fatto con ingredienti genuini e nutrienti. L’ho preparata tante volte, è cosi buona che appena finiva, mi mettevo subito a rifarla. E’ anche il dolce perfetto da portare a casa di amici, vedrete che la spazzoleranno in men che non si dica. L’Epifania si è portata via tutte le feste con annessi e connessi. Per me c’è sempre un pochino di dispiacere togliere l’albero, le luci, gli addobbi, le palline dorate, le calze rosse con scritto buon Natale, le candele profumate, tutte queste cose creano attorno a me l’atmosfera magica del Natale che io adoro immensamente. Non mi resta che aspettare l’arrivo del prossimo a braccia aperte ricominciando a sognare questa fantastica magia.   Dose : per uno stampo da cm 20/24 cm diametro/ 10 porzioni Preparazione : 15 minuti Cottura : 25/30 minuti  

Ingredienti :

4 carote grandi di media grandezza (300/350 g circa) 180 g di mandorle 180 g di zucchero 3 uova medio-grandi 50 g di farina 00 10 g di lievito per dolci 1 limone biologico usare solo la scorza grattugiata zucchero a velo q.b.

PREPARAZIONE :

Pelate, lavate e tritate le carote in un mixer.

Tritate in polvere le mandorle e lo zucchero.

 

Mettete tutto in una ciotola insieme al limone grattugiato e mescolate.

Aggiungete un uovo alla volta, incorporando il successivo solo quando il precedente è perfettamente amalgamato. Aggiungete dopo la farina setacciata insieme al lievito fino ad ottenere un composto omogeneo.

Infornate in uno stampo di 20/22 cm a seconda se la volte più alta o bassa, ricoperto di carta forno sul fondo e imburrata ai lati in forno preriscaldato a 170° per 25 minuti.

Fate raffreddare completamente prima di gustare.

Ecco la mia torta di carote e mandorle.

Ecco un particolare visto da vicino.

  I MIEI CONSIGLI : Se le mandorle che avete non sono spellate, usatele tranquillamente cosi, andranno bene lo stesso. E se volete potete tostarle prima di macinarle. Scaldate per bene una padella sul fornello, abbassate poi il fuoco al minimo e versateci le mandorle, fate tostare così per 10/15 minuti muovendo la padella ogni tanto, per agevolare la tostatura omogenea. Fate raffreddare completamente prima di tritarle. Se non avete un tritatutto per tritare le mandorle, comprate la farina di mandorle. La potete trovare in tutti i negozi che vendono alimenti biologici. Potete usare la scorza di un’arancia biologica al posto del limone. Il dolce risulta basso, non preoccupatevi se non lo vedete cresciuto, anzi vi consiglio per una ottimale riuscita lo stampo da cm 22/24  di diametro. Per una versione integrale potete usare uno zucchero integrale di canna scuro come il dulcita o il moscobado, una farina di tipo 1 e un lievito bio/vegan adatto anche agli intolleranti. Questa ricetta è tratta dal blog di Misya .  
Buon appetito! Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui. ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui.  Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected] CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA