Crea sito
Daniwella Felicità e passione in cucina

Secondi di Pesce

ORATA AL FORNO CON TOPINAMBUR E PATATE – RICETTA N° 241

ORATA AL FORNO CON TOPINAMBUR E PATATE – RICETTA N° 241

INGREDIENTI

2 orate (le mie pesavano 400g ciascuna)

1 spicchio d’aglio

2 topinambur grandi o due patate

5 cucchiai di olio e.v.o

2 cucchiai di vino bianco

sale fino q.b.

pepe nero il polvere q.b.

qualche ago di rosmarino spezzettato

qualche fogliolina di prezzemolo ( facoltativo)

 

 

 

 

3o minuti

4 persone

L’orata al forno con topinambur e patate è un secondo di mare che mangio spesso e volentieri. Cucino l’orata in diverse maniere, questa che vi propongo oggi è la più golosa, arricchita con il topinambur. Se non lo avete o non lo riuscite a trovare sulle bancarelle del mercato mettete tranquillamente solo le patate come ho fatto io. Il piatto si prepara praticamente da solo, se poi riuscite a farvi pulire il pesce dal vostro pescivendolo di fiducia, siete a cavallo. L’orata al forno con topinambur e patate potete inserirla tra le portate di pesce in occasione delle festività natalizie, proprio come ho fatto io. E’ un piatto veloce da preparare, goloso e sano, piacerà a tutti, bambini compresi. Preparatelo anche per una serata speciale, se volete conquistare e deliziare la vostra anima gemella. 

L'ingrediente insolito

Il topinambur è un tubero ormai dimenticato da tempo. Sono poche le persone che lo conoscono e ancor meno quelle che non sanno quante importantissime caratteristiche benefiche ha per il nostro corpo. Il topinambur assomiglia a una sorta di patata maggiormente globulosa e dura. Nella foto vedete come risultano una volta sbucciati, a destra le patate e il topinambur a sinistra. Il topinambur viene anche chiamato carciofo di Gerusalemme perchè il suo sapore ricorda quello del carciofo, é ricco di inulina, una fibra che agevola la regolarità intestinale, e tra le sue importanti caratteristiche il topinambur riduce l’assorbimento del colesterolo cattivo e degli zuccheri da parte dell’intestino, per questo motivo è molto indicato per i diabetici.

la ricetta passo passo

Un secondo delizioso e completo

i miei consigli

Se ti è piaciuta la ricetta condividila sui social!
Share on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Print this page
Print

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

Something is wrong.
Instagram token error.
Load More

SGOMBRO MARINATO – RICETTA N° 239

SGOMBRO MARINATO – RICETTA N° 239

INGREDIENTI

6 sgombri medi (i miei pesavano 1 kg circa)
1 bicchiere quasi pieno di aceto di mele
2 cuori di sedano
1 cipollotto piccolo
200 ml di olio e.v.o.
sale e pepe q.b.
6 steli di prezzemolo
2 carote piccole
1 cucchiaino di aceto balsamico


 

 

 

1 ora e 3o minuti

10 persone

Diario di bordo
Troverete due opzioni di marinatura, per chi come mio cognato non digerisce o non sopporta la cipolla. Anche quest’anno mi sono occupata di preparare la festa della vigilia a casa mia, e questo piatto è uno degli antipasti che ho preparato. Quello che è avanzato, e che ho mangiato 2 giorni dopo, era ancora più buono.

Lo sgombro marinato è davvero buonissimo, non ha nulla da invidiare a quello già pronto che si trova nei banchi dei supermercati. Ho realizzato lo sgombro marinato chiedendo consigli in giro, documentandomi e formulando alla fine una versione personale, raggruppando tutto quello che avevo appreso in questa ricetta, adattandola infine ai miei gusti e quelli della mia famiglia. Cosa aspettate a preparare un gustoso sgombro marinato? Cucinatelo e poi fatemi sapere come è andata lasciandomi un commento.

Enjoy

La marinatura è un’operazione con il quale si insaporiscono, si ammorbidiscono o si conservano carni e pesci. Gli ingredienti usati per la marinatura del pesce sono aceto, olio, succo di limone, e verdure aromatiche. Lo sgombro appartiene alla schiera del pesce azzurro, è molto economico e non richiede particolari abilità culinarie. I tempi di preparazione sono rapidi e facilissimi.

ALLCUNE SPECIE DI PESCE AZZURRO PRESENTI SUL MERCATO SONO : LA SARDINA, L’ARINGA, L’ALICE O L’AGGIUGA, LO SGOMBRO, LA PAPALINA, IL SURO E IL PESCE SPATOLA.

IL PESCE AZZURRO SI NUTRE SOLO DI ALTRI PESCI E DI PLACTON.

E’ MOLTO PIU’ RICCO DI Omega3, quindi ricco di grassi insaturi che tengono sotto controllo il nostro colesterolo .

Le pietanze preparate con il pesce azzurro sono considerati “cucina povera”, hanno un prezzo più basso e quindi abordabile, rispetto ad altri tipi di pesce, ma hanno anche dalla loro parte il fatto che le loro carni sono molti digeribili, oltre a contenere grassi saturi sono ricchi di calcio.

la ricetta passo passo

Ecco le due versioni di questa ricetta

i miei consigli

 Buon appetito!

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

Se ti è piaciuta la ricetta condividila sui social!
Share on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Print this page
Print
Something is wrong.
Instagram token error.
Load More

FRITTELLE DI PATATE CON SALMONE – RICETTA N° 238

FRITTELLE DI PATATE CON SALMONE – RICETTA N° 238

Ingredienti

500 g di purea di patate
60 di Parmigiano grattugiato
1 uovo
80 g di farina 0
25 g di cipolla tritata finissima
1 cucchiaio di prezzemolo fresco tritato
80 g di salmone affumicato
150 g di yogurt compatto
succo di limone e scorzette q.b. (senza trattamento)
olio e.v.o. 1 cucchiaino
sale e pepe q.b.
aneto q.b. per decorare
olio per friggere q.b.
farina q.b. per impanare le frittelle

9o minuti

20 frittelle

Buongiorno a tutti. Oggi sono felice di proporvi queste gustose frittelle di patate con salmone, un piatto che potete servire come antipasto o come portata di un buffet per le feste natalizie. Mancano pochissimi giorni alla vigilia di Natale e con queste frittelle di patate con salmone farete un figurone. Son così sfiziose e golose che finiranno appena le metterete in tavola. La preparazione è veramente facile. Le ho preparate qualche settimana fa a casa della mia amica Annamaria, e appena le ha assaggiate ha deciso di metterle nel suo menù di Natale 🎄🎅.

Se ti è piaciuta la ricetta 👍, cucinala anche tu eppoi fammi sapere come è andata.
Buona giornata a tutti.

L'ingrediente principale

Le PATATE sono uno dei tuberi più amati e consumati lungo tutto il corso dell’anno.  Non devono essere conservate alla luce, per evitare che diventino verdi e devono essere dunque sempre conservate al buio.  Il luogo adotto consente la conservazione e la preservazione delle sue caratteristiche. Si conservano bene in cassette di legno o di plastica purchè abbiano aperture, in un’ambiente aereato dove l’umidità è sotto controllo.

la ricetta passo passo

varianti gustose o vegetariane

 Buon appetito!

La ricetta è tratta dal mensile piùCucina.

Se ti è piaciuta la ricetta condividila sui social!
Share on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Print this page
Print

Cucinala anche tu e fammi sapere com’è andata! Non dimenticare i tag di Facebook @passioneincucinacondaniwella e Instagram @daniela.addis72 e l’hashtag #lericettedidaniwella.

Grazie a tutti per i vostri like e condivisioni.

NON PERDERE NESSUNA DELLE MIE RICETTE, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Felice giornata

Enjoy #daniwella

Something is wrong.
Instagram token error.
Load More

FRITTELLE DI PATATE CON SALMONE – RICETTA N° 238

Buongiorno a tutti. Oggi sono felice di proporvi queste gustose frittelle di patate con salmone, un piatto che potete servire come antipasto o come portata di un buffet per le feste natalizie. Mancano pochissimi giorni alla vigilia di Natale e con queste frittelle di patate con salmone farete un figurone. Son così sfiziose e golose che finiranno appena le metterete in tavola. La preparazione è veramente facile. Le ho preparate qualche settimana fa a casa della mia amica Annamaria, e appena le ha assaggiate ha deciso di metterle nel suo menù di Natale 🎄🎅. Se ti è piaciuta la ricetta 👍, cucinala anche tu eppoi fammi sapere come è andata. Buona giornata a tutti.   Dose : per 20 frittelle circa Preparazione : 60 minuti Cottura : 20-30 minuti  

Ingredienti :

500 g di purea di patate 60 di Parmigiano grattugiato 1 uovo 80 g di farina 0 25 g di cipolla tritata finissima 1 cucchiaio di prezzemolo fresco tritato 80 g di salmone affumicato 150 g di yogurt compatto succo di limone e scorzette q.b. (senza trattamento) olio e.v.o. 1 cucchiaino sale e pepe q.b. aneto q.b. per decorare olio per friggere q.b. farina q.b. per impanare le frittelle  

PREPARAZIONE :

In una ciotola unite il purè di patate, il formaggio, l’uovo,  80 g di farina, la cipolla, il prezzemolo, sale e pepe. Mescolate bene per amalgamare gli ingredienti.

 

Con le mani bagnate modellate delle piccole frittelle piatte e tonde del peso di 25/30 g circa.

Passate le frittelle nella farina e friggetele in abbondante olio caldo.

 

Rigiratele fino a che assumano una crosticina dorata, poi scolatele su carta da cucina. Condite lo yogurt compatto con succo di limone un goccio d’olio, sale, pepe. Distribuitene un cucchiaino su ogni frittella e sovrapponete una fettina di salmone. Decorate e servite subito.

 

Ed ecco qualche scatto visto da vicino.

 
VARIANTI : Se non vi  piace la cipolla, sostituitela con della noce moscata. Il salmone non vi piace ? optate per delle alici sottòlio, dei gamberetti o dei filetti di tonno, daranno un tocco di sapore in più. L’aneto e le scorzette di limone servono a dare un tocco di colore, se non riuscite a reperirli potete sostituirli con del prezzemolo tritato finemente o addirittura dell’erba cipollina tagliata al coltello. Io per la fretta ho dimenticato di metterli. Per una versione vegetariana 🍅🍆, provate a mettere una dadolata di zucchina e carota saltate velocemente in padella con poco olio, sale e pepe. CURIOSITA’ : Le PATATE sono uno dei tuberi più amati e consumati lungo tutto il corso dell’anno.  Non devono essere conservate alla luce, per evitare che diventino verdi e devono essere dunque sempre conservate al buio.  Il luogo adotto consente la conservazione e la preservazione delle sue caratteristiche. Si conservano bene in cassette di legno o di plastica purchè abbiano aperture, in un’ambiente aereato dove l’umidità è sotto controllo. La ricetta è tratta dal mensile piùCucina.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.

Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui.  Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

 

PEPERONI AL FORNO RIPIENI DI TONNO – RICETTA N° 141

PEPERONI AL FORNO RIPIENI DI TONNO – RICETTA N° 141

Comincio col dirvi che questa ricetta noi la facciamo primariamente con i peperoni friggitelli. Non so da voi, ma qui a Pescara, i friggitelli sono piccoli. Quando a suo tempo avevo fotografato la ricetta, mi sono accorta che le foto non erano uscite un gran che. Qualche settimana fa li ho cucinati per una mia amica a casa sua (io avevo portato la macchinetta fotografica con me), lei aveva comprato dei bellissimi peperoni  del tipo cornetto (grandezza medio-grande). Tenetelo presente, nel caso che, quando sarà il periodo, volete provare questa ricetta con i friggitelli. Quando ho cominciato a convivere con il mio compagno, lui mi raccontava di quanto amasse la buona cucina, e di come era estremamente goloso dei friggitelli con il tonno che cucinava sua sorella. Mi disse che per quanto erano buoni, era capace di mangiarsi una teglia intera di questa golosità, tutto da solo. Quindi, ho chiesto a Linda la ricetta e questo è il risultato. Un’esplosione di sapore e gusto, affiancato dall’aroma del tonno che completa magistralmente questo binomio. Sono così buoni, che quando li ho assaggiati la prima volta, in due, c’è li siamo spazzolati di più, perché la teglia era molto più grande del solito, dal momento che avevo cucinato più friggitelli. Quindi grazie a Linda, per questa pura goduria di gusto. Un’ultima cosa : se vi dovesse avanzare il ripieno, arrotondateli a forma di polpette, impanateli con del pane grattugiato e cuocetele  per 20 minuti, con un filo d’olio, in fondo troverete le foto anche di queste.

Buona domenica a tutti.

 

Dose : per 7/8 peperoni cornetto
Preparazione : 15 minuti
Cottura : 1 ora e 30 minuti circa

 

Ingredienti :

2 scatole di tonno sott’olio da 160 g (calcolate che sgocciolato il peso sarà 200 g)
100 g di pane secco ( se avete pane raffermo di qualche giorno probabilmente c’è ne vorrà di meno )
50 g di Parmigiano Reggiano o Grana Padano grattugiati
1 uovo
1 mozzarella
1 pomodoro maturo
sale e pepe in polvere q.b.
un ciuffetto di prezzemolo facoltativo

 

PREPARAZIONE :

Ammollate il pane nell’acqua, dopo di che strizzatelo per bene e sgranatelo con le mani.

Tagliate la calotta dei peperoni, levate i filamenti bianchi all’interno con un coltellino o con le mani, e lavatelo sotto l’acqua corrente per far uscire i semini, dopo di che salateli leggermente all’interno (altrimenti nel mangiarlo il peperone risulterà insipido). Fate attenzione a non romperli, i peperoni devono rimanere intatti.

Preriscaldare il forno a 180°. In una ciotola mescolate, il tonno sgocciolato, il pane ammollato sgranato, il formaggio grattugiato, l’uovo, il pomodoro maturo spellato e tagliato a pezzettini piccoli, la mozzarella fatta a pezzetti piccoli, il sale e il pepe. Se volete potete far nel mixer o robot, questa operazione.

Inserite il composto di tonno nei peperoni con un cucchiaio o meglio con le mani, (o con un sac a poche usa e getta)  per fare arrivare l’impasto fino in fondo al peperone. Spianate il composto sul bordo per non farlo uscire di fuori.

Distribuiteli in un tegame rettangolare ricoperto di carta forno e infornateli  in forno ormai caldo per 30 minuti scoperti. Passato il tempo, abbassate la temperatura a 170/160, estraete dal forno e coprite la superficie con un foglio di alluminio, e proseguite la cottura per un’ora ; questo perché sentirete il profumo e il peperone risulterà colorito, ma in realtà non è ancora cotto.

Passato il tempo di cottura, tirate via dal forno e fate riposare 15/20 minuti prima di consumare.

Ecco i peperoni ripieni di tonno caldi caldi.

P.S. – Se volete potete preparali il giorno prima, e riscaldarli in forno per mangiarli  il giorno dopo.
Non necessitano di olio, perché il tonno, lo rilascerà in cottura.

 

Queste sono le foto dei friggitelli che mi sono uscite bene, quindi ve le posto ugualmente.

Friggitelli puliti dai semi e dalla calotta.

Friggitelli riempiti prima di essere infornati.

Nota Bene

Se vi dovesse avanzare il ripieno, procedete in questo modo per fare qualche polpetta di pesce:

 fate con il ripieno delle polpette della grandezza di una noce.

passatele nel pangrattato q.b.

ungete di olio una leccarda con carta forno e poggiatele sopra, cuocete 20 minuti a 180/170°.

servitele dopo 10 minuti dalla cottura.

Ecco le vostre polpette di tonno

AAAAAAHHHHHHHH dimenticavo …. ecco mia cognata Linda, l’autrice di questa ricetta

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

BOCCONCINI DI PERSICO GRATINATI AL FORNO CON PATATE – RICETTA N° 108

BOCCONCINI DI PERSICO GRATINATI AL FORNO CON PATATE – RICETTA N° 108

Ho trovato a un prezzo conveniente il persico in pescheria, e quando sono tornata a casa, mi sono messa a pensare a come cucinarlo. Volevo farlo al forno con le patate, ma volevo che non fosse il solito persico al forno. E questo è il piatto che ne è venuto fuori. Il mio compagno l’ha trovato ottimo. Quindi se volete un’idea per stasera, eccola.

Buon pomeriggio a tutti.

 
Dose : per 4 persone
Preparazione : 10 minuti
Cottura : 30 minuti


Ingredienti :

500 g di pesce persico
8/10 cucchiai di pan grattato
1 rametto di prezzemolo
5/6 capperi sotto sale
3 cucchiai di olio e.v.o. + q.b. per condire
2 cucchiai di vino bianco
 2 cucchiai di passata di pomodoro
1 spicchio di aglio ridotto in purea
sale e pepe in polvere quanto basta
2 patate di media grandezza
rosmarino q.b.


PREPARAZIONE :

Sbucciate e lavate le patate, e sciacquate sotto l’acqua corrente i capperi per togliere i granelli di sale. Lavate sotto l’acqua corrente il persico e asciugatelo con della carta assorbente.
Tagliatelo a tocchetti ( io ne ho ricavato 11 pezzi ).
Mescolate il pangrattato, il prezzemolo e i capperi  sminuzzati al coltello, l’aglio in purea, l’olio, il vino e la passata di pomodoro.
Impanate con il composto tutti i bocconcini di pesce.
 Fate aderire per bene il condimento.
Posizionateli sulla carta assorbente,  intervallati dalle fettine di patate affettate sottili con una mandolina, che avrete precedentemente condito con l’olio il sale e il rosmarino.
Infornate in forno già caldo a 180° per 25/30 minuti o fino a quando il tutto sarà dorato.
Sfornate, fate intiepidire e impiattate.
E buon appetito. 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

BACCALA’ IMPANATO AL FORNO CON PATATE – RICETTA N° 72

BACCALA’ IMPANATO AL FORNO CON PATATE – RICETTA N° 72

Venerdì BACCALA’, ecco una ricetta per tutti quelli che lo amano cotto in tutte le salse. Questo è uno dei modi in cui lo cucino io. Potete usare sia il filetto come me, ho semplicemente baccalà. Io lo uso, perché ha meno spine e una velocità di esecuzione straordinaria. Non amo particolarmente questo alimento, ma quando lo preparo per la famiglia, riesco a mangiare con gusto, esclusivamente il filetto di baccalà. Quando decido di farlo, lo preparo la mattina, prima di uscire di casa, per avere qualcosa di pronto quando torno davvero affamata, il venerdì, a pranzo. Il tempo di scaldare il forno 15 minuti, e ho già spellato, spinato e condito il baccalà con gli aromi e tagliato a fettine e patate. Cosa rimane? Niente, mentre il forno cuoce per 30 minuti, io ho finito di prepararmi, e quando esco, il pesce è già cotto. Non mi resta che augurarvi una splendida mattinata, con questo sole meraviglioso che ha deciso di fare capolino da qualche giorno. Bene, con il venerdì, ci affacciamo direttamente al weekend, e io mi preparo a realizzare il menù per la festa di compleanno del mio babbo, che festeggeremo Domenica.

Buona giornata a tutti. E fatemi sapere, se vi è piaciuta la ricetta. Ciao ciao.

 

Dose: per 4 persone
Preparazione: 15 minuti
Cottura: 30 minuti

 

Ingredienti:

700/800 g di baccalà o filetto
4 cucchiai di pangrattato
2/3 cucchiai di olio e.v.o.
1/2 cucchiai di vino bianco
2 patate di media grandezza
sale e pepe q.b.
un pizzico di maggiorana
erba cipollina
qualche ago di rosmarino fresco o un pizzico abbondante di quello secco
1 spicchio di aglio
4/5 capperi sotto sale a pezzetti
prezzemolo fresco

 

PREPARAZIONE:

In un piattino mettete il pane grattugiato, l’olio, il vino, l’aglio, il prezzemolo fresco  sminuzzato, il sale il pepe, i capperi sminuzzati il rosmarino e le spezie in polvere. Mescolate con la punta delle dita. Mettete in frigo a riposare qualche minuto.

Nel frattempo spellate, spinate e fate a cubetti regolari il baccalà.

Riprendete la ciotola dal frigo, e impanate tutti i cubetti di baccalà.

Sistemateli in una pirofila ricoperta di carta forno.

Mondate, lavate e affettate a fettine sottili con una mandolina le patate che devono avere uno spessore di circa 3 mm. Conditele con l’olio, il sale e il rosmarino.

Disponete anche queste nella pirofila, e spolverate eventuale pangrattato avanzato sulle patate.

Infornate in forno caldo, preriscaldato per 30 minuti a 180°.
Sfornate quando si è fatta una bella crosticina dorata.

Fate intiepidire prima di portare in tavola.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

SEPPIE E PATATE – RICETTA N° 32

SEPPIE E PATATE – RICETTA N° 32 

Oggi una ricetta di pesce dato che è venerdì. Questo è un contorno che adoro, ancor di più di seppie e piselli. Intendiamoci, mi piacciono anche quelli, ma con le patate di più. Io le cucino così, con il pomodoro, ma se non vi piace c’è anche la versione in bianco eliminando semplicemente il pomodoro. Potete inserirla tra i contorni o gli antipasti per la vigilia di Natale. La ricetta può anche essere fatta anche con le seppie congelate. Quindi se procedete a usare quelle dategli almeno un parziale scongelamento in modo da poter separare le teste dai tentacoli. Se invece le comprate fresche e volete preparare il brodo di pesce descritto nella ricetta per intenderci “fresco”, fatevi dare dal pescivendolo di vostra fiducia qualche testa, 2 grosse lische di pesce e qualche crostaceo piccolo ne sono sufficienti 5/6. Per ottenere il brodo metteteli in una pentola con delle erbe aromatiche : prezzemolo, rosmarino, alloro, pepe in grani, carota, cipolla e sale, con almeno 1 litro abbondante di acqua, fate cuocere calcolando 40 minuti a partire dal bollore. Al termine potete filtrare il tutto e usarne 2 mestoli per la ricetta, il liquido che se ne ricava viene chiamato anche fumetto di pesce. Mettete nel congelatore quello che avanza, vi ritornerà utile senz’altro per qualche altra ricetta futura. Diversamente, seguite la ricetta usando il brodo granulare di pesce che si trova  in commercio. Sceglietelo se lo trovate senza glutammato. Se la ricetta vi è piaciuta, mettete un bel MI PIACE e condividetela sui social. Iscrivetevi alla news letter per non perdere nessuna novità del blog.

Per oggi è tutto vi auguro buona serata e alla prossima ricetta.

 

Dosi: per 4 persone
Tempo di preparazione: 15/20 minuti
Tempo di cottura: 40/50 circa.

 

Ingredienti: 

1 kg e mezzo di seppie
700/800 g di patate
2 pomodori belli rossi o mezza tazza di passata di pomodoro
1 cipolla
1 spicchio d’aglio
1 bicchiere di vino bianco da cucina
4 cucchiai di olio e.v.o.
brodo granulare di pesce q.b. (o 1 tazza di fumetto di pesce caldo⇑⇑⇑)
sale pepe e prezzemolo q.b.

 

PREPARAZIONE:

Pulite, spellate e lavate sotto l’acqua corrente le seppie e separate i tentacoli dalle teste. Lasciate interi i tentacoli e fate a pezzi le teste. In una pentola capace mettete l’olio e fate soffriggere la cipolla e l’aglio mondati e fatti a piccoli cubetti per 5/ 10 minuti a fuoco basso.

Aggiungete i tentacoli, fate soffriggere per altri 3 minuti, dopo di che aggiungete il vino e fate cuocere circa 5 minuti a fuoco medio.

Aggiungete il pomodoro o la passata e fate cuocere a fuoco basso per circa 10 minuti.

Aggiungete le teste fatte a pezzi e cuocete per 5 minuti, mescolando il tutto per 2/3 volte.

Aggiungete le patate che avrete sbucciato, lavato e fatto a tocchi più o meno grandi, mescolate e dopo qualche minuto aggiungete 1 tazza di fumetto di pesce caldo o 1 misurino di brodo granulare di pesce sciolto in una tazza d’acqua, incoperchiate e fate cuocere il tutto per 20/30 minuti.

Portate il tutto a cottura mescolando ogni tanto per evitare di far attaccare sul fondo. Il liquido si deve ritirare completamente. Assaggiate. Le seppie devono essere tenere mentre le patate devono essere cotte ma morbide, non devono essere ne dure e ne mollicce,  aggiustate di sale e pepe e se volete aggiungete un po’ di prezzemolo sminuzzato con il coltello.  Impiattate. Ed ecco a voi un gustosissimo piatto di seppie e patate visto dall’alto.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.

Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 

Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

SUGO AL BACCALA’ – RICETTA N° 15

SUGO AL BACCALA’ – RICETTA N° 15

E’ tradizione Abruzzese mangiare il baccalà. Per la precisione di Lanciano. Fu proprio una famiglia di grossisti  lancianesi, di nome Pozzolini,  a importare per primi il baccalà in Abruzzo. Una volta il baccalà era un piatto povero, ma oggi la situazione si è capovolta, ora è considerato un piatto molto pregiato. Questa ricetta mi è stata regalata dalla mia cara amica Marisa, nativa proprio di Lanciano. Io non ho mai amato particolarmente il baccalà , e devo dire che la sua ricetta mi ha fatto apprezzare finalmente questo alimento. Qui a Pescara il giorno del baccalà è venerdì, ma quelli che lo adorano, non aspettano il venerdì per mangiarlo. Lo gustano anche gli altri giorni della settimana. Quindi oggi essendo venerdì, vi propongo questa ricetta che per me è diventata una delle mie preferite. Per fare questa ricetta io ho usato il filetto di baccalà, ma voi potete usare anche il baccalà normale. L’ho comprato già ammollato in acqua e pronto per essere cucinato. Questo sugo può essere usato sia per condire la pasta, e per la sua bontà ne prevedo l’uso anche per fare qualche bruschetta di pane o crostino per un’aperitivo con amici o come antipasto. Insomma sbizzarritevi, provatelo, e poi raccontatemi come lo avete utilizzato.

Ora vi saluto e vi auguro buona giornata.

 

Tempo di preparazione: 5 minuti
Tempo di cottura complessivo: circa 30 minuti

 

Ingredienti:

4 cucchiai di olio extra vergine di oliva
1 carota bella grande
1 cipolla
1 costa di sedano
mezzo peperone rosso
1 spicchio d’aglio
400/500 g circa di baccalà ammollato
2 pomodori grandi a pezzetti o 400 g circa di passata di pomodoro

 

PREPARAZIONE:

Lavate e sbucciate tutti gli odori.
In una padella capiente mettete a scaldare l’olio con un battuto grosso di cipolla, carota, sedano, aglio e peperone e soffriggete a fuoco medio per circa 10 minuti, mescolando ogni tanto, fino a che le verdure si saranno dorate leggermente.

Passati i 10 minuti prendete il baccalà, che avrete nel frattempo spellato e spinato e con le mani spezzettatelo nella padella insieme alle verdure. Mescolate per amalgamare il composto e fate cuocere con il coperchio sempre a fuoco medio- basso per circa 10 minuti sempre mescolando ogni tanto.

Passati i 10 minuti versate il pomodoro, mescolate, abbassate il fuoco al minimo e fate cuocere fino a che non si sarà ristretto il tutto, circa 25 minuti.

Dopo i minuti di cottura ecco questo meraviglioso sugo pronto per essere provato come più vi piace. Tra qualche giorno vi farò vedere come l’ho usato io con la pasta.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA