Crea sito
Daniwella Felicità e passione in cucina

Ricette Americane

PUMPKIN PIE – crostata di zucca speziata per rendere più dolce la serata di Halloween – RICETTA N° 217

PUMPKIN PIE – crostata di zucca speziata per rendere più dolce la serata di Halloween – RICETTA N° 217

Eccoci arrivati finalmente al giorno decisivo. Halloween è arrivato, e tutti, chi più, chi meno, si prepara a festeggiare in serata questa festa, fatta di mostri, streghe, zombi e ogni sorta di cosa che può incutere terrore. Questa è una torta buonissima, si fa in un paio d’ore circa, e più sta, più è buona.  Ho preparato questo dolce per la prima volta, l’anno scorso, seguendo la ricetta dal libro AMERICAN BAKERY di Laurel Evans, ma poi siccome le foto, non mi erano uscite un gran che, non l’ho pubblicata. Due giorni fa, armata fino ai denti, e decisa che niente dovesse andare storto ho messo mano alla mia zucca e alla mia macchinetta fotografica e l’ho preparata insieme alla mia amica Martina. Questo che vedete è il risultato. L’unica differenza rispetto alla ricetta del libro è che ho voluto usare come base per la torta la ricetta della mia pasta frolla, e non quella della Pie crust, che altro non è che una sorta di pasta brisè. Inoltre, ho usato il miele di castagno al posto della melassa che non avevo. Preparatela e vedrete che rimarrete estasiati come lo siamo rimaste noi. Lasciatemi fare un grande tributo alla mia amica Martina, che grazie alla sua disponibilità e manodopera, mi ha allietato durante i pomeriggi in cui ci siamo incontrate per realizzare le ricette per Halloween. Continuate a seguirmi, le mie collaborazioni, non finiscono qui, ne vedrete delle belle. Ora vi lascio alla vostra buona giornata, e auguro a tutti una piacevole serata, e si, spero vivamente con qualche mia ricetta sulle vostre tavole.

Buon Halloween a tutti voi.

 

Dosi : per uno stampo di cm 26 di dm (io ho usato il ruoto per la pastiera)
Preparazione : 1 ora
Cottura : + di 1 ora per la zucca – 35/40 minuti per la crostata

 

Ingredienti :

1 dose di pasta frolla clicca qui per leggere dosi e procedimento
1 kg di zucca privata dei semi e con la buccia (io ho dimenticato di togliere i semi-l’ho fatto dopo)
180 g di zucchero
20 g di miele di castagno
1 cucchiaino di zenzero in polvere
2 cucchiaini di cannella in polvere
mezzo cucchiaino di noce moscata grattugiata
un quarto di cucchiaino di chiodi di garofano in polvere
mezzo cucchiaino di sale
180 ml di latte
180 ml di panna liquida fresca
3 uova grandi
panna semi montata per servire q.b.

 

PREPARAZIONE :

Preriscaldate il forno a 200°gradi. Coprite il kg di zucca con un foglio di alluminio, con i lati rivolti verso l’alto. Cuocete per 1 ora o finché la zucca non sarà morbida. Sfornate e fate raffreddare a temperatura ambiente prima di eliminare la scorza e i semi. Frullate la polpa fino a renderla una purea, pesatene 500 g e mettete da parte. Conservate la zucca in esubero in frigorifero o nel congelatore, usatela per altre preparazioni. Come questa ad esempio, cliccate qui per leggere.

Mentre la zucca cuoce preparate la pasta frolla leggendo il link che vi riporta alla ricetta e mettete in frigorifero coperta con una pellicola per 30 minuti.

In una pentola, fate cuocere la purea di zucca con lo zucchero, il miele, le spezie e il sale. Mescolate costantemente per 5 minuti o finché il composto non si sarà asciugato (se ci sono ancora dei grumi di zucca, frullate il tutto un’altra volta). Prima di fare questa operazione tirate fuori dal frigo la pasta frolla per farla stemperare, questo vi permetterà di stenderla al meglio.

Trasferite il miscuglio in una ciotola ampia e sbattete con una frusta elettrica.
Continuate a mescolare versando a filo il latte.

E la panna.

Unite le uova, una alla volta, sbattendo brevemente il composto dopo ogni aggiunta e raschiando bene i bordi della ciotola per amalgamare il tutto.

Stendete la pasta frolla, e mettetela nello stampo unto di burro. Aiutatevi con la carta forno per fare questa operazione. Con un coltello affilato, rifilate per bene il bordo della pasta frolla (con la pasta frolla avanzata potete fare dei biscottini).

Versate nella pasta frolla il composto liquido appena preparato, e infornate in forno preriscaldato a 190° gradi per circa 35/40 minuti.

La torta sarà pronta quando il ripieno sarà gonfio e asciutto sui bordi, ma ancora leggermente tremolante al centro. Sfornate e fate raffreddare su una gratella per almeno 1 ora. Servite a temperatura ambiente con panna montata.

Ecco una fetta vista da vicino.

N.B. Per avere i chiodi di garofano in polvere,  ne ho presi 3 e li ho pestati tra due fogli di carta forno, con un peso, io ho usato la caffettiera vuota.
A me la torta piace fredda di frigorifero e l’ho mantenuta in frigorifero una volta che si è raffreddata. Però è una questione di gusto. Scoprite qual’è il vostro.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

MUFFIN ” DOLCETTO O SCHERZETTO ” ? – RICETTA N° 216

MUFFIN ” DOLCETTO O SCHERZETTO ” ? – RICETTA N° 216

Come ultima ricetta di Halloween dedicata ai bambini, vi propongo quella dei muffin alla zucca che io ho chiamato dolcetto o scherzetto perché all’interno dell’impasto ho messo 2 quadratini di cioccolato, che sciogliendosi con il calore del forno, hanno creato un ripieno davvero godurioso. Li ho realizzati al temine di un pomeriggio passato nuovamente a cucinare con la mia amica Martina. Con la zucca avanzata da una ricetta e una tavoletta intera di cioccolato, ho preso ciotola, stampo e pirottini e in men che non si dica, questi dolcetti erano già nel forno. Ho messo del cioccolato fondente al 72%, ma voi potete mettere quello che vi piace, cioccolato bianco, al latte, con nocciole o mandorle, oppure dei piccoli cioccolatini … fatevi ispirare dalla fantasia insomma. Con i pirottini che ho usato io sono riuscita a preparare 14 muffin.

Scappo a preparare le altre ricette che devo assolutamente pubblicare entro sabato. Un’abbraccio a tutti.

 

Dose : per 14 muffin
Preparazione : 20 minuti
Cottura : 25 minuti

 

Ingredienti :

250 g di farina 0
150 g di zucchero di canna
100 g di zucca già cotta frullata
130 ml di latte di soia
90 ml di olio si semi di arachide
2 uova grandi
1 bustina di lievito  per dolci (io ho usato quello bio vegan)
2 pizzichi di cannella in polvere
2 pizzichi di noce moscata in polvere
2 pizzichi di zenzero in polvere
1 tavoletta di cioccolato fondente al 72% da 100 g del tipo a quadratini

 

PREPARAZIONE :

Accendete il forno a 180°.
Sistemate i pirottini nello stampo da muffin.
In una ciotola setacciate la farina con il lievito e mescolate insieme allo zucchero e le spezie.

In un’altra ciotola mescolate le uova, il latte e l’olio. Unite le polveri agli ingredienti liquidi. Aggiungere la zucca e mescolate non troppo a lungo, il tempo di amalgamare tutto.

Riempite i pirottini per tre quarti e mettete 2 quadratini di cioccolato in ogni muffin.
Infornate in forno ormai caldo per 25 minuti.

Lasciate raffreddare completamente prima di mangiare.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.

Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

LEMON MERINGUE PIE – VERSIONE RIVISITATA E VELOCISSIMA DA FARE – RICETTA N° 214

LEMON MERINGUE PIE – VERSIONE RIVISITATA E VELOCISSIMA DA FARE –  RICETTA N° 214 

Questa torta Lemon Merengue Pie è davvero pazzesca. La ritengo a mio gusto, una torta molto scenografica, e se volete fare scena, ma avete pochissimo tempo a disposizione, optate per questa versione, molto più rapida rispetto al procedimento originale. Questa che vi propongo, è tratta dal libro di Benedetta Parodi ” Molto Bene “. La prima volta che ho sentito parlare di questa torta, è stato nel mio telefilm preferito Desperate Housewife, nella quarta serie, punatata n° 2. Le casalinghe decidono di preparare un pranzo per Lynette, questo crea una competizione tra la famosa Bree Van De Camp e Katherine  per decidere chi deve preparare il dolce. Alla fine Katherine con uno statagemma riesce a far assaggiare la sua torta e tutte constatano che la sua è migliore di quella di Bree che ne rimane evidentemente delusa. La scena si sposta poi nella cucina di Bree, dove la telecamera inquadra una tavolo con ben 5 torte, una in forno e un’altra in pieno svolgimento, decisa a preparare una Lemon Meringue Pie più buona di quella di Katherine. Come al solito la scena è molto esilarante, perchè Bree decide di andare a casa della sua vicina e rubarle la ricetta che tiene gelosamente rinchiusa in un cofanetto con il lucchetto. Questa volta sono riuscita a trovare solo un video di questa scena in lingua francese, anche se non è in lingua italiana ho deciso di postarvela lo stesso. Come voi sapete bene, quando mi si mette in testa l’idea di un dolce, non c’è ma che tenga, io lo devo fare. Così ho deciso di fare questa torta per festeggiare il compleanno del mio blog che ieri ha compiuto 2 anni (cliccate qui). Rimanete collegati perchè appena posso, metterò sul blog la versione originale di questa ricetta, quella fatta con la base di pasta frolla e una crema pasticcera agli agrumi. Ringrazio tutti per gli auguri e spero di continuare ad appassionarvi e che vi divertiate a seguirmi per tanti anni ancora e che riesca a trasmettervi un po’ della mia passione con i miei racconti e le mie foto.

Baci a tutti amici e amiche.

 

Dose : per uno stampo di cm 26 di dm 
Preparazione : 15 minuti
Cottura : 15 minuti
Riposo : una volta fredda 2 ore in frigorifero

 

INGREDIENTI :

Per la base :
400 g di biscotti secchi, 250 g di burro fuso
Per la crema :
450 ml di latte condensato zuccherato, 4 tuorli, succo di 2 limoni
Per la meringa :
8 cucchiai di zucchero, 4 albumi, 1 cucchiaino di lievito per dolci

PREPARAZIONE :

Frullate i biscotti e unirli al burro fuso.
Disponete i biscotti sul fondo di una tortiera a cerniera rivestita di carta forno. Schiacciateli bene per ottenere un guscio compatto. Mettete in frigorifero fino al momento di assemblare il tutto.
Preparate la crema mescolando il latte condensato con i tuorli e il succo dei 2 limoni.
Preparate la meringa. Mentre montate i bianchi a neve aggiungete poco alla volta gli 8 cucchiai di zucchero e il lievito.
Riprendete ora la base di biscotti dal frigorifero, farcitela prima con la crema. Compattatela per bene sul fondo.
Ricoprite ora la superficie con la meringa, cercando di non farla attaccare ai lati dello stampo.
Aiutatevi con il cucchiaio per formare dei ciuffetti decorativi.
Cuocete in forno preriscaldato a 180° per 15 minuti. Posizionate la torta a metà forno.
Quando la torta è pronta, fatela raffreddare e lasciatela in frigo per 2 ore prima di servire.
Ecco un particolare visto da vicino.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

PANCAKE VEGAN MORBIDI SENZA UOVA SENZA LATTOSIO – RICETTA N°189

PANCAKE VEGAN  MORBIDI SENZA UOVA  SENZA LATTOSIO – RICETTA N°189 

PROVARE PER CREDERE !!! Potrei dirvi di tutto su questi pancake, che sono buonissimi … che sono dolci al punto giusto anche se non c’è lo zucchero semolato … che sono morbidissimi anche se non ci sono le uova … che ti allietano la colazione mattutina … che in 20 minuti si hanno dei pancake meravigliosamente morbidi …. ecc … ecc … ma se non li proverete,  non crederete alle mie parole. Benchè sul blog, non ho ancora pubblicato la ricetta dei normali pancake, dove ci sono uova, farina 00, zucchero semolato e quant’altro, questa ricetta meritava davvero. Nella mia continua ricerca di ricette vegane, sono arrivata sul sito di IL GOLOSO MANGIAR SANO  di Elisabetta e Federica, dove per ottenere dei favolosi pancake morbidi, hanno sostituito le uova con i semi di lino … e con un piccolo trucchetto il risultato è a dir poco strabiliante. Spero di avervi incuriosito quel tanto che basta da invogliarvi a farlo il più presto possibile. Solo un piccolo appunto da parte mia : è importante ridurre in polvere i semi di lino, quindi munitevi di un frullatore potente, per intenderci, quelli di ultima generazione che sono in grado di spezzettare anche uno spicchio d’aglio … altrimenti ricorrete ad un macinino da caffè elettrico. Io avevo cominciato la ricetta su di un tipo di modello vecchio del bimby, ma della polvere di semi di lino, neanche l’ombra ; alla fine sono riuscita, insistendo, con l’aiuto del mio frullatore ad immersione a ridurre in polvere i semi. Servite i vostri pancake con quello che più vi piace come marmellata, sciroppo d’acero, crema, frutta e tanto altro ancora. Io la prima volta li ho accompagnati con lo sciroppo di Agave e con qualche cucchiaio di mousse alla banana e cacao che mi era avanzato precedentemente. Se volete vedere la ricetta cliccate qui. Nella descrizione degli ingredienti troverete solo qualche piccolo sostituzione rispetto alla ricetta originale, fatto con gli ingredienti che avevo in casa in quel momento.

Vi auguro una buona giornata.

 

Dose : per 4 pancake di dimensioni grandi o 6 pancake di dimensione medie
Preparazione : 10 minuti
Cottura : 10 minuti
Tempo totale : 20 minuti

 

Ingredienti per i pancake :

1 cucchiaio di semi di lino
1 cucchiaio di olio e.v.o.
1 cucchiaio di sciroppo d’agave
140 g di latte vegetale (io ho usato una volta soia e una volta di avena)
3 cucchiai di acqua
30 g di zucchero di canna (io ho usato lo zucchero moscobado)
150 g di farina (io ho usato la farina 0)
1 cucchiaino e mezzo di lievito (io uso il lievito vegan o cremor tartaro)

 

Ingredienti per decorare :

sciroppo d’acero o d’agave
fragole e banane q.b. (ma voi potete usare la crema e la frutta che vi piace di più)

 

PREPARAZIONE :

Per prima cosa mettete a bagno i semi di lino interi o già polverizzati con i 3 cucchiai di acqua per 10 minuti. Questo è il tempo necessario per far sprigionare dai semi il gel necessario per far legare perfettamente tutti gli ingredienti, sostituendo così egregiamente le uova.

Dopo 10 minuti a seconda del mixer potente di cui disponete, se avete lasciato i semini interi, metteteli all’interno di un beker o bicchiere del frullatore e frullateli per polverizzarli insieme al cucchiaio di olio e un goccino di latte vegetale.

Se invece li avete polverizzati in precedenza, aggiungete tutti gli altri ingredienti : lo sciroppo di agave, il resto del latte vegetale, lo zucchero di canna, la farina e il lievito. Mescolate.

Il composto deve risultare così, come per l’impasto del Pan di Spagna deve scrivere.

A questo punto scaldate per bene una padella antiaderente, io non metto olio, perchè la mia padella non ne ha bisogno, se voi volete spalmate un goccino di olio di semi sulla superficie per non fare attaccare il pancake. Quando è bella calda versate a cucchiaiate il composto, formando il più possibile dei cerchi rotondi (i miei non sono perfetti ma sono ugualmente buoni), dopo di che abbassate il fuoco al minimo, per evitare che si brucino. E fateli cuocere per circa 2 minuti per lato.

I Pancake vanno comunque rigirati, quando sulla superficie si formeranno i classici buchini. Allora sono pronti per essere girati.

Finite la cottura per ancora 1, massimo 2 minuti.

Finite di cuocere tutti gli altri fino ad esaurire la pastella.

Ecco i miei pancake vegan con sciroppo d’acero e frutta a piacere.

N.B. : Nella ricetta originale è scritto che la dose è per 10/12 pancake. Ma a me non piacciono i pancake piccoli come vengono visti in video. Preferisco quelli un pochino più grandi.

 

Ecco alcune foto dei vari modi in cui ho condito i pancake che ho mangiato.

Decidete voi quale grandezza dare ai vostri pancake.

Io la prima volta che li ho preparati ne ho fatti 4 grandi come potete vedere in questa foto.

E questi sono quelli di medie dimensioni … 6 in tutto.

 

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

CESTINI DI PANCAKE – RICETTA N° 164

CESTINI DI PANCAKE – RICETTA N° 164

La ricetta di oggi è tratta dal mio libro, e prezioso alleato “INSOLITO MUFFIN –  tante idee per usare lo stampo da muffin in modo creativo” di Laurel Evans. Di lei vi avevo già parlato in questa ricetta, cliccate qui per leggerla. Non i soliti pancake cotti in padella, ma lo stesso impasto messo in forno nello stampo da muffin. Io li ho preparati una domenica mattina per colazione, e li ho  riempiti con dello yogurt compatto dolce, e con delle amarene
sciroppate, ma voi potete come dice il libro, riempire questi cestini con panna montata, frutti di bosco o frutta fresca e sciroppo d’acero. A vostro piacimento.

Mentre il brutto tempo imperversa, e il vento fa sentire davvero la sua voce, vi lascio il mio saluto e alla prossima ricetta.

Dose : per 8 porzioni
Preparazione : 5 minuti
Cottura : 15/18 minuti

 

Ingredienti :

3 uova
120 ml di latte
60 g di farina 00
2 cucchiaini di zucchero semolato
60 g di burro fuso
sale q.b.

Ingredienti per servire i pancake :

panna fresca o yogurt
frutti di bosco o frutta fresca
sciroppo d’acero.

 

PREPARAZIONE :

Scaldate il forno a 200° e imburrate 6 stampini da muffin.

Unite in un frullatore, o in un robot da cucina con la lama di metallo, le uova, il latte, la farina, lo zucchero e un pizzico di sale. Azionate il robot, quindi unite il burro versandolo a filo e continuate a mescolare.

Frullate ancora un minuto, quindi distribuite l’impasto negli stampini preparati.

Infornate i cestini per 15-18 minuti, finché saranno gonfi e dorati. Sfornateli e lasciateli intiepidire.

Una volta sfornati, i pancake si sgonfieranno, creando dei cestini che potrete riempire con gli ingredienti sopra indicati o che voi avrete scelto.
Io li ho serviti con yogurt denso e amarene sciroppate e il loro sciroppo.

Ecco i miei cestini di pancake visti da vicino.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

CUPCAKE CON ALBERELLO DI NATALE CON FROSTING CAMY-CREAM – RICETTA N° 151

CUPCAKE CON ALBERELLO DI NATALE CON FROSTING CAMY-CREAM – RICETTA N° 151

Questi dolcetti così belli, possono essere un’idea per la cena della vigilia o il giorno di Natale. Bellissimi da vedere, divertenti da preparare e soprattutto buoni da mangiare. Per i cupcake ho usato la ricetta del libro che mi ha dato in prestito la mia amica Martina dal titolo “Cupcake il lato dolce della vita” edito dalla GRIBAUDO, mentre per la crema ho deciso di fare la camy-cream colorata di verde, che è una crema fredda a base di mascarpone, latte condensato e panna montata, il tutto colorata di verde. Credetemi divertimento assicurato. Vi lascio alla ricetta, e con questa colgo l’occasione per fare a tutti voi care amiche e amici del mio blog, un’augurio di  felice e serena cena della vigilia, insieme a tutti i vostri familiari, parenti e amici.

Buon Natale a tutti !!!

 

Dosi : per 12 cupcake
Preparazione : 15 minuti
Cottura :15/20 minuti

 

Ingredienti :

110 g di farina 00
mezzo cucchiaino di lievito in polvere
1 cucchiaino e mezzo di cacao
115 g di burro ammorbidito o margarina
115 g di zucchero
2 uova grandi
55 g di cioccolato fondente

 

Ingredienti per la glassa :

500 g di mascarpone
1 tubetto di latte condensato (170 ml)
150 ml di panna da montare fresca
colorante alimentare verde q.b. per vedere il procedimento cliccate qui sul link.

 

Ingredienti per decorare :

farina di cocco per decorare q.b.
stelline di zucchero q.b.

 

PREPARAZIONE :

Preriscaldate il forno a 180°. Posizionate 14 pirottini di carta in uno stampo da muffin.
In una ciotola grande setacciate la farina, il lievito e il cacao.

Aggiungete il burro, lo zucchero e le uova, sbattete tutto con un mixer fino ad avere un composto omogeneo.

Incorporate il cioccolato sciolto.

Versate il composto nei pirottini.

Fate cuocere nel forno preriscaldato per 15/20 minuti o finchè i cupcake non sono gonfi e sodi. Passateli su una gratella e fateli raffreddare.

Nel frattempo preparate la camy cream e aggiungete il colorante verde prima di incorporare la panna.

Passate la camy cream sulla base di alcuni dolcetti e immergeteli nella farina di cocco, per rappresentare la neve sotto l’albero.

Decorate ora con la crema : con una tasca da pasticcere provvista di bocchetta grande a stella, posizionate la bocchetta vicino al bordo esterno in cima al cupcake. Spremete la tasca con fermezza, e quando la glassa inizia a fuoriuscire, ruotate delicatamente la tasca in cerchio verso il centro del dolce. Dopo aver ricoperto il cupcake, smettete di premere la tasca e sollevate la bocchetta per creare un picco appuntito di glassa nel mezzo.

Potete inoltre fare un’altra decorazione in più creando sui cupcake piccoli ciuffetti appuntiti.

Decorate infine con le stellette di zucchero colorate per dare il tocco finale all’albero di Natale

Ed ecco i cupcake albero di natale decorate nei 3 modi suggeriti. Decidete se togliere o lasciare il pirottino.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

HI HAT CUPCAKE OVVERO CUPCAKE DALL’ALTO CAPPELLO – RICETTA N° 148

HI HAT CUPCAKE OVVERO CUPCAKE  DALL’ALTO CAPPELLO – RICETTA N° 148

Questi li avevo adocchiati già un paio d’anni fa, ma voi sapete bene, come già vi ho raccontato tante volte che con l’apertura di questo blog, ho sperimentato ricette nuove che non avrei mai immaginato di fare. Questa è una delle tante, che mi sono decisa a fare quest’anno per le feste. Saranno esattamente nel mio menù, come portata dessert di fine cena della vigilia. Si ho pensato di presentare qualcosa di piccolo, che si mangia con un boccone, o quasi, al posto di una torta, ma per l’esattezza i dolcetti saranno 3, vi dirò quali sono gli altri due strada facendo.

Questi cupcake dall’alto cappello, sono dei dolcetti con base di cacao, con la superficie di meringa italiana, che viene tuffata nel cioccolato fondente per la glassatura, acquisendo alla fine la forma di alberello di Natale.



Prima di cimentarmi ho guardato ben 6 tra siti e blog, e 2 video, e alla fine ho preso in prestito un po’ qua e un po’ là, tra consigli, forma, dosi e ingredienti. Vi elenco di seguito i siti : I dolci di Chiara, Misya, Un dolce salato ! Sandra D, Marylu creazioni, La fabbrica dei cupcake, Parole di zucchero. Vi metto inoltre i link dei video; cliccate qui per vedere il primo, cliccate qui per vedere il secondo. Questi cupcake ricordano vagamente un dolcetto di tanto tempo fà, chiamato in diversi nomi differenti a seconda delle diverse case produttrici, c’è chi lo ricorda come Moretto, chi come Negretto e chi come Chicchiricchì. Ho iniziato titubante credendo di fare un macello perché non avevo un termometro alimentare per vedere la temperatura dello sciroppo, e ho finito soddisfattissima, felice e con un sorriso da parte a parte, quando la meringa risplendeva lucente su queste piccole creazioni di cioccolato. Provatele… e crederete alle mie parole !!! Un grazie particolare a Corrado e a Linda per avermi fotografato nei momenti in cui non potevo tenere la macchinetta da sola.

Buona festa dell’Immacolata a tutti.

 

Dose : per 14 cupcake
Preparazione : 50 minuti
Cottura : 12/15 minuti

 

Ingredienti per i cupcake :

125 g di farina 00
25 g di cacao amaro in polvere
mezzo cucchiaino di sale
1 cucchiaino di lievito
mezzo cucchiaino di bicarbonato di sodio
35 g di olio di semi
40 g di burro fuso
170 g di zucchero
80 g di latte scremato
2 uova medio-grandi a temperatura ambiente

 

Ingredienti per la meringa italiana :

2 albumi
115 g di zucchero
40 ml di acqua
1 cucchiaio e mezzo di essenza vaniglia
4 g di colla di pesce

 

Ingredienti per la copertura :

190 g di cioccolato fondente al 70% (essenziale per dare alla copertura un gusto deciso)
2 cucchiai di olio di semi

 

PREPARAZIONE :

Accendete il forno a 180°. Inseriti i pirottini nella teglia dei muffin.
In una ciotola setacciate la farina, il sale, il lievito e il bicarbonato.

Aggiungete l’olio e il burro sciolto, mescolando per 3-4 minuti.

Mettete lo zucchero e il cacao setacciati e metà del latte, mescolate nuovamente per 3-5 minuti. Con una spatola morbida, grattate sempre il bordo della ciotola un paio di volte, per assicurarsi che tutti gli ingredienti vengano incorporati.

Versate il latte rimanente e le uova per 5 minuti.

Riempite i pirottini riempendoli per metà e cuoceteli per 12/15 minuti facendo la prova stecchino.

Togliete via dal forno e fate raffreddare completamente (potete come me farli anche 2 giorni prima e conservarli in una scatola di latta).

Fate ammorbidire la colla di pesce nell’acqua fredda.
Preparate lo sciroppo facendo sciogliere lo zucchero nell’acqua e portate ad ebollizione.

Nel frattempo montate gli albumi a neve fermissima, quindi versate lo sciroppo bollente a filo continuando a montare.

Strizzate la colla di pesce, e fatela sciogliere nell’essenza di vaniglia bollente, versatela quindi sulla meringa continuando a montare fino a che non si sarà raffreddata del tutto.

Mettete la meringa nel sac a poche  e decorate subito ogni cupcake, Partendo dal bordo, fate un cerchio e girando intorno a spirale, creata la montagnetta.

Mettete i cupcake in frigorifero a raffreddare.

Una volta freddi, sciogliete il cioccolato fondente in una ciotola a bagnomaria, aggiungendo 2 cucchiai di olio di semi. Mescolate fino a che il cioccolato non si sarà sciolto completamente.

Trasferitelo in una tazza  e lasciatelo raffreddare per 10 minuti, mescolando ogni tanto.

Riprendete ora i cupcake e immergete la parte con la meringa nel cioccolato.

Se necessario, coprite completamente la meringa, aiutandovi con un cucchiaino.

Metteteli in frigo per far addensare il cioccolato.

Serviteli quando il cioccolato sarà completamente solidificato.

Ecco i miei HI HAT CUPCAKE.

Ed eccoli come si presentano all’interno.

Buona festa dell’Immacolata a tutti voi.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

BANANA BREAD SENZA LIEVITO – RICETTA N° 118

BANANA BREAD SENZA LIEVITO – RICETTA N° 118

ptr

La prima volta che ho sentito parlare del banana bread è stato in una puntata del telefilm americano Big bang theory, una famosa sitcom americana che viene trasmessa solitamente nel periodo autunno-inverno nell’orario in cui solitamente io e il mio compagno pranziamo e nel guardarla vi assicuro ci facciamo innumerevoli risate. La scena comica è quella in cui il personaggio di Sheldon Cooper bussa 3 volte alla porta di Penny e gli offre un banana bread convinto che proprio per questo motivo lei lo faccia entrare per chiaccherare.

big-bang-teory-e-banana-bread1big-bang-teory-e-banana-bread1

Qualche tempo dopo aver visto quella scena ho comprato un libro di ricette americane e tra le tante c’era quella del banana bread, incuriosita mi sono messa subito all’opera per prepararla per vedere cosa avesse di speciale questo dolce, e così eccola sul blog. Questa ricetta è a metà tra un plumcake e un pane bianco in cassetta. E’ un dolce fatto rigorosamente con purè di banane mature, nato probabilmente dalla disperazione delle casalinghe, perché non volevano buttare via le banane con la buccia molto matura e come risorsa trovarono questo modo di preparare un dolce davvero molto gradevole. Ottimo per la prima colazione e la merenda pomeridiana. E se in passato cercavate un modo per recuperare le vostre banane che si annerivano, ora lo avete trovato. Come potete leggere in questa versione non c’è il lievito ma il bicarbonato di sodio, che come potete osservare dalla foto, ha fatto comunque crescere questo dolce.

Numerose le versioni di questo plumcake. Io vi propongo quella di Laurel Evans tratta dal suo libro, AMERICAN BAKERY tanti golosi dolci a stelle e strisce. Vi avevo già parlato di lei  qui.

ptr

Preparala anche tu e fammi sapere com’è andata usando il tag se usi Facebook  – Le ricette di Daniwella. felicità e passione in cucina o @passioneincucinacondaniwella – se invece sei su Instagram usando #lericettedidaniwella o @daniela.addis72.

Grazie a tutti per i vostri LIKE  e per le vostre condivisioni. Se non volete perdervi nessuna delle mie ricette iscrivetevi alla news letter. Felice giornata.

Enjoy #daniwella

 

Dose : per uno stampo di cm 24 x 15
Preparazione : 10 minuti
Cottura : 45/50 minuti

 

Ingredienti :

ptr

250 g di farina 00
140 g di zucchero
1 cucchiaino di bicarbonato di sodio
mezzo cucchiaino di cannella  in polvere
un quarto di noce moscata in polvere
1 pizzico di sale
4 banane molto mature
80 g di yogurt
2 uova medio-grandi
90 g di burro fuso tiepido
100 g di noci tostate e tritate
100 g di gocce di cioccolato (ingrediente che ho aggiunto io)

 

PREPARAZIONE :

Preriscaldate il forno a 200°. Imburrate e infarinate uno stampo da plumcake di cm 24 x 15.
In una ciotola setacciate la farina, lo zucchero, il bicarbonato, le spezie e un pizzico di sale.

ptr

Schiacciate le banane con una forchetta.

ptr

In un’altra ciotola sbattete lo yogurt, le uova e il burro fuso, dopo di che, aggiungete le banane schiacciate.

ptr

ptr

Incorporate con delicatezza il tutto alla farina, amalgamando appena.ptr

 

Aggiungete in ultimo le noci che avrete passato al mixer e le gocce di cioccolato senza mescolare troppo.

ptr

Versate l’impasto nello stampo e infornate per 45/50 minuti o finché il dolce non sarà ben dorato in superficie.

ptr

Sfornate e fate raffreddare completamente prima di tagliarlo a fette e mangiarlo.

ptr

Possiamo dire che fare colazione con il Banana bread, è un’ottimo modo per cominciare la giornata e fare senz’altro il pieno di energie, sia per chi lavora, che per chi deve studiare e prepararsi agli esami.

nfd

Le banane, le gocce di cioccolato fondente e le noci contengono le seguenti caratteristiche :

1) le noci, come tutta la frutta secca a guscio, contengono vitamina B ed E, sali minerali come potassio, rame, ferro, calcio e fosforo. Sono ricche di fibre, e di grassi essenziali, utili per la capacità di apprendimento e la soglia di attenzione.

2) Le banane e il cioccolato sono ricche di Triptofano, un’aminoacido precursore della serotonina, definita come l’ormone del buon umore, dal momento che stimola il sistema nervoso, migliora l’umore e sembra che renda più felici.
Il Triptofano si trova in gran quantità nel cioccolato, latte e formaggi, uova, pesce, carni, legumi, datteri, avena, arachidi, banane, ananas e avocado.

Le banane sono indicate anche per gli studenti, dato che il potassio stimola la concentrazione e l’attenzione, e migliora indirettamente la capacità di memorizzazione.
Hanno un’elevato contenuto di vitamina B6 e B12, vitamine che sono in grado di rilassare il sistema nervoso, forniscono energia sufficiente per le attività mentali e fisiche di tutta la mattinata.

nfd

nfd

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

JACKET POTATOES O BAKED POTATOES OVVERO PATATE CON LA GIACCHETTA – RICETTA N° 116

JACKET POTATOES O BAKED POTATOES OVVERO PATATE CON LA GIACCHETTA – RICETTA N° 116

 Tempo fa, cercando sul web la ricetta per fare un’ottimo pollo fritto, mi sono imbattuta in quest’altra ricetta, che ho trovato ancora più succulenta del pollo. Le jaket potatoes sono una specialità inglese, diffuse nei paesi anglosassoni e non solo. Le patate cotte al cartoccio, vengono condite con un mondo di ripieni diversi a seconda del luogo in cui si mangia e sono sempre di accompagnamento a piatti di carne o pesce. Col tempo è divenuto cibo da fast food. Volete sapere quali condimenti si usano per queste deliziose patate ? Si va dal corposo ripieno di pancetta e cheddar al raffinato burro e erba cipollina, ma anche tonno e maionese, gamberetti e salsa rosa, bacon  e funghi trifolati, e i famosi baked beans, gustosi fagioli cannellini cotti con bacon, cipolla e pomodoro per diverse ore a fuoco lento . Io me ne son innamorata e ho scelto il ripieno di pancetta affumicata a cubetti e formaggio emmentaler grattugiato. Non ho potuto usare il cheddar perché non l’ho ancora trovato nei supermercati della mia città, ma la mia ricerca continua … forse ora sarò più fortunata.  Ulteriore consiglio ? Cucinatele nelle vostre serate con amici e familiari, quando fa freddo, quando ci sono le partite da vedere tutti insieme, e riscaldate la vostra casa con il calore del forno che sprigionerà un gustoso profumo di cottura al cartoccio. Bene, ora vado a preparare la ricetta per domani, lasciandovi un piccolo post scriptum; se siete tra quelli che oggi mangiano il baccalà, lasciatene circa 200 g da parte senza cucinarlo. Nella ricetta che posterò stasera, vedrete cosa vi proporrò nella vostra cena di domani sera.
Allora buona lettura e una buona giornata, e …. a più tardi !!!



Dose : per 8 porzioni
Preparazione : 10 minuti
Cottura : 1 ora  / 1/30

 

Ingredienti :

8 patate del tipo farinoso tutte della stessa dimensione ( che pesino 350 g l’una, usate patate per gnocchi )
200 g di pancetta affumicata a cubetti
200 g di emmentaler grattugiato ( o del formaggio originale americano Cheddar se voi riuscite a trovarlo )
sale q.b. facoltativo

 

PREPARAZIONE :

Lavate per bene le patate sotto l’acqua corrente, asciugatele e copritele una per una con l’alluminio.

Infornatele in forno preriscaldato a 190°, per 1 ora – 1 ora e 30 minuti circa.

Nel frattempo, mettete la pancetta in una padella ben calda e fatela rosolare nel proprio grasso di cottura, fino a che si presenterà bella colorata e croccante.

Al termine  della prima ora, testatene la cottura. Toccatele ( attenzione a non ustionarvi ), dovranno risultare morbide e cedevoli, e la buccia consistente.
Appena cotte estraetele dal forno, aprite il cartoccio e tagliate ogni patata a metà, senza arrivare in fondo. Con l’aiuto di una forchetta e un coltello, apritele in due.

Mettete per primo il formaggio, che comincerà a fondersi con il calore che sprigionerà la patata.

E per secondo la pancetta.

Servite ogni patata all’interno del proprio cartoccio ben calde !!!

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

APPLE PIE O TORTA DI NONNA PAPERA – RICETTA N° 95

APPLE PIE O TORTA DI NONNA PAPERA – RICETTA N° 95

Finalmente eccola pubblicata, la ricetta dell’APPLE PIE, dolce di tradizione americana, semplice, quasi rustico, conclude degnamente ogni pasto. Facile da preparare, incontra sempre il gradimento degli ospiti. Un classico della pasticceria americana, e dopo la cheesecake, è il dolce più noto e apprezzato degli Stati Uniti, meglio conosciuto oltreoceano come American Pie, ovvero il dolce emblema di questa nazione. Ma per molti di voi che si divertivano a leggere i fumetti di Paperino, quando erano bambini, la conoscono con questo nome : la torta di Nonna Papera, mitica la sua illustrazione che cammina tenendo in mano questa torta. La sua origine  è da far risalire ai coloni inglesi del XVII secolo, che riportarono con loro i semi di mele; da quel momento le torte di mele hanno fatto il loro ingresso sulle tavole di tutti gli americani. Si perché originariamente le Pie/Torte avevano tutt’altro come ripieno, dovuto al fatto che gli americani per conservare più a lungo alcuni tipi di alimenti, li cuocevano direttamente all’interno delle torte. Veniamo a noi :

1)  l’involucro della torta è una simil pasta brisè, a cui potete aggiungere se volete qualche cucchiaio di zucchero. Io ho usato la margarina e zucchero di canna (per la mia intolleranza), ma voi potete usare il burro e lo zucchero bianco semolato se non avete i miei stessi problemi.

2)  Usate indifferentemente mele da dessert o mele da cucinare ( es. Granny Smiths – Golden – Renette).

3) Non eccedete con lo zucchero: servitene eventualmente a tavola. Lo zucchero come il sale, tende a far uscire i liquidi, che potrebbero compromettere la cottura o incrostarsi sul fondo.

4) La fecola/frumina/ o amido di mais ha proprio lo scopo di assorbire i liquidi in eccesso.

5) La teglia o placca da forno, su cui sistemerete lo stampo con il dolce, ha lo scopo di raccogliere eventuali liquidi e rendere la pasta più croccante.

6) Iniziate la cottura a una temperatura elevata per colorare la pasta, quindi abbassatela per cuocere la farcia.

7) Per risparmiare tempo, potete avvantaggiarvi con la pasta brisè, preparandola prima e tenendola in frigorifero ben conservata nella pellicola per 24 ore.

8) Con questa dose potete foderare uno stampo da 23 cm o 26 cm di dm.

9) Se ritenete troppo difficile ricoprire la parte superiore con l’altro disco di pasta, procedete allora facendo le stesse griglie che si fanno per la crostata.

10) Nel dolce non ci sono uova, quindi adatto a chi è intollerante ad esse; l’unico uovo che ho usato io è  quello per spennellare, ma non è necessario, in quanto si sostituisce degnamente con 1 cucchiaio di latte senza lattosio, di soia di mandorle o di riso mescolato a 1 cucchiaio di zucchero.

Non mi resta che augurarvi buon lavoro e buona giornata e quindi : CORAGGIO, DOLCI IN FORNO!!!

 

Dose : per 10 porzioni
Tempo di preparazione : 10 minuti per la pasta, 30 minuti in frigorifero, 10 minuti per la farcia
Cottura : 45/50 minuti

 

Ingredienti per la pasta:

350 g di farina 00
175 g di margarina o burro freddi
6 cucchiai circa di acqua fredda

FACOLTATIVO: 2 cucchiai di zucchero o semolato o di canna.

Ingredienti per il ripieno :

1 kg di mele
succo di mezzo limone (se ne amate così tanto il sapore potete mettere  il succo per intero)
85 g di zucchero di canna o zucchero bianco semolato
1 cucchiaio e mezzo di fecola di patate o amido di mais o frumina
1 cucchiaino di cannella (se ne amate così tanto il sapore potete arrivare fino a 3 cucchiaini)

Ingredienti per glassare :

2/3 cucchiai di latte senza lattosio
1 cucchiaio di zucchero di canna o semolato bianco

 

PREPARAZIONE :  

In una ciotola versate la farina a fontana e metteteci la margarina o il burro a pezzetti.

Lavorate rapidamente gli ingredienti ottenendo un mucchietto di briciolame.

Versate l’acqua fredda e lavorate con il cucchiaio o un coltello finchè la massa si compatta.

Lavorate il composto con una sola mano e appallottolatelo contro il bordo della ciotola. Formate il panetto, avvolgetelo nella pellicola trasparente e mettete nel frigorifero per 30 minuti.

Dedicatevi al ripieno. Lavate le mele, sbucciatele, togliete il torsolo, e affettatele o fatele a pezzetti, mettetele in una ciotola con il succo di limone, lo zucchero, la fecola o l’amido/frumina e la cannella. Mescolate e mettetele in frigo.

Passati i 30 minuti, accendete il forno con all’interno la teglia o la leccarda sul quale ci poggerete lo stampo con la torta, preriscaldatelo a 220°. Riprendete la sfoglia dal frigorifero. Spolverizzate di farina la spianatoia.
Eliminate la pellicola e dividete la pasta a metà, di cui una va riavvolta e l’altra invece appallottolata.
Stendete la pasta con il mattarello infarinato, tirandolo dal centro verso l’esterno, fino ad ottenere un disco di 35 cm di dm.

Imburrate lo stampo e adagiatevi la pasta con il vertice in corrispondenza del centro dello stampo, per non doverla successivamente aggiustare e tirare.

Aprite la pasta e adagiatela nello stampo senza tirarla. Riprendete le mele dal frigorifero e versatele nella base pronta, distribuendole con una forchetta e ammucchiandole verso il centro. Spennellate il bordo con del latte.

Stendete l’altra metà della pasta ottenendo un disco pressapoco uguale. Ripiegatelo a ventaglio e sistematelo sulla farcia con il vertice in corrispondenza del centro.

Aprite la pasta e sigillatene i bordi premendola con le dita. Tenendo in una mano lo stampo, rifilate i bordi con un coltello leggermente inclinato.

Spezzettate il  bordo della torta incidendo leggermente il coltello e poi sagomatelo con le dita e spennellate con il latte.

Stendete i ritagli di pasta, ricavandone sagome da sistemare sulla torta per decorazione. Io ho realizzato delle foglie tagliando la pasta a losanghe e intagliandola all’interno per dargli la forma. Spennellate con latte o con l’uovo se avete deciso di usarlo e spolverizzate di zucchero.

Praticate al centro della torta il camino, cioè forate con un coltello, in modo tale da far uscire il vapore in cottura. Cosa essenziale per evitare che il dolce si gonfi e si deformi.

Infornate per 15 minuti, quindi abbassate a 180° e cuocete per altri 30/35 minuti, finchè l’esterno è dorato e la farcia morbida al taglio.

Ed ecco una fetta vista da vicino.

Considerazioni personali:

PER APPREZZARNE AL MEGLIO I SAPORI CONSIGLIO DI ESSERE PAZIENTI E DI GUSTARE LA TORTA DOPO CHE AVRA’ RIPOSATO PER ALMENO 1 GIORNO. QUESTO E’ UNO DI QUEI DOLCI PER I QUALI BISOGNA ATTENDERE UN PO’, PER POTERNE APPREZZARNE TUTTE LE QUALITA’. Preparatelo ad esempio il Venerdì pomeriggio, fatelo riposare tutta la giornata di Sabato, e offritelo ai vostri ospiti come dessert di fine pasto della Domenica. Rimanendo fedeli alla tradizione, potrete servirla con panna montata zuccherata, crema inglese o gelato, posti sopra la fetta o al lato.
Se non siete tra coloro che hanno molta pazienza, attendete almeno che si intiepidisca e poi tagliatela, decidendo di rimanere ancora una volta fedeli alla tradizione Americana, lasciando la torta all’interno dello stampo o invece servirla su un piatto di portata.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA