parr1

IL PARROZZO ABRUZZESE – RICETTA N° 29

Seconda ricetta legata alla tradizione del Natale: Il Parrozzo. Dolce buonissimo nato a Pescara nel 1926 dal creatore e pasticcere Luigi D’Amico. Traendo ispirazione dal pan rozzo mangiato dai contadini, ricreò in un dolce le stesse caratteristiche di forma e di colore del pane. Il giallo della farina di mais, era dato dal giallo delle uova, la croccantezza fu dato dalle mandorle tritate in polvere e dal semolino, e la tipica crosta scura dal cioccolato fondente che ricopriva la cupola del dolce. Il dolce aveva forma semisferica proprio come la pagnotta di pane. D’Amico fece assaggiare questo dolce come prima persona al suo amico, il poeta Gabriele D’Annunzio, egli rimase così estasiato dalla sua bontà che fu proprio lui a dargli questo nome e rese omaggio a questo dolce con la famosa poesia dialettale dedicata al Parrozzo, che tuttora si trova scritta all’interno della scatola che contiene il Parrozzo che i familiari di D’amico continuano a produrre nella loro azienda di famiglia. Il Parrozzo che si trova in commercio viene prodotto tutto l’anno. Mentre in ogni famiglia Abruzzese a partire dal 1° dicembre, si comincia a programmare, a comprar mandorle, ad approviggionarsi di semolino e di uova, conscie del fatto che di lì a pochi giorni impasteranno tanti di quei Parrozzi per se e per amici e parenti come regalo natalizio. Ogni famiglia ha la sua ricetta. Questa che vi  propongo è quella della mia famiglia. Nel corso del tempo diverse amicizie mi hanno scritto anche la loro di ricetta, cliccate qui per una seconda versione del parrozzo, cliccate qui per la versione che ho realizzato io senza glutine.  Se non avete ancora la vostra ricetta, provate il mio parrozzo e ne rimarrete entusiasti e io sarò felice se la userete come ricetta tradizionale della vostra famiglia. Se la ricetta vi è piaciuta, mettere un bel MI PIACE e condividetela sui social. Iscrivetevi alla news letter per non perdere nessuna novità del blog.

Bene ora vi saluto e vi auguro a tutti una felice giornata.

 

Preparazione: 10 minuti
Cottura: 45/50 minuti

 

Ingredienti:

250 g di zucchero
150 g di mandorle con la buccia
la buccia grattugiata di 1 arancia o limone non trattati/biologico
150 g di semolino
6 uova medio-grandi
20 g di mandorle amare o 1 fialetta di aroma di mandorla
1 bustina di lievito angelo

Per la ricopertura:
200/250 g di cioccolato fondente
burro q.b.
latte q.b.

 

PREPARAZIONE:

Imburrate uno stampo semisferico e infarinatelo. Accendete il forno a 180°.
Pesate tutti gli ingredienti. Polverizzate le mandorle dolci e amare in un mixer.

Separate i bianchi da  rossi. Montate i bianchi a neve.

Grattugiate la buccia del limone o arancia. In una ciotola montate i rossi con lo zucchero.

Aggiungete gli albumi, mescolando dal basso verso l’altro, senza smontare il composto.

Poi il semolino.

Le mandorle in polvere.

La scorza grattugiata e il lievito setacciato.

Versate il composto dentro lo stampo. E infornate in forno caldo a 180° per 45/50 minuti circa.
Passato il tempo togliete il dolce dal forno, aspettate 15 minuti circa eppoi rovesciatelo sopra una gratella e fatelo raffreddare completamente.

Quando il dolce è ormai freddo passate alla copertura. Fate sciogliere il cioccolato fondente con un po di burro o un po di latte a bagnomaria.

Quando è sciolto completamente, mescolate il tutto, e rovesciate il cioccolato sopra la cupola del dolce.

Aiutandovi con una spatola o il dorso di un cucchiaio coprite tutta la circonferenza del dolce con il cioccolato rendendolo liscio il più possibile.

Lasciate ad asciugare il tutto a temperatura ambiente. E se ci riuscite, mangiatelo dopo 12 ore. Tutti i sapori si saranno armoniosamente amalgamati. Ecco un particolare del dolce all’interno.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.

Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.

ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : [email protected]

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU’ SU DANIWELLA

4 thoughts on “IL PARROZZO ABRUZZESE – RICETTA N° 29

  1. Ciao Daniwella, ho letto la tua presentazione e l'ho trovata carinissima e piena d'amore come dovrebbe essere lo stare in cucina, credo che cucinare per i propri cari (ma anche per qualcun'altro) sia comunque un modo per donare amore. Sono in sintonia con te,da oggi seguirò il tuo blog

  2. Floriana – Grazie immensamente per le tue parole, mi commuovono e mi rendono felice. L'AMORE è quel sentimento così puro che ci spinge a fare tutto ciò che è positivo, per noi e per gli altri e come mi hai scritto, sono contenta che nel mio blog si riesca a percepire questa qualità. Non c'è gioia più grande per me sapere che dall'altro lato ci sono dei lettori e persone che mi leggono e si appassionano a quello che scrivo di me e di tutto quello che mi gira intorno. Sono davvero contenta. Mi sono messa in moto per apportare delle migliorie per rendere questo blog ancora più bello, più interessante e ancora più intuitivo. Un'abbraccio e buona navigazione. Con il cuore … Daniwella !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*