sangria-ricetta-n-96

 SANGRIA – RICETTA N° 96

La Sangria è una bevanda alcolica Spagnola a base di vino rosso, frutta e spezie. Esistono numerose ricette e varianti per fare un’ottima Sangria, ma devo dire che la prima ricetta che ho provato è piaciuta tantissimo e quindi ho deciso ogni volta che me l’hanno chiesta di non cambiare e di riproporre la stessa ricetta. La prima volta che l’ho preparata, è stata la scorsa estate. In occasione del ferragosto 2013 mio cognato, conoscendo la mia passione per la cucina, mi ha chiesto di prepararne un po’ per lui e i suoi amici. Beh … la sera quando è tornato dal mare mi ha raccontato quanto successo avesse riscosso questa bevanda con tutti i suoi amici, infatti il contenitore che gli avevo prestato per poterla portare al mare era completamente vuoto, anzi qualcosa c’era, IL MESTOLINO .. ahahahah. Quindi eccola qui; le porzioni sono abbondanti, io ho considerato circa 30 persone quando l’ho fatta la prima volta, quindi nel qual caso volete comunque assaporarla, ma per voi sarebbe troppo, considerate che per 1 litro di vino rosso ho usato 500 ml di gassosa, 130 g di zucchero semolato, 1 bicchierino pieno da liquore e potete scegliere tra Brandy – Cognac o Rum bianco o scuro. Mentre per quanto riguarda la frutta dividete a metà la dose che vi scrivo, inoltre non disponendo di frutta biologica, ho preferito sbucciarla; il limone e l’arancia li ho sbucciati a vivo, riuscendo così ad ottenere una decorazione di fette abbastanza carina e decente. Per un senso di praticità, potete munirvi di una garza grande sterile in cui annodare gli aromi che sono difficili da recuperare, nel caso volete toglierli una volta che il tutto ha macerato. Per quanto riguarda il vino, sono rimasta fedele all’Abruzzo e ho sempre usato un Montepulciano. In Spagna vengono usati Grenache, Garnacha o Monastrell prodotti nella zona di Rioja che sono vini ad alta gradazione alcolica e corposi, ma potete anche usare un Cannonau di Sardegna, Il Colline Novaresi rosso, Il Salice Salentino Doc rosso o un Bonarda non frizzante dell’Oltrepò Pavese.
Bene ora vi saluto, e buona Sangria a tutti.

 

Dose : per 20/30 persone
Preparazione : 20 minuti
Riposo :  da un minimo di 5 ore a tutta una notte

 

Ingredienti :

2 litri di vino rosso
1 litro di gazzosa
4 limoni
4 arance
2 mele
4 pesche
2 bicchierini di liquore Brandy-Cognac-Rum chiaro o scuro
2 stecche di vaniglia
6 pezzetti di cannella
12 chiodi di garofano
240 g di zucchero

 

PREPARAZIONE :

In una ciotola capiente mettete lo zucchero e il vino, mescolate delicatamente per alcuni minuti, fino a che sentirete che lo zucchero si sia completamente sciolto.

Annodate in una garza sterile tutte le spezie e tenetela da parte.

Aggiungete il liquore scelto e mescolate.

Incidete con la punta del coltello la bacca di vaniglia e incidetela per la lunghezza.

Con la punta del coltello estraete i semini facendola scivolare per tutta la lunghezza della bacca.

Mettete nella ciotola sia i semini che le bacche.

Aggiungete la garza che contiene le spezie.

Spremete le arance e i limoni e aggiungete il succo nella ciotola, tenete da parte 1 limone e 1 arancio tagliati a vivo.

Lavate e sbucciate le mele e le pesche, tagliatele a pezzetti e mettetele nel vino.

Fate a fettine il limone e l’arancia che avete pelato a vivo e metteteli in superficie per la decorazione. Per pelare a vivo procedete in questo modo : con un coltello affilato si taglia la buccia tutto intorno all’arancia compresa la pellicina bianca che racchiude le fettine. Fate la stessa cosa con il limone.

Posizionate le fettine sopra la frutta, come in foto.

Coprite con il coperchio a chiusura ermetica e lasciate a macerare il tutto per un minimo di 5 ore o meglio ancora tutta la notte, tutto rigorosamente all’interno del frigorifero.

Passato il tempo necessario, togliete la garza con le spezie, aggiungete la gazzosa, mescolate, portate in tavola e servitevi.

Con un mestolo versatevi sia il liquido che la frutta. Ed ecco un bicchiere di Sangria

CONSIDERAZIONI PERSONALI:
La Sangria viene anche servita in brocche di vetro trasparenti. Optate in quale maniera ritenete giusta per voi offrirla agli ospiti.
Potete offrirla come aperitivo, o come bevanda del pasto in occasione di qualche festa.
Se invece disponete di arance e limoni bilogici tagliateli tranquillamente con la buccia, l’effetto della decorazione sarà ancora più bella.

 

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*