redvelvet4

RED VELVET CAKE OVVERO TORTA DI VELLUTO ROSSO – RICETTA N° 235

Cari amici, non avrei mai pensato che tra fare e pubblicare questa ricetta sarebbe passato davvero tanto tempo. Un’increscioso errore da parte mia ne ha ritardato la pubblicazione. Ma poi nel terminarne la stesura, sono stata subissata da un impegno familiare dopo l’altro senza avere più le forze, la sera nel tornare a casa , di mettermi al computer e terminarla. Ieri pomeriggio, al termine di un fortissimo mal di testa che non avevo da tantissimo tempo, ho preso il PC, mi sono rimessa sotto le coperte, ho aperto il blog e ho finalmente terminato la stesura. Quindi scusate il mio ritardo, so che molti di voi l’aspettavano con ansia, ed ora finalmente eccola pubblicata.

Di seguito leggerete il post iniziale così come lo avevo impostato.

Buona lettura a tutti, un’abbraccio forte.

La Red Velvet cake o torta di velluto rosso, è un dolce  molto in voga negli Stati Uniti. E’ una torta particolare proprio per il suo colore rosso acceso che contrasta con la crema e la farcitura bianca brillante. Inizialmente il suo colore era dato da una reazione chimica tra il cacao e il latticello (ingrediente acido), oggi viene aggiunto del colorante rosso per accentuarne questo effetto. Ho preparato questa torta con la mia amica Grazia, fotografandola e aiutandola in tutti gli step. Smanettando con la macchinetta fotografica, invece di selezionare le foto da scaricare sul pc, le ho cancellate. Per questo motivo ho davuto rifare la torta, e questa volta da sola. Con mia somma soddisfazione è uscita bellissima e buonissima. I miei familiari hanno fatto il bis entrambe le volte, e mia cognata l’ha definita di alto livello. Se volete una torta che vi faccia fare un figurone, anche in occasione delle future festività natalizie, scegliete questa, e sarete subbissati dai complimenti. Questa che leggete di seguito è la ricetta della mia amica Grazia che ringrazio e che io ho personalizzato infine a mio gusto. Spero che vi piaccia.

Preparatela anche voi, e fatemi sapere come è andata lasciandomi un commento.

 

Dose : per 20 porzioni circa
Preparazione : 40 minuti + il tempo di raffreddamento delle basi e della crema
Cottura : 90 minuti

 

Ingredienti per le 3 basi : 

440 g di farina 00
170 g di burro a temperatura ambiente
3 uova di grandezza medio-grande
450 g di zucchero semolato
1 cucchiaio di colorante alimentare in gel
16 g di cacao amaro in polvere
6 g di estratto o aroma di vaniglia
9 g di sale fino
370 g di yogurt alla fragola
7 g di aceto di mele
7 g di bicarbonato

Ingredienti per la crema alla vaniglia :

50 g di farina 00
latte intero 500 ml
450 g di burro a temperatura ambiente
400 g di zucchero a velo
9 g di estratto o aroma di vaniglia

Ingredienti per la decorazione :

1 vaschetta di mirtilli freschi
una vaschetta di more fresche
una vaschetta di lamponi o ribes
1 scatolina di foglioline verdi di zucchero

PREPARAZIONE :

Per prima cosa ungete e infarinate i tre stampi dal dm di 26 cm (io ho anche ricoperto la base con la carta forno per non rischiare). Accendete il forno a 180°.
In una ciotola capiente mettete il burro e metà dello zucchero, sbatteteli per bene,  per almeno 10 minuti con delle fruste elettriche (o utilizzando una planetaria). Aggiungete il restante zucchero insieme alle uova, una per volta.

Quando è tutto amalgamato aggiungete la vaniglia, il cacao amaro in polvere setacciato e il colorante, dovrete ottenere un bel colore rosso.
Inserite ora lo yogurt dove avrete disciolto precedentemente il sale, alternandolo con la farina.
Unite il bicarbonato disciolto nell’aceto di mele.

Dividere l’impasto in 3 tortiere identiche ed infornare una tortiera alla volta, nel forno preriscaldato per 25/30 minuti. Fate sempre la prova stecchino per vedere se sono cotte.

Mentre le tre basi raffreddano, preparate la crema.

Mettete in un pentolino il latte freddo, aggiungete la farina, mescolate bene fino a che si sciolga e non ci siano più grumi. Terminata questa operazione, accendete il fuoco per far addensare il tutto molto dolcemente.

Una volta addensato, mettete in un contenitore ricoperto con della pellicola trasparente a contatto e fate raffreddare completamente.

Mentre la crema e le basi si raffreddano, preparate l’altra parte della crema. In una ciotola sbattete il burro bene ammorbidito con la vaniglia e lo zucchero. Dovrete ottenere un composto bianco e spumoso.

Quando anche la prima crema è arrivata a temperatura ambiente, unitela alla seconda amalgamando con un mixer.

Procedete ora ad assemblare la torta.

Farcite l’interno della Red velvet con la crema e proseguite mettendo le basi una sopra l’altra.

Poggiate il primo disco sul piatto da portata e con un sacca da pasticciere create dei ciuffetti decorativi, riempite i vari spazi con i mirtilli.

Procedete con il secondo disco di torta, create i ciuffetti e questa volta riempite con le more.

Poggiate il terzo disco di torta, spatolate la crema e decorate a vostro piacimento o come ho fatto io con i ribes o i lamponi. Completate con le foglioline di zucchero.

Ed ecco a voi la RED VELVET CAKE.

La prima decorata con i lamponi e con la scritta dei 3 anni del mio BLOG (UNA DELLE 2 FOTO SOPRAVVISSUTA)

E la seconda decorata con i ribes senza scritta … ho preferito decorarla diversamente.

Ecco un particolare dell’interno visto da vicino.

 I MIEI CONSIGLI PER VOI :

1) La torta Red velvet ha una base umida, morbida e non ha bisogno di acqua.

2) L’impasto non deve essere lavorato troppo, solo in questo modo avrete un dolce umido e soffice.

3) La ricetta originale richiede l’uso del latticello, ingrediente di uso frequente nei dolci americani ma quasi sconosciuto in Italia. Originalmente era il liquido, acido e senza grassi, che rimaneva dopo aver fatto il burro con la zangola. Attualmente si ottiene aggiungendo acido lattico al latte e lasciando fermentare. Poichè è un’ingrediente acidulo, come lo yogurt, dona una piacevole nota aspra a dolci e prodotti da forno. A breve pubblicherò una ricetta per preparare un surrogato o sostituto di latticello fatto in casa, in questo modo quando troverete ricette in cui è previsto questo ingrediente, potrete usare la mia ricetta di sostituto.

4) Originalmente non era previsto il colorante alimentare e il colore rosso nasceva da una reazione chimica tra il cacao e il latticello. Oggi c’è chi usa la purea di barbabietole fresche o di lamponi. Io ho usato il colorante in gel che mi ha dato un risultato più che ottimale rispetto al colorante liquido che ho usato per fare la prima torta. Comprate il colorante in un negozio che vende prodotti per pasticceria e cake design, come ho fatto io, affidatevi alla qualità quando dovete comprarlo. E’ importante calcolare la giusta quantità di colorante che non vada ad interferire con il gusto della torta.

5) Se vi dovesse capitare che su una delle basi si è formata una cupoletta durante la cottura,  pareggiatela con il coltello.

6) Per il suo colore rosso vi consiglio questa torta per due speciali festività. Una a cui stiamo andando incontro e cioè il Natale e l’altra per San Valentino.

Questa torta è comparsa nei ricettari popolari non prima del dopoguerra e ha avuto il suo momento boom negli anni ’60. La Red Velvet è diventata anche una star, dove ??? Nel telefilm Sex and City.

Nella sesta puntata di Bake Off Italia i pasticceri amatoriali di questa edizione 2016 si sono trovati di fronte a questa torta nella prova di creatività. Io non riesco a postarvi il link. Se la volete vedere cliccate sul vostro motore di ricerca preferito puntate di Bake Off Italia 4 edizione puntata n°8.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*